Diossido di stagno

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Diossido di stagno
Nomi alternativi
ossido stannico
Caratteristiche generali
Formula bruta o molecolare SnO2
Massa molecolare (u) 150,70 g/mol
Aspetto solido incolore o bianco
Numero CAS [18282-10-5]
Proprietà chimico-fisiche
Densità (g/cm3, in c.s.) 6,95 (20 °C)
Solubilità in acqua (20 °C) insolubile
Temperatura di fusione 1.630 °C (1.903 K)
Temperatura di ebollizione 1.800 °C (2.073 K) (sublimazione)
Indicazioni di sicurezza
Frasi H ---
Consigli P --- [1]

Il diossido di stagno (o ossido stannico) è l'ossido dello stagno (IV).

A temperatura ambiente si presenta come un solido incolore o bianco inodore.

È un ossido anfotero, che si scioglie in ambiente basico alcalino dando stannati. Esiste il composto Sn(OH)2, ma non si hanno evidenze per Sn(OH)4: il numero di ossidazione IV è troppo alto per poter essere stabilizzato da OH-.

Come vale anche per germanio e piombo, l'ossido di stagno è insolubile in acidi, fatta eccezione per gli acidi il cui anione è un buon complessante, ossia acido fluoridrico (HF) e acido cloridrico (HCl), che danno origine a complessi stabili come [SnF6]2-. Il fluoro, infatti, stabilizza molto bene gli alti numeri di ossidazione.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ scheda del diossido di stagno su IFA-GESTIS
chimica Portale Chimica: il portale della scienza della composizione, delle proprietà e delle trasformazioni della materia