Fosforo bianco

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Fosforo bianco
Disposizione dei tetraedri nel solido
Nome IUPAC
Fosforo bianco
Nomi alternativi
Fosforo giallo
Caratteristiche generali
Formula bruta o molecolare P4
Massa molecolare (u) 123.9
Aspetto solido bianco/giallastro
Numero CAS [12185-10-3]
Proprietà chimico-fisiche
Densità (g/cm3, in c.s.) 1,8
Temperatura di fusione 44.1 °C (319.25 K)
Temperatura di ebollizione 282 °C (555 K)
Indicazioni di sicurezza
Temperatura di autoignizione 30 °C (303 K)
Simboli di rischio chimico
facilmente infiammabile tossicità acuta corrosivo pericoloso per l'ambiente

pericolo

Frasi H 250 - 330 - 300 - 314 - 400
Consigli P 210 - 222 - 260 - 264 - 270 - 271 - 273 - 280 - 284 - 301+310 - 301+330+331 - 303+361+353

304+340 - 305+351+338 - 310 - 320 - 321 - 330 - 335+334 - 363 - 370+378 - 391 - 403+233 - 405 - 422 - 501 [1][2][3][4][5]

Aspetto del fosforo bianco

Il fosforo bianco è una delle tre forme allotropiche del fosforo. È un solido molecolare costituito da tetraedri P4, uniti da forze di Van der Waals. La distanza P-P nei tetraedri è 2,21 Å con angoli di 60°: questo genera tensioni interne alla struttura di circa 100 kJ/mol, che la rendono la meno stabile delle forme allotropiche. È di aspetto ceroso, fonde a 44,1 °C (319,25 K) formando un liquido incolore che bolle a 282 °C (555 K). È tossico per ingestione e inalazione, provoca necrosi ossea e viene conservato sott'acqua o azoto in quanto a 40 °C (313 K), esposto all'aria, brucia.

Utilizzo del fosforo bianco come arma[modifica | modifica wikitesto]

La Human Rights Watch e Amnesty International sostengono che le munizioni come queste, usate da Israele durante l'Operazione Piombo fuso nel 2009 siano a base di fosforo bianco.

La Convenzione sulle armi chimiche non considera il fosforo bianco un'arma chimica, sebbene alcuni paesi lo facciano. Negli ultimi anni, gli Stati Uniti, Israele, e la Russia hanno usato fosforo bianco in combattimento (né Israele né gli Usa hanno ratificato il Protocollo III della Convenzione su certe armi convenzionali contro le armi incendiarie).

Il fosforo bianco a contatto con l'ossigeno presente nell'aria produce anidride fosforica generando calore. L'anidride fosforica reagisce violentemente con composti contenenti acqua e li disidrata producendo acido fosforico. Il calore sviluppato da questa reazione brucia la parte restante del tessuto molle. Il risultato è la distruzione completa del tessuto organico.

È utilizzato nelle bombe incendiarie al fosforo, le quali, secondo le convenzioni internazionali, possono essere utilizzate solamente a scopo di illuminazione, per spaventare o per nascondere le proprie truppe. Altro utilizzo del fosforo bianco è la cortina fumogena, sfruttata per coprire la ritirata o impedire al nemico di avanzare, sebbene si tratti effettivamente di polveri sottili.

Nel gergo militare statunitense è conosciuto come Willy Pete (abbreviato anche in WP - White Phosphorus).

USA[modifica | modifica wikitesto]

L'utilizzo di tali ordigni durante alcune fasi della guerra in Iraq a Falluja da parte delle truppe USA su obiettivi civili è stato al centro di polemiche, scaturite nel novembre 2004 da un servizio giornalistico di Sigfrido Ranucci per RaiNews24.[6]

Israele[modifica | modifica wikitesto]

Il fosforo bianco è stato usato nel 2006 da Israele contro obiettivi militari in Libano[7] e nell'Operazione Piombo fuso[8] In entrambi i casi l'uso della sostanza è stato prima negato, poi ammesso dalle forze militari israeliane, specificando però che l'uso rientrava nei metodi legittimi di impiego. Nell'operazione "Piombo Fuso", tuttavia, da video e articoli sui siti del Guardian[9] e della CNN[10] risulta che la popolazione civile è stata comunque colpita dai bombardamenti, danni alle persone, civili che utilizzavano anche scuole, ospedali, asili e ospizi come rifugio; tale tattica, tuttavia, non ha scoraggiato Israele dal bombardare strutture in cui erano presenti civili, compresi bambini.[11] A questo proposito, il Concilio di Sicurezza delle Nazioni Unite ha avviato un'indagine anche per la distruzione della sede ONU tramite l'impiego di questo tipo di arma;[12] l'indagine ha riportato che Israele ha effettivamente utilizzato missili a base di fosforo bianco.[13]

