Christian Riganò

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Christian Riganò
Christian Riganò.jpg
Riganò al Levante nella stagione 2007-2008
Nazionalità Italia Italia
Altezza 190 cm
Peso 94 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Allenatore (ex attaccante)
Ritirato 2015 - giocatore
Carriera
Giovanili
Terme San Calogero Terme San Calogero
Lipari
Squadre di club1
1992-1997Lipari99 (37)
1997-1998Messina29 (3)
1998-2000Igea Virtus50 (28)
2000-2002Taranto64 (41)[1]
2002-2005Fiorentina94 (57)
2005-2006Empoli33 (5)
2006Fiorentina0 (0)
2006-2007Messina27 (19)
2007-2008Levante13 (4)
2008Siena17 (1)
2008-2009Ternana5 (0)
2009-2010Cremonese7 (1)
2010-2011Rondinella8 (10)
2011Jolly e Montemurlo Jolly Montemurlo SSD11 (10)
2011-2012Audax Montevarchi Audax Montevarchi16 (22)
2013Benaco Bardolino Benaco Bardolino5 (4)
2013-2014Settignanese16 (16)
2015600px Bianco e Celeste (Strisce).svg Incisa1+ (2+)
Carriera da allenatore
2013-2014SettignaneseGiovanili
2015-2017600px Bianco e Celeste (Strisce).svg Incisa
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Christian Riganò (Lipari, 25 maggio 1974) è un allenatore di calcio ed ex calciatore italiano, di ruolo attaccante.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

È Nato a Lipari in provincia di Messina, dove ha iniziato la sua carriera, seppur a livelli dilettantistici, lavorando fino all'età di 25 anni come muratore.[2][3] Come affermerà lui stesso in seguito, si adattò a fare più mestieri, riuscendo ad allenarsi al Lipari durante il tempo libero.[2] Un giorno decise di passare al calcio professionistico, con la certezza che se la sua avventura tra i professionisti fosse andata male avrebbe ritrovato il lavoro svolto in precedenza.[2]

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

Era un attaccante completo,[4] abile di testa e bravo tecnicamente, in grado di far salire la squadra e di fare reparto da solo.[4] Forte fisicamente,[4] era un giocatore capace di giocare per la squadra ed in grado di mettere i propri compagni in condizione di segnare.[4] Nel suo repertorio rientravano il senso del goal[3] e l'abilità nel tiro dagli undici metri.[5]

Iniziò la sua carriera nel ruolo di difensore;[4] un giorno sostituì il centravanti titolare del Lipari, assente per infortunio, segnando la rete della vittoria, diventando così attaccante.[4][6]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Gli inizi[modifica | modifica wikitesto]

Ha iniziato la sua carriera calcistica nei dilettanti in una squadra minore della sua città, il Terme San Calogero,[7] per poi passare al Lipari, dove è rimasto per quattro stagioni.

Seguono le esperienze con il Messina e l'Igea Virtus, tra i dilettanti.

Passò poi al Taranto, dove al primo anno ottenne la promozione in Serie C1 segnando 14 reti, mentre nel secondo mise a segno 27 reti in 33 partite, ottenendo il titolo di capocannoniere del campionato e trascinando la squadra verso la promozione in Serie B, sfumata nella finale play-off persa contro il Catania.[8]

A Firenze dalla Serie C2 alla Serie A[modifica | modifica wikitesto]

Riganò con la maglia della Florentia Viola

L'anno successivo scese in Serie C2, passando alla Florentia Viola, l'erede della vecchia Fiorentina. Esordì con i toscani il 15 settembre 2002 nella partita vinta 5-1 contro il Castel di Sangro, mettendo a segno una doppietta.[9] Terminò la stagione, conclusa con la vittoria del campionato, con 30 reti segnate in 32 presenze, vincendo la classifica cannonieri del campionato di Serie C2.

