Associazione Sportiva Vis Nova Giussano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
A.S. Vis Nova Giussano
Calcio Football pictogram.svg
Vis Nova Giussano Logo.png
Neroverdi, Lucertole
Segni distintivi
Uniformi di gara
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Casa
Manica sinistra
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Trasferta
Colori sociali Nero, verde
Simboli lucertola
Dati societari
Città Giussano
Nazione Italia Italia
Confederazione UEFA
Federazione Flag of Italy.svg FIGC
Campionato Serie D
Fondazione 1920
Scioglimento1935
Rifondazione1940
Scioglimento1999
Rifondazione2000
Presidente Emiliano Sironi
Allenatore Agostino Mastrolonardo
Stadio Stefano Borgonovo
(600 posti)
Sito web www.asdvisnova.it
Palmarès
Si invita a seguire il modello di voce

L'Associazione Sportiva Vis Nova Giussano è una società calcistica italiana con sede nel comune di Giussano, in provincia di Monza e della Brianza.

Fondata nel 1920 e re-istituita da ultimo nel 2000, vanta quale maggior risultato della propria storia alcune partecipazioni al terzo livello del campionato italiano di calcio, tra gli anni 1931 e 1948. Per gran parte del tempo ha militato nelle divisioni dilettantistiche lombarde.

Nella stagione 2020-2021 milita in Serie D, quarta divisione del sistema calcistico italiano.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La Vis Nova Sport Club fu fondata il 17 novembre 1920 presso la “Mutuo Soccorso e Scuole Professionali” di Giussano. I padri fondatori della società, che costituirono il primo consiglio sociale insieme al dr. Giorgio Edwards, erano membri di spicco della Società di Mutuo Soccorso di Giussano.

Il club organizzò il campionato brianzolo dell'ULIC dal 1922, subentrando alla Caratese che aveva deciso di affiliarsi alla FIGC. Il Comitato ULIC "Valli Briantee" fu pertando organizzato dalla Vis Nova per 3 stagioni consecutive fino al 1925 e comprendeva i "tornei dei bar" e i "tornei della canicola" a 6 giocatori, che si tenevano in Brianza durante l'estate.

Il passaggio della Caratese alla FIGC fece altresì in modo che, alla fine della stagione 1922-23[1], molti giocatori svincolatisi da tale club decisero di passare proprio alla Vis Nova, che pertanto nel 1923 si affiliò a sua volta alla federazione nazionale, debuttando in Quarta Divisione.

Nel 1926, stante la limitatezza strutturale del proprio terreno di gioco (appena sufficiente per disputare i campionati di Terza Divisione), la società giussanese si impegna nella costruzione di un nuovo impianto sportivo; nell'attesa del completamento, chiede e ottiene dal Seregno il permesso di poter giocare nel campo interno degli azzurri, ottenendo il via libera dal Comitato Regionale Lombardo[2]. In questi anni si forma nella Vis l'attaccante Aldo Boffi, che successivamente verrà ceduto al Seregno e quindi al Milan.

Sul nuovo campo sportivo la Vis Nova arriva a disputare i campionati nazionali di Prima Divisione, terzo livello dell'epoca. Nella stagione 1934-1935 tuttavia la squadra retrocede in Prima Divisione Regionale chiudendo il campionato all'ultimo posto; le contestuali difficoltà economiche le impediscono di iscriversi alla stagione successiva.

Subito dopo la fine della guerra d'Etiopia il fascio cittadino tessera diversi giocatori ex-vissini e si iscrive ai ruoli federali sotto la denominazione Fascio Giovanile di Combattimento di Giussano, prendendo parte al campionato 1939-1940 indetto dal Direttorio della Sezione Propaganda di Seregno.

Nel giugno del 1940, grazie all'iniziativa di Rino Annoni, viene ricostituita ufficialmente la vecchia società, con la nuova denominazione di Associazione Sportiva Vis Nova.

Tra il 1948 ed il 1958 la Vis lancia diversi calciatori che poi giungono a disputare i campionati di Serie A e a vestire la maglia della Nazionale (il già citato Boffi, ma anche Bugatti). Il 19 marzo 1964 venne inaugurato ufficialmente il campo da gioco denominato Caduti di Superga, mentre alla fine dell'agosto 1965 Giussano ospita per dieci giorni gli argentini dell'Independiente di Buenos Aires, i quali scelgono la città come luogo dove allenarsi in vista della finale di Coppa Intercontinentale da disputare a Milano contro l'Inter.

