Nitrito di sodio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nitrito di sodio
un campione di nitrito di sodio
Caratteristiche generali
Formula bruta o molecolare NaNO2
Massa molecolare (u) 69,00 g/mol
Aspetto solido bianco
Numero CAS [7632-00-0]
Proprietà chimico-fisiche
Densità (g/cm3, in c.s.) 2,1 (20 °C)
Solubilità in acqua 820 g/l (20 °C)
Temperatura di fusione 280 °C (553 K) (decomposizione)
Temperatura di ebollizione 320 °C (593 K) (decomposizione)
Indicazioni di sicurezza
Temperatura di autoignizione 489 °C (762 K)
Simboli di rischio chimico
tossicità acuta comburente pericoloso per l'ambiente

pericolo

Frasi H 272 - 301 - 400
Consigli P 273 - 309+310 [1]

Il nitrito di sodio è il sale di sodio dell'acido nitroso.

A temperatura ambiente si presenta come un solido bianco inodore. È molto solubile in acqua.

È un composto tossico, pericoloso per l'ambiente.

Un tempo si preparava per riduzione del nitrato corrispondente mediante sua calcinazione con piombo. Si prepara per reazione dei vapori nitrosi con carbonato sodico in soluzione.

Utilizzo[modifica | modifica wikitesto]

In ambito chimico viene principalmente impiegato quale agente riducente e composto utile per la sintesi di coloranti tramite diazotazione.

Industria alimentare[modifica | modifica wikitesto]

Viene inoltre adoperato anche come conservante alimentare (E250) nei prodotti a base di carne (per es. carne in scatola, prosciutto cotto, prosciutto crudo, pancetta coppata, insaccati ecc.).

Nell'ambiente acido dello stomaco reagisce con le ammine secondarie presenti negli alimenti e forma N-nitrosammine (cancerogene).

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ scheda del nitrito di sodio su IFA-GESTIS

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

chimica Portale Chimica: il portale della scienza della composizione, delle proprietà e delle trasformazioni della materia