Chi vuol essere milionario?

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Chi vuol essere milionario?
Logo del programma Chi vuol essere milionario?
Anno 2000-2011
Genere Quiz
Durata 75 min
Produttore Endemol
Presentatore Gerry Scotti
Regia Giancarlo Giovalli
Rete Canale 5
Planisfero in cui sono evidenziati i paesi dove è trasmesso Chi vuol essere milionario?
Vecchio logo del quiz, utilizzato fino al 2007
« È la tua risposta definitiva? La accendiamo? »
(La formula di Gerry Scotti per confermare la risposta, comune a tutte le versioni del quiz)

Chi vuol essere milionario? è stato un programma televisivo a premi, tratto dal format inglese Who Wants To Be a Millionaire?, prodotto dalla tv ITV e da Celador e trasmesso in moltissimi paesi del mondo. In Italia è andato in onda nella fascia preserale di Canale 5 dal 2000 al 2011 (con diversi periodi di pausa) per 11 edizioni con la conduzione ininterrotta (dalla prima edizione all'ultima) di Gerry Scotti. Il gioco era ispirato ad un famoso quiz radiofonico statunitense degli anni cinquanta, intitolato The $64,000 Question, ed è probabilmente uno dei pochi show in cui le modalità di gioco sono uguali in tutti i paesi in cui va in onda (ovviamente variano i premi in virtù della moneta, i soggetti delle domande e anche gli aiuti). Le registrazioni, nel corso degli anni, si sono alternate tra il Michelangelo Studio di Cologno Monzese in via M. Buonarroti n.31 di proprietà dello stesso conduttore Gerry Scotti e gli studi 11 e 20 Mediaset di Cologno Monzese. L'ultima puntata è andata in onda il 29 luglio 2011.

La prima serie di 18 puntate da un'ora è andata in onda dal 24 maggio al 10 giugno 2000, ottenendo gli ascolti più elevati per un quiz televisivo in onda nel preserale dall'introduzione dell'Auditel[1].

Nei primi anni, quando il quiz si chiamava Chi vuol essere miliardario?, venne proposto come un evento, per un periodo non superiore al mese di programmazione giornaliero in preserale (solo in primavera e in autunno) e in prima serata con puntate domenicali dal 7 gennaio al 15 aprile e poi dal 16 settembre al 4 novembre 2001, raggiungendo punte superiori ai 9 milioni di spettatori medi. Il programma ha assunto l'attuale denominazione nel 2002, in concomitanza con l'avvento dell'euro. Il nuovo titolo è risultato più aderente alla realtà monetaria europea. Tale ribattesimo ha comportato una modifica ai premi. Da allora viene trasmesso con più frequenza in ogni stagione, prima con delle serie di sole 12 o 18 puntate e alcune prime serate, poi ininterrottamente per la seconda parte della stagione, in preserale da lunedì a sabato (da gennaio a giugno sia nel 2005 che nel 2006; da dicembre 2006 a giugno 2007), finché arriva a coprire quasi l'intera stagione tv, come accaduto da settembre 2007 a aprile 2008 (con un mese di pausa in dicembre) e poi da settembre 2008 a giugno 2009. Inoltre, dal gennaio 2007 venne trasmesso in preserale anche la domenica.

I primi aggiornamenti del gioco in Italia si sono avuti nel 2004 (ogni concorrente ha una settimana per provare a entrare in gioco) e nel 2007 (introduzione del quarto aiuto). Nel 2008 invece è cambiata la scaletta dei premi, che sono diventati più ricchi, fermo restando il milione. Nello stesso anno si è avuto un leggero restyling grafico. Dal 15 dicembre 2008 al 29 marzo 2009 è stata trasmessa un'edizione straordinaria con delle regole diverse da quelle standard. Il 30 marzo 2009 è ritornata l'edizione classica con alcuni cambiamenti, ossia la rimozione sia del quarto aiuto sia della prova del "dito più veloce". Il 24 maggio 2010, è andata in onda una puntata speciale in occasione del 10º anniversario del programma. In questa puntata è tornato in studio Giuseppe Scala, il primo concorrente della storia del quiz. Il 6 settembre 2010, con l'inizio della decima stagione, è stata introdotta un'ulteriore novità: rimossi i traguardi intermedi che garantivano una vincita minima alla 5ª e alla 10ª risposta esatta, ora il concorrente, prima di iniziare il gioco, ne deve scegliere uno a proprio piacimento. Al termine dell'ultima puntata dell'edizione 2011 de Lo show dei record, Gerry Scotti è stato premiato come il presentatore al mondo col maggior numero di conduzioni del format Who Wants To Be a Millionaire? ed ha avuto anche uno spin-off dal titolo "50-50" andato in onda nell'estate del 2008.

