Basilica di San Domenico (Bologna)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Coordinate: 44°29′22″N 11°20′41″E / 44.489444°N 11.344722°E44.489444; 11.344722

Basilica di San Domenico
Esterno
Esterno
Stato Italia Italia
Regione Emilia-Romagna Emilia-Romagna
Località Bologna-Stemma.svg Bologna
Religione Cristiana cattolica di rito romano
Titolare Domenico di Guzmán
Ordine Ordine dei frati predicatori
Diocesi arcidiocesi di Bologna
Stile architettonico romanico, gotico, rinascimentale, barocco
Inizio costruzione 1228
Completamento 1240 (rimaneggiata 1728 - 1732)

La basilica di San Domenico è uno dei più importanti luoghi di culto di Bologna, sede principale dell'ordine dei frati predicatori. Nella chiesa, all'interno dell'Arca di san Domenico (opera di Nicola Pisano e allievi, con contributi di Niccolò dell'Arca, Michelangelo Buonarroti, Alfonso Lombardi e Jean-Baptiste Boudard), sono conservati i resti di san Domenico, fondatore dell'ordine.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il 22 dicembre 1216 papa Onorio III approvò la regola dell'ordine fondato da Domenico di Guzmán, che così l'anno successivo crebbe fino a riuscire ad inviare monaci nei principali centri europei, primi fra i quali Bologna e Parigi, città popolose e sedi di università. Domenico giunse a Bologna nel gennaio del 1218, stabilendosi insieme ai suoi monaci nel convento di una chiesa che allora era fuori mura, dedicata a Santa Maria della Purificazione, nota col nome della Mascarella (ora all'angolo tra via Irnerio e via Mascarella e ricostruita dopo i bombardamenti della seconda guerra mondiale).

Avendo necessità di spazi più ampi, nel 1219 Domenico si stabilì definitivamente nel convento di San Nicolò delle Vigne (lo stesso luogo ove ora sorge la basilica domenicana). Qui (tra il 1220 ed il 1221) San Domenico presiedette personalmente ai primi due capitoli generali destinati a precisare gli elementi fondamentali dell'ordine. Sempre qui, il 6 agosto 1221, Domenico morì e fu sepolto dietro l'altare di San Nicolò.

A partire dal 1228 la chiesa fu ingrandita con demolizione dell'abside ed ampliamento della navata preesistenti. I lavori di costruzione della nuova basilica furono pressoché terminati nel 1240 con la costruzione di una sobria fronte romanica. La Basilica di San Domenico, da allora, diventò il prototipo di numerose chiese domenicane nel mondo. La basilica fu consacrata da papa Innocenzo IV il 17 ottobre 1251, esibendo con l'occasione il celebre crocifisso di Giunta Pisano (1250 circa) conservato ancora in basilica. Più precoce fu l'ampliamento del convento, che tra il 1219 ed il 1243 fu trasformato in un grande complesso conventuale.

Nel 1233, mentre i lavori di costruzione della basilica e del convento erano in corso, i resti di Domenico furono collocati in una cassa di cipresso, a sua volta racchiuso in un semplice sarcofago marmoreo, e collocati dietro l'altare di una cappella laterale della navata destra (dove ora sorge la seicentesca Cappella di San Domenico). L'anno successivo, precisamente Il 13 luglio 1234, Domenico fu canonizzato da papa Gregorio IX. Allo scopo di rendere visibile il sepolcro ai fedeli, accorrenti sempre più numerosi dopo la canonizzazione del santo, nel 1267 i suoi resti furono posti in un monumento più insigne decorato ad opera di Nicola Pisano e dei suoi allievi.

La chiesa subì ulteriori ampliamenti e rimaneggiamenti nei secoli XIV-XVIII, munendosi di cappelle, di un campanile, e accumulando nel tempo una vasta collezione di opere d'arte dei maggiori artisti, fra cui Niccolò dell'Arca, Michelangelo Buonarroti, Filippino Lippi, Guido Reni, Ludovico Carracci e il Guercino.

Nel 1728-1732 Carlo Francesco Dotti conferì all'interno della chiesa l'aspetto barocco attuale.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Esterno[modifica | modifica wikitesto]

In primo piano la tomba del glossatore Rolandino de' Passeggeri; dietro, quella di Egidio Foscherari

Piazza San Domenico[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Piazza San Domenico (Bologna).

