Giuseppe Ciarrapico

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
sen. Giuseppe Ciarrapico
Bandiera italiana
Parlamento italiano
Senato della Repubblica
Luogo nascita Roma
Data nascita 28 gennaio 1934 (82 anni)
Titolo di studio licenza media superiore
Professione imprenditore
Partito PdL (2008-2013)
Legislatura XVI Legislatura
Gruppo Il Popolo della Libertà
Circoscrizione Lazio
Incarichi parlamentari
  • Membro della 10ª Commissione permanente (Industria, commercio, turismo)
  • Membro della Commissione parlamentare per il controllo sull'attività degli enti gestori di forme obbligatorie di previdenza e assistenza sociale
Pagina istituzionale

Giuseppe Ciarrapico (Roma, 28 gennaio 1934) è un imprenditore, politico ed editore italiano, ex senatore del Popolo della Libertà, è stato gestore delle terme di Fiuggi e, dal 1991 al 1993, presidente della A.S. Roma.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Tra fascismo e andreottismo[modifica | modifica wikitesto]

Cresciuto in Ciociaria, in gioventù è stato un simpatizzante fascista. Negli anni si avvicinò alla corrente andreottiana della DC, rimanendo contemporaneamente amico di Giulio Andreotti e del segretario missino Giorgio Almirante. Negli anni ottanta divenne presidente delle terme di Fiuggi. Continuò comunque a stampare i manifesti dell'MSI (la voce più cospicua delle spese di quel partito) nella sua azienda tipografica di Cassino.

La stessa azienda stampa libri e fascicoli a sfondo revisionista sulla storia, le armi e forze armate del fascismo (ed in particolare della Repubblica Sociale Italiana), acquisendo negli anni '80 le Edizioni del Borghese, con i tipi della Ciarrapico Editore (che non pubblica da anni nuovi titoli), a cui collaboravano dirigenti e intellettuali della destra, tra cui Marcello Veneziani, che fu direttore editoriale, e, negli anni settanta, il giornalista e agente segreto Guido Giannettini[1]. Nell'ambito della sua vicinanza ai movimenti di destra può essere vista anche la partecipazione nel 2001 al funerale di Massimo Morsello, uno dei fondatori di Forza Nuova[2].

Fu soprannominato il "Re delle acque minerali"[3], essendo proprietario delle grandi terme. Organizzò in quegli anni il Premio Fiuggi, un premio internazionale che vide la presenza del presidente sovietico Michail Gorbačëv, al tempo protagonista della perestrojka.

Il lodo Mondadori[modifica | modifica wikitesto]

Tra le sue "operazioni" più note vi fu anche il suo intervento, sollecitato da Carlo Caracciolo, nella soluzione del Lodo Mondadori, nel quale fece da intermediario tra Silvio Berlusconi e Carlo De Benedetti[4][5][6].

In quegli anni facevano parte del suo "impero" anche la società di acque minerali Recoaro, diverse cliniche romane, di cui la più nota era "Villa Stuart", la compagnia di aerotaxi "Air Capitol", la casa editrice Fratelli Vallardi e la Casina Valadier, noto ristorante di Roma, tutte raccolte sotto la holding capogruppo Italfin '80, successivamente - dopo spregiudicate operazioni che lo portarono a fondere la holding con una società quotata la "Terme di Bognanco SpA" - fallita.

Nel frattempo l'imprenditore portò a termine una delle operazioni per le quali è più ricordato: l'acquisto della AS Roma, conclusosi nell'aprile del 1991. Ciarrapico dovette però lasciare la presidenza della squadra nel 1993, a causa della denuncia e dell'arresto per bancarotta fraudolenta.

Le vicende giudiziarie[modifica | modifica wikitesto]

Ciarrapico è stato condannato nel 1974 dal pretore di Cassino, che gli infligge una multa di 623.500 lire per aver violato per quattro volte la legge a tutela del lavoro minorile (legge 17 ottobre 1967, n. 977) sentenza confermata in Cassazione[7].

La casina Valadier[modifica | modifica wikitesto]

Condannato per ricettazione fallimentare a quattro anni e mezzo di reclusione[8], ridotti nel 1999 in Cassazione a 3 anni[9], ridotti nel 1999 in Cassazione a 3 anni[10], per gli sviluppi della vicenda «Casina Valadier», crac da 70 miliardi della società, inglobata irregolarmente da Ciarrapico nella sua "Italfin '80".

