Elisabetta Sirani

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Elisabetta Sirani in atto di ritrarre il padre. Incisione ottocentesca di Luigi Martelli ricavata da un autoritratto esistente nell'allora Galleria Hercolani di Bologna.

Elisabetta Sirani (Bologna, 8 gennaio 1638Bologna, 28 agosto 1665) è stata una pittrice e incisore italiana, di stile barocco.

La tecnica
«Era tale la velocità e franchezza del suo pennello, ch'ella sembrava più leggiadramente scherzare che dipingere. "Io posso ben dire per verità," dice il Malvasia, "essermi trovato presente più volte che venutole qualche commissione di quadro, presa ben tosto la matita, e giù postone speditamente in due segni su carta bianca il pensiero, (era questo il solito suo modo di disegnare da gran maestro appunto e da pochi praticato, e nemeno dal padre istesso) intinto piccolo pennello in acquarella d'inchiostro ne faceva apparire ben tosto la spiritosa invenzione, che si poteva dire senza segni dissegnata, ombrata, ed insieme lumeggiata tutto in un tempo."»
(Mazzoni Toselli, op. cit., pp. 7-8)

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Giuditta con la testa d'Oloferne, 1658, Burghley House, Stamford.

Elisabetta fu la prima dei quattro figli di Margherita e Giovanni Andrea Sirani, affermato pittore bolognese, primo assistente di Guido Reni e mercante d'arte. Mentre Antonio, il più piccolo e unico figlio maschio, si sarebbe dedicato alla medicina, Elisabetta studiò con le sorelle Barbara e Anna Maria alla scuola paterna dove dimostrò subito talento e maestria realizzando alcuni ritratti già all'età di diciassette anni.

Iniziò la sua attività producendo dipinti di piccole dimensioni commissionati per la devozione privata, i cosiddetti "quadretti da letto". Uno di questi suoi primi lavori è il Sant'Antonio da Padova e Gesù bambino di Cesena, in cui però la mano del padre interviene a dipingere il Cristo infante e il manto del santo.[1] Elisabetta divenne quindi nota per le sue rappresentazioni ispirate a temi sacri (in particolare come pittrice di Madonne) o di natura allegorica, nonché per i ritratti di eroine bibliche o letterarie (da Giuditta a Dalila, da Porzia a Cleopatra). Il dipinto conservato a Cesena nella Fondazione Cassa di Risparmio già dato all'opera di Elisabetta, è da attribuire con certezza al padre Giovanni Andrea Sirani.

La sua tecnica era decisamente inconsueta per il tempo: tratteggiava infatti i soggetti con schizzi veloci e quindi li perfezionava con l'acquarello dimostrando gran disinvoltura o, per usare un termine dell'epoca, con "sprezzatura".[2] In un ambiente come quello artistico, ritenuto una prerogativa maschile e che di conseguenza mal tollerava "l'intrusione" di protagoniste femminili, Elisabetta eseguì in pubblico e alla presenza dei suoi committenti (tra cui figuravano nobili e artistocratici, ecclesiastici e personalità di spicco come alcuni membri della famiglia Medici, la duchessa di Parma e quella di Baviera) una parte delle proprie opere non solo adeguandosi a una diffusa abitudine dell'epoca, ma anche per allontanare qualsiasi sospetto che non fosse una donna a dipingere con tanta bavura e «per sfatare le voci che vedevano il padre furbo "sfruttatore" di una inesistente capacità o abilità della figlia».[3]

Un lavoro "in pubblico"

Sirani virtues.JPGLa Giustizia, la Carità e la Prudenza, 1664, Vignola.

«Tant'era la prontezza nello immaginare la composizione de' quadri, tanta la sicurezza nell'eseguirla che l'aspetto delle illustri persone che andavano a vederla dipingere, anziché intimidirla l'incoraggiava. Alla presenza di Cosimo III lavorava nel quadro ordinatole dal Principe Leopoldo suo zio. In quella tela per alludere alle tre particolari virtù della casa Medici aveva rappresentata la Giustizia assistita dalla Carità e dalla Prudenza; e mentre Cosimo stava a vederla ella presto abbozzovvi tutto il Bambino allattato dalla Carità.»
(Mazzoni Toselli, op. cit., p. 6, che riprende a sua volta il Malvasia, op. cit., p. 474)

Accanto alle tele, fin da giovane la Sirani realizzò anche apprezzate incisioni all'acquaforte ricavate in genere dai suoi quadri.[4] Le sono attribuite all'incirca 200 opere: una quantità ritenuta esagerata nei soli dieci anni in cui lavorò, anche se in verità non se ne conosce il numero reale a parte una lista che lei stessa iniziò a stendere in una fase già piuttosto avanzata della sua pur breve attività.[5]

La "scuola bolognese" e la "scuola delle donne"[modifica | modifica wikitesto]

L'artista fa parte di quello straordinario movimento pittorico barocco comunemente noto come scuola bolognese, ed è entrata a pieno titolo fra i maggiori artisti europei del Seicento. Sotto questo punto di vista, Bologna fu la più prolifica officina italiana di artiste donne, che poterono esprimersi così efficacemente anche grazie alla protezione loro accordata dai rispettivi padri, come fu appunto per Elisabetta ma anche per Lavinia Fontana, figlia di Prospero, o per la romana Artemisia Gentileschi, figlia di Orazio, e la veneziana Marietta Robusti, figlia del Tintoretto e perciò chiamata "la Tintoretta".