L'antistante piazza San Domenico è pavimentata in ciottoli di fiume, similmente alla non lontana piazza Santo Stefano, com'era in uso nel Medioevo. Essa era usata per contenere le grandi folle che si radunavano ad ascoltare le prediche dei frati domenicani, ed era in origine separata dalla strada da un muro.

Nella parte posteriore della piazza è presente una colonna in pietre e bronzo, opera di Guido Reni (Madonna del Rosario, 1632), che commemora la fine della epidemia di peste che in quegli anni afflisse la città, mentre nella parte anteriore si eleva la colonna con la statua di San Domenico.

Molto caratteristiche sono le tombe del glossatore Rolandino de' Passaggeri (1305) e quella di Egidio Foscherari (1289). Una terza tomba, quella della famiglia Muzzarelli, simile alle altre due, sorgeva a fianco della tomba di Rolandino. Simili tombe si trovano in un'altra piazza bolognese, adiacente alla Basilica di San Francesco.

Facciata[modifica | modifica wikitesto]

La facciata

Terminata nel 1240 come ultimo elemento della chiesa originaria duecentesca, è una facciata monofastigiata (o a capanna), interamente costruita in laterizi come voleva lo stile povero degli ordini mendicanti. Anche il rosone traforato risale a quel tempo.

Il portico in forme romaniche fu collocato dall'architetto Raffaele Faccioli nel 1910 per restituire l'originario aspetto romanico, sostituendo un portico settecentesco che oltretutto oscurava la vista del rosone. Il mosaico che si trova nella lunetta del portico, raffigurante San Domenico che benedice la città di Bologna, è una riproduzione in mosaico di un quadro settecentesco di Lucia Casalini-Torelli che si trova all'ingresso del convento.

La facciata è delimitata a sinistra dalla Cappella Ghisilardi, aggiunta nel XVI secolo, e a destra dalle strutture del convento, che protrudono ben oltre il piano della facciata.

Interno[modifica | modifica wikitesto]

Interno

La chiesa, è a tre navate (una centrale e due laterali), numerose cappelle laterali, un transetto e un coro.

La chiesa duecentesca originale era composta di due parti:

  • la parte posteriore (verso la facciata) chiamata chiesa primitiva o esterna destinata ai fedeli
  • la parte anteriore (verso l'abside), detta chiesa interna riservata ai frati

Le due parti erano separate da un tramezzo, in cui era ospitato il crocifisso di Giunta Pisano e in cui nel corso del Quattrocento fu posto il coro ligneo di Damiano da Bergamo (ora nel coro).

Nel tempo, sulla base del nucleo originario, furono fatti numerosi rimaneggiamenti e adattamenti. Nel Trecento si aggiunsero alcune cappelle e la torre campanaria (del 1313, in stile gotico). Intorno alla metà del XV secolo fu edificata la cappella Guidotti, detta dalla seconda metà del XVI secolo del Rosario. In seguito furono aggiunte anche le rinascimentali cappelle Volta e Solimei (ora escluse dalla chiesa e suddivise in diversi locali). Nel 1530 circa fu costruita - a lato della facciata romanica - la rinascimentale cappella Ghisilardi (su disegno di Baldassarre Peruzzi). Sempre nel XVI secolo quattro piccole cappelle gotiche della navata sinistra furono sostituite dalla cappella Pepoli, a pianta cruciforme.

Nel Seicento, in seguito alle prescrizioni del Concilio di Trento, fu eliminato il tramezzo che divideva le due parti della chiesa, e il coro ligneo fu spostato dietro all'altare maggiore.

Negli anni 1728-1732 modifiche e restauri di rilievo vennero eseguiti da Carlo Francesco Dotti col patrocinio di Papa Benedetto XIII, in modo da ampliare gli interni (fondendo i due nuclei medievali, con gusto barocco).

Cappella di san Domenico[modifica | modifica wikitesto]

La cappella di San Domenico

Si apre sulla destra del corpo longitudinale della basilica (pressoché a metà altezza di questo) e contiene la preziosa Arca di san Domenico in cui sono conservati i resti del santo. Fu costruita in stile barocco nel primo terzo del XVII secolo dall'architetto Floriano Ambrosini, che sostituì la più antica cappella gotica duecentesca che ospitava i resti del santo sin dal 1233. È larga 13,60 m, lunga 23,80 m e alta 38 m ed è sopraelevata di 1.5 m rispetto al pavimento della basilica. È a pianta quadrata e contiene un'abside semicircolare e un tamburo con cupola. Al centro è posta l'arca di san Domenico.