Il programma, dopo 11 anni di messa in onda, è stato chiuso e dal settembre 2011 è stato sostituito nel preserale prima da Avanti un altro!, condotto dal 2011 al 2014 da Paolo Bonolis e Luca Laurenti e da marzo 2014 da Gerry Scotti sempre con Luca Laurenti e poi dal dicembre 2011 al giugno 2013 da The Money Drop condotto anch'esso da Gerry Scotti.

Modalità di gioco[modifica | modifica sorgente]

Edizione classica[modifica | modifica sorgente]

All'inizio ci sono dieci "aspiranti giocatori", di cui uno solo viene chiamato a giocare con Gerry Scotti. La selezione avviene attraverso una prova di velocità (denominata il dito più veloce), che consiste nel mettere in ordine, nel minor tempo possibile, quattro elementi secondo un criterio specificato; essi sono mostrati contemporaneamente in un monitor. Il giocatore che li ordina correttamente nel minor tempo tra tutti guadagna il posto sul palcoscenico centrale ed inizia la propria partita. Nel caso in cui nessuno indovini si procede con un nuovo round (questo è accaduto raramente); gli altri nove attenderanno fino alla prossima selezione e nel caso in cui il concorrente rimanga in gioco alla fine della puntata, i pretendenti tornano ad essere dieci, in quanto nuovi concorrenti vengono fatti entrare al posto di coloro che hanno già giocato. In ogni caso, tutti hanno il diritto di rimanere per una settimana (generalmente 6 puntate) per tentare di giocare. Nel 2009, in occasione del ritorno dopo l'edizione straordinaria, questa prova è stata eliminata, pertanto l'ordine di gioco viene stabilito dai responsabili della produzione della trasmissione; quando un concorrente sbaglia una risposta o decide di fermarsi, entra immediatamente quello successivo selezionato a sorte per cominciare la sua scalata verso il milione.

Il concorrente gioca per un milione di euro. Per arrivarci deve rispondere a quindici domande a risposta multipla con 4 opzioni (A, B, C, D). Ad ogni risposta esatta può accedere alla domanda successiva. Nelle edizioni passate la 5ª e la 10ª domanda costituivano dei traguardi intermedi, superati i quali il concorrente, anche se avesse sbagliato in seguito una risposta venendo eliminato, avrebbe vinto un valore pari alla domanda corrispondente al più alto traguardo raggiunto. A partire dal 6 settembre 2010 i traguardi sono stati rimossi, ma il concorrente in gara, prima di iniziare il gioco, ha la facoltà di scegliersene uno personale, posizionandolo a piacere nella scaletta dei premi; pertanto, non esistendo più vincite garantite standard, in caso di mancato raggiungimento del traguardo prefissato, il concorrente perderebbe tutto. In ogni caso egli può decidere di ritirarsi, conservando la vincita che ha accumulato fino a quel momento, dopo aver letto la domanda, che è sempre casuale. Il concorrente ha tutto il tempo che vuole per rispondere, fino a quando non suona la sirena; a quel punto il concorrente, se è ancora in gioco e non ha risposto alla domanda corrente, ha 30 secondi per decidere cosa fare: provare a rispondere, usare un aiuto o ritirarsi. Se risponde e indovina, tornerà a giocare nella puntata successiva.

