Tricloruro di fosforo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Tricloruro di fosforo
Struttura del composto
Nome IUPAC
tricloruro di fosforo
Nomi alternativi
triclorofosfina
Caratteristiche generali
Formula bruta o molecolare PCl3
Massa molecolare (u) 137,33
Aspetto liquido incolore
Numero CAS [7719-12-2]
Proprietà chimico-fisiche
Densità (g/cm3, in c.s.) 1,574
Temperatura di fusione −93,6 °C (179,6 K)
Temperatura di ebollizione 76,1 °C (349,3 K)
Indicazioni di sicurezza
Simboli di rischio chimico
tossicità acuta tossico a lungo termine corrosivo

pericolo

Frasi H 300 - 314 - 330 - 373 - EUH014 - EUH029
Consigli P 260 - 264 - 280 - 284 - 301+310 - 305+351+338 [1]

Il tricloruro di fosforo è un composto di formula PCl3, si tratta del più importante tra gli alogenuri di fosforo.

Preparazione[modifica | modifica sorgente]

Viene preparato per sintesi diretta dagli elementi:

P4 + 6 Cl2 → 4 PCl3

La preparazione su scala industriale avviene con riflusso di cloro in una sospensione di fosforo bianco in PCl3.

Reattività[modifica | modifica sorgente]

Inorganica[modifica | modifica sorgente]

Reagisce con acqua per dare l'acido fosforoso:

PCl3 + 3 H2O → 3 H+ + 3 Cl + H3PO3

Subisce varie ossidazioni con formazione di PCl5, OPCl3 e anidride fosforica.

Complessa il nichel tetracarbonile per reazione di sostituzione di legante

Ni(CO)4 + 4 PCl3 → Ni(PCl3)4 + 4 CO

Sintesi organica[modifica | modifica sorgente]

Il tricloruro di fosforo può agire sia da elettrofilo che da nucleofilo.

Con il fenolo forma il trifenil fosfito:

3 PhOH + PCl3 → P(OPh)3 + 3 HCl

la reazione avviene anche con alcoli alifatici in presenza di base:

PCl3 + 3 EtOH + 3 NR3 → P(OEt)3 + 3 R3NH+Cl

in assenza di base avviene la clorurazione:

PCl3 + 3 EtOH → 3C2H5Cl + H3PO3

Usi[modifica | modifica sorgente]

Il tricloruro di fosforo viene usato per preparare acido fosforoso per reazione con acqua (idrolisi).

Per alcolisi dà esteri dell'acido fosforoso.

Clorurandolo si ottiene il pentacloruro di fosforo (PCl5).

Ossidandolo con corrente di ossigeno entro un reattore si ottiene l'ossicloruro di fosforo (POCl3). La reazione viene arrestata prima che il PCl3 si esaurisca e l'eccesso di reattivo viene distillato.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Sigma Aldrich; rev. del 12.12.2012

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

chimica Portale Chimica: Il portale della scienza della composizione, delle proprietà e delle trasformazioni della materia