Storia di Wikipedia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

1leftarrow.pngVoce principale: Wikipedia.

Wikipedia è un'enciclopedia online a contenuto libero nata il 15 gennaio 2001. Tra i suoi principi ci sono il "punto di vista neutrale"[1] e il rispetto del copyright[2].

La pagina principale di Wikipedia il 28 settembre 2002
Jimmy Wales, co-fondatore di Wikipedia e fondatore della Wikimedia Foundation
Larry Sanger, co-fondatore di Wikipedia

La storia in breve[modifica | modifica sorgente]

Nupedia[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Nupedia.

Nupedia, fondata il 9 marzo 2000, entrò nella pagine della società Bomis (fonte documenti notarili), proprietaria dell'omonimo portale di ricerca per musica pop, la quale, collaborando con Jimmy Wales, allora CEO della Bomis, e con Larry Sanger, redattore capo di Nupedia, decise di avviare questo ambizioso progetto. Sanger sottolineò la diversità di Nupedia dalle enciclopedie già esistenti: il suo era un contenuto aperto e aveva quindi carattere libero, in quanto edito sotto licenza GFDL; si trovava sul web, il che eliminava tutte le limitazioni di spazio tipiche del formato cartaceo; era libera da pregiudizi per la sua natura pubblica e per la base potenzialmente ampia dei suoi collaboratori: tutte queste caratteristiche ne facevano un prodotto del tutto nuovo. Rivoluzionaria risultava poi la commistione tra volontarietà e gratuità dell'opera redazionale, da un lato, e la disponibilità piena degli stessi contenuti da parte dei fruitori, dall'altro.

Le voci di Nupedia venivano prodotte attraverso un processo di revisione delle voci scandito in sette passaggi eseguiti da esperti scelti di varie materie, i quali si dedicavano volontariamente ad un minuzioso ed intenso lavoro di ricerca. In seguito, ciò venne indicato come il motivo principale della lentezza nello sviluppo del progetto, il quale, al termine della sua esistenza, aveva prodotto solo 24 voci in tre anni. La Bomis inizialmente studiò dei piani per recuperare il suo investimento attraverso l'uso di inserzioni pubblicitarie.

All'inizio Nupedia fu pubblicata sotto la propria licenza Nupedia Open Content, poi sostituita dalla GNU Free Documentation License (già prima della fondazione di Wikipedia) in seguito alle esortazioni di Richard Stallman.[3] Stallman, importante personalità del software libero, a quel punto fece confluire dentro Nupedia un altro progetto di enciclopedia a contenuto libero, GNUPedia,[4] da lui annunciato nel 1999[3] (anch'esso ancora privo del sistema di produzione wiki). Stallman diede in seguito il proprio sostegno a Wikipedia.[4]

Wikipedia.com[modifica | modifica sorgente]

Screenshot del più antico edit di Wikipedia che sia rimasto preservato: si tratta della voce "UuU"[5] (qui visualizzata con la skin Nostalgia)

Per il concetto di wiki Wales e Sanger dichiararono di essersi ispirati ai siti WikiWikiWeb o Portland Pattern Repository di Ward Cunningham. In particolare, Wales affermò di avere per la prima volta conosciuto il wiki da Jeremy Rosenfeld, un impiegato della Bomis che gli mostrò un wiki di Ward Cunningham nel dicembre del 2000. Ma fu dopo che Sanger, nel gennaio 2001, seppe della sua esistenza da Ben Kovitz, un utente regolare di quel wiki, che propose a Wales la creazione di un wiki per Nupedia: con ciò la storia di Wikipedia ebbe inizio.

Formatasi Wikipedia, Wales e Sanger ne risultarono i principali fondatori, anche se, a rigore, Sanger, nel ruolo di redattore capo, era soltanto un dipendente di Wales.

Wikipedia venne formalmente lanciata il 15 gennaio 2001 in lingua inglese, sul sito Wikipedia.com. Già dal 10 gennaio, però, esisteva come servizio di Nupedia.com, per cui il pubblico poteva scrivere delle voci che potevano essere poi incorporate dentro Nupedia a seguito di una revisione. Poiché il consiglio consultivo degli esperti di Nupedia disapprovò il suo modello di produzione delle voci, venne rilanciata come sito web indipendente e a sé stante.

