Armin Assinger

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Armin Assinger alla Nacht des Sports 2008

Armin Ignaz Assinger (Graz, 7 giugno 1964) è un conduttore televisivo ed ex sciatore alpino austriaco.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Carriera sciistica[modifica | modifica wikitesto]

Armin Assinger
Dati biografici
Nome Armin Ignaz Assinger
Nazionalità Austria Austria
Altezza 191 cm
Peso 94 kg
Sci alpino Alpine skiing pictogram.svg
Dati agonistici
Specialità Discesa libera, supergigante
Squadra SC Hermagor
Ritirato 1998
 

Specialista della velocità e fratello di Roland, a sua volta sciatore alpino di alto livello[1], Armin Assinger esordiì in Coppa del Mondo il 14 dicembre 1985 piazzandosi 14º in discesa libera sul classico tracciato della Saslong in Val Gardena, in Italia.

Nel gennaio dell'anno seguente salì per la prima volta sul podio, con un terzo posto a Åre in Svezia alle spalle dello svizzero Franz Heinzer e del fuoriclasse austro-lussemburghese Marc Girardelli. Nel prosieguo della carriera riuscì ad aggiudicarsi quattro successi in Coppa, tre in discesa libera e uno in supergigante.

Ottenne l'ultimo podio il 21 gennaio 1995 nella discesa di Wengen, in Svizzera, giungendo dietro allo statunitense Kyle Rasmussen e al compagno di squadra Werner Franz. Disputò l'ultima gara in Coppa del Mondo il 16 marzo dello stesso anno a Bormio, in Italia, arrivando 17º in supergigante.

Lo sciatore partecipò, pur non ottenendo risultati di rilievo, ai XVII Giochi olimpici invernali di Lillehammer 1994 e ai Mondiali di Morioka.

Si ritirò dalle competizioni internazionali al termine della stagione 1995; negli anni seguenti, fino al 1998, partecipò sporadicamente a gare FIS e locali.

Carriera televisiva[modifica | modifica wikitesto]

Dopo il ritiro dal Circo bianco Assinger intraprese la carriera televisiva, iniziando come commentatore delle gare di sci alpino per la ORF[2] accanto a Robert Seeger (1995-2006[senza fonte]).

Nel 1999 assunse la conduzione del programma Glück gehabt, sempre per la ORF, e nel settembre del 2002 sostituì Barbara Stöckl alla guida di Millionenshow, la versione austriaca di Chi vuol essere milionario?; nel 2005 condusse la cerimonia di consegna dei premi Romy[2], riconoscimento assegnato allo stesso Assinger per tre anni consecutivi (2000-2002) come "miglior presentatore sportivo" e per altre tre volte (2003-2005) come "presentatore più popolare"[senza fonte].

Nell'ottobre del 2012 ha assunto la conduzione del programma Einser Team, sempre per la ORF[3].

Nelle sue apparizioni televisive Assinger fa spesso ricorso al dialetto della Carinzia, varietà della lingua bavarese; per questo l'associazione Förderverein Bairische Sprache und Dialekte gli assegnò il riconoscimento Bairische Sprachwurzel[4].

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Coppa del Mondo[modifica | modifica wikitesto]

  • Miglior piazzamento in classifica generale: 10º nel 1993
  • 10 podi (7 in discesa libera, 3 in supergigante):
    • 4 vittorie
    • 2 secondi posti
    • 4 terzi posti

Coppa del Mondo - vittorie[modifica | modifica wikitesto]

Data Luogo Paese Specialità
22 dicembre 1992 Bad Kleinkirchheim Austria Austria SG
15 marzo 1993 Sierra Nevada Spagna Spagna DH
20 marzo 1993 Kvitfjell Norvegia Norvegia DH
17 dicembre 1994 Val-d'Isère Francia Francia DH

Legenda:
DH = discesa libera
SG = supergigante

Campionati austriaci[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (DE) Karriereende für ÖSV-Abfahrer Roland Assinger - Kreuzband gerissen in ski2b.com, 10 settembre 2001. URL consultato il 27 ottobre 2010. [Nell'articolo si fa riferimento al rapporto di parentela.]
  2. ^ a b (DE) Sito personale. URL consultato il 26 ottobre 2010.
  3. ^ (DE) Bettina Kuzmicki, Experten haben die Lösungen parat in Kleine Zeitung, 16 dicembre 2012. URL consultato il 3 giugno 2014.
  4. ^ (DE) Dialektpreis "Sprachwurzel" auf Gäubodenfest verliehen - Armin Assinger in Idowa.de. URL consultato il 26 ottobre 2010.
  5. ^ ÖSV-Siegertafel. URL consultato il 3 giugno 2014.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 266173367