Le quattro tele addossate alle pareti laterali raffigurano miracoli operati da San Domenico. Le prime due tele dopo l'entrata sono di Lionello Spada (a sinistra) e di Alessandro Tiarini (a destra) e raffigurano, rispettivamente, il miracolo del libro che resiste al fuoco, avvenuto nel Sud della Francia, e il miracolo del fanciullo risuscitato, avvenuto a Roma. Le due tele successive, più grandi, sono di Giovanni Andrea Danducci (detto il Mastelletta) e raffigurano il miracolo della resurrezione di Napoleone Orsini, avvenuto a Roma e il miracolo della resurrezione dei pellegrini annegati, avvenuto nel Sud della Francia. Tutte e quattro le tele sono del 1613-1615.

L'affresco del catino absidale raffigura la Gloria di San Domenico ed è di Guido Reni (1613-1615).

Le sette statue collocate sulla parete di fondo entro nicchie sono di Giovanni Todeschi (1617-1631). Raffigurano le 3 Virtù teologali (Fede, Speranza e Carità) e le 4 Virtù cardinali (Temperanza, Fortezza, Giustizia, Prudenza). Una targa presente nell'abside sotto una delle statue commemora la visita di papa Giovanni Paolo II (XX secolo).

Arca di san Domenico[modifica | modifica wikitesto]
L'Arca di San Domenico

Il primo nucleo dell'Arca fu costruito nel 1267 ad opera di Nicola Pisano e dei suoi allievi, che decorarono il nuovo sarcofago marmoreo (che racchiudeva la cassa di cipresso con i resti del santo) con 6 pannelli descriventi i maggiori episodi della vita del Santo. Il sarcofago fu posto in alto sopra un altare in modo da renderlo visibile ai numerosi pellegrini che spesso si accalcavano su di esso.

Nei secoli successivi furono eseguite modifiche e lavori sull'arca. Gli artisti che hanno contribuito all'opera sono Niccolò da Bari (o "Pugliese" o ancora "d'Apulia", detto appunto dell'"Arca"), che eseguì la decorazione della cimasa e realizzò l'angelo reggitorcia di sinistra (1469-1473); il giovane Michelangelo Buonarroti, che contribuì con alcune piccole statue, quelle di San Petronio e San Procolo e l'angelo reggitorcia di destra (1494); Alfonso Lombardi, che eseguì il pannello centrale sotto il sarcofago e sopra l'altare descrivente l'adorazione dei Magi e i pannelli laterali con scene della vita del santo (1532); Jean-Baptiste Boudard, che eseguì infine il bassorilievo sotto l'altare con la morte di San Domenico (1768).

Alla sommità si vede Dio Padre che sorregge il mondo con la mano sinistra tenendolo vicino al cuore. Più in basso si vedono i simboli della creazione: i festoni di frutta stanno a significare la terra, i due putti si riferiscono al cielo e gli otto delfini al mare. Ancora più in basso troviamo il mistero della Redenzione. Gesù morto è rappresentato in mezzo a due angeli, a destra quello dell'Annunciazione e a sinistra quello della Passione. Allo stesso livello degli angeli i quattro evangelisti (san Matteo, san Marco, san Luca e san Giovanni) che hanno diffuso al mondo intero il messaggio di Redenzione operato da Gesù Cristo. Poco sotto si trovano, appoggiate a una cornice, otto statue che raffigurano i protettori di Bologna (nella parte anteriore: san Francesco, san Petronio, san Domenico e san Floriano; nella parte posteriore: sant'Agricola, san Giovanni Battista, san Procolo e san Vitale). Sotto la cornice che contiene le statue ci sono i 6 pannelli di Nicola Pisano che avvolgono tutt'intorno il feretro e che rappresentano gli episodi più importanti della vita del santo. Ancora sotto troviamo una stele con l'adorazione dei magi (al centro) e scene della vita del santo (ai lati). Sotto l'altare abbiamo infine un bassorilievo con la morte di San Domenico.

Dietro l'arca è conservato anche il prezioso reliquiario trecentesco di Jacopo Roseto da Bologna (1383) contenente il capo di san Domenico, che veniva portato in processione per le vie della città in occasione della festa del Santo.

