Borgo Pineta

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Borgo Pineta
Avezzano nord strade larghe e pista ciclabile.jpg
Via Luigi Einaudi a Borgo Pineta
StatoItalia Italia
RegioneAbruzzo Abruzzo
ProvinciaL'Aquila L'Aquila
CittàAvezzano-Stemma.png Avezzano
Codice postale67051
Abitanti9 000 ab.circa (2014)

Coordinate: 42°02′45.5″N 13°25′09″E / 42.045972°N 13.419167°E42.045972; 13.419167

Borgo Pineta, localmente anche detto Concentramento, è un quartiere di circa 9 000 abitanti[1] della zona nord di Avezzano, nella Marsica (AQ), in Abruzzo.

Territorio[modifica | modifica wikitesto]

La rotonda con un'antenna dismessa del Centro Spaziale del Fucino

Il quartiere è situato a nord del capoluogo marsicano, tra la stazione ferroviaria e la pineta. È collegato al centro della città principalmente attraverso il sottopasso di via Don Giovanni Minzoni, via Vincenzo Bellini, via Giovanni Pagani e al quartiere Cesolino (zona ovest) attraverso il cosiddetto "Ponte Romano" sulla ferrovia Roma-Sulmona-Pescara di via dei Laghi. Le sue strade sono in maggioranza spaziose e fornite di larghi marciapiedi. In alcuni tratti è presente una pista ciclabile con annesso percorso pedonale.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il quartiere, in origine, era chiamato "Contrada Barbazzano", e nel più recente passato veniva denominato anche "Concentramento" per via dei prigionieri austro-ungarici detenuti nel campo di concentramento che fu allestito in questa area durante la Prima Guerra Mondiale. Il Governo, infatti, decise di istituire in città il campo di lavoro dei prigionieri dato il vuoto generazionale che era venuto a crearsi per via del terremoto del 1915, dopo il quale, tra l'altro, i pochi giovani sopravvissuti dovettero partecipare come soldati dell'esercito alla Grande Guerra. Furono gli stessi austro-ungarici a realizzare la pineta, il rimboschimento del monte Salviano, servizi viari cittadini ed altre opere architettoniche volte alla ricostruzione di Avezzano dopo il sisma.

Urbanistica[modifica | modifica wikitesto]

L'architettura del quartiere, pur essendo eterogenea, può essere suddivisa in due macro-aree: Madonna del Passo, con abitazioni moderne tipiche del Novecento, e l'area degli istituti scolastici, caratterizzata dall'edilizia popolare degli anni Settanta con edifici a più piani. Adiacenti alla pineta sono importanti strutture sportive: lo stadio dei Pini, la piscina comunale, la palestra per le arti marziali e il pugilato, i campi da tennis. Il quartiere è ricco di attività commerciali e culturali. Qui sono presenti le diverse scuole di ogni ordine e grado che impegnano nel percorso scolastico i giovani di tutta la Marsica e dei paesi limitrofi. Centro della vita religiosa è la parrocchia intitolata alla Madonna del Passo. Presenta inoltre ampi giardini pubblici tra via Francesco Cilea, via Cavalieri di Vittorio Veneto e via Don Giovanni Minzoni.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Interno della Chiesa della Madonna del Passo

Architetture religiose[modifica | modifica wikitesto]

Chiesa della Madonna del Passo
Principale chiesa del quartiere, edificata a cominciare dalla fine degli anni Cinquanta.

Architetture civili[modifica | modifica wikitesto]

Le Tre Conche
Veduta di parte della Località Tre Conche e, sullo sfondo oltre la pineta, del monte Velino
Villino Cimarosa
L'edificio, che si caratterizza per il tetto in legno, venne utilizzato come ufficio-magazzino del genio militare al servizio del campo di concentramento di Avezzano. L'edificio costituisce il numero civico 2 di via Domenico Cimarosa, lateralmente alla chiesa della Madonna del Passo.
Tre Conche
Grandi serbatoi utilizzati per l'approvvigionamento dell'acqua, situati nella pineta. Servirono attraverso una serie di condotte idriche il grande campo di concentramento edificato pochi mesi dopo il terremoto del 1915 durante la Grande Guerra e in parte riutilizzato nella Seconda guerra mondiale.

Aree naturali[modifica | modifica wikitesto]

La pineta
Costituita quasi completamente da pini neri e considerata come uno dei polmoni verdi della città insieme a villa Torlonia e alla omonima piazza, sorse con lo scopo di proteggere la città dai venti freddi provenienti dal monte Velino.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Cultura[modifica | modifica wikitesto]

Tradizioni e folclore[modifica | modifica wikitesto]

La festa in onore di santa Maria Goretti si svolge annualmente nella prima settimana di luglio. Il 26 aprile, come in tutti gli altri quartieri della città, durante la notte dei "focaracci" viene acceso il falò sul modello della festa di Beltane, in onore della Madonna di Pietraquaria patrona di Avezzano.

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

Il quartiere è ben collegato con l'autostrada A25 e con la strada statale 690 Avezzano-Sora. All'angolo con il quartiere Barbazzano è presente un sottopasso pedonale che collega il terminal degli autobus di piazza J. F. Kennedy e via Salvador Allende con quella ferroviaria e dunque con il centro cittadino.

Sport[modifica | modifica wikitesto]

Lo stadio dei Pini, la piscina comunale, il velodromo Vito Taccone e la palestra federale per la pratica del pugilato sono tra le strutture più importanti presenti nel quartiere. Qui operano numerose società sportive di atletica leggera, tennis, pugilato, tiro con l'arco, bocce, mountain bike. La squadra calcistica di Borgo Pineta ha militato nelle categorie dilettantistiche abruzzesi ed amatoriali.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dove siamo, Parrocchia Madonna del Passo. URL consultato il 10 luglio 2017.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • Sito culturale su Borgo Pineta, su borgopineta.it. URL consultato il 9 novembre 2007 (archiviato dall'url originale il 9 luglio 2007).
  • Madonna del Passo, su madonnadelpasso.it. URL consultato il 5 aprile 2015 (archiviato dall'url originale il 15 febbraio 2015).
Marsica Portale Marsica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Marsica