Ipoclorito di sodio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ipoclorito di sodio
Formula di struttura
Nome IUPAC
ossoclorato(I) di sodio
Nomi alternativi
candeggina, conegrina
acqua di Javel, sale ossigenato.
Caratteristiche generali
Formula bruta o molecolare NaClO
Peso formula (u) 74,44
Aspetto liquido giallo
Numero CAS [7681-52-9]
Proprietà chimico-fisiche
Densità (g/cm3, in c.s.) 1,083
Solubilità in acqua 942 g/l (pentaidrato) a 296 K
Temperatura di fusione 18 °C (291 K) (pentaidrato)
Temperatura di ebollizione 101 °C (decomp.)
Indicazioni di sicurezza
Simboli di rischio chimico
corrosivo pericoloso per l'ambiente

pericolo

Frasi H 314 - 400
Consigli P 260 - 301+330+331 - 303+361+353 - 305+351+338 - 405 - 501 [1][2]

L'ipoclorito di sodio è il sale di sodio dell'acido ipocloroso. La sua formula chimica è NaClO.

Diluito variabilmente dall'1% al 25% circa in soluzione acquosa, di colore giallo-paglierino e dal caratteristico odore penetrante, è noto nell'uso comune come sbiancante e disinfettante, con i seguenti nomi:

  • Candeggina, da candeggiare, che significa rendere candido, bianco, usata per detergere, disinfettare sanitari e pavimenti, smacchiare e sbiancare i capi di abbigliamento non colorati.
  • Varichina, Varechina o Varecchina.
  • Nettorina, nome commerciale usato soprattutto nel nord-Italia, specialmente in Romagna, cui nome vuol dire rendere netto, cioè nitido, limpido, pulito.
  • Neveina o Niveina, usato al centro e sud Italia, e che significa, appunto, rendere bianco come la neve.
  • Conegrina o Cunegrina, prestiti della lingua piemontese e di quella lombarda. Di etimo ignoto, ma forse da cum-egro, cioè di o con azione, intendendo l'azione chimica.
  • Acqua di Labarraque, dal chimico francese che la studiò, Antoine Germain Labarraque (1777-1850).

Caratteristiche[modifica | modifica sorgente]

Puro, l'ipoclorito di sodio è un sale pentaidrato (NaClO·5 H2O) che fonde a circa 18 °C ed è particolarmente instabile. Sia per sfregamento che per riscaldamento a temperature superiori a 35 °C può decomporsi in maniera anche violenta. Proprio per questo non viene mai commercializzato ed impiegato puro. Viene invece usato in soluzione acquosa, a concentrazione generalmente non superiore al 25%.
Chimicamente è ottenuto da un forte alcale, l'idrossido di sodio (soda caustica) quasi neutralizzato da un acido debole, che impartisce alla soluzione finale un pH alcalino; una soluzione di 160 g di ipoclorito di sodio in un litro d'acqua ha un pH di circa 12. Industrialmente, viene ottenuto per gorgogliamento del cloro gassoso nell'idrossido di sodio, secondo la reazione

Cl2 + 2 NaOH → NaClO + NaCl + H2O

Essendo una base chimica, l'ipoclorito di sodio viene talvolta confuso con la stessa liscivia, nome comune dell'idrossido di sodio (soda caustica), molto più corrosiva.

Altri usi[modifica | modifica sorgente]

Per la sua azione ossidante, oltre che esser utilizzato come sbiancante e disinfettante, l'ipoclorito di sodio è uno sporicida, un fungicida ed un virocida.
Viene anche utilizzato, titolato in cloro attivo al 5% e spesso riscaldato, come principale irrigante endocanalare in endodonzia (branca dell'odontoiatria).

In chimica organica trova applicazioni come agente ossidante, ad esempio nell'epossidazione di Jacobsen.

Precauzioni[modifica | modifica sorgente]

Candeggina e soluzioni varie di ipoclorito di sodio sono irritanti e caustiche; è bene pertanto maneggiarle usando un paio di guanti di gomma e avendo cura di evitare il contatto con gli occhi. Non devono inoltre essere mescolate né all'acido cloridrico (acido muriatico per gli usi domestici) con cui sviluppano cloro, tossico, né all'ammoniaca con cui sviluppano clorammine, irritanti, né all'etanolo. Le soluzioni di ipoclorito di sodio sono sensibili alla luce ed al calore ed hanno una durata limitata nel tempo. Devono essere conservate quindi al riparo dalla luce e lontano da fonti di calore. Se acquistate in supermercato meglio preferire i prodotti confezionati in bottiglie non trasparenti in grado di proteggere il prodotto dalla luce.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ scheda del composto su IFA-GESTIS
  2. ^ Smaltire in accordo alle leggi vigenti.
  3. ^ ESIS (European chemical Substances Information System)

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

chimica Portale Chimica: il portale della scienza della composizione, delle proprietà e delle trasformazioni della materia