Lo scandalo Safim[modifica | modifica wikitesto]

Inquisito anche per lo scandalo della Safim-Italsanità, il 18 marzo 1993 viene spiccato nei suoi confronti un mandato di custodia cautelare: entra a Regina Coeli il 21 marzo, insieme a Mauro Leone, figlio dell'ex Presidente della Repubblica Giovanni Leone, e dirigente dell'AS Roma con la gestione Ciarrapico. I due vengono ricoverati nell'infermeria del carcere, mentre la società sportiva sprofonda nel caos. Il 24 aprile dello stesso anno a Ciarrapico vengono concessi gli arresti domiciliari.

Il finanziamento illecito ai partiti[modifica | modifica wikitesto]

L'11 maggio viene revocato il mandato di custodia cautelare ma la libertà è breve perché Ciarrapico è di nuovo arrestato e trasferito a Milano, con l'accusa di finanziamento illecito ai partiti. Nel 2000, dopo sette anni, Ciarrapico viene condannato in via definitiva, tuttavia, in ragione della sua età, viene affidato ai servizi sociali.

Il crack dell'Ambrosiano[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1996 è condannato per bancarotta fraudolenta nel processo relativo al crack del Banco Ambrosiano di Roberto Calvi, in primo grado a 5 anni e mezzo di reclusione, ridotti in appello a 4 anni e mezzo[11]. Successivamente gli sono stati condonati 4 anni, ed è stato condannato a scontare gli ultimi 6 mesi in "detenzione domiciliare" per motivi di salute[12]. La condanna è stata confermata dalla Cassazione nel 1998[13]. Successivamente gli sono stati condonati 4 anni, ed è stato condannato a scontare gli ultimi 6 mesi in "detenzione domiciliare" per motivi di salute[12]. La condanna è stata confermata dalla Cassazione nel 1998[14]. Non ha mai risarcito i danni alle parti civili, cambiando continuamente residenza.[senza fonte]

Lo stalking a mezzo stampa[modifica | modifica wikitesto]

Nel marzo 2010 la procura di Cassino chiede per Ciarrapico il rinvio a giudizio con l'accusa di "stalking a mezzo stampa" che sarebbe stato attuato dal senatore ed editore tramite il quotidiano di sua proprietà Nuovo Molise Oggi, con articoli e vignette, pubblicate quasi giornalmente e contenenti insulti, accuse e allusioni a sfondo sessuale rivolti alla giornalista Manuela Petescia, direttrice dell'emittente Telemolise e moglie di un altro senatore PdL, Ulisse Di Giacomo; con la giornalista avrebbe avuto in precedenza dei contrasti. Della vicenda, per l'unicità del reato ipotizzato, hanno mostrato interesse alcuni ricercatori dell'Università di Cambridge[15].

La truffa editoriale[modifica | modifica wikitesto]

Nel maggio 2010 la Guardia di Finanza ha sequestrato immobili, quote societarie e conti correnti nell'ambito di un'inchiesta della Procura di Roma, in cui Ciarrapico è accusato di truffa aggravata per il conseguimento di erogazioni pubbliche. Le due imprese editoriali controllate da lui tramite suo figlio e prestanome avrebbero percepito illecitamente circa 20 milioni di euro di contributi tra il 2002 e il 2007[16]. Secondo gli inquirenti avrebbe in dieci anni creato 90 società con le provvidenze per l'editoria[17].

Il 19 luglio 2011 la Corte dei Conti chiede il suo interrogatorio. Secondo la magistratura contabile sarebbero 45 milioni di euro di contributi pubblici per l'editoria indebitamente percepiti attraverso una truffa ai danni della presidenza del Consiglio dei ministri[18].

Nel gennaio 2012 il Giudice dell'udienza preliminare del Tribunale di Roma lo rinvia a giudizio insieme ad altre 11 persone, tra cui il figlio Tullio. I reati contestati sono quelli di truffa aggravata ai danni dello Stato, favoreggiamento, violazione della disciplina della responsabilità amministrativa delle società, dichiarazione fraudolenta mediante uso di fatture o altri documenti per operazioni inesistenti[19].

