Citrato di sodio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Citrato di sodio
Sodium citrate.png
Nomi alternativi
citrato di trisodio
Caratteristiche generali
Formula bruta o molecolare C6H5Na3O7 · 2H2O
Massa molecolare (u) 294,10 g/mol
Aspetto solido bianco
Numero CAS [6132-04-3]
Proprietà chimico-fisiche
Densità (g/cm3, in c.s.) 1,76
Solubilità in acqua 425 g/l (25 °C)
Temperatura di fusione 150 °C (423 K) (sost. anidra)
Indicazioni di sicurezza
Frasi H ---
Consigli P --- [1]

Il citrato di sodio (o citrato di trisodio) è il sale di sodio dell'acido citrico. A temperatura ambiente si presenta come un solido bianco inodore.

Applicazioni[modifica | modifica wikitesto]

Biochimiche[modifica | modifica wikitesto]

Come tutti i sali di un acido debole, il citrato di sodio è molto utilizzato in soluzioni tampone per regolare l’acidità stabilizzando il pH.

Alimenti, bevande e integratori[modifica | modifica wikitesto]

Il citrato di sodio è usato come additivo alimentare, col numero E331, sia per dare il gusto acidulo che come conservante. È frequente il suo utilizzo in bevande gassate e in energy drink. È utilizzato per controllare l’acidità in dessert gelatinosi e può essere presente nei mini-contenitori di latte da aggiungere ai caffè. Come antiacido è presente in preparazioni da sciogliere in acqua, come l'Alka-Seltzer.

Farmacologiche[modifica | modifica wikitesto]

È usato in laboratorio, in soluzione al 4%, come anticoagulante, e per la conservazione delle sacche di sangue in quanto, come l'EDTA, sequestra gli ioni calcio. In medicina trova impiego come antiacido, grazie all'azione dello ione citrato il quale, derivando dall'acido debole acido citrico, bilancia il basso pH gastrico. A dosi elevate è altresì un blando purgante.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ scheda del citrato di sodio su IFA-GESTIS