TRAXX

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Famiglia TRAXX
Locomotiva elettrica
TRAXX 485
TRAXX 485
Anni di costruzione 1998–presente
Costruttore ADTranz poi Bombardier Transportation Italy e Bombardier Kassel
Dimensioni 18.900 mm x
Scartamento 1435 mm
Massa in servizio 80 t (145) — 85 t (185)
Rodiggio Bo'Bo'
Potenza oraria 5.600 kW / 4.200 kW (prodotte prima del 2002)
Velocità massima omologata varie
Alimentazione 15 kV/16,7 Hz, 25 kV/50 Hz 1,5 kV cc, 3 kV cc

La famiglia di locomotive elettriche TRAXX (Transnational Railway Applications with eXtreme fleXibility) raggruppa una serie di modelli di locomotive costruite per i mercati europei prima da ADTranz e da Bombardier poi, utilizzate in Germania, Italia, Lussemburgo, Svizzera, Francia e Spagna.

Modelli[modifica | modifica sorgente]

La famiglia comprende i modelli:

I modelli Diesel-elettrici, realizzati in esemplare unico, sono entrambi utilizzati in Germania.[2]

Modelli in Italia[modifica | modifica sorgente]

In Italia sono attualmente in servizio i seguenti modelli:

  • FS E.412 (TRAXX 112E), 20 unità (001-020) per Trenitalia Cargo[senza fonte]
  • EU43 (TRAXX 112E), 8 unità (001-008) originariamente per PKP oggi di Rail Traction Company[senza fonte]
  • FS E.464 (TRAXX 160DCP), 688 esemplari per Trenitalia[senza fonte]
  • FS E.405 (TRAXX F160DC) 42 unità (001-042) originariamente per PKP come EU11 poi rivendute a Trenitalia Cargo e immatricolate come E.405[senza fonte]
  • E.483 (TRAXX F140 DC): 2 unità per l'Autorità Portuale di Savona (021/022)[3] e date in gestione a Serfer, 2 unità per TPER ex FER (023/024) [4], 2 unità per Sistemi Territoriali (025/026)[5] acquistate usate da FER, 2 unità per la Sangritana (030/031)[6], 5 unità per la GTS (051/055)[7], 8 unità per Nordcargo (101/108)[8], 2 unità per Ferrotramviaria (040/041)[9], 20 unità (001/020) di proprietà della società di leasing ferroviario Alpha Trains (ex Angel Train)[10] e noleggiate a vari operatori ferroviari tra cui Oceanogate (001 ex GTS,007,018,019,020 ex Arenaways)[11], Rail Traction Company (002/005)[12], RailCargo Italia ex Linea (011/012), Nordcargo (008/010), CrossRail Italia (015/017), Captrain ex SNCF Fret Italia (006 ex GTS, 013 e 014 ex Linea).
  • E.186 (TRAXX 2E F140 MS), in utilizzo a Linea (3 unità, a noleggio da CB Rail), CrossRail Italia (7 unità, a noleggio da CB Rail) e da Rail Traction Company (in numero di 10 unità, prese a noleggio da Railpool).
  • E.484 (TRAXX 2 F140MS): 5 unità di proprietà della società di leasing ferroviario MRCE Dispolok, noleggiate a ISC Interporto Servizi Cargo (901 e 902 ex Arenaways ed ex Veolia, 103,104 e 105 ex SBB Cargo).
  • E.486: 10 unità (501/510) di proprietà di BLS Cargo in utilizzo a NordCargo e Serfer in Italia per i servizi merci interoperabili su Luino e Domodossola.

Sviluppo[modifica | modifica sorgente]

Locomotiva E483 011 giunge alla stazione di Genova Brignole durante un servizio merci

La Famiglia TRAXX deriva dal prototipo costruito per Deutsche Bahn da AEG e Henschel nel 1994 per sostituire le locomotive tedesche degli anni '50 e '60. Oltre a questa commessa, la ditta aveva contatti con le ferrovie italiane, per realizzare un gruppo che sostituisse le vecchie E.646 nell'ambito del trasporto passeggeri regionale.[Che si trattasse di locomotive TRAXX è da dimostrare.]

Le macchine italiane sarebbero dovute essere delle locomotive monocabina derivate dalle E.454 prototipo: il risultato fu il gruppo E.464, che ebbe buon successo. Venne quindi realizzata anche una versione merci a doppia cabina, la E.412 (con la variante polacca EU.43)[Il fatto che "sarebbero dovute essere delle locomotive monocabina derivate dalle E.454" esclude da solo che potessero essere delle TRAXX. Inoltre la consegna delle E412 - 1996-2000 - è precedente a quelle delle E464 - 2000 - in corso]

Tecnica[modifica | modifica sorgente]

Il rodiggio di tutto il gruppo è Bo'Bo', con due carrelli motori imperniati a scartamento standard (1435 mm).

La lunghezza del corpo macchina varia tra i 15.750 mm delle E.464 monocabina ai 19.400 della E.412. Il peso varia tra le 70 e le 90 tonnellate.[Dati di macchine la cui appartenenza alla famiglia TRAXX è da dimostrare]

I motori installati sono asincroni trifase, con diversi tipi di convertitori statici che la rendono adatta a diverse tensioni a seconda delle caratteristiche del paese in cui è in uso: esistono versioni da 15 kV AC 16.7  Hz, 25 kV AC 50  Hz, 1,5 kV CC, 3 kV CC.

La potenza varia tra i 3500 e i 4200 kW, aumentati a 5600 nelle unità di seconda serie, con forze di trazione che arrivano a 300 kN.

Gli impianti frenanti sono di tipo Knorr, e possono montare un impianto di recupero energetico. Dal punto di vista della sicurezza, si tratta di mezzi all'avanguardia, che possono montare i sistemi ETCS, Integra-Signum, ZUB o SCMT a seconda dell'appartenenza.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ RAILCOLOR.NET - modern locomotive power
  2. ^ (EN) bombardier.com - modelli TRAXX Diesel-elettrici
  3. ^ Trains, Railways and Locomotives: Railcolor.net
  4. ^ Trains, Railways and Locomotives: Railcolor.net
  5. ^ Trains, Railways and Locomotives: Railcolor.net
  6. ^ Trains, Railways and Locomotives: Railcolor.net
  7. ^ Trains, Railways and Locomotives: Railcolor.net
  8. ^ Trains, Railways and Locomotives: Railcolor.net
  9. ^ Trains, Railways and Locomotives: Railcolor.net
  10. ^ Trains, Railways and Locomotives: Railcolor.net
  11. ^ "the fleet of Oceanogate is expanding", su Railcolor.net del 17 aprile 2012 ([1])
  12. ^ railtraction.it - le locomotive

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Franco dell'Amico, TRAXX locomotive per l'Europa, in RF 1 p. 22 Acme Edizioni

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

trasporti Portale Trasporti: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di trasporti