Il lancio di Wikipedia è stato inserito nel 2009 dai Webby Awards tra i 10 momenti più importanti per Internet della decade (2000-2009).[6]

La sua politica del punto di vista neutrale fu codificata nei primi mesi di vita e ricalcava una politica simile già esistente in Nupedia. Wikipedia guadagnò i primi collaboratori da Nupedia, dagli annunci presenti su Slashdot e dalle indicizzazioni sui motori di ricerca. Alla fine del suo primo anno di esistenza arrivò ad avere esattamente 19.598 voci su 18 edizioni in lingue differenti (quella principale rimaneva quella inglese). Raggiunse 26 edizioni alla fine del 2002, 46 alla fine del 2003 e 161 alla fine del 2004. Nupedia e Wikipedia coesistettero finché i server della prima furono chiusi definitivamente nel 2003 e i suoi testi incorporati in Wikipedia.

Wikipedia.org e la Enciclopedia Libre[modifica | modifica sorgente]

Denunciando la paura per la pubblicità commerciale ed illegale e la mancanza di controllo in una Wikipedia percepita come "anglocentrica", gli utenti della edizione di Wikipedia in lingua spagnola crearono nel febbraio 2002 un progetto parallelo: la Enciclopedia Libre.[7] Quell'anno, più tardi, Wales annunciò che Wikipedia non avrebbe ospitato alcuna pubblicità promozionale e spostò il sito web al dominio di wikipedia.org.

Da allora, ragioni editoriali hanno determinato la nascita di altri progetti nati dalla separazione da Wikipedia, come Wikinfo,[8] che abbandonò il punto di vista neutrale a favore di molteplici voci complementari ognuna delle quali, su un determinato argomento, espone un punto di vista solidale e firmato dai suoi utenti. Nel frattempo nacquero anche altre 65 edizioni di Wikipedia in altre lingue.

La Wikimedia Foundation[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Wikimedia Foundation.
Il logo della Wikimedia Foundation

Da Wikipedia e Nupedia fu creata, il 20 giugno 2003, la Wikimedia Foundation. Wikipedia e i progetti fratelli da allora operarono sostenuti da questa organizzazione non profit. Il primo progetto "fratello" di Wikipedia, In Memoriam: September 11 Wiki, è stato un memoriale degli attentati dell'11 settembre 2001.[9] Apparvero poi:

  • Wikizionario, un progetto per la creazione di un dizionario libero e gratuito (lanciato nel dicembre 2002);
  • Wikiquote, una raccolta di citazioni (una settimana dopo il lancio di Wikimedia);
  • Wikibooks, una raccolta di manualistica libera da copyright e riportata sul web in modo collaborativo (il mese successivo al lancio di Wikimedia).

Da allora Wikimedia ha iniziato una serie di altri progetti minori:

  • Wikispecies, che si propone di catalogare tutte le specie del pianeta Terra;
  • Commons, un collettore file multimediali utilizzabili in condivisione da tutti i progetti Wikimedia;
  • Wikisource, una raccolta di documenti di pubblico dominio oppure rilasciati nei termini della GFDL;
  • Wikinotizie, una fonte di notizie di attualità a contenuto libero;
  • Wikiversità, progetto dedicato alle attività didattiche, contenente materiali per l'apprendimento.
Planisfero con indicate in blu le regioni che hanno un local chapter della Wikimedia Foundation

A partire dal 2004 iniziò a costituirsi una rete di organismi su base nazionale collegati alla Wikimedia Foundation;[10] i primi furono Wikimedia Deutschland (13 giugno 2004), Wikimedia France (23 ottobre 2004) e Wikimedia Italia (17 giugno 2005[11]).

