Francileudo Santos

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Francileudo Santos
Nazionalità Brasile Brasile
Tunisia Tunisia (dal 2004)
Altezza 172 cm
Peso 70 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Attaccante
Squadra Étoile du Sahel
Carriera
Giovanili
Sampaio Corrêa
Squadre di club1
1996-1998 Standard Liegi 7 (0)
1998-2000 Étoile du Sahel 50 (32)
2000-2005 Sochaux 144 (53)
2005-2007 Tolosa 29 (5)
2007 Zurigo 12 (4)
2007-2008 Tolosa 5 (2)
2008-2009 Sochaux 15 (2)
2009-2010 Istres 16 (3)
2010- Étoile du Sahel 37 (3)
Nazionale
2004-2008 Tunisia Tunisia 40 (22)
Palmarès
Coppa Africa.svg Coppa d'Africa
Oro Tunisia 2004
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 29 maggio 2012

Francileudo dos Santos Silva (Zé Doca, 20 marzo 1979) è un calciatore brasiliano naturalizzato tunisino, attaccante dell'Istres e della Nazionale tunisina.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Francileudo Santos comincia la propria carriera professionistica nello Standard Liegi, che lo acquista dal Sampaio Corrêa il 23 gennaio 1996 dopo che l'osservatore Raimundinho lo aveva conosciuto e consigliato al club belga[1]. L'esordio in prima squadra avviene però solo un anno dopo, il 16 febbraio 1997, scendendo in campo nella sconfitta per 4-0 della propria squadra contro il Germinal Ekeren[2]. Nelle stagioni a cavallo tra il 1996 e il 1998, Santos colleziona sette sole presenze in campionato, non riuscendo così ad imporsi nella formazione belga.

Nell'estate del 1998 passa quindi ai tunisini dell'Étoile du Sahel, allenati in quel periodo da Jean Fernandez, lo scopritore di Zinédine Zidane[1]. Con la nuova maglia diventa presto titolare mettendo a segno trentadue reti in cinquanta gare di campionato fra il 1998 ed il 2000, diventando anche capocannoniere alla sua prima stagione tunisina con diciotto gol in ventidue incontri.

Nell'estate del 2000 passa ai francesi del Sochaux in Division 2, dove ritrova l'allenatore Fernandez che era passato alla società transalpina una stagione prima di lui. Con la nuova maglia conquista subito la promozione in Division 1 e diventa capocannoniere del campionato di seconda divisione francese segnando ventuno reti in trentuno partite disputate, guadandosi così anche il titolo di miglior giocatore della stagione. Le due stagioni successive disputate in Division 1 sono difficili per il calciatore di origini brasiliane, che a causa di un infortunio e di una crisi di fiducia viene limitato nel rendimento e nel numero di gol segnati, tuttavia nel campionato 2003-2004 Santos ritorna a segnare con continuità, andando a segno dieci volte nelle prime sedici partite di campionato[1] e conquistando con i compagni la Coupe de la Ligue nella finale vinta ai calci di rigore contro il Nantes[3].

Dopo cinque stagioni con la maglia del Sochaux, durante le quali si guadagna il soprannome di "Bip-Bip" da parte dei suoi compagni di squadra per la sua agilità con il pallone fra i piedi[4], nell'estate del 2005 Santos passa al Tolosa per una cifra pari a 3,25 milioni di euro[5] firmando un contratto triennale. Dopo una prima stagione conclusa con cinque reti in venticinque partite, Santos patisce un infortunio con la Nazionale tunisina durante il periodo dei Mondiali in Germania che lo tiene lontano dai campi di gioco per alcuni mesi. Al ritorno disputa quattro partite di campionato per poi essere ceduto in prestito allo Zurigo durante la sessione invernale di calciomercato[6], dove con quattro reti in dodici partite partecipa alla vittoria della sua squadra nel campionato svizzero. Nell'estate del 2007 torna poi dal prestito per giocare nuovamente con il Tolosa.

