Acido borico

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Acido borico
formula di struttura
modello molecolare
Nome IUPAC
triidrossidoboro
Nomi alternativi
acido ortoborico
acido triossoborico (III)
Caratteristiche generali
Formula bruta o molecolare H3BO3 oppure B(OH)3
Massa molecolare (u) 61,84 g/mol
Aspetto solido bianco
Numero CAS [10043-35-3]
Proprietà chimico-fisiche
Densità (g/cm3, in c.s.) 1,44 (20 °C)
Solubilità in acqua 46,5 g/l (20 °C)
Temperatura di fusione 171 °C (444 K) (decomposizione)
Temperatura di ebollizione 300 °C (573 K)
Indicazioni di sicurezza
Simboli di rischio chimico
tossico a lungo termine

pericolo

Frasi H 360
Consigli P 201 - 308+313 [1]

L'acido borico, o acido ortoborico, nella nomenclatura IUPAC triidrossidoboro, è un acido debole usato spesso come antisettico, insetticida, disinfettante, ritardante di fiamma e in laboratorio per la preparazione di alcune soluzioni, come il TBE (tris-borato-EDTA).

L'acido borico è utilizzato nell'industria del vetro, nella lavorazione degli smalti, delle vernici, della pelle, della carta, degli adesivi e degli esplosivi. È inoltre iniettato nel moderatore delle centrali nucleari BWR o PWR in virtù della natura di assorbitore neutronico di un isotopo del Boro per effettuare gli arresti rapidi (SCRAM). Esiste in natura in forma di cristalli incolori o polvere bianca. È solubile in acqua. La formula bruta è H3BO3, alcune volte scritto come B(OH)3. La forma minerale dell'acido borico è chiamata sassolite.

Preparazione[modifica | modifica sorgente]

L'acido borico è l'acido ottenuto per idratazione dell'anidride borica. L'acido borico, tuttavia, è prodotto principalmente dai minerali del borato dalla reazione con acido solforico. La più grande fonte di borati nel mondo è la miniera di Boron, in California.

Proprietà[modifica | modifica sorgente]

Aspetto dell'acido borico

L'acido borico è solubile in acqua bollente. A circa 170 °C avviene una deidratazione che trasforma l'acido ortoborico in acido metaborico HBO2. Fonde a circa 236 °C, e quando viene riscaldato a circa 300 °C avviene una ulteriore deidratazione con la formazione di acido tetraborico (acido piroborico) H2B4O7.

È un acido debole, la cui costante di dissociazione acida Ka è 5.81x10-10. In soluzione acquosa diluita (dal 3% al 5% circa) viene utilizzato come disinfettante; tale soluzione prende il nome di acqua borica e viene tuttalpiù usata dopo bagni in acque ricche di plancton e per contrastare l'alcalinità di saponi, come antisettico, antimicotico, fungicida e in oculistica (occhi arrossati e congiuntiviti).

È anche usato come moderatore nelle centrali nucleari, disciolto nell'acqua in cui sono immerse le barre combustibili, per assorbire i neutroni emessi durante la fissione dell'Uranio, per ridurre e tenere sotto controllo la velocità delle reazioni nucleari.

Tossicologia[modifica | modifica sorgente]

In dosi tossiche l'acqua borica può provocare vomito, diarrea, emorragie e dolori viscerali. Secondo lo IUCLID Dataset dell'acido borico pubblicato dalla Commissione Europea, l'acido borico in alte dosi mostra una significativa tossicità nello sviluppo e teratogenicità in feti e prole di conigli, ratti e topi, causando difetti cardiovascolari, modificazioni scheletriche, modeste lesioni renali.[2] Di conseguenza, nell'agosto 2008, con il 30° adeguamento al progresso tecnico della direttiva 67/548/CEE, la CE ha deciso di modificare la sua classificazione in 'Tossico per la riproduzione' di categoria 2 con le frasi di rischio R60 (Può ridurre la fertilità) e R61 (può danneggiare i bambini non ancora nati).

Riconoscimento[modifica | modifica sorgente]

Al saggio alla fiamma dà colorazione verde smeraldo. L'acido borico è solubile in acqua. Con l'utilizzo di carta di curcuma bagnata con soluzione cloridrica della sostanza, assume colorazione rosa per essiccamento. Riscaldato fonde assumendo l'aspetto di una massa traslucida.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ scheda dell'acido borico su IFA-GESTIS
  2. ^ European Chemical Bureau - ECB, Boric Acid IUCLID Dataset (.PDF), Commissione Europea.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]