Ray Liotta

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Raymond Allen "Ray" Liotta (Newark, 18 dicembre 1954Santo Domingo, 26 maggio 2022[1][2][3]) è stato un attore statunitense.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

A soli 6 mesi viene adottato dalla famiglia Vidimarli-Liotta.[4] Anche sua sorella Linda è stata adottata. Nel complesso, Liotta ha un fratellastro, cinque sorellastre e una sorella.[5] Frequenta la "University of Miami" (si paga i corsi lavorando in un cimitero), dove stringe amicizia con l'attore Steven Bauer, a cui dovrà in seguito il primo ruolo importante della sua carriera cinematografica. Lavora infatti in soap opera, film tv e musical, in ruoli sempre diversi, finché nel 1986, grazie all'allora moglie di Bauer, Melanie Griffith, ottiene il ruolo di Ray Sinclair in Qualcosa di travolgente, dove interpreta il ruolo dell'ex marito psicotico e violento di Lulù, interpretata dalla stessa Griffith, e che gli frutta una candidatura al Golden Globe come miglior attore non protagonista.

Dopo quest'esordio, Liotta rifiuta interpretazioni simili per accettare ruoli anche minori in commedie e thriller, quali Nick e Gino e L'uomo dei sogni. Nel 1990 Martin Scorsese lo vuole per il film Quei bravi ragazzi nel ruolo del protagonista (Henry Hill), un italo-irlandese che cerca di fare strada nella mafia americana, ruolo che lo impone su pubblico e critica e che fa apprezzare le sue doti di attore carismatico; dopo questa interpretazione, per non diventare un caratterista, sceglie ancora una volta ruoli diversi: un poliziotto maniaco in Abuso di potere, un vedovo che scrive jingle pubblicitari in Una moglie per papà, un militare ribelle in Fuga da Absolom.

Nonostante la sua popolarità sia legata soprattutto ai primi anni novanta, che lo vedono emergere come sex symbol, Liotta continua a lavorare con registi come Guy Ritchie (Revolver), Ridley Scott (Hannibal) e Ted Demme (Blow). Ha dato la voce a Tommy Vercetti, protagonista del videogioco GTA Vice City e ha inoltre dato il volto al personaggio Billy Handsome nella modalità Zombie del videogioco Call of Duty: Black Ops II. Il 12 agosto 2014 appare come protagonista nel video Lovers on the Sun di David Guetta sul canale del DJ stesso.

Liotta è morto nel sonno all'età di 67 anni il 26 maggio 2022 a Santo Domingo, nella Repubblica Dominicana, dove si era recato per girare il film Dangerous Waters.[3]

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Nel febbraio del 1997 Liotta sposò la produttrice Michelle Grace e nel dicembre del 1998 nacque la loro figlia Karsen; nel 2004 la coppia divorziò. Dal 2007 al 2011 l'attore ebbe una relazione con l'attrice Catherine Hickland. Si fidanzò poi con Jacy Nittolo.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Golden Globe
Premio Emmy
Screen Actors Guild Award
Boston Society of Film Critics
National Society of Film Critics

Altri premi[modifica | modifica wikitesto]

Doppiatori italiani[modifica | modifica wikitesto]

Nelle versioni in italiano dei suoi film, Ray Liotta è stato doppiato da:

Da doppiatore è sostituito da:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Actor Ray Liotta dies in Santo Domingo, where he was filming a movie, su dominicantoday.com, 26 maggio 2022. URL consultato il 26 maggio 2022.
  2. ^ Morto Ray Liotta, recitò in Quei bravi ragazzi, in ANSA, 26 maggio 2022. URL consultato il 26 maggio 2022.
  3. ^ a b (EN) Mike Fleming Jr, ‘Goodfellas’ Star Ray Liotta Dies at 67, su deadline.com, 26/05/2022. URL consultato il 26 maggio 2022.
  4. ^ (EN) Ray Liotta on 'Goodfellas,' mob movies, Jersey and more, in NJ.com. URL consultato il 22 settembre 2018.
  5. ^ (EN) Ray Liotta Filmed 'The Identical' Because of His Own Adoption Experience, in The Hollywood Reporter. URL consultato il 22 settembre 2018.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN85558940 · ISNI (EN0000 0001 1476 6259 · LCCN (ENn90700088 · GND (DE142105791 · BNE (ESXX1169461 (data) · BNF (FRcb140284721 (data) · J9U (ENHE987007330033505171 · CONOR.SI (SL29438307 · WorldCat Identities (ENlccn-n90700088