Nel 1980 la Vis Nova si concentra sul settore giovanile e sulla valorizzazione del vivaio, costituendo scuole calcio e squadre pulcini, allievi e così via. Nel 1999, tuttavia, per difficoltà economiche, la squadra viene ritirata dal campionato dalla dirigenza, la quale riduce inoltre a due sole squadre il Settore Giovanile. Il club venne però salvato dalla sparizione per iniziativa di alcune persone, le quali costituiscono la newco Associazione Calcio Giussano 2000, che nel 2002 (previa cessazione della vecchia matricola) muta denominazione in Associazione Sportiva Vis Nova Giussano.

Coi primi anni 2000 viene altresì intrapreso il rilancio del settore giovanile, guidato da Marco Barollo e, in una prima fase, dal giussanese Stefano Borgonovo, cui dopo il decesso sarà intitolato lo stadio cittadino.

L'ulteriore riassetto societario del 2012 fa da preludio a un periodo di floridezza sportiva: in particolare tra il 2017 e il 2020 i neroverdi centrano tre promozioni consecutive, che li conducono dalla Prima Categoria alla Serie D, categoria quest'ultima ove mancavano da oltre sessant'anni.

Cronistoria[modifica | modifica wikitesto]

Cronistoria dell'Associazione Sportiva Vis Nova Giussano
  • 1920: Viene fondato il Vis Nova Sport Club.
  • 1922: Fonda il "Comitato Libero Valli Briantee" e disputa i campionati gestiti dall'ULIC.
  • 1923: Si affilia alla F.I.G.C. e disputa i campionati regionali lombardi di Quarta Divisione.
  • 1925-26: 7ª nel girone D della Terza Divisione della Lombardia.
  • 1928-29: 8ª nel girone C della Seconda Divisione Nord.
  • 1929-30: 8ª nel girone C della Seconda Divisione Nord. La Seconda Divisione viene declassata a campionato regionale.
  • 1930-31: 3ª nel girone B della Seconda Divisione Lombarda. 3º nel girone B delle finali. Promosso in Prima Divisione.
  • 1931-32: 10ª nel girone C della Prima Divisione.
  • 1932-33: 7ª nel girone B della Prima Divisione.
  • 1933-34: 13ª nel girone B della Prima Divisione.
  • 1934-35: 14ª nel girone B della Prima Divisione. Retrocesso in Prima Divisione regionale, ma rinuncia all'iscrizione al campionato successivo, cessando ogni attività.
  • 1939-40: Il Fascio Giovanile di Combattimento di Giussano tessera i suoi giocatori liberi per utilizzarli nel F.G.C. di Giussano nel campionato della Sezione Propaganda di Seregno.
  • 1940: Rifondazione del club con denominazione A.S. Vis Nova.
  • 1941-42: 5ª nel girone G della Prima Divisione II Zona (Lombardia). Ammesso in Serie C.
  • 1942-43: 12ª nel girone C della Serie C. Retrocesso in Prima Divisione, ma è successivamente riammesso.
  • 1943-45: Attività sospesa per cause belliche.
  • 1945-46: Si ritira dal girone E della Serie C Alta Italia.
  • 1946-47: 11ª nel girone E della Serie C - Lega Interregionale Nord.
  • 1947-48: 3ª nel girone E della Serie C - Lega Interregionale Nord. Retrocessa nella nuova Promozione.
  • 1948-49: 3ª nel girone C della Promozione.
  • 1949-50: 3ª nel girone C della Promozione.
  • 1950-51: 4ª nel girone C della Promozione.
  • 1951-52: 12ª nel girone D della Promozione. Retrocessa nella nuova Promozione Regionale.
  • 1952-53: 3ª nel girone C della Promozione Lombarda.
  • 1953-54: 1ª nel girone B della Promozione Lombarda. Promossa in IV Serie.
  • 1954-55: 6ª nel girone B della IV Serie.
  • 1955-56: 7ª nel girone B della IV Serie.
  • 1956-57: 14ª nel girone B della IV Serie.
  • 1957-58: 13ª nel girone B dell'Interregionale II Categoria. Retrocesso nel Campionato Nazionale Dilettanti.
  • 1958-59: ?ª nel girone B lombardo del Campionato Lombardo Dilettanti.
  • 1959-60: ?ª nel girone B della Prima Categoria Lombarda.
  • 1960-61: 1ª nel girone B della Prima Categoria Lombarda, perde il quarto di finale contro l'Aurora Travagliato.
  • 1961-62: 1ª nel girone B del Settore A della Prima Categoria Lombarda.
  • 1962-63: 3ª nel girone C della Prima Categoria Lombarda.
  • 1963-64: 11ª nel girone C della Prima Categoria Lombarda.