Crescita di Wikipedia[modifica | modifica sorgente]

Wikipedia ha tradizionalmente considerato il numero delle voci come un indice dello stato di avanzamento del progetto. Nei primi due anni cresceva alla velocità di poche centinaia o meno di nuove voci al giorno. La Wikipedia inglese raggiunse il traguardo delle 100.000 voci il 22 gennaio 2003[12]. Nel 2004 la crescita del numero di voci andava approssimativamente da 1.000 a 3.000 al giorno. Contando tutte le edizioni nelle diverse lingue, si raggiunsero 500.000 voci il 25 febbraio 2004. Wikipedia ha raggiunto la sua milionesima voce, considerando complessivamente le 105 edizioni in lingua, il 20 settembre 2004[13].

Da quando Wikipedia ha raggiunto un considerevole numero di voci, i mass media la citano sempre più spesso. È diventata un tipico fenomeno del Web 2.0 grazie anche alla sua particolarità di essere modificabile e aggiornabile da chiunque. Nel settembre 2007, la Wikipedia in inglese ha tagliato lo storico traguardo di 2 milioni di voci e quella in lingua italiana di 350.000. All'inizio del 2008, le varie edizioni di Wikipedia contavano complessivamente oltre 7 milioni e mezzo di voci; il 27 marzo dello stesso anno è stato raggiunto il traguardo dei 10 milioni di voci.[14]

In Italia il fenomeno Wikipedia appare con discrezione ben presto sui grandi media[15][16], ma la sua popolarità è in crescita solo dal 2004, quando essa si impone al vasto pubblico innescando anche dibattiti sulla sua effettiva affidabilità[17][18]. Sempre nel 2004 Umberto Eco pubblica un articolo su la Repubblica ampiamente basato su Wikipedia, la quale viene pienamente promossa dal noto semiologo[19]. Lo stesso Eco, tuttavia, tornerà a parlare di Wikipedia con lo stesso tono, ma mettendone stavolta in luce anche i rischi.[20]

Cronologia[modifica | modifica sorgente]

In questa sezione sono riportati, in sintesi, i principali eventi che hanno caratterizzato Wikipedia, anno per anno. Per un cronologia più dettagliata, area per area, si vedano le successive sezioni.

2001[modifica | modifica sorgente]

Logo di Wikipedia usato fino al tardo 2002
  • Wikipedia ha un logo completamente diverso (a fianco) e gli utenti iniziano a specializzarsi. I server iniziano a essere distribuiti e Nupedia convive assieme a Wikipedia. La prima relazione dei mezzi di Wikipedia da un giornale è stata effettuata da un quotidiano del Galles.[21]

2002[modifica | modifica sorgente]

  • A partire dal novembre 2002, si cambia logo, che durerà fino a fine 2003. Il 2002 vede l'uscita di scena di Larry Sanger e l'incorporazione delle voci di Nupedia in quelle di Wikipedia. Larry Sanger provoca la biforcazione della Wikipedia in Spagnolo per formare l'enciclopedia Libre, per paura della pubblicità. Jimmy Wales idea la Wikimedia Foundation e lancia il Wikizionario.
  • Si aggiungono edizioni di Wikipedia in altre 25 lingue, il software MediaWiki viene lanciato e potenziato (25 gennaio) e viene migliorata la grafica. Vengono introdotti gli amministratori.
Il logo utilizzato dal tardo 2002 fino al 2003

2003[modifica | modifica sorgente]

  • Viene introdotto TeX con il quale si aggiungono le formule matematiche e il linguaggio HTML diventa più semplice e accessibile a chiunque. La Wikipedia in lingua inglese passa a 100.050 voci, quella in tedesco a 12.000. La Wikimedia Foundation viene lanciata ufficialmente. Wikipedia adotta il logo utilizzato fino al 2010 e si iniziano a stabilire raduni e assemblee. Si inizia a creare un archivio di media che diventerà Commons.

2004[modifica | modifica sorgente]

  • È il boom: Wikipedia raddoppia le dimensioni in un anno. Si iniziano a creare i progetti paralleli, migliaia di utenti vengono attirati e Wikipedia si potenzia. Vengono potenziati i server e se ne installano altri. Si verificano casi di blocco in Cina, Iran e Tunisia. Iniziano i primi vandalismi, ma Wikipedia potenzia i controlli e cresce sempre