Cappella del Rosario[modifica | modifica wikitesto]

La cappella del Rosario

Si apre sulla sinistra del corpo longitudinale della basilica (pressoché a metà altezza di questo) proprio sul lato opposto rispetto alla Cappella di San Domenico. Fu voluta inizialmente dal nobile Giovanni Guidotti, come cappella per la sua famiglia (1460-1465).

Nella seconda metà del XVI secolo la cappella venne ottenuta dalla Confraternita del Santo Rosario, nata in seno all'Ordine domenicano nel secolo precedente (la pratica della Preghiera del Rosario venne introdotta proprio da Domenico). In quell'occasione la cappella mutò il nome in “Cappella del Rosario”, in onore alla “Madonna del Rosario”. A tale scopo fu rifatto l'altare da Floriano Ambrosini (1589). Questo accoglie al centro la veneratissima immagine della “Beata Vergine del Rosario” e ai lati quindici formelle dipinte raffiguranti i “Quindici Misteri del Rosario”, terminate nel 1601 da vari artisti di scuola perlopiù bolognese, quali Ludovico Carracci, Guido Reni, Bartolomeo Cesi, Denijs Calvaert, Lavinia Fontana, Francesco Albani e Domenichino.

Dopo la metà del XVII secolo la volta della cappella fu ristrutturata. In quell'occasione furono aggiunti gli affreschi sulla volta e sulla conca absidale da parte di Angelo Michele Colonna e Agostino Mitelli (1655-1657). Questi raffigurano, rispettivamente, l'Assunta e il Cielo e la terra che rendono gloria alla Madonna del Rosario. I due artisti decorarono anche le pareti laterali, anche se i loro lavori vennero rifatti nel XVIII e XIX secolo. Le due cantorie furono realizzate da Carlo Francesco Dotti (1736).

Nella cappella trovarono sepoltura i due pittori Guido Reni ed Elisabetta Sirani, deceduti nel 1642 e 1665 rispettivamente.

Transetto sinistro[modifica | modifica wikitesto]

Il Crocifisso di Giunta Pisano (1250 ca.)

Nel transetto sinistro trovano posto il settecentesco cenotafio di Enzo di Sardegna, che in questa chiesa fu sepolto nel 1279, e il sepolcro del vescovo domenicano Martino di Opavia. Qui riposa anche il beato Giacomo da Ulma (m. 1491), artista domenicano autore di pregevoli vetrate gotiche nella Basilica di San Petronio.

Nella cappella di San Michele, che si apre nella parete destra del transetto, alle spalle dell'altare marmoreo, è collocato il prezioso Crocifisso del 1250 circa di Giunta Pisano, un tempo posto sul tramezzo per onorare, probabilmente, la consacrazione della basilica da parte di papa Innocenzo IV (avvenuta il 17 ottobre 1251).

Sulla parete sinistra della cappella, invece, vi è un affresco staccato del Guercino raffigurante San Tommaso d'Aquino e San Benedetto, dipinto nel 1662. San Tommaso d'Aquino, sulla sinistra, è raffigurato in abito domenicano con nella mano sinistra un libro aperto e in quella destra il modellino della chiesa; San Benedetto, sulla destra, indossa l'abito benedettino ed impugna nella mano sinistra un libro chiuso e in quella destra un pastorale.

Di lato una ricomposizione cinquecentesca del Monumento a Taddeo Pepoli che conserva le lastre marmoree scolpite ad altorilievo con quattro scene della vita del signore di Bologna realizzate da scultore pisano intorno al 1347.

L'abside e il coro[modifica | modifica wikitesto]

L'abside

La navata centrale termina con la profonda abside poligonale, illuminata da grandi finestroni rettangolari.

L'altare maggiore attuale è opera settecentesca del Torreggiani, e sostituisce l'altare originale, capolavoro di Giovanni di Balduccio (1330), un allievo di Giovanni Pisano, formato da un grande polittico scolpito con la Madonna con il bambino al centro e otto statuette ai lati (secondo la descrizione del Vasari). Quest'opera monumentale proveniva dalla cappella maggiore del Castello di Porta Galliera, ed era stata commissionata dal legato pontificio Bertrando del Poggetto. Oggi le sue parti superstiti sono disperse tra Detroit (la Madonna), il Museo Civico Medievale di Bologna, e una collezione privata (la formella della natività un tempo collocata nella predella).