Le attività attuali[modifica | modifica wikitesto]

Attualmente Ciarrapico - attraverso una complessa catena societaria - possiede la partecipazione di controllo del gruppo Eurosanità SpA, avente tra i soci di minoranza l'imprenditore Carlo Caracciolo e la famiglia Miraglia, che gestisce fra l'altro tre cliniche private a Roma (tra le quali il Policlinico Casilino), due strutture di ricovero per anziani a Fiuggi, due società di catering, tre società finanziarie, il "Bar Rosati" di Roma,

Possedeva diversi quotidiani locali, tra i quali i più venduti sono Ciociaria Oggi, Latina Oggi e Nuovo Oggi Molise (mentre, tra gli altri, si annoverano anche Nuovo Oggi Castelli, Nuovo Oggi Guidonia e Nuovo Viterbo Oggi), che fanno capo a due società editoriali: Nuovo Oggi srl, ed Editoriale Oggi srl. Quest'ultima (editrice di Latina Oggi, Ciociaria Oggi e Cassino Oggi) in grave crisi, il 5 giugno 2012 è stata ceduta all'imprenditore Armando Palombo[20]

Alla fine degli anni novanta era sbarcato in Sicilia, con il quotidiano Oggi Sicilia, ma l'esperienza è durata solo tre anni. La sua ingerenza nei confronti dei direttori dei giornali di sua proprietà è pressante, e spesso è entrato in rottura con loro, portandoli alle dimissioni: gli ultimi casi sono stati quelli di Angelo Perfetti che nel 2006 si è dimesso dalla direzione di nove giornali del gruppo[21] e nel 2007 di Gianni Tomeo, che ne aveva preso il posto[22].

Ha due figli, Tullio - oggi direttore generale del Gruppo Eurosanità SpA, facente capo allo stesso Ciarrapico, a Carlo Caracciolo e alla famiglia Miraglia - e Micaela, che per alcuni anni ha diretto la casa di cura Quisisana e che è sposata con il noto radiologo romano Giovanni Simonetti.

Senatore del PdL (2008)[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2005 ha sostenuto la candidatura di Francesco Storace alla presidenza della Regione Lazio. Alle elezioni politiche del 2008, Ciarrapico si è candidato nel Lazio al Senato della Repubblica con il Popolo della Libertà, su richiesta di Berlusconi e nonostante il parere contrario di Alleanza Nazionale[23]. Durante la campagna elettorale ha suscitato polemiche anche a livello europeo una intervista in cui ha affermato di non aver mai rinnegato il fascismo[23][24][25]. Ciarrapico è stato poi eletto. È stato componente della commissione industria, commercio e turismo. Non ricandidato nel 2013.

Polemiche sull'antisemitismo[modifica | modifica wikitesto]

Il 30 settembre 2010, nel corso del dibattito in Senato sulla fiducia al governo Berlusconi, pronuncia nei confronti di Gianfranco Fini, leader di Futuro e libertà, la seguente frase:"i finiani hanno già ordinato le kippah? Chi ha tradito una volta tradisce sempre". La frase di Ciarrapico suscita forti polemiche tra i partiti e la reazione sdegnata della comunità ebraica italiana. Daniele Nahum, vicepresidente della comunità ebraica di Milano, chiede al capogruppo del PdL in Senato Maurizio Gasparri l'espulsione di Ciarrapico. Il 4 ottobre 2010 Ciarrapico chiede ufficialmente scusa alla comunità ebraica per le frasi pronunciate al Senato. In una lettera a Gattegna dichiara:"la contestata espressione da me utilizzata, lungi dal voler arrecare offesa all'ebraismo e agli ebrei, e men che meno alla tragica memoria dell'Olocausto, era finalizzata esclusivamente a sottolineare una delle tante contraddizioni che hanno contrassegnato la parabola politica di Gianfranco Fini (...). Non intendo indugiare più a lungo nel porgerle le mie più sentite scuse"[26]. Il presidente del Senato, Renato Schifani chiama il presidente delle comunità ebraiche dichiarando che le frasi di Ciarrapico "sono parole inaccettabili"[27].

Polemica sui gay[modifica | modifica wikitesto]

