Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie
Abbreviazione ECDC
Tipo Agenzia dell'Unione europea
Fondazione 2005
Scopo controllo delle malattie infettive
Sede centrale Svezia Solna
Direttore Marc Sprenger
Sito web

Il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (ECDC) è una agenzia indipendente dell'Unione Europea con lo scopo di rafforzare le difese dei Paesi Membri dell'Unione nei confronti delle malattie infettive.

Tale centro, istituito nel 2005, ha sede a Solna (contea di Stoccolma) all'interno del complesso del Karolinska Institutet, in Svezia.

L'ECDC nel corso di un periodo di tempo relativamente limitato è riuscito a compiere buoni progressi nella creazione di una rete di sorveglianza delle malattie infettive in Europa e nella diffusione delle informazioni relative.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Nel contesto dell'Unione Europea, assieme all'integrazione ed all'apertura delle frontiere, la cooperazione nell'ambito della salute e della prevenzione delle malattie sta diventando sempre più importante. Infatti, l'idea di creare una sorta di Centro di coordinamento, a livello europeo, era già sorta a numerosi esperti ma, a causa del pericoloso diffondersi della sindrome SARS nel 2003, l'idea divenne presto realtà, a tempo di record; infatti, la Commissione europea presentò una bozza legislativa nel luglio 2003, e solamente due anni dopo, nel 2005, il Centro aprì i battenti. Il primo Direttore è stato Zsuzsanna Jakab

Struttura organizzativa[modifica | modifica sorgente]

Il Centro è guidato da un Direttore. La struttura organizzativa è basata su quattro unità tecniche:

  • Scientific Advise
  • Surveillance
  • Preparedness and Response
  • Health Communication

L'attuale Direttore è Marc Sprenger.

Pubblicazioni[modifica | modifica sorgente]

L'ECDC pubblica numerosi report di natura scientifica e tecnica riguardanti l'analisi e la prevenzione delle malattie infettive.

Nel giugno 2007, l'ECDC ha dato il via al primo Annual Epidemiological Report on Communicable Disease in Europe (AER). Questo report contiene una considerevole quantità di statistiche e dati riguardanti le 49 malattie più diffuse nell'ambito europeo. Questi dati provengono da una monitorizzazione accurata di 25 stati membri dell'Unione Europea, più Norvegia ed Islanda.

Eurosurveillance[modifica | modifica sorgente]

Eurosurveillance è una pubblicazione di natura scientifica peer-review riguardante l'epidemiologia, la sorveglianza, la prevenzione ed il controllo delle malattie infettive, fondata nel 1995 e pubblicata dall'ECDC fin dal marzo del 2007. La rivista è pubblicata su internet e il suo contenuto è fornito con accesso libero (Open access); gli articoli riguardano le malattie infettive prevalentemente da un punto di vista europeo, anche se appaiono articoli di autori extra europei. I precedenti bollettino settimanale e pubblicazione mensile sono stati unificati, divenendo un unico giornale-pubblicazione scientifico.

Stati membri[modifica | modifica sorgente]

Il network dell'ECDC comprende i seguenti stati:

I 27 stati membri dell'Unione Europea: Austria, Belgio, Bulgaria, Cipro, Repubblica ceca, Danimarca, Estonia, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Ungheria, Irlanda, Italia, Lettonia, Lituania, Lussemburgo, Malta, Paesi Bassi, Polonia, Portogallo, Romania, Slovacchia, Slovenia, Spagna, Svezia e Regno Unito.

I membri dell'EFTA: Islanda, Liechtenstein e Norvegia.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Coordinate: 59°20′55″N 18°01′10″E / 59.348611°N 18.019444°E59.348611; 18.019444