Bisolfito di sodio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Bisolfito di sodio
Struttura del bisolfito di sodio
Nome IUPAC
idrogenosolfito di sodio
Caratteristiche generali
Formula bruta o molecolare NaHSO3
Massa molecolare (u) 104,06
Aspetto solido bianco
Numero CAS [7631-90-5]
PubChem 656672
Proprietà chimico-fisiche
Densità (g/cm3, in c.s.) 1,48
Solubilità in acqua 300 g/L
Temperatura di fusione 150 °C (423,15 K)
Indicazioni di sicurezza
Simboli di rischio chimico
irritante

attenzione

Frasi H 302 - EUH031
Consigli P 264 - 270 - 301+312 - 305+351+338 - 330 [1]

Il bisolfito di sodio, o idrogenosolfito di sodio, è un composto chimico con formula NaHSO3. In presenza di acidi libera anidride solforosa, un gas tossico. Reagisce rapidamente con l'ossigeno formando bisolfato di sodio.

Viene utilizzato come additivo alimentare sotto la denominazione E222.

Produzione[modifica | modifica sorgente]

Un comune metodo di sintesi utilizza la reazione tra una soluzione acquosa di carbonato di sodio in cui viene fatta gorgogliare l'anidride solforosa:

Na_2CO_3\ \xrightarrow[]{SO_2}\ NaHSO_3

Anche l'idrolisi del metabisolfito di sodio produce bisolfito di sodio:

\mathrm{Na_2S_2O_5 + H_2O \ \rightleftharpoons \ 2 \ NaHSO_3}

Uso in chimica[modifica | modifica sorgente]

Il bisolfito di sodio reagisce con aldeidi e chetoni formando addotti in cui l'atomo di zolfo nucleofilo attacca l'atomo di carbonio del carbonile. Ad esempio, la formaldeide reagisce con il bisolfito di sodio formando un addotto poco solubile in acqua:

\mathrm{HCHO + NaHSO_3 \longrightarrow HO{-}CH_2{-}SO_3Na}

In questo modo è possibile purificare tali composti precipitandoli, separandoli tramite filtrazione, e infine trattando con acidi o basi in modo da ottenere il composto originario puro (la reazione con NaHSO3 è reversibile).

Il bisolfito di sodio viene utilizzato anche come agente riducente e sbiancante. Viene anche sfruttato nella reazione di Bucherer in cui un gruppo ossidrilico del naftolo è convertito in gruppo amminico.

Uso come additivo alimentare[modifica | modifica sorgente]

Il bisolfito di sodio viene utilizzato nei vini come alternativa al metabisolfito di sodio,[2] rilasciando anidride solforosa che uccide i microrganismi presenti nel mosto prima della fermentazione e nuovamente aggiunto come conservante in fase di imbottigliamento del vino. Viene utilizzato anche nei succhi di frutta e nelle conserve di frutta per impedirne l'ossidazione (imbrunimento) e la proliferazione di microbi. È utilizzato anche nei vegetali a foglia verde per preservarne l'apparente freschezza, oltre che nelle patate disidratate.

Nei soggetti che presentano allergia ai solfiti il bisolfito di sodio può provocare una reazione allergica che può culminare con la morte. La sostanza rientra tra quei composti il cui uso nei vegetali freschi e nella frutta fresca è stato proibito negli Stati Uniti dalla FDA durante gli anni 1980 in seguito alla morte di 13 persone attribuita alla presenza di solfiti in tali alimenti.[3]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Scheda IFA-GESTIS
  2. ^ (EN) The Many Uses Of Sodium Bisulfite
  3. ^ (EN) Fda Prohibits Sulfites In Fruits, Vegetables

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

chimica Portale Chimica: Il portale della scienza della composizione, delle proprietà e delle trasformazioni della materia