Il 20 agosto 2003 la squadra venne ripescata in Serie B.[10] Concluderà l'annata, segnando 23 reti in 44 partite, ottenendo la promozione nella massima serie, in seguito allo spareggio contro il Perugia,[11] al quale non prese parte a causa di un infortunio ai flessori della coscia destra, rimediato in precedenza contro il Torino.[12]

Promosso a capitano viola, il 1º settembre 2004 segnò contro l'Hellas Verona una doppietta, decisiva per superare il turno in Coppa Italia.[13] Esordì in Serie A undici giorni dopo,[14] nella sconfitta sul campo della Roma:[15] la sua partita durò meno di 25', dovendo lasciare il terreno di gioco per un infortunio muscolare.[15][16] Il 13 ottobre prolungò il suo contratto fino al 2007.[17]

Rientrò in campo il 14 novembre contro il Livorno (1-1 il finale), sostituendo Hidetoshi Nakata al 15' della ripresa e siglando il suo primo gol in Serie A, che valse il pareggio gigliato con un colpo di testa su un tiro-cross di Fabrizio Miccoli.[18] Chiuderà la sua prima stagione nella massima serie con un bottino di 18 presenze e 4 reti segnate, anche a causa dei continui infortuni subiti che ne limitarono il rendimento.[19]

Finito ai margini della rosa in quanto chiuso dagli altri attaccanti, a cui si aggiungerà anche Luca Toni (simile a lui per caratteristiche tecniche[20]), il 30 agosto 2005 venne ceduto in prestito all'Empoli,[21] dove segnò 5 reti in 33 presenze.

Messina[modifica | modifica wikitesto]

Il 24 agosto 2006 passò a titolo gratuito[22] al Messina, firmando un contratto biennale.[23][24] Esordì con i siciliani da titolare il 10 settembre nella partita vinta 1-0 contro l'Udinese, venendo sostituito al 62' da Edgar Álvarez.[25] Mise a segno la sua prima rete in campionato la settimana seguente contro l'Ascoli, superando Gianluca Pagliuca con un colpo di testa su cross di Alessandro Parisi.[26]

Tre giorni dopo fu l'autore della doppietta (la prima per lui in massima serie) che consentì ai giallorossi di battere la Reggina 2-0 nel Derby dello Stretto.[27] Il 3 dicembre, nel corso della partita disputata contro la Sampdoria, riportò una lesione all'adduttore della gamba sinistra, rimanendo fermo un mese.[28][29]

Terminò la stagione, conclusasi con la retrocessione in Serie B, con 19 reti segnate in 27 presenze, stabilendo il proprio record personale di reti in Serie A e diventando il giocatore più prolifico nel campionato di massima serie nella storia del Messina.[30]

L'esperienza spagnola ed il ritorno in Italia[modifica | modifica wikitesto]

Riganò al Montevarchi

Nonostante fosse stato definito il suo trasferimento al Livorno,[31][32] il 28 agosto 2007 firmò un contratto biennale, con opzione di rinnovo per un terzo anno, con il Levante, dove ritrovò l'ex compagno di squadra Marco Storari. Il calciatore riceverà un ingaggio di 1,2 milioni di euro annui.[33][34]

Dopo aver disputato 14 partite mettendo a segno 4 reti (inclusa una tripletta segnata contro l'Almería[35]), il 16 gennaio 2008 fece ritorno in Italia, passando in prestito al Siena.[36][37] Con i toscani segnò solo una rete,[38] rientrando poi in Spagna.

Rescisso il contratto con gli spagnoli,[39] il 1º settembre 2008 firmò con la Ternana, in Lega Pro Prima Divisione.[40] Finito ai margini della rosa, anche a causa di una scarsa condizione atletica,[41] il 2 febbraio venne ceduto a titolo definitivo alla Cremonese,[42] dove segnò una rete in 8 gare.

Rimasto svincolato, il 5 dicembre 2010 firmò con la Rondinella, in Promozione.[43] Esordì con la nuova maglia tre giorni dopo in Rondinella-Larcianese (3-4, dcr), partita valida per i quarti di finale della Coppa Italia Promozione, subentrando al 54' della seconda metà di gioco.[44][45]

Dopo aver segnato 10 reti in 9 presenze, il 25 agosto 2011 firmò con il Jolly e Montemurlo, squadra militante in Eccellenza.[46] Nonostante avesse segnato 10 reti in 11 apparizioni, nel mese di dicembre rescisse il contratto con i toscani, poiché il presidente della società pratese gli aveva comunicato l'intenzione di ridimensionare la squadra.[47]

Il 16 dicembre passò all'Audax Montevarchi, in Seconda Categoria.[48] Mise subito a segno due reti all'esordio contro il Santafiora (vittoria per 4-0).[49] Concluse l'annata con 16 presenze e 22 reti, di cui 4 all'ultima giornata, nuovamente contro il Santafiora.[50] Terminata la stagione non riuscì a trovare un accordo per il rinnovo, rimanendo svincolato.[51]

Il 5 aprile 2013 venne ingaggiato dal Benaco Bardolino, squadra veneta di Promozione.[52][53] Esordì in campionato due giorni più tardi contro l'Alba Borgo Roma, siglando una doppietta (vittoria per 2-0).[54] Terminò l'esperienza con i veneti segnando 4 reti in 5 apparizioni.