Porzia che si ferisce alla coscia, 1664, Ross Miles Foundation, Houston.

Va comunque ricordato che in realtà nella casa e studio dei Sirani (di Giovanni Andrea prima e poi di Elisabetta, che gli subentrò intorno al 1662, quando la podagra e la chiragra gli impedirono di proseguire l'attività) operava una buona bottega di sole donne, tant'è che nelle opere della giovane pittrice è visibile una certa discontinuità, dovuta in alcuni dipinti proprio alla collaborazione delle allieve, mentre in quelli sicuramente autografi è chiara l'eredità ricevuta dall'insegnamento del padre e, attraverso lui, di Guido Reni e, ancor prima, di Raffaello. Successivamente, con l'attenuarsi delle influenze dei suoi maestri, Elisabetta andò sviluppando progressivamente uno stile proprio e indipendente, più naturalistico e realistico, più vicino alla sensibilità del Guercino e della scuola veneta, in cui pare stabilirsi una sorta di dialogo emotivo fra l'artista e il soggetto delle sue opere.

La morte[modifica | modifica wikitesto]

Tra le sue discepole figurava anche Ginevra Cantofoli, divenuta poi famosa non solo per le opere realizzate ma anche per essere stata sospettata di veneficio ai danni della maestra per un'esasperata gelosia d'amore. In verità anche il padre, forse per invidia nei confronti della figlia, fu visto come responsabile della morte di Elisabetta. Nessuno dei tre indagati, compresa la domestica Lucia Tolomelli, fu però accusato formalmente e la pittrice fu dichiarata morta a causa di un'ulcera perforante (peritonite). Mito e supposizioni arbitrarie che però negli anni non si sono mai spenti, anche per la sua prematura scomparsa a soli ventisette anni d'età. Il conte e biografo Carlo Cesare Malvasia, che all'epoca stava scrivendo le vite dei pittori bolognesi poi riunite in Felsina pittrice, quando seppe della morte della sua favorita compose un sentito e accorato necrologio come se gli fosse venuta a mancare una figlia, più che un'analisi critica sulla vita e le opere dell'artista come per tutti gli altri pittori presenti nella sua raccolta.[6]

Iscrizione per la tomba di Guido Reni ed Elisabetta Sirani nella cappella del Rosario della Basilica di San Domenico (Bologna).

Il 29 agosto 1665 fu sepolta, accanto a Guido Reni, nel sepolcro della famiglia Guidotti nella cappella del Rosario della Basilica di San Domenico in Bologna e, alcuni giorni dopo, vennero celebrate le esequie con gran pompa. Poeti e letterati le dedicarono varie composizioni in versi, che Giovanni Luigi Picinardi diede alle stampe insieme alla sua orazione funebre sotto il titolo Il pennello lacrimato,[7] mentre il trentatreenne Bartolomeo Zanicchelli, assiduo frequentatore della scuola dei Sirani da quindici anni, ne fece il ritratto da morta.

La "riscoperta"[modifica | modifica wikitesto]

Dopo un primo, modesto ridestarsi d'interesse nell'Ottocento romantico, che ne privilegiò gli aspetti biografici più "eroici" e patetici, la Sirani ha conosciuto un recente successo di critica dovuto a nuovi studi d'approfondimento sulla sua opera, arricchitasi notevolmente negli ultimi anni, tanto da spingere gli studiosi a diverse pubblicazioni monografiche a poca distanza l'una dall'altra.

Cleopatra, Flint Institute of Arts, Flint (Michigan).

Un primo segnale di rivalutazione si può individuare nel 1947 quando, con la sostituzione dell'ordinamento repubblicano a quello monarchico, a Bologna l'antica "Scuola provinciale femminile di arti e mestieri", già denominata "Istituto femminile di arti e mestieri Regina Margherita" sotto il patronato reale, venne definitivamente intitolata a Elisabetta Sirani.[8] Nel 1994 le è stato dedicato un cratere di 28 km di diametro sul pianeta Venere[9] e, in quello stesso anno, è stato emesso un francobollo raffigurante il suo dipinto Madonna con Bambino di Washington all'interno della tradizionale serie natalizia dello United States Postal Service (la prima volta per l'opera d'arte di una donna).[10]

La prima mostra monografica è datata 1995, mentre la prima monografia moderna è quella curata da Adelina Modesti nel 2004 (op. cit.). Più di recente (luglio 2011), la compagnia teatrale bolognese Il Chiostro ha ripreso, fra storia, mito e leggende popolari, il tema del processo a Lucia Tolomelli per l'avvelenamento di Elisabetta Sirani in L'enigma della tela (un giallo nell'arte), uno spettacolo che combina i toni tragici del giallo con quelli comici della commedia, scritto da Giovanni Gotti ed Eugenio Bortolini che ne è stato anche regista e interprete.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Trionfo di Amore, Collezione M (collezione privata).

