Ago, filo e nodo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Ago, filo e nodo
Milano - Piazzale Cadorna - panoramio - MarkusMark (cropped).jpg
AutoriClaes Oldenburg e Coosje van Bruggen
Data2000
Materialeacciaio e vetroresina
Altezza1800 cm
UbicazionePiazzale Luigi Cadorna, Milano
Coordinate45°28′05.16″N 9°10′35.87″E / 45.4681°N 9.17663°E45.4681; 9.17663Coordinate: 45°28′05.16″N 9°10′35.87″E / 45.4681°N 9.17663°E45.4681; 9.17663

Ago, filo e nodo è una scultura in due parti creata da Claes Oldenburg e da sua moglie Coosje van Bruggen. L'opera è posta in piazzale Cadorna, punto cruciale del trasporto milanese per la presenza sia della stazione di Milano Nord Cadorna sia dell'omonima fermata della metropolitana.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il gigantesco ago con il filo multicolorato che sbuca in un altro punto della piazza con il nodo finale, sono stati realizzati per il rifacimento della Stazione di Milano Cadorna e della antistante piazza alla fine degli anni novanta. La scultura è stata inaugurata nel febbraio 2000.[1] Nel 2012 è stato annunciato che l'opera verrà a breve restaurata su intervento del Comune di Milano.[2]

Idea[modifica | modifica wikitesto]

L'idea di base è quella di un treno che entra in una galleria sotterranea[3]. Il fatto che la scultura sia divisa in due parti ricongiunte idealmente nel sottosuolo, è un richiamo alla metropolitana[1], il mezzo degli spostamenti rapidi all'interno della città: il filo, infatti, ha gli stessi colori identificativi delle tre linee milanesi presenti al tempo (precedente al progetto delle linee M4 "blu" e M5 "lilla"). Come dichiarato pure da Gae Aulenti alla conferenza al Politecnico di Milano, rappresenta anche una parafrasi del biscione presente sullo stemma di Milano.[3]

L'opera è anche un omaggio alla laboriosità milanese e, soprattutto, al mondo della moda, che ha in Milano uno dei principali centri mondiali.[3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]