Il fosforo bianco è stato usato anche durante gli attacchi di dicembre 2008 e gennaio 2009 nella Striscia di Gaza, come riscontrato dai ricercatori di Amnesty International: "Abbiamo visto strade e vicoli pieni di prove dell'uso del fosforo bianco, con alcuni grumi ancora fumanti e residui di ordigni" - ha dichiarato Cristopher Cobb-Smith, un esperto in armi che ha fatto parte della missione di Amnesty International. Tra le zone più colpite dal fosforo bianco vi è stata la sede dell'Unrwa, l'agenzia dell'Onu per i rifugiati a Gaza City, attaccata dalle forze israeliane il 15 gennaio. Sempre quel giorno, ordigni impregnati di fosforo bianco hanno colpito anche l'ospedale al-Quds di Gaza City, provocando un incendio che ha costretto lo staff sanitario a evacuare i pazienti.[14]

Ferite da fosforo bianco[modifica | modifica wikitesto]

Il fosforo bianco provoca ustioni gravissime ed estremamente dolorose. I tempi di reazione su un organismo vivente sono rapidissimi, nell'ordine di pochi secondi. In caso di contatto con la pelle, l'ustione appare come necrosi di colore giallastro ed un odore caratteristico, simile all'aglio marcio. Le bruciature sono multiple, profonde e di dimensione variabile. Presentano escoriazioni e vesciche giallastre. Data l'alta solubilità lipidica, penetra rapidamente attraverso la pelle bruciando i tessuti sottostanti, spesso fino alle ossa. Tale reazione continua fino all'esaurimento del fosforo bianco dato che i tessuti organici sono molto ricchi di acqua e, quindi, di ossigeno.

Le parti più colpite sono, solitamente, le parti esposte: testa, mani e piedi. Il grado di severità delle ustioni è sempre il terzo. In caso di contatto con gli occhi, i danni sono gravissimi e quasi sempre irreversibili. Chi è colpito deve togliersi immediatamente gli indumenti riducendo al minimo ogni contatto con la pelle, oppure deve immergere gli indumenti in acqua per prevenire o estinguere l'incendio e successivamente rimuoverli. Bagnare abbondantemente la ferita con soluzione satura di bicarbonato di sodio in acqua fredda è un antidoto. L'immersione della parte da trattare in una bacinella piena di soluzione è il protocollo medico più efficace. Fondamentale è anche la rimozione di ogni residuo visibile di fosforo utilizzando pinzette o utensili medici adatti. L'uso delle mani nude per queste operazioni è, per ovvi motivi, deleterio.

Il fosforo bianco è smaltito in acqua o luogo ove possa bruciare in sicurezza. Le ustioni da fosforo bianco sono trattate con bende bagnate di soluzione salina e mantenute umide per prevenire un brusco innalzamento della temperatura locale e un possibile incendio. Se le ferite sono molto estese, il rischio può essere fatale. Le persone colpite devono essere quindi monitorate con cura sotto il profilo termico.

Le bruciature da fosforo bianco, infine, sono molto pericolose anche per l'elevato grado di tossicità delle sostanze prodotte dalla combustione o degradazione come la fosfina. Tali prodotti possono provocare nel breve termine danni al fegato, cuore e reni.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ scheda del fosforo bianco su IFA-GESTIS
  2. ^ Landolt-Börnstein Substance / Property Index
  3. ^ In caso di incendio non estinguere con acqua.
  4. ^ Conservare sotto atmosfera inerte.
  5. ^ Smaltire presso impianti autorizzati.
  6. ^ http://www.rainews24.rai.it/ran24/inchiesta/body.asp
  7. ^ BBC NEWS | Middle East | Israel admits phosphorus bombing
  8. ^ Striscia di Gaza: fosforo bianco contro i civili
  9. ^ Guardian.co.uk
  10. ^ CNN
  11. ^ Fosforo bianco sulla sede ONU
  12. ^ Reuters
  13. ^ pagina 21 del report "HUMAN RIGHTS IN PALESTINE AND OTHER OCCUPIED ARAB TERRITORIES", Report of the United Nations Fact-Finding Mission on the Gaza Conflict
  14. ^ Ricercatori di Amnesty International a Gaza: Fosforo bianco da parte di Israele contro i civili, "prove evidenti e incontestabili" :: Amnesty Italia
chimica Portale Chimica: il portale della scienza della composizione, delle proprietà e delle trasformazioni della materia