Anidride fosforica

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Anidride fosforica
formula di struttura
modello molecolare
Nome IUPAC
decaossido di tetrafosforo
Nomi alternativi
pentossido di fosforo
pentossido di difosforo
Caratteristiche generali
Formula bruta o molecolare P2O5
Massa molecolare (u) 283.889 g/mol
Aspetto solido bianco
Numero CAS [1314-56-3]
Proprietà chimico-fisiche
Densità (g/cm3, in c.s.) 2,40 (20 °C)
Solubilità in acqua (20 °C) (reazione violenta)
Temperatura di fusione 340 °C (613 K)
Temperatura di ebollizione 360 °C (633 K) sublimazione
Proprietà termochimiche
ΔfH0 (kJ·mol−1) −2984,0
ΔfG0 (kJ·mol−1) −2697,0
S0m(J·K−1mol−1) 228,86
C0p,m(J·K−1mol−1) 211,71
Indicazioni di sicurezza
Simboli di rischio chimico
corrosivo

pericolo

Frasi H 314
Consigli P 260 - 301+330+331 - 305+351+338 - 303+361+353 - 405 - 501 [1][2]

L'anidride fosforica è l'ossido del fosforo al suo massimo numero di ossidazione (+ 5). Si ottiene bruciando il fosforo con un eccesso di aria (e quindi di ossigeno), in totale assenza di umidità:

P4 + 5 O2 → P4O10

Sebbene il termine chimicamente più corretto per denominare l'anidride fosforica P4O10 sia decaossido di tetrafosforo, viene molto più spesso utilizzato il nome pentossido di difosforo che si rifà, invece, alla formula minima P2O5 di questa anidride.

A temperatura ambiente si presenta come un solido bianco fortemente igroscopico, è piuttosto volatile e sublima a 360 °C. L'anidride fosforica è un composto corrosivo che reagisce violentemente a contatto con l'acqua generando acido ortofosforico:

P4O10 + 6 H2O → 4 H3PO4

Applicazioni[modifica | modifica wikitesto]

Proprio in virtù di questa forte tendenza a reagire con molecole d'acqua, in maniera del tutto irreversibile, l'anidride fosforica è utilizzata come energico disidratante. In presenza di poca acqua, infatti, la reazione di idratazione dell'anidride fosforica porta alla formazione di acido metafosforico:

P4O10 + 2 H2O → 4 HPO3

Altri ossidi del fosforo[modifica | modifica wikitesto]

Oltre all'anidride fosforosa P4O6 (composto nel quale il fosforo ha numero d'ossidazione + 3) e all'anidride fosforica (con fosforo allo stato d'ossidazione + 5), esistono ossidi del fosforo a stati d'ossidazione intermedi:[3]

Structures of phosphorus oxides.png

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ scheda del pentossido di fosforo su IFA-GESTIS
  2. ^ Smaltire prodotto e contenitore in accordo con le leggi vigenti.
  3. ^ Luer, B.; Jansen, M. "Crystal Structure Refinement of Tetraphosphorus Nonaoxide, P4O9" Zeitschrift fur Kristallographie 1991, volume 197, pagine 247-8.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

chimica Portale Chimica: il portale della scienza della composizione, delle proprietà e delle trasformazioni della materia