Per ogni domanda vengono presentate al concorrente sempre quattro possibili risposte fra cui scegliere. Durante l'arco del gioco, il concorrente può inoltre disporre di tre o quattro aiuti (una volta sola per ciascun tipo di aiuto): il 50:50 (due delle tre risposte sbagliate vengono eliminate automaticamente in modo casuale); la telefonata a casa (il concorrente può chiamare un numero di telefono a sua scelta e parlare per 30 secondi, per esempio per chiedere ai familiari di cercargli la risposta su Internet o su un'enciclopedia), l'aiuto del pubblico (ciascun componente del pubblico che assiste alla puntata può votare attraverso un telecomando quella che ritiene essere la risposta giusta e poi si vedono le percentuali di voto per ogni risposta) e lo switch (introdotto nel 2007 e poi rimosso nel 2009 in occasione del ritorno dopo l'edizione straordinaria, veniva messo a disposizione solo dopo il superamento del primo traguardo e permetteva al concorrente di cambiare la domanda con un'altra dello stesso livello di difficoltà, nella speranza che la nuova domanda gli risulti più semplice).

Edizione straordinaria[modifica | modifica sorgente]

Nell'edizione straordinaria di Chi vuol essere milionario? (in onda dal 15 dicembre 2008 al 29 marzo 2009) i concorrenti in gara sono sei, e tutti quanti prima o poi prendono parte al gioco. All'inizio di ogni nuova scalata (una sola per puntata) viene formulata una domanda "curiosa" ai concorrenti, senza però dare delle possibili risposte ma solo delle indicazioni; a partire da queste si deve provare a dare una risposta. Chi ci riesce può decidere in che ordine presentarsi alle domande. Se nessuno indovina, sarà confermata una sola indicazione tra le quattro proposte e verranno inserite delle ulteriori specificazioni, dalle quali i concorrenti dovranno nuovamente dare la risposta esatta.

A turno i concorrenti devono rispondere alle 15 domande ma, a differenza dell'edizione classica, essi avranno a disposizione un tempo limitato e molto ridotto per rispondere: 15 secondi per le domande da 500 a 3.000 euro, 30 secondi per quelle da 5.000 a 20.000 euro e 45 secondi per quelle da 30.000 ad un milione di euro. Inoltre, essi possono servirsi di un solo aiuto, il passo, che consente di cedere la domanda al concorrente successivo, il quale dovrà rispondere obbligatoriamente e non potrà usare il suo passo immediatamente. Se indovina, proseguirà la scalata fino a quando non deciderà di usare il passo a sua disposizione a partire dalla domanda successiva o fino a quando non sbaglierà una risposta. L'unico traguardo presente è quello di 5 risposte esatte (ossia quello da 3.000 euro): se l'ultimo concorrente in gara sbaglia e ha già superato tale traguardo, egli vince 3.000 euro.

Se la risposta risulta errata oppure non viene data entro il tempo stabilito, il montepremi massimo si riduce di un livello, ovvero da una vincita massima di un milione si passa a una di 300.000 euro, e così via.

Inizialmente questa versione del gioco avrebbe dovuto terminare il 10 gennaio 2009, però, a causa dell'inaspettato successo ottenuto, è proseguita oltre. Nei giorni in cui vennero trasmesse le ultime puntate, vi è stata una richiesta da parte di numerosi telespettatori per un ritorno dell'edizione classica e l'edizione straordinaria è pertanto terminata il 29 marzo 2009. In questa edizione c'è stata una novità anche nelle musiche. Infatti, sono state comprate le musiche che attualmente sono utilizzate nella maggior parte delle versioni all'estero ma che non vennero usate nell'edizione classica italiana.

Nine Network, nel produrre la propria edizione straordinaria del Milionario, si è ispirata a questa versione.

Montepremi[modifica | modifica sorgente]

Chi vuol esser miliardario? (24 maggio 2000 - 4 novembre 2001)[modifica | modifica sorgente]

  • 1ª domanda • L. 100.000 (€ 51,65)
  • 2ª domanda • L. 200.000 (€ 103,30)
  • 3ª domanda • L. 300.000 (€ 154,95)
  • 4ª domanda • L. 500.000 (€ 258,25)
  • 5ª domandaL. 1.000.000 (€ 516,46) (vincita garantita)
  • 6ª domanda • L. 2.000.000 (€ 1.032,92)
  • 7ª domanda • L. 4.000.000 (€ 2.065,84)
  • 8ª domanda • L. 8.000.000 (€ 4.131,68)
  • 9ª domanda • L. 16.000.000 (€ 8.263,36)
  • 10ª domandaL. 32.000.000 (€ 16.526,72) (vincita garantita)
  • 11ª domanda • L. 64.000.000 (€ 33.053,44)
  • 12ª domanda • L. 125.000.000 (€ 64.557.11)
  • 13ª domanda • L. 250.000.000 (€ 129.114,22)
  • 14ª domanda • L. 500.000.000 (€ 258.228,44)
  • 15ª domandaL. 1.000.000.000 (€ 516.456,88)