Dietro all'altare, nell'abside, si trova il preziosissimo e monumentale coro ligneo, uno straordinario lavoro di intarsio in tipico stile rinascimentale, opera di fra Damiano da Bergamo. Le scene sono ispirate all'Antico Testamento (parte destra) ed al Nuovo Testamento (parte sinistra). Fra Damiano dal 1541 al 1549 eseguì, con magistrali intarsi, le Storie bibliche del coro maggiore, su suggestione di una serie di disegni di Jacopo Barozzi da Vignola. Il lavoro fu terminato da Bernardino da Bologna. L'opera è ricordata da Giorgio Vasari nelle Vite (IV, 94).

L'abside è dominata dal polittico, opera del bolognese Bartolomeo Cesi, racchiuso all'interno di una ricca cornice lignea scolpita e dorata. Al centro, si trova raffigurata l'Adorazione dei Magi, con la sottostante Ultima Cena.

Altre opere di rilievo[modifica | modifica wikitesto]

Matrimonio mistico di Santa Caterina di Filippino Lippi

Fra le altre numerose opere si distinguono:

Organi a canne[modifica | modifica wikitesto]

La basilica di San Domenico custodisce ben 3 organi (di cui soltanto 2 funzionanti) fra cui l'organo su cui Wolfgang Amadeus Mozart studiò nel periodo in cui fu ospite a Bologna come allievo di padre Giovanni Battista Martini per sostenere l'esame per l'aggregazione all'Accademia Filarmonica di Bologna. L'organo è situato nella Cappella del Rosario, a destra dell'altare nella cantoria in "cornu Epistolae" (nella cantoria in "cornu Evangelii" è presente una facciata finta); è stato costruito da G. Giovagnoni nel 1760 e restaurato nel 2003 da Seri e Ungarelli. Ha una tastiera di 45 tasti con prima ottava scavezza e pedaliera di 18 pedali anch'essa con prima ottava scavezza ed è composto da 10 registri. Di seguito la disposizione fonica:

Manuale
Principale (8')
Ottava
Decimaquinta
Decimanona
Vigesimaseconda
Vigesimasesta
Vigesimanona
Flauto in XII
Voce umana
Contrabassi (al Pedale)

Come detto sopra, la Basilica possiede anche altri due organi posti in cantoria ai lati dell'altare Maggiore: in "cornu Epistolae" e in "cornu Evangelii". Solo l'organo in "cornu Epistolae" è discretamente funzionante, anche se non è stato ancora restaurato dal lontano 1851 (anno in cui è stato costruito), mentre l'altro giace sotto uno spesso strato di polvere mancando fondi necessari per il restauro. L'organo in "cornu Evangelii" è singolare poiché racchiude in una sola cassa ben tre organi, azionati da una sola tastiera e pedaliera e unificati, dopo la guerra, dai F.lli Rasori: a destra suona l'organo "Gatti"; a sinistra suona l'organo "Nacchini-Dacci" e con lui anche la bellissima facciata di canne appartenenti al Principale di 12 piedi del manuale.

Museo, convento e biblioteca[modifica | modifica wikitesto]

La basilica di San Domenico ha un piccolo museo, in cui sono custodite opere d'arte e reliquie, fra cui ad esempio:

Molto interessante anche l'adiacente convento con chiostri del XIV, XV e XVI secolo e numerose opere d'arte.

La biblioteca rinascimentale, che risale al 1466, strutturata a navate su colonne come una basilica, contiene preziosi manoscritti. Verso ovest è affiancata dal grande salone Bolognini, in cui è conservata la tela L'estasi di San Tommaso di Marcantonio Franceschini (1648-1729).

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • P. Venturino Alce, La Basilica di San Domenico in Bologna, Edizione Studio Domenicano, Bologna 2006. ISBN 88-7094-298-8
  • B. Borghi, San Domenico. Un patrimonio secolare di arte, fede e cultura, Minerva edzioni, Bologna 2012.
  • Museo della Basilica di San Domenico, guida con note storiche, 2ª ediz., Edizioni Tipoarte, Bologna 1997
  • Carlo Degli Esposti, Bologna. Alma mater studiorum. Guida artistica e monumentale, La Fotometalgrafica Italcards, Bologna 1993. ISBN 88-7193-622-1

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]