Acido ipofosforoso

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Acido ipofosforoso
formula di struttura
Nome IUPAC
acido diossifosforico
Nomi alternativi
acido ipofosforoso
acido fosfinico
HPA
Caratteristiche generali
Formula bruta o molecolare H3PO2
Massa molecolare (u) 66,00 g/mol
Aspetto liquido incolore
Numero CAS [6303-21-5]
Proprietà chimico-fisiche
Densità (g/cm3, in c.s.) 1,274 (20 °C)
Solubilità in acqua completamente miscibile
Temperatura di fusione 26,5 °C (299,5 K)
Temperatura di ebollizione 106 °C (379 K) (decomposizione)
Indicazioni di sicurezza
Simboli di rischio chimico
corrosivo

pericolo

Frasi H 314
Consigli P 260 - 301+330+331 - 303+361+353 - 305+351+338 - 405 - 501 [1][2]

L'acido ipofosforoso, noto anche col nome acido fosfinico, è un ossiacido e un potente agente riducente. È un composto incolore con un bassa temperatura di fusione. È solubile in acqua, diossano e alcoli. La formula bruta dell'acido ipofosforoso è H3PO2, che in maniera più descrittiva si presenta come HOP(O)H2, in quanto mette in luce il carattere monobasico. I sali che derivano dall'acido sono detti ipofosfiti

HOP(O)H2 esiste in equilibrio con il tautomero HP(OH)2.

Preparazione e disponibilità[modifica | modifica wikitesto]

La preparazione industriale dell'acido è costituita da due processi. I sali di ipofosfito dei metalli alcalini e alcalini terrosi provengono dal trattamento con fosforo bianco con una soluzione acquosa (ad alta temperatura) di un appropriato idrossido (es: Ca(OH)2).

P4 + 4OH + 4H2O → 4H2PO2 + 2H2

L'acido può essere preparato con la reazione fra un acido forte e questi sali di ipofosfite.

H2PO2 + H+ → H3PO2

In alternativa, H3PO2 può formarsi con una ossidazione di fosfina con iodio in acqua.

PH3 + 2I2 + 2H2O → H3PO2 + 4I + 4H+

Usi[modifica | modifica wikitesto]

L'acido ipofosforoso è usato nell'industria farmaceutica, nei trattamenti delle acque, nel recupero di metalli preziosi o non-ferrosi. In chimica organica è conosciuto per il suo uso nella riduzione dei sali di diazonio, tramite la reazione di Sandmeyer.

Derivati inorganici e organici[modifica | modifica wikitesto]

Si conoscono numerosi derivati nei quali i due idrogeni direttamente legati al fosforo sono sostituiti da gruppi organici. Questi derivati sono noti come acidi fosfinici e i loro sali come fosfinati. Pochi metalli complessi sono preparati partendo da H3PO2. Uno di questi è Ni(O2PH2)2.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ scheda dell'acido ipofosforoso su IFA-GESTIS
  2. ^ Smaltire in accordo alle leggi vigenti.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

chimica Portale Chimica: il portale della scienza della composizione, delle proprietà e delle trasformazioni della materia