Terminata l'esperienza con i veneti iniziò a giocare nella squadra delle Glorie Viola, composta da ex giocatori della Fiorentina.[55][56]

Il 1º agosto 2013 raggiunse un accordo con la Settignanese, militante in Prima Categoria Toscana. Contribuì inoltre a curare la "Scuola calcio" della società, per la quale lavorava sul campo tre volte a settimana, insieme a Roberto Galbiati, Mario Faccenda e Gianmatteo Mareggini.[57] Si svincolò dalla società il 16 dicembre 2014.[58]

Il 15 gennaio 2015 passò all'Ideal Club Incisa, squadra di Incisa in Val d'Arno militante in Prima Categoria girone C.[59] Al termine della stagione si ritirò dal calcio giocato.

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Cominciò ad allenare nelle giovanili della Settignanese nella stagione 2013-2014, continuando la carriera di calciatore a livello dilettante. Dal 2011 fino al 2013 gli venne rifiutata più volte la partecipazione al corso per ottenere il patentino di allenatore di Serie A che si tiene a Coverciano perché non in possesso dei requisiti necessari, come dichiarato dallo stesso eoliano a Radiotoscana.[60][61] Nel settembre 2014 venne accolta la sua richiesta di partecipazione, ed a luglio 2015 ottenne il patentino di allenatore.[62]

Nell'ottobre 2015 è diventato l'allenatore dell'Ideal Club Incisa, in Prima Categoria.[63] È rimasto alla guida della squadra per due stagioni.[64]

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Presenze e reti nei club[modifica | modifica wikitesto]

Durante la carriera, ha giocato più di 520 incontri segnando più di 273 gol, alla media di 0,53 gol a partita. Ha giocato in quasi tutti i livelli del calcio italiano, dalla Seconda Categoria alla Serie A.

Statistiche aggiornate al 23 febbraio 2014.

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe continentali Altre coppe Totale
Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Pres Reti
1993-1994 Italia Lipari Ecc. 25 15 - - - - - - - - - 25 15
1994-1995 Ecc. 24 7 - - - - - - - - - 24 7
1995-1996 Prom. 26 3 - - - - - - - - - 26 3
1996-1997 Ecc. 24 12 - - - - - - - - - 24 12
Totale Lipari 99 37 - - - - - - 99 37
1997-1998 Italia Messina CND 29 3 - - - - - - - - - 29 3
1998-1999 Italia Igea Virtus CND 22 11 - - - - - - - - - 22 11
1999-2000 CND 28 17 CI-D 0 0 - - - - - - 28 17
Totale Igea Virtus 50 28 0 0 - - - - 50 28
2000-2001 Italia Taranto C2 31 14 CI-C 1 1 - - - - - - 32 15
2001-2002 C1 33+4[65] 27+1[65] CI-C 4 5 - - - - - - 41 34
ago. 2002 C1 - - CI+CI-C 1+0 0 - - - - - - 1 0
Totale Taranto 64+4 41+2 6 6 - - - - 74 48
ago. 2002-2003 Italia Fiorentina C2 32 30 CI-C 0 0 - - - - - - 32 30
2003-2004 B 44 23 CI-C 2 3 - - - - - - 46 26
2004-2005 A 18 4 CI 3 2 - - - - - - 21 6
2005-2006 Italia Empoli A 33 5 CI - - - - - - - - 33 5
ago. 2006 Italia Fiorentina A - - CI 1 0 - - - - - - 1 0
Totale Fiorentina 94 57 6 5 - - - - 100 62
ago. 2006-2007 Italia Messina A 27 19 CI 0 0 - - - - - - 27 19
ago. 2007 B 0 0 CI 1 0 - - - - - - 1 0
Totale Messina 56 22 1 0 - - - - 57 22
ago. 2007-gen. 2008 Spagna Levante PD 13 4 CR 1 0 - - - - - - 14 4
gen.-giu. 2008 Italia Siena A 17 1 CI - - - - - - - - 17 1
set. 2008-gen. 2009 Italia Ternana 1D 5 0 CI-LP 1 1 - - - - - - 6 1
gen.-giu. 2009 Italia Cremonese 1D 7 1 CI+CI-LP 0+1 0 - - - - - - 8 1
dic. 2010-2011 Italia Rondinella Prom. 8 10 CI-P 1 0 - - - - - - 9 10
ago.-dic. 2011 Italia Jolly e Montemurlo Ecc. 11 10 CI-T 2 1 - - - - - - 13 11
dic. 2011-2012 Italia Audax Montevarchi 2° Cat. 16 22 - - - - - - - - - 16 22
apr.-giu. 2013 Italia Benaco Bardolino Prom. 5 4 - - - - - - - - - 5 4
2013-2014 Italia Settignanese 1° Cat. 16 16 CI-T 2 0 - - - - - - 18 16
Totale carriera 494+4 257+2 21 12 - - - - 519 271

