Tiosolfato di sodio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Tiosolfato di sodio
Sodium-thiosulfate-3D-vdW.png
Sodium-thiosulfate-pentahydrate-xtal-3D-balls.png
Nome IUPAC
tiosolfato di sodio
Nomi alternativi
iposolfito di sodio
Caratteristiche generali
Formula bruta o molecolare Na2S2O3 · 5H2O
Massa molecolare (u) 248,18 g/mol
Aspetto solido incolore
Numero CAS [10102-17-7]
PubChem 61475
Proprietà chimico-fisiche
Solubilità in acqua 680 g/l (20 °C)
Temperatura di fusione 48 °C (321 K)
Indicazioni di sicurezza
Frasi H ---
Consigli P --- [1]

Il tiosolfato di sodio pentaidrato è il sale di sodio dell'acido tiosolforico.

A temperatura ambiente si presenta come un solido incolore inodore.

Dopo che si è fuso e che lo si è lasciato raffreddare rimane liquido a meno che non si immerga in esso un seme di cristallizzazione.

La titolazione del tiosolfato di sodio viene effettuata utilizzando iodio molecolare e ioduro, a causa dei quali avviene una reazione di ossidoriduzione che porta alla sintesi di sodio tetrationato per ossidazione del tiosolfato.

È usato come antidoto in caso di avvelenamento da cianuro e, in fotografia, come fissaggio. Esso infatti rende solubili gli alogenuri d'argento (quelli usati in fotografia sono: AgBr, AgI e AgCl).

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ scheda del tiosolfato di sodio su IFA-GESTIS

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]