Réginald Garrigou-Lagrange

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Réginald Garrigou-Lagrange

Réginald Garrigou-Lagrange (Auch, 21 febbraio 1877Roma, 15 febbraio 1964) è stato un religioso domenicano francese, considerato uno dei più grandi teologi neotomisti cattolici del XX secolo.

Nasce da una famiglia illustre e sin da ragazzo dimostra particolari doti intellettuali. Dopo gli studi superiori s'iscrive all'università per diventare medico. Nel 1897, all'età di vent'anni, ancora studente di medicina a Bordeaux, legge un libro di Ernest Hello, L’uomo e il suo bisogno di Dio, che si rivela decisivo per la sua vocazione sacerdotale e religiosa. La dottrina della Chiesa Cattolica gli appare come Verità assoluta su Dio, la sua vita intima, l'uomo, la sua origine, il suo destino soprannaturale. Se Gesù Cristo è la Verità assoluta, allora decide di dedicargli tutta la vita. Entra come novizio nell'ordine domenicano, nel convento di Amiens, assumendo il nome religioso di fra Reginaldo, come il più dòtto tra i primi discepoli di san Domenico di Guzmán.

Il 30 aprile 1900 pronuncia i voti religiosi solenni e il 28 settembre 1902, a venticinqu'anni, è ordinato sacerdote. Nel 1904 studia alla Sorbona di Parigi per conseguire la licenza in lettere e filosofia. Nel 1905 già insegna storia della filosofia, e nel 1906 teologia dommatica al Saulchoir (lo scolasticato dei domenicani francesi, allora in Belgio), a dimostrazione delle sue non comuni qualità intellettuali e speculative.

Nel 1909 padre Reginaldo Garrigou-Lagrange è chiamato a Roma per insegnare al Collegio Internazionale Angelicum, fondato da non molto. Per più di mezzo secolo sarà un professore sempre più prestigioso, insegnando metafisica, teologia fondamentale e diversi trattati di teologia dommatica. Nel 1917 fonda la cattedra di ascetica e mistica, discipline che egli stesso insegnerà fino al 1959.

Si dedica dunque allo studio, ma non dimentica di essere un religioso, sicché unisce la preghiera e l'attenzione ai poveri alla ricerca scientifica e all'insegnamento, nonché alla cura d'anime, non sottraendosi al servizio della direzione spirituale.

Il frutto della sua operosità scientifica sono ventitré grandi opere teologiche e seicento poderosi articoli, pubblicati tra il 1904 e il 1960.

Nel 1960, al termine della sua attività accademica, si ritira nel convento di Santa Sabina, fondato a Roma dallo stesso san Domenico, sull'Aventino. Morirà dopo un periodo di malattia e particolare sofferenza, il 15 febbraio 1964.

Opere pubblicate[modifica | modifica sorgente]

(vengono riportati solo i libri pubblicati, nell'anno della I ed. francese/latina)

  • Il senso comune, la filosofia dell'essere e le formule dogmatiche (1909)
  • Dio. Sua esistenza e sua natura (1915)
  • La Rivelazione. Come e' proposta dalla Chiesa Cattolica (1918)
  • Perfezione cristiana e contemplazione. Secondo la dottrina di S. Tommaso d'Aquino e S. Giovanni della Croce (1923)
  • L'amore di Dio e la Croce di Gesu'. Studio di teologia mistica sul problema dell'amore e le purificazioni passive in accordo ai principi di S. Tommaso d'Aquino e la dottrina di S. Giovanni della Croce (1929)
  • La Provvidenza e la fiducia in Dio. Fedelta' e abbandono (1932)
  • Il realismo del Principio di causalita' (1932)
  • Le tre conversioni e le tre vie (1933)
  • Il senso del Mistero ed il chiaroscuro intellettuale. Natura e Soprannaturale (1934)
  • Il Salvatore ed il Suo amore per noi (1934)
  • La predestinazione dei santi e la Grazia. La dottrina di S. Tommaso comparata agli altri sistemi teologici (1936)
  • Introduzione allo studio di Dio. Schemi di lezioni (1937)
  • Madre Maria di Gesu'. Fondatrice della Compagnia della Vergine (1937)
  • L'unita' di Dio. Commento alla prima parte della Somma teologica (1938)
  • Le tre eta' della vita interiore. Preludio a quella del cielo. Trattato di teologia ascetica e mistica (1938)
  • Dio accessibile a tutti (1941)
  • La Madre del Salvatore e la nostra vita interiore (1941)
  • La Trinita' e La Creazione. Commento alla Somma teologica qq. 27-119 (1943)
  • L'Eucarestia e Questioni dogmatiche sulla Penitenza. Commento alla Somma teologica (1943)
  • Cristo Salvatore. Commento alla terza parte della Somma teologica (1945)
  • Attualità ed essenza del tomismo (1946)
  • La Grazia. Commento alla Somma teologica I-II qq. 109-114 (1946)
  • La santificazione del sacerdote, secondo le necessità dei nostri tempi (1946)
  • La sintesi tomista (1946)
  • La vita eterna e la profondità dell'anima (1947)
  • L'unione del sacerdote con Cristo sacerdote e vittima. Corso di teologia spirituale per sacerdoti (1948)
  • Le virtu' teologiche. Commento alla Somma teologica I-II qq. 62.65 e II-II qq. 1-46 (1948)
  • Madre Maria di Gesu' Deluil-Martiny. Fondatrice della Societa' dei Figli del Cuore di Gesu' (1949)
  • La beatitudine, gli atti umani e l'ambiente. Commento alla Somma teologica I-II qq. 1-54 (1951)

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 28404 LCCN: n88631617