(Nel passaggio dalla lira all'euro la difficoltà del gioco è rimasta invariata, 15 domande 3 aiuti e 3 traguardi intermedi, ma l'importo della vincita è stato riadattato alla nuova valuta raddoppiando di fatto la vincita massima.)

Chi vuol essere milionario? (11 marzo 2002-9 dicembre 2007)[modifica | modifica sorgente]

  • 1ª domanda • € 50
  • 2ª domanda • € 100
  • 3ª domanda • € 200
  • 4ª domanda • € 300
  • 5ª domanda€ 500 (vincita garantita)
  • 6ª domanda • € 1.000
  • 7ª domanda • € 2.000
  • 8ª domanda • € 4.000
  • 9ª domanda • € 8.000
  • 10ª domanda€ 16.000 (vincita garantita)
  • 11ª domanda • € 35.000
  • 12ª domanda • € 70.000
  • 13ª domanda • € 150.000
  • 14ª domanda • € 300.000
  • 15ª domanda€ 1.000.000

Chi vuol essere milionario? - Edizione straordinaria (15 dicembre 2008-29 marzo 2009) e Chi vuol essere milionario? (14 gennaio-14 dicembre 2008, 30 marzo 2009-6 giugno 2010)[modifica | modifica sorgente]

  • 1ª domanda • € 500
  • 2ª domanda • € 1.000
  • 3ª domanda • € 1.500
  • 4ª domanda • € 2.000
  • 5ª domanda€ 3.000 (vincita garantita)
  • 6ª domanda • € 5.000
  • 7ª domanda • € 7.000
  • 8ª domanda • € 10.000
  • 9ª domanda • € 15.000
  • 10ª domanda€ 20.000 (vincita garantita)
  • 11ª domanda • € 30.000
  • 12ª domanda • € 70.000
  • 13ª domanda • € 150.000
  • 14ª domanda • € 300.000
  • 15ª domanda€ 1.000.000

Nell'Edizione Straordinaria il traguardo intermedio era solo quello dei € 3.000

Chi vuol essere milionario? (6 settembre 2010 - 29 luglio 2011)[modifica | modifica sorgente]

  • 1ª domanda • € 500
  • 2ª domanda • € 1.000
  • 3ª domanda • € 1.500
  • 4ª domanda • € 2.000
  • 5ª domanda • € 3.000
  • 6ª domanda • € 5.000
  • 7ª domanda • € 7.000
  • 8ª domanda • € 10.000
  • 9ª domanda • € 15.000
  • 10ª domanda • € 20.000
  • 11ª domanda • € 30.000
  • 12ª domanda • € 70.000
  • 13ª domanda • € 150.000
  • 14ª domanda • € 300.000
  • 15ª domanda€ 1.000.000

Dal 6 settembre 2010 il concorrente può scegliere un traguardo che gli verrà garantito.

Vincite importanti[modifica | modifica sorgente]

Italia[modifica | modifica sorgente]

In Italia solo 3 volte si è vinto il montepremi massimo. La prima volta avvenne nella puntata del 18 marzo 2001 e a vincere fu Francesca Cinelli, originaria di Lamporecchio (PT), di professione assistente commerciale di un concessionario di camion, che vinse 1.000.000.000 di lire rispondendo correttamente a una domanda in cui si chiedeva la professione di Albert King, cioè musicista; nel dare la risposta, la concorrente pensava però che il nome fosse quello reale del ben più famoso B.B. King, anch'esso musicista[2]. La domanda era la seguente:

Se tu fossi Albert King quale sarebbe la tua professione?
A: Scrittore B: Giornalista televisivo
C: Pilota di Formula Uno D: Musicista

