Fissaggio fotografico

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il fissaggio fotografico è una delle operazioni necessarie allo sviluppo di una fotografia.

Principio di funzionamento[modifica | modifica wikitesto]

Il fissaggio consiste nell'immergere la fotografia sviluppata in una soluzione di tiosolfato di sodio (Na2S2O3) o tiosolfato di ammonio (NH4)2S2O3, detti anche iposolfito, i quali rendono solubile il bromuro d'argento non ridotto dall'azione dello sviluppo. Se non venisse eseguita questa operazione, il bromuro d'argento rimasto, annerirebbe rapidamente con l'esposizione alla luce danneggiando quindi la fotografia.

La reazione che rende solubile il bromuro d'argento passa attraverso cinque stadi, nelle prime fasi vengono prodotti dei sali insolubili ed incolori pertanto se il bagno di fissaggio non viene protratto abbastanza a lungo i residui rimarranno sull'immagine danneggiandola in seguito alla loro alterazione.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]