  • 1964-65: 15ª nel girone B della Prima Categoria Lombarda. Retrocessa in Seconda Categoria Lombarda.
  • 1980-81: 10ª nel girone A della Promozione Lombarda.
  • 1981-82: 15ª nel girone A della Promozione Lombarda. Retrocessa in Prima Categoria Lombarda, si fonde con l'U.S. Robbiano e diventa A.S. Giussano Calcio acquisendo la categoria di merito (Promozione) del Robbiano.
  • 1982-83: 6ª nel girone A della Promozione Lombarda.
  • 1983-84: 9ª nel girone A della Promozione Lombarda.
  • 1984-85: 14ª nel girone A della Promozione Lombarda. Retrocesso in Prima Categoria Lombarda per i peggiori scontri diretti con la Mozzatese.
  • 1994-95: 7ª nel girone B della Promozione Lombarda. Si fonde con il Seregno acquisendone la categoria di merito (Eccellenza).
  • 1996-97: 14ª nel girone B dell'Eccellenza Lombardia. Retrocessa in Promozione Lombardia.
  • 1997-98: 6ª nel girone B della Promozione Lombardia.
  • 1998-99: 3ª nel girone B della Promozione Lombardia. Rinuncia al campionato successivo, inattiva.
  • 2000: È ricostituita con matricola FIGC 675786 e nuova denominazione Associazione Calcio Giussano 2000 ripartendo dalla Terza Categoria organizzata dal Comitato Provinciale di Como.
  • 2000-01: 6ª nel girone A della Terza Categoria di Como.
  • 2001-02: 1ª nel girone A della Terza Categoria di Como. Promossa in Seconda Categoria Lombardia.
  • 2002 - Cambia denominazione in Associazione Sportiva Vis Nova Giussano.[3]
  • 2002-03: 9ª nel girone H della Seconda Categoria Lombardia.
  • 2003-04: 3ª nel girone H della Seconda Categoria Lombardia.
  • 2004-05: 3ª nel girone I della Seconda Categoria Lombardia. Promossa in Prima Categoria dopo i play-off.
  • 2005-06: 3ª nel girone G della Prima Categoria Lombardia.
  • 2006-07: 1ª nel girone G della Prima Categoria Lombardia. Promossa in Promozione.
  • 2007-08: 13ª nel girone B della Promozione Lombardia, salva ai play-out.
  • 2008-09: 2ª nel girone B della Promozione Lombardia, perde i play-off con il Colico.
  • 2009-10: 6ª nel girone B della Promozione Lombardia.
  • 2010-11: 4ª nel girone B della Promozione Lombardia. Promossa in Eccellenza dopo i play-off.
  • 2011-12: 9ª nel girone B dell'Eccellenza Lombardia.
  • 2012-13: 17ª nel girone B dell'Eccellenza Lombardia. Retrocessa in Promozione.
  • 2013-14: 13ª nel girone B della Promozione Lombardia.
  • 2014-15: 11ª nel girone B della Promozione Lombardia.
  • 2015-16: 14ª nel girone B della Promozione Lombardia. Retrocessa in Prima Categoria dopo i play-out contro il Lissone.
  • 2016-17: 3ª nel girone B della Prima Categoria Lombardia, perde i play-off con il Fino Mornasco Portichetto.
  • 2017-18: 1ª nel girone B della Prima Categoria Lombardia. Promossa in Promozione.
  • 2018-19: 1ª nel girone B della Promozione Lombardia. Promossa in Eccellenza.
  • 2019-20 - 2ª nel girone B dell'Eccellenza Lombardia. Promossa in Serie D.
  • 2020-21 - 14ª nel girone B della Serie D.
  • 2021-22 - 18ª nel girone B della Serie D. Retrocessa in Eccellenza.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni regionali[modifica | modifica wikitesto]

1953-1954 (girone B), 2018-2019 (girone B)
2006-2007, 2017-2018

Competizioni provinciali[modifica | modifica wikitesto]

2001-2002

Altri piazzamenti[modifica | modifica wikitesto]

Secondo posto: 2019-2020 (girone B)
Secondo posto: 2008-2009 (girone B)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Gazzetta dello Sport di venerdì 23 novembre 1923, perché le fu espropriato il terreno in cui era situato il suo campo ad Agliate per costruire un capannone industriale.
  2. ^ Gazzetta dello Sport del 5 novembre 1926 (consultabile presso la Biblioteca nazionale braidense e Biblioteca Comunale Centrale Milano).
  3. ^ COMUNICATO UFFICIALE N. 100/A (PDF), su figc.it, http://www.figc.it/, 3 dicembre 2002. URL consultato il 10 novembre 2016 (archiviato dall'url originale il 24 dicembre 2013).

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

  Portale Calcio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di calcio