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni regionali[modifica | modifica wikitesto]

Lipari: 1995-1996

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Messina: 1997-1998
Igea Virtus: 1999-2000
Taranto: 2000-2001
Florentia Viola: 2002-2003

Individuale[modifica | modifica wikitesto]

2001-2002 (27 gol)
2002-2003 (30 gol)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ 68 (43) se si comprendono i play-off.
  2. ^ a b c Giuseppe Calvi, Riganò spettacolo infinito, in gazzetta.it, 18 gennaio 2002. URL consultato il 4 febbraio 2010.
  3. ^ a b DIO PERDONA, RIGA NO, su matteogatto.vpost.it.
  4. ^ a b c d e f Riganò, l'ex muratore di Lipari adesso sogna la maglia azzurra, su ricerca.repubblica.it.
  5. ^ RIGANÒ NUOVO RIGORISTA DEL SIENA?, su cuorebianconero.it (archiviato dall'url originale il 4 marzo 2016).
  6. ^ Lipari, Christian Riganò, un "bomber" con il gol nel sangue [collegamento interrotto], su notiziariodelleeolie.myblog.it.
  7. ^ Sangiovannese, idea Riganò, su tuttolegapro.com.
  8. ^ «Io dico Taranto» Parola di Riganò (PDF), su tarantosupporters.com.
  9. ^ FLORENTIA-CASTEL DI SANGRO 5-1 Tornano i gol al 'Franchi' [collegamento interrotto], su qn.quotidiano.net.
  10. ^ Figc: serie B a 24 squadre con la Fiorentina, su corriere.it.
  11. ^ Firenze torna in A Perugia sprofonda in B, su repubblica.it.
  12. ^ Calcio: Fiorentina senza Riganò nello spareggio di andata con il Perugia, su nove.firenze.it, 16 giugno 2004.
  13. ^ Giuseppe Calabrese, Riganò e Portillo che intesa, in la Repubblica, 2 settembre 2004, p. 6.
  14. ^ Giuseppe Calabrese, Viola all'attacco, senza paura all'Olimpico, in la Repubblica, 12 settembre 2004, p. 11.
  15. ^ a b La Roma dei giovani parte bene Fiorentina battuta all'Olimpico, su repubblica.it, 12 settembre 2004.
  16. ^ Riganò, che batosta: fuori un mese Nuovo infortunio alla coscia de stra, ma non è lo stesso punto leso a giugno, su cerca.unita.it (archiviato dall'url originale il 2 gennaio 2015).
  17. ^ Riganò: con la Fiorentina sino al 2007, su corriere.com.
  18. ^ Un gol per parte nel derby toscano A Riganò risponde Lucarelli, su repubblica.it.
  19. ^ Che fare con Riganò?, su fiorentina1926.giovani.it.
  20. ^ Fiorentina, Riganò non ci sta: "Voglio giocarmela qui ugualmente", su tuttomercatoweb.com.
  21. ^ UFFICIALE: Riganò all'Empoli, su tuttomercatoweb.com.
  22. ^ Ufficiale: Di Loreto al Torino e Riganò al Messina. Ciao Bomber!, Fiorentina.it, 24 agosto 2006. URL consultato l'11 giugno 2008.
  23. ^ UFFICIALE: Riganò al Messina, su tuttomercatoweb.com.
  24. ^ Riganò riabbraccia la sua Messina, su tuttomercatoweb.com.
  25. ^ Giordano debutta in A con una vittoria Troppe assenze, l'Udinese è ko, su repubblica.it.
  26. ^ Il Messina "rischia" di vincere ma l'Ascoli non molla, su repubblica.it.
  27. ^ Festival di Riganò, Messina secondo la Reggina perde derby e fiducia, su repubblica.it.
  28. ^ Messina: tegola per Giordano, Riganò torna nel 2007, su tuttomercatoweb.com.
  29. ^ Tegolone per Giordano, Riganò un mese fuori, su ilsole24ore.com.
  30. ^ Messina, Riganò ribadisce: Pronto a restare solo se lotteremo da subito per la A, su tuttomercatoweb.com.
