C'era una volta (espressione)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Frontespizio di un libro del 1909

C'era una volta è una tipica espressione utilizzata come introduzione in numerose fiabe. Formule simili risalgono quasi all'origine della scrittura, essendo già utilizzate quattromila anni fa nei racconti babilonesi[1], e si ritrovano in tutte le lingue del mondo [2]. Nella letterature europee, è attestata da Apuleio, che apre la favola di Amore e Psiche nelle Metamorfosi con "Erant in quadam civitate rex et regina..."

Storia[modifica | modifica wikitesto]

  • Nella lingua inglese, il primo uso dell'espressione Once upon a time risale, secondo l'Oxford English Dictionary, al 1380; venne accettata comunemente come modo per iniziare un racconto nel 1600. Tale espressione è più frequente nei racconti per bambini di età compresa tra i sei e gli otto anni. [5]

Nelle altre lingue[modifica | modifica wikitesto]

Cappuccetto Rosso, illustrazione di Kenneth Whitley, 1939

Frasi equivalenti sono utilizzate nelle altre lingue per iniziare una storia:

  • afrikaans: Eendag, lank gelede...
  • albanese: Na ishte një herë...
  • arabo: كان يا ما كان،في قديم الزمان، وسالف العصر والأوان
  • armeno: Կար-չկար...
  • azero: Biri var idi, biri yox idi...
  • bulgaro: Имало едно време...
  • catalano: Hi havia/això era una vegada
  • ceco: Bylo nebylo,...
  • cinese: 很久很久以前
  • coreano: 옛날 옛적에...
  • croato: Jednom davno...
  • danese: Der var engang...
  • ebraico: היו היה פעם
  • faroese: Einaferð var tað...
  • finlandese: Olipa kerran...
  • francese: Il était une fois
  • gallese: Amser maith yn ôl...
  • georgiano: იყო და არა იყო რა, იყო...
  • giapponese: 昔昔, 昔々, むかしむかし
  • greco: Μια φορά κι έναν καιρό...
  • hindi किसी ज़माने में oppure बहुत पुरानी बात है
  • indonesiano: Dahulu kala...
  • inglese: Once upon a time
  • gaelico irlandese: Fadó, fadó, fadó a bhí ann (agus bhí rí i nGaillimh)
  • islandese: Einu sinni var...
  • lettone: Reiz sen senos laikos...
  • lituano: Vieną kartą...
  • macedone: Си беше еднаш...
  • malese: Pandu Oridathu...
  • norvegese: Det var en gang...
  • olandese: Er was eens...
  • persiano: روزی روزگاری
  • polacco: Dawno, dawno temu...
  • portoghese: Era uma vez...
  • romeno: A fost odata, ca niciodata...
  • russo: Жил был (maschile singolare), жила была (femminile singolare), жило было (neutro singolare), жили были (plurale)
  • sardo: B'aiat una borta...
  • serbo: Једном давно...
  • slovacco: Kde bolo - tam bolo...
  • sloveno: Pred davnimi časi ...
  • spagnolo: Érase/Había una vez...
  • svedese: Det var en gång...
  • swahili: Hapo zamani za kale....
  • tamil: முன்னொரு காலத்திலே...
  • tedesco: Es war einmal... '.
  • telugu: అనగనగా ఒక రోజు...
  • thai: กาลครั้งหนึ่งนานมาแล้ว
  • turco: Bir varmış, bir yokmuş. Evvel zaman içinde, kalbur saman içinde...
  • ungherese: Volt egyszer hol nem volt...
  • veneto: Ghe gera na volta...
  • vietnamita: Ngày xửa ngày xưa...

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Madden, David. A Pocketful of Prose. Vintage Short Fiction. Secondo volume. Boston: Thomson, 2006. 117

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ La formula "Tanto tempo fa..." era comune non solo al Poemetto della discesa agli Inferi di Enkidu, ma anche alla Sfida tra Enki e Ninmah, al Viaggio di Enki a Nippur e alle Istruzioni di Shuruppak http://www.homolaicus.com/storia/antica/gilgamesh/struttura.htm
  2. ^ Al narratore non è consentito recitare la fiaba senza “sigillarla”10, come si diceva un tempo, con una formula (tawalt) d’introduzione e una di chiusura. Chi si macchiava di questa omissione veniva additato come uno “stolto” (ungif). Vi era infatti il modo di dire: “come uno stolto che ha dimenticato la formula / e crede di parlare in modo eloquente” (am wungif yettun ‘Macahu’/ iÌil awal-is ad yelhu). http://www.brugnatelli.net/vermondo/2004-05_Fiabe/LaFiabaBerbera.pdf
  3. ^ Scritto « Il estoit une fois » nell'edizione originale de I Racconti di Mamma Oca, nella forma tipica del francese della fine del XVII secolo
  4. ^ Charles Perrault, Contes (introduction, notices et notes de Catherine Magnien), éditions Le Livre de Poche Classique
  5. ^ Text Comprension and its relation to coherence and cohesion in children's fictional narratives, The British Phicological Society, 17-10-2002. URL consultato il 22-08-2009.
  6. ^ Il Pentamerone del cavalier Giovan Battista Basile: overo, Lo cunto de li cunti http://www.letteraturaitaliana.net/pdf/Volume_6/t133.pdf (" Era na vota na femmena prena chiammata Pascadozia...", " era na vota no principe vidolo...", " era na vota a lo paiese de Marigliano...", " Era na vota, lontano otto miglia da Napole")
  7. ^ Carlo Collodi, I Racconti delle Fate (" C'era una volta un taglialegna", " C'era una volta un uomo, il quale aveva palazzi e ville", " '' C'era una volta in un villaggio una bambina", " C'era una volta un gentiluomo, il quale aveva sposata in seconde nozze "), Pinocchio (" C'era una volta... - Un re! - diranno subito i miei piccoli lettori")
  8. ^ La Novellaja Fiorentina: fiabe e novelline stenografate in Firenze dal dettato popolare da Vittorio Imbriani. (" C'era una volta un omo che aveva tre figliole" " , C'era una volta una donnetta, contadina", " C'era un volta un Re, che possedeva il più bel giardino del mondo")