Agenzia europea delle sostanze chimiche

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
L'edificio che ospita la sede dell'ECHA a Helsinki

L’Agenzia europea delle sostanze chimiche (ECHA) è un’agenzia dell'Unione europea con sede a Helsinki. Fra le autorità di regolamentazione, è quella che si occupa del settore delle sostanze chimiche, in particolare di tutti quegli aspetti collegati alla legislazione dell'Unione sulle sostanze chimiche, quali la tutela la salute umana e dell'ambiente e la promozione dell'innovazione e della competitività. L'ECHA assiste le società affinché si conformino alla legislazione, promuove l'uso sicuro delle sostanze chimiche, fornisce informazioni sulle sostanze chimiche e si occupa delle sostanze potenzialmente pericolose[1].

La legislazione dell'Unione sulle sostanze chimiche si applica a tutti i settori industriali che trattano sostanze chimiche e lungo l'intera catena di approvvigionamento. In tal modo si responsabilizzano le imprese sulla sicurezza delle sostanze chimiche introdotte sul mercato. L'ECHA si occupa di 4 temi:

  • REACH
  • CLP
  • Biocidi
  • PIC (Prior Informed Consent) - L'assenso preliminare in conoscenza di causa[2]

L'agenzia, istituita dal regolamento (CE) n.1907/2006, ha al suo vertice un direttore esecutivo; ha cominciato ad operare il 1º giugno 2007 con un personale di 40 addetti. Gli occupati nel suo segretariato sono cresciuti gradualmente da circa cento persone nel 2007 a circa quattrocento nel 2010.[senza fonte]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ ECHA - Agenzia europea per le sostanze chimiche
  2. ^ PIC - ECHA

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN253373400 · LCCN: (ENno2013026099
Unione europea Portale Unione europea: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Unione europea