La seconda vincita, avvenuta nella puntata trasmessa il 17 ottobre 2004, fu ottenuta da uno studente di Ingegneria del Politecnico di Milano, Davide Pavesi, di Cerro al Lambro (MI)[3], grazie alla domanda:

Al nome di quale scienziato è legato quello di Kant nella formulazione di una teoria sul sistema solare?
A: Laplace B: Lavoisier
C: Faraday D: Gauss

La terza vincita, avvenuta nella puntata trasmessa il 27 gennaio 2011, è stata ottenuta da una casalinga laureata in lingue e letterature straniere, Michela De Paoli,[4] proveniente dalla provincia di Pavia, che ha stupito il pubblico e i telespettatori per la sua abilità a rispondere a tutte le domande senza nessuna difficoltà. La concorrente è arrivata a leggere l'ultima domanda con tutti e tre gli aiuti ancora disponibili (che ha poi usato per intero, nell'ordine: l'aiuto del pubblico, la telefonata a casa e il 50:50), cosa avvenuta una sola volta in tutte le edizioni internazionali del quiz, ed è arrivata a rispondere correttamente alla domanda (le risposte B e D erano state eliminate con l'aiuto del 50:50):

Secondo la Genesi, quale fu la prima azione compiuta da Adamo uscito dal Paradiso terrestre?
A: Offrì sacrifici a Dio B: Lavorò la terra
C: Si unì a Eva D: Edificò una casa

Nota bene: In verde sono evidenziate le risposte esatte

Resto del mondo[modifica | modifica sorgente]

  • Il 19 novembre 1999 avvenne la prima vincita milionaria in assoluto tra le tante edizioni internazionali di Chi vuol essere milionario?: John Carpenter, all'epoca un impiegato dell'Internal Revenue Service (l'ufficio imposte degli Stati Uniti d'America), partecipando all'edizione statunitense del quiz, vinse 1 milione di dollari. In particolare, Carpenter giunse all'ultima domanda senza aver fatto ricorso ad alcun aiuto, per poi utilizzare quello della telefonata a casa, ma solo per comunicare a suo padre Tom che stava per vincere il milione di dollari. La domanda finale era la seguente[5]:
Quale di questi presidenti degli Stati Uniti è apparso nella serie televisiva "Laugh-in"?
A: Lyndon Johnson B: Richard Nixon
C: Jimmy Carter D: Gerald Ford
  • Sempre negli Stati Uniti, per un breve periodo, è andata in onda una versione speciale del gioco, intitolata Who Wants To Be a Super Millionaire, il cui premio finale consisteva in ben 10 milioni di dollari (circa 7,5 milioni di euro). Nonostante l'introduzione di due aiuti aggiuntivi, Three Wise Men (la consulenza di tre persone colte) e Double Dip (due tentativi di risposta alla stessa domanda), nessun concorrente è mai riuscito ad aggiudicarsi il premio multi-milionario.

Storia e ascolti[modifica | modifica sorgente]

Il quiz nella sua prima edizione, 2000/2001 ha raggiunto i più alti ascolti per un quiz televisivo, arrivando molte volte a sfiorare i 9 milioni di telespettatori a sera cosa che gli ha permesso di essere il quiz più seguito nel preserale e facendo correre ai ripari i competitor di Rai 1. Il quiz, in seguito al successo ottenuto, viene riproposto anche l'edizione successiva 2001/2002 come un evento, per un periodo non superiore al mese di programmazione giornaliero in preserale (solo in primavera e in autunno) e in prima serata con puntate domenicali dal 7 gennaio al 15 aprile e poi dal 16 settembre al 4 novembre 2001, raggiungendo punte superiori ai 9 milioni di spettatori medi e questo fece si che questo quiz fosse alternato sempre di più all'altro quiz di Canale 5 Passaparola sempre condotto da Gerry Scotti. Dalla successiva stagione il quiz diventerà ufficialmente la collocazione principale del preserale.

