Aereo di linea regionale

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Un Embraer ERJ-145 della BA CityFlyer.
L'ATR-42 con matricola I-RIML della compagnia Italy First.

Un aereo di linea regionale è un aeromobile destinato ai collegamenti su distanze dell'ordine di poche centinaia di chilometri/miglia nautiche. Questi mezzi collegano aeroporti di importanza nazionale o internazionale (quindi hub) con altri aeroporti normalmente di dimensioni decisamente minori e spesso sono utilizzati per voli di feederaggio da compagnie aeree regionali.

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

La propulsione può essere a turboelica o a turboventola, normalmente su due motori come miglior compromesso tra sicurezza ed economicità. Di alcuni aerei esistono entrambe le versioni. La capienza è compresa tra i 30 e i 90 posti, ed anche in questo caso possono essere prodotte più versioni. La fusoliera ha una larghezza che consente l'allestimento di 3, 4 o max 5 posti adiacenti per ogni fila su corridoio singolo (mentre un classico aereo a fusoliera stretta consente una configurazione fino a 6 posti adiacenti).

Esempi commerciali[modifica | modifica wikitesto]

Tra gli esempi in commercio o di recente produzione vi sono: in Europa il Dornier 328, venduto sia turboelica sia turboventola; oppure l'ATR, solo turboelica ma venduto sia nella versione a 42 che a 72 posti; il Saab 2000, (turboelica); il BAe 146/Avro RJ (quadrimotore turboventola).
In Canada, la Bombardier produce due linee di aeromobili con capienza variabile, la Q Series (turboelica) e la CRJ Series (turboventola).
La brasiliana Embraer produce tre serie: la EMB family (turboelica), la ERJ family (turboventola) e la E-Jets family (turboventola).

Modelli in produzione[modifica | modifica wikitesto]

turboelica
turboventola

Modelli fuori produzione[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]