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Adelina Modesti, 2012. Sempre a Cesena, un altro suo quadro devozionale è conservato presso la Galleria dei dipinti antichi della Cassa di risparmio della città.
  2. ^ Come accadde ad esempio nel 1658 per Il battesimo di Cristo della chiesa dei certosini di Bologna, l'allora celebratissima Certosa di San Girolamo di Casara (che fa oggi parte del Cimitero Monumentale cittadino). L'episodio è riferito dal Malvasia (op. cit., p. 467), che vi assistette di persona.
  3. ^ Alessandra Doratti, "Elisabetta Sirani (1638-1665)", sul sito Arte Ricerca.
  4. ^ Adam von Bartsch, Catalogue raisonné des estampes gravées à l'eau forte par Guido Reni et de celles de ses disciples Simon Cantarini, dit le pesarese, Jean-André et Elisabeth Sirani, et Laurent Loli, Vienna, Blumauer, 1795.
  5. ^ Cfr. il catalogo delle opere riportato dal Malvasia, op. cit., con il titolo "Nota delle pitture fatte da me Elisabetta Sirani".
  6. ^ Malvasia, op. cit.. Pare che sia stato proprio il canonico bolognese a convincere Giovanni Andrea Sirani delle capacità artistiche della figlia.
  7. ^ Giovanni Luigi Picinardi, Elisabetta Sirani, Lorenzo Tinti e Matteo Borboni, Il pennello lagrimato. Orazione funebre, Bologna, Giacomo Monti, 1665. Ripreso da Valeria Moretti, Il pennello lacrimato, Ancona-Bologna, Il lavoro editoriale, 1990. ISBN 88-7663-155-0.
  8. ^ Dal 1998 la scuola professionale "femminile" è stata aggregata con l'Istituto tecnico industriale Aldini Valeriani a formare gli "Istituti Aldini Valeriani e Sirani".
  9. ^ (EN) "Sirani on Venus", sul sito Gazetteer of Planetary Nomenclature dell'Unione Astronomica Internazionale. URL consultato in data 24 settembre 2012.
  10. ^ (EN) Jone Johnson Lewis, "Elisabetta Sirani", in Women's History su About.com Guide.
  11. ^ "Madonna col Bambino e San Giovannino, Elisabetta Sirani", su RomagnaLive.
  12. ^ "Pistoia, Chiesa di San Francesco", sul sito Agenzia per il turismo Abetone Pistoia Montagna pistoiese.
  13. ^ Descrizione e immagine on line.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Carlo Cesare Malvasia, Felsina pittrice. Vite de' pittori bolognesi, Bologna, Erede di Domenico Barbieri, 1678, vol. 2º, pp. 467–479.
  • Gaetano Giordani, "Notizie sulle Pittrici bolognesi", in Almanacco storico-statistico di Bologna, anno III 1832, Bologna, Nobili & C., 1832.
  • Ottavio Mazzoni Toselli, Di Elisabetta Sirani pittrice bolognese e del supposto veneficio onde credesi morta nell'anno XXVII di sua età. Racconto storico, Bologna, Tipografia del Genio, 1833. Il volume è consultabile anche su Google Libri.
  • Fiorella Frisoni, "La vera Sirani", in Paragone, n. 29 (1978), pp. 3–18.
  • Fiorella Frisoni, "Elisabetta Sirani", in Emilio Negro e Massimo Pirondini (a cura di), La Scuola di Guido Reni, Modena, Artioli, 1992, pp. 343–364. ISBN 88-7792-028-9.
  • (EN) Jane Turner (a cura di), The Dictionary of Art, New York, Grove, 1996, vol. 28º, pp. 787–788. ISBN 1-884446-00-0.
  • Jadranka Bentini e Vera Fortunati Pietrantonio (a cura di), Elisabetta Sirani. Pittrice eroina, 1638-1665 (catalogo della mostra tenutasi a Bologna nel 2004-2005), Bologna, Compositori, 2004. ISBN 88-7794-466-8.
  • Beatrice Buscaroli Fabbri e Davide Rondoni, Il veleno, l'arte. Storia vera e teatrale di Elisabetta Sirani pittrice, Genova, Marietti, 2004. ISBN 978-88-211-7745-3.
  • Adelina Modesti, Elisabetta Sirani. Una virtuosa del Seicento bolognese (prefazione di Vera Fortunati Pietrantonio), Bologna, Compositori, 2004. ISBN 88-7794-445-5.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 39620197 LCCN: n97004180 SBN: IT\ICCU\UBOV\499818