La stagione 2002/2003 è stata la più difficile per il Milionario. Su Rai 1 ritorna il controprogramma L'eredità, gioco a premi targato Magnolia e condotto dall'ex padrone di casa di Mediaset Amadeus che riscuote un grandissimo successo e vince quotidianamente la battaglia dell'auditel contro Canale 5. Il quiz Passaparola non riesce ad eguagliare gli ascolti di Rai 1, che aumenteranno lievemente soltanto con il ritorno del Milionario a dicembre. Anche il Milionario però soffre per la concorrenza de L'eredità, non riuscendo mai a risollevare gli ascolti (che comunque si mantennero su una media più che soddisfacente di poco più di 7 milioni di telespettatori).

Nel settembre 2003 il programma ritornò con una formula più innovata e maggiormente coinvolgente. Anche in questa stagione il quiz si alterna con Passaparola condotto per un breve periodo da Claudio Lippi. In questa stagione gli ascolti salirono (arrivando a sfiorare gli otto milioni di telespettatori) ma la sfida con L'eredità non fu mai vinta. La stagione 2004/2005 è stata una stagione di, almeno parziale, rinascita per il preserale di Canale 5. In seguito anche alle numerose vittorie e alla formula sempre più coinvolgente, il quiz riuscirà a primeggiare su L'eredità che però in autunno 2003 mantenne la leadership, mentre nella primavera del 2004 si troverà battuto in molte occasioni dal Milionario di Canale 5 che tornerà a primeggiare quotidianamente solo verso le ultime puntate del competitor.

La stagione 2005/2006 hanno visto dominare in tutto e per tutto il quiz di Rai 1, che è riuscito (grazie ad una formula più innovata e alla presenza di molte novità) a riacquistare con un gran margine la supremazia nell'auditel. Il Milionario riuscirà comunque a mantenersi su una buona media di telespettatori. Il quiz ha provato anche la carta di cambi del metodo di vincita ma la sfida non sarà mai fortunata per il Milionario.

Nella finzione[modifica | modifica sorgente]

Nel film The Millionaire, il protagonista è Jamal, un ragazzo di Mumbai cresciuto per strada, che partecipa al quiz Chi vuol essere milionario? arrivando fino all'ultima e decisiva domanda, che può fargli vincere 20 milioni di rupie, quasi 310 000 €, e vincendo.

Nella puntata finale della serie TV I liceali 3 trasmessa da Canale 5 il 6 luglio 2011, il professore di matematica Enea Pannone, accompagnato da Jamal Kira, lo studente indiano a cui è molto legato, supera la prova del "Dito più veloce" di "Chi vuol essere Milionario?" e risponde correttamente alla domanda da 300.000 €. Ma prima ancora di leggere la domanda da un milione di euro, decide di finire il gioco a 300.000 €, nonostante i tre aiuti siano ancora inutilizzati. Pannone giustifica questa scelta come una forma di affetto e rispetto nei confronti dei propri allievi. Nonostante la reazione un po' sbalordita degli allievi, Pannone torna al liceo dove insegna e, alla stazione di Roma, viene accolto come un eroe dai suoi studenti.

Errori[modifica | modifica sorgente]

Nella puntata italiana dell'8 giugno 2011 ad un concorrente venne chiesto chi vinse un Premio Nobel per la pace fra: Giovanni Paolo II, Giovanni XXIII, Madre Teresa di Calcutta e il Dalai Lama. La risposta data per corretta è stata Madre Teresa di Calcutta, che vinse il Nobel per la pace nel 1979, ma pure il Dalai Lama lo vinse, nel 1989. A una domanda quindi vi sono state due risposte corrette, il che è contrario alle regole stesse del gioco.

All'estero[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Gerry Scotti. Un quiz record - La Repubblica, 9 giugno 2000
  2. ^ Sbagliando, ho vinto un miliardo - Corriere della Sera, 19 marzo 2001
  3. ^ Record nel quiz di Scotti: Davide, uno studente 22enne ha vinto un milione di euro - Corriere della Sera, 18 ottobre 2004
  4. ^ Michela De Paoli vince un milione di euro a "Chi vuol essere milionario?" - Yahoo TV, 27 gennaio 2011
  5. ^ (EN) Taxman scoops a million - BBC News, 21 novembre 1999
  6. ^ (EN) Millionaire? cleared of ratings fix - BBC News, 15 gennaio 2001

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Televisione Portale Televisione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Televisione