Aldo Ralli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Aldo Ralli, all'anagrafe Aldo Matarazzi Ralli (Pisa, 21 ottobre 1935Roma, 6 marzo 2016), è stato un attore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Per quanto riguarda il cinema, ha preso parte come caratterista a numerose commedie popolari degli anni Settanta e Ottanta: numerose le interpretazioni nei film diretti da Mario Bianchi (L'infermiera di campagna, dove interpreta un sindaco democristiano contrapposto al comunista Aldo Sambrell, La dottoressa di campagna, Chiamate 6969: taxi per signora, Biancaneve & Co.), ma anche i piccoli ruoli sotto la regia di Bruno Corbucci in molte pellicole della saga di Nico Giraldi con Tomas Milian, come Delitto in Formula Uno, Delitto al ristorante cinese e Delitto a Porta Romana, dove in quest'ultimo caso interpreta l'assassino.

Sempre diretto da Bruno Corbucci, appare in La casa stregata (1982) e Rimini Rimini - Un anno dopo (1988), mentre è diretto dal fratello di questi Sergio in Roba da ricchi (1987) e da Mariano Laurenti in Pazzo d'amore e Vacanze sulla neve, entrambi girati nel 1999.

Da ricordare infine la sua partecipazione ai film d'autore Il divo (2008), La grande bellezza (2013) e Youth - La giovinezza (2015), tutti con la regia di Paolo Sorrentino.

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Per la televisione, lo si ricorda invece nel ruolo del capitano Cavicchi nelle due serie di Classe di ferro (1989 e 1991) e del vice questore Lattanzi in Quelli della speciale (1993), entrambe in onda su Italia 1, nonché del sacerdote Don Verdone nel giallo-quiz Il delitto è servito (Canale 5, 1992). Seguirono numerose partecipazioni ad alcune tra le più famose sit-com degli anni Novanta come Casa dolce casa con Gianfranco D'Angelo e Alida Chelli, Casa Vianello con Sandra Mondaini e Raimondo Vianello, Nonno Felice e Norma e Felice, queste ultime due con Gino Bramieri.

Teatro[modifica | modifica wikitesto]

Per quanto riguarda il teatro, inizia nel 1954 come ballerino in operetta - genere che tornerà a frequentare trent'anni dopo interpretando Max nella Principessa della Czardas, per la regia di Gino Landi.

Pochi anni dopo il suo esordio come ballerino incomincia ad avere ruoli di presentatore e attore lavorando con compagnie di avanspettacolo e rivista tra le più qualificate, quali quelle di Beniamino Maggio, Erminio Macario e Carlo Dapporto. In seguito, pur conservando la passione per il teatro brillante si è cimentato anche in testi classici e contemporanei.

Partendo dalla seconda metà degli anni Novanta, per quel che concerne il teatro brillante lavora spesso con Maurizio Micheli in testi firmati da quest'ultimo (Disposto a tutto, Cantando, Cantando) o da Garinei e Giovannini (Buonanotte Bettina), mentre nel 2011 hanno interpretato George Dandin di Molière. Partecipa anche a rivisitazioni della rivista come Comico, Spalla e Soubrette con Barbara Bouchet e Franco Barbero e, alla Chanson, Profumo di rivista con testi di Dino Verde.

Nel 2000 recita in Sottobanco di Domenico Starnone, nella stagione 2001/2002 al fianco di Gianfranco d'Angelo in È ricca, la sposo e l'ammazzo e in quelle 2002/2003 e 2008/2009 in due commedie dirette e interpretate da Gianluca Guidi, rispettivamente Promesse, promesse di Neil Simon e Facciamo l'amore, un musical tratto dall'omonimo film di George Cukor. La frequentazione di classici, invece, parte nei primi anni Novanta con Il mercante di Venezia interpretato da Mario Carotenuto, con il quale aveva già lavorato ne I ragazzi irresistibili, sempre di Neil Simon.

Dal 2003 inizia una stretta collaborazione con il Teatro Stabile di Palermo, dove, per la regia di Pietro Carriglio, interpreta testi di Achille Campanile, come Il povero Piero, Battute in libertà o Scene in disordine, ma anche classici di grande impegno come Assassinio nella cattedrale di Thomas Stearns Eliot, Il re muore di Eugène Ionesco e Marionette che passione di Pier Maria Rosso di San Secondo. Di particolare rilievo il suo Brown, ne L'opera da tre soldi di Bertolt Brecht, con Massimo Venturiello, Laura Marinoni e Tosca. Nella stagione 2011/2012 è il padre di Rosina ne Il barbiere di Siviglia, rivisitato in chiave comica da Toni Fornari e replicato al Teatro Ghione di Roma.

Morte[modifica | modifica wikitesto]

Muore a Roma il 6 marzo 2016, all'età di 80 anni.[1]

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

  • "Drim 1980 con franco franchi e Ciccio Ingrassia

In uno sketch comico

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]