  31. ^ Spinelli promette battaglia: "Riganò è del Livorno", su tuttomercatoweb.com.
  32. ^ Messina, pasticcio Riganò. Gasperini: "Non l'abbiamo ceduto al Levante", su tuttomercatoweb.com.
  33. ^ Riganò ha firmato con il Levante: biennale per lui, su fiorentina.it.
  34. ^ Riganò al Levante, ecco la sua verità, su informandonline.wordpress.com.
  35. ^ Il Barça riprende a correre Riganò, splendida tripletta, su gazzetta.it.
  36. ^ UFFICIALE: Riganò al Siena, su tuttomercatoweb.com.
  37. ^ Riganò in prestito al Siena, su it.uefa.com.
  38. ^ Al Siena il derby con l'Empoli a segno Portanova e Riganò, su repubblica.it.
  39. ^ Levante: Riganò rescinde il contratto, su tuttomercatoweb.com.
  40. ^ UFFICIALE: Riganò va alla Ternana, su tuttomercatoweb.com.
  41. ^ Ternana, il mercato dipende da Riganò, su tuttomercatoweb.com.
  42. ^ UFFICIALE: la Cremonese acquista Christian Riganò, su tuttomercatoweb.com.
  43. ^ RIGANO', Riparte dalla Rondinella, su firenzeviola.it.
  44. ^ Rondinella, esordio amaro per Riganò, su tuttomercatoweb.com.
  45. ^ Calcio: La Larcianese fa fuori ai rigori la San Frediano Rondinella di Riganò 4-3 [collegamento interrotto], su firenzeviolasupersport.com.
  46. ^ L’ex viola Riganò firma per il Jolly e Montemurlo, su tifolucchese.com (archiviato dall'url originale il 30 marzo 2014).
  47. ^ Riganò lascia il Montemurlo: "Mi hanno cacciato", su lanazione.it.
  48. ^ Ufficiale, Christian Riganò all'Audax Montevarchi, su valdarnopost.it.
  49. ^ Audax Montevarchi, è subito doppietta per Riganò, su notiziariocalcio.com.
  50. ^ Christian Riganò, chiusura con poker. Sono 22 centri in 16 gare, su notiziariocalcio.com.
  51. ^ Aquila: "le richieste di Riganò sono fuori mercato", su valdarnopost.it.
  52. ^ Benaco, colpaccio a sorpresa: c’è Riganò per inseguire la Promozione. [collegamento interrotto], su calciodilettanteveronese.it.
  53. ^ Adesso Riganò getta le reti nel lago, su larena.it.
  54. ^ E’ ancora bomber Riganò: riparte dalla promozione veneta!, su calcioweb.eu.
  55. ^ Baiano, Flachi e Riganò in campo con le “Glorie Viola”, su violanews.com (archiviato dall'url originale il 2 gennaio 2015).
  56. ^ Riganò e Robbiati trascinano alla vittoria le 'Glorie Viola', su acffiorentina.eu.
  57. ^ Settignanese, arriva Riganò, su dilettantitoscana.it.
  58. ^ ELENCO TESSERATI CON VINCOLO PLURIENNALE LND SVINCOLATI NELLA STAG.SPORT. 2014/2015 (PDF), su unionepoliziana.net.
  59. ^ Riganò torna in Valdarno: è il nuovo bomber dell'Incisa. E arriva anche Vespignani valdarnopost.it
  60. ^ Perché a Christian Riganò viene negato il diritto di fare il corso per allenatori?
  61. ^ ESCLUSIVA Riganò a CM: 'Ecco perché non mi fanno fare il corso per allenatori'
  62. ^ Bomber Riganò riparte dalla carriera di allenatore: "Gomez? Ci punterei, ma.."
  63. ^ Christian Riganò è il nuovo allenatore dell'Ideal Club Incisa, in valdarnopost.it, 14 ottobre 2015. URL consultato il 21 maggio 2018.
  64. ^ Quasi definito l'Ideal Club Incisa che prenderà parte alla stagione 2017-2018, in valdarnopost.it, 5 luglio 2017. URL consultato il 21 maggio 2018.
  65. ^ a b Play-off.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]