Acido tiosolforico

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Acido tiosolforico
Formula di struttura
Caratteristiche generali
Formula bruta o molecolare H2S2O3
Massa molecolare (u) 114.14
Indicazioni di sicurezza

L'acido tiosolforico è un acido inorganico, di formula bruta H2S2O3. Non esiste né puro né in soluzione acquosa. A contatto con acqua si decompone in vari composti dello zolfo.

Si ottiene facendo reagire anidride solforica SO3 e acido solfidrico H2S in soluzione di etere a 195 K (-78 °C) o meno, secondo la reazione

\operatorname{SO_3+H_2S \lrarr H_2S_2O_3}

La reazione a 273 K (0 °C) è tutta spostata a sinistra, mentre a 195 K o meno a destra. È una reazione tra l'acido di Lewis SO3 e la base di Lewis H2S, analoga a quella tra SO3 H2O che forma l'acido solforico.

I sali dell'acido tiosolforico sono detti tiosolfati, o anche, erroneamente, iposolfiti: ciò ingenera confusione con l'inglese che chiama hyposolphurous acid l'acido idrosolforoso H2S2O4. Tali sali sono stabili allo stato puro e in soluzione acquosa non acida. Non è possibile la formazione di idrogenotiosolfati, in quanto a pH circa 4 lo ione tiosolfato si decompone.

La distanza S-O è 1,5 Å, S-S 2 Å.

Lo iodio ossida lo ione tiosolfato in ione tetrationato \operatorname{S_4O_6}^{2-}: questa reazione viene utilizzata per la titolazione dello iodio, unitamente ad una soluzione di salda d'amido come indicatore.

chimica Portale Chimica: il portale della scienza della composizione, delle proprietà e delle trasformazioni della materia