Bombardier Q-Series

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Bombardier Q-Series / Dash 8
Un Bombardier DCH 8-100 della Island Air
Un Bombardier DCH 8-100 della Island Air
Descrizione
Tipo aereo di linea regionale
Equipaggio 2 piloti +
2-4 assistenti di volo
Progettista Canada de Havilland Canada
Costruttore Canada de Havilland Canada (1983-1992)
Canada Bombardier Aerospace (1992-oggi)
Data primo volo 20 giugno 1983
Data entrata in servizio 23 ottobre 1984
Esemplari 959[1]
Dimensioni e pesi
Lunghezza 22,25 m
Apertura alare 25,91 m
Diametro fusoliera 2,69 m
Altezza 7,49 m
Superficie alare 54,4
Peso a vuoto 10 250 kg
Peso max al decollo 15 650 kg
Passeggeri da 30 a 40
Propulsione
Motore 2 turboelica Pratt & Whitney Canada PW 120A con elica quadripala
Potenza 2 000 shp (1 490 kW) ciascuno
Prestazioni
Velocità max 490 km/h (265 kt)
Velocità di crociera 440 km/h (237 kt)
Autonomia 1 520 km
Quota di servizio ca. 8 000 m
Tangenza ca. 10 000 m
Note Le dimensioni, le capacità di carico e i motori variano a seconda delle versioni.

[senza fonte]

voci di aerei civili presenti su Wikipedia

Il Bombardier Q-Series noto anche come Dash 8, precedentemente designato de Havilland Canada Dash 8 o DHC-8, è una famiglia di bimotori di linea regionale turboelica prodotta originariamente dall'azienda canadese de Havilland Canada, poi dalla Bombardier, dagli anni ottanta.

Storia del progetto[modifica | modifica sorgente]

Venne progettato nel 1983 dalla allora de Havilland Canada, oggi Bombardier, dopo che quest'ultima l'aveva acquistato dalla Boeing nel 1993, per migliorare le prestazioni del Dash 7. Il Dash 8 ha cambiato nome nel 1996 in Q-Series, da Quiet (silenzioso in inglese), dopo che la Bombardier ha installato il sistema ANVS (Active Noise and Vibration Suppression) per ridurre i rumori e le vibrazioni in cabina.

Il prototipo del DHC-8 effettuò il suo primo volo il 20 giugno 1983. La sua entrata in servizio avvenne con la compagnia di lancio NorOntair il 23 ottobre 1984. Fino ad oggi sono stati consegnati circa 1 000 esemplari di Dash 8 in diverse varianti.

Tecnica[modifica | modifica sorgente]

Il Dash 8 è caratterizzato da ali in posizione alta sotto le quali è montata una coppia di motori turboelica PW120A; ha un'ampia deriva verticale a T con ampi piani orizzontali.

Impiego operativo[modifica | modifica sorgente]

Oltre ad essere impiegato in ambito civile nel suo primario ruolo di vettore per compagnie aeree regionali, il Dash 8 è utilizzato anche in ambito militare come aereo da trasporto, come ad esempio nella Kenya Air Force, o adeguatamente attrezzato come aereo da pattugliamento marittimo nella Al Imarat al Arabiyah al Muttahidah, l'aeronautica militare degli Emirati Arabi Uniti.

Versioni[modifica | modifica sorgente]

Serie 100[modifica | modifica sorgente]

  • DHC-8-100: Versione iniziale con una capacità di 37-40 passeggeri, che entrò in servizio nel 1984. Era motorizzata con il motore PW120A, in seguito venne anche certificato l'utilizzo del motore PW121; la potenza di questi motori è di ca. 1.800 CV o 1.343 kW.
  • CC-142: Variante militare da trasporto delle forze armate canadesi.
  • CT-142: Variante da addestramento del Esercito Canadese.
  • E-9A: Variante per l'USAF per il controllo del traffico marittimo nel Golfo del Messico durante le esercitazioni con munizioni da guerra. La base principale di questi velivoli è Tyndall AFB, Florida

Serie 200[modifica | modifica sorgente]

  • DHC-8-200: Versione con la cellula identica alla Serie 100 ma con i motori Pratt & Whitney Canada PW123 da 2.150 CV o 1.604 kW per migliorarne le prestazioni; può trasportare da 37 a 39 passeggeri.
  • Q200: Versione identica al DHC-8-200 a cui è stato montato il sistema ANVS.

Serie 300[modifica | modifica sorgente]

  • DHC-8-300: Versione allungata di 3,43 m rispetto alla serie 100 e 200, che permette di trasportare 50-56 passeggeri, entrò in servizio nel 1989. utilizza i motori PW123 o PW123B o PW123E; la potenza di questi motori è di ca. 2.500 CV o 1.865 kW.
  • DHC-8-300A: Versione del DHC-8-300, con un aumento del carico utile.
  • Q300: Versione del DHC-8-300 a cui è stato montato il sistema ANVS.

Serie 400[modifica | modifica sorgente]

  • Q400: Versione ulteriormente allungata per trasportare 70 – 78 passeggeri, entrò in servizio nel 2000. Monta come motori i PW150A da 5.071 CV o 3.783 kW. Tutti i Q400 montano di serie il sistema ANVS.
  • Q400 NextGen: Versione del Q400 dove è stato aggiornata la cabina oltre che l'illuminazione interna, i finestrini sono di dimensioni maggiori, come pure è stato ridotto il consumo di carburante e sono stati pure ridotti costi di manutenzione.
  • Q400-MR: Versione del Q400 adattato al ruolo di aereo antincendio per la Protezione civile francese.
Dash8 Q400 Sécurité Civile France

Incidenti[modifica | modifica sorgente]

Gli incidenti che vedono coinvolti i Bombardier Dash 8 sono in totale 28 di cui 4 con vittime.[2]

Un Q400 simile a quello precipitato il 12 febbraio 2009
  • Il 12 febbraio 2009 un Bombardier Aerospace Q400 della statunitense Colgan Air (IATA: 9L; ICAO: CJC) registrato N200WQ [3] volo di linea 3407 per conto della Continental Connection tra l'Aeroporto di Newark e l'Aeroporto di Buffalo si schianta su una casa in Long Street nel Clarence Center a New York. Periscono nell'incidente 44 passeggeri, 4 membri d'equipaggio, un pilota fuori servizio ed una persona a terra che abitava nell'edificio colpito. Tra le vittime anche una vedova dell'11/09.[4] Tra le probabili cause dell'incidente sono state indicate le condizioni meteorologiche come il vento e la pioggia forti oppure il cedimento meccanico dell'aereo [5]. Alcuni testimoni riportarono che un propulsore dell'aereo avesse preso fuoco durante la caduta.[6] In realtà l'inchiesta condotta dal National Transportation Safety Board (NTSB) arrivò alla conclusione che la responsabilità dell'incidente fosse da attribuirsi al comandante dell'aereo e probabilmente alla stanchezza accumulata nei precedenti turni di lavoro.[7]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) Program Status Report - BOMBARDIER Q-SERIES (PDF), 31-01-2010. URL consultato il 18-04-2010.
  2. ^ fonte: ASN - Aviation Safety Database. URL consultato il 14-feb-2009.
  3. ^ foto: Airliners.net.
  4. ^ Search for answers begins in Buffalo plane crash - CNN.com
  5. ^ Continental Flight 3407 reported 'significant icing' before crash that killed 50 : Home: The Buffalo News
  6. ^ 50 Killed as Plane Hits House Near Buffalo - NYTimes.com
  7. ^ Dedalonews » Fatica e addestramento sotto accusa nell’incidente Colgan Air

Velivoli comparabili[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]