Al termine della stagione, passa a parametro zero al Sochaux.

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Dopo le due stagioni giocate nell'Étoile du Sahel, Francileudo Santos riceve nel 2000 un'offerta da parte della federazione calcistica della Tunisia per ottenere la cittadinanza e di conseguenza giocare per la relativa Nazionale. Santos decide in un primo momento di rifiutare l'offerta, salvo poi ripensarci e accettarla alla fine del 2003, poco prima dell'inizio della Coppa d'Africa 2004[7].

L'esordio in Nazionale avviene in una amichevole disputata a Sfax contro il Benin il 17 gennaio 2004, quando mette a segno anche una rete nella vittoria per 2-1 della propria squadra[8]. Poche settimane dopo prende parte anche alla Coppa d'Africa disputatasi nella stessa Tunisia e vinta dalla Nazionale di casa dopo la finale contro il Marocco, dove una delle due reti che portano i locali al successo per 2-1 è messa a segno proprio da Santos.

Entrato stabilmente nel giro della Nazionale, Santos successivamente partecipa anche alla FIFA Confederations Cup 2005 (la prima disputata dai nordafricani) ed ai Mondiali in Germania dell'anno successivo, senza però che la propria nazionale riuscisse a superare in entrambi i casi la fase a gironi dei tornei. Nelle edizioni del 2006 e del 2008 della Coppa d'Africa si ferma invece con la Tunisia ai quarti di finale.

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Presenze e reti nei club[modifica | modifica wikitesto]

Aggiornate al 7 febbraio 2008.

Stagione Squadra Campionato
Comp Pres Reti
1995-96 Belgio Standard Liegi DI 0 0
1996-97 DI 2 0
1997-98 DI 5 0
1998-99 Tunisia Étoile du Sahel CLP-1 22 18
1999-00 CLP-1 28 14
2000-01 Francia Sochaux D2 31 21
2001-02 D1 22 1
2002-03 L1 31 8
2003-04 L1 29 14
2004-05 L1 31 9
2005-06 Francia Tolosa L1 25 5
2006-07 L1 4 0
2006-07 Svizzera Zurigo SL 12 4
2007-08 Francia Tolosa L1 2 0

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Sochaux: 2000-2001
Sochaux: 2003-2004
Zurigo: 2006-2007

Competizioni internazionali[modifica | modifica wikitesto]

Étoile du Sahel: 1999

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

2004

Individuale[modifica | modifica wikitesto]

1998-1999
2000-2001
2004

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c (FR) Francileudo Dos Santos. L'efficacité avant tout, rfi.fr, 5 febbraio 2004. URL consultato il 7 febbraio 2008.
  2. ^ (EN) STANDARD DE LIEGE vs Germinal Ekeren[collegamento interrotto], standardliege.be. URL consultato il 7 febbraio 2008.
  3. ^ (FR) Il tabellino di Nantes-Sochaux, lfp.fr. URL consultato il 7 febbraio 2008 (archiviato dall'url originale il 9 giugno 2010).
  4. ^ (FR) Biographie de Francileudo Santos, foot.fluctuat.net. URL consultato il 7 febbraio 2008 (archiviato dall'url originale il 26 dicembre 2007).
  5. ^ (PT) Nove brasileiros defendem outras seleções no Mundial, dw-world.de, 9 giugno 2006. URL consultato il 7 febbraio 2008.
  6. ^ (EN) Santos seals Zurich loan, Sky Sports. URL consultato il 7 febbraio 2008.
  7. ^ (EN) Tunisia naturalise Brazilian[collegamento interrotto], BBC Sport, 14 dicembre 2003. URL consultato il 7 febbraio 2008.
  8. ^ (EN) Tunisia 2-1 Benin, BBC Sport, 18 gennaio 2004. URL consultato il 7 febbraio 2008.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]