Nel febbraio 2012, durante la trasmissione La Zanzara in onda su Radio24, dichiara: "Due gay che si baciano mi fanno schifo. Durante il fascismo venivano mandati a Carbonia, scavavano e stavano benissimo. Oggi non vale nemmeno la pena mandarceli". Arrivano immediate le reazioni da parte della comunità LGBT e del mondo politico, con parole di condanna espresse nel suo stesso partito dalla parlamentare Mara Carfagna e dal portavoce del PdL Daniele Capezzone[28][29][30][31].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Ad esempio: "Vietnam apocalisse inutile" - Edizione italiana a cura di Guido Giannettini e Fabrizio Malhamè – Ciarrapico Editore, 1984.
  2. ^ Gianvito Lavinia, marzo 2001 Saluti romani ai funerali di Morsello , in Corriere della Sera, p. 46. URL consultato il 20 ottobre 2011 (archiviato dall'url originale il ).
  3. ^ Ivo Caizzi, Ciarrapico: veniva al Premio Fiuggi. Nicoletti? Me lo presentò Evangelisti..., in Corriere della Sera, 28 maggio 1996, p. 5. URL consultato il 20 ottobre 2011 (archiviato dall'url originale il ).
  4. ^ Lodo Mondadori, parla Ciarrapico: Ecco come si svolse la mediazione tra De Benedetti e Berlusconi, Adnkronos Cronaca, 4 ottobre 2011. URL consultato il 20 ottobre 2011.
  5. ^ Ciarrapico si corregge sul 'Lodo Mondadori', in la Repubblica, 20 dicembre 1997, p. 2. URL consultato il 20 ottobre 2011.
  6. ^ Ciarrapico disse al Sole 24 Ore un anno fa: “Caracciolo è stato il mio benefattore”, Blitz quotidiano, 19 febbraio 2010. URL consultato il 20 ottobre 2011.
  7. ^ Sfruttamento Minorile, in L'Unità. URL consultato il 9 aprile 2008.
  8. ^ Bancarotta: 4 anni e mezzo a Ciarrapico, in Corriere della Sera. URL consultato il 10 marzo 2008.
  9. ^ Bancarotta: 4 anni e mezzo a Ciarrapico, in Corriere della Sera. URL consultato il 10 marzo 2008 (archiviato dall'url originale il ).
  10. ^ Per il crac Valadier tre anni a Ciarrapico, in Corriere della Sera. URL consultato il 10 marzo 2008.
  11. ^ Sentenza sull'Ambrosiano: "Le pene alleggerite per rieducare i condannati", in Corriere della sera. URL consultato il 10 marzo 2008.
  12. ^ a b Niente carcere per Ciarrapico, in Corriere della Sera. URL consultato il 10 marzo 2008.
  13. ^ Sentenza sull'Ambrosiano: "Le pene alleggerite per rieducare i condannati", in Corriere della sera. URL consultato il 10 marzo 2008 (archiviato dall'url originale il ).
  14. ^ Condanna annullata per De Benedetti, in Corriere della sera. URL consultato il 10 marzo 2008.
  15. ^ Lorenzo Salvia, Così sono diventata vittima dello stalking di Ciarrapico, Corriere della Sera, 9 marzo 2010. URL consultato il 20 ottobre 2011.
  16. ^ Truffa ai danni dello Stato, indagato l'editore Ciarrapico, Corriere della Sera, 4 maggio 2010. URL consultato il 20 ottobre 2011.
  17. ^ Ciarrapico, il nullatenente che intestava gli yacht agli infermieri in giornalittismo.it 6 maggio 2010
  18. ^ Editoria:maxitruffa da 45 milioni - Bufera su Ciarrapico riportato in www.francoabruzzo.it
  19. ^ Fondi editoria, Ciarrapico e altre 11 persone rinviate a giudizio - Politica - LaPresse
  20. ^ Prima comunicazione, giugno 2012, pag.30
  21. ^ Editoria: ASR, si è dimesso direttore testate Ciarrapico, Elezioni-oggi, 23 ottobre 2006. URL consultato il 13 maggio 2008.
  22. ^ Marco A. Capisani, Ciociaria Oggi, nuovo corso, ItaliaOggi, 4 luglio 2007. URL consultato il 13 maggio 2008.
  23. ^ a b Pdl, è polemica su Ciarrapico e il fascismo, in Corriere della Sera. URL consultato l'11 marzo 2008.
  24. ^ Ciarrapico: "Io con Silvio ma resto sempre fascista", in La Repubblica. URL consultato l'11 marzo 2008.
  25. ^ Non rinnego. Neppure Silvio ha mai festeggiato il 25 aprile, in Corriere della Sera. URL consultato l'11 marzo 2008.
  26. ^ E Ciarrapico chiede scusa agli ebrei: «Non volevo offendere, criticavo Fini», ilGiornale.it, 5 ottobre 2010. URL consultato il 20 ottobre 2011.
  27. ^ Schifani contro Ciarrapico: "Da lui parole inaccettabili", Repubblica.it, 5 ottobre 2010. URL consultato il 20 ottobre 2011.
  28. ^ Giuseppe Ciarrapico contro i gay (ancora una volta) a La Zanzara
  29. ^ Voce - Ciarrapico: “Baci gay? Che schifo!”
  30. ^ Ciarrapico: “I gay mi fanno schifo. Un solo nome tira quello di Berlusconi"
  31. ^ Ciarrapico “I gay? Mussolini li mandava in miniera, io preferisco la farfallina di Belen” - italiah24.it

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Presidente dell'Associazione Sportiva Roma Successore
Flora Viola 24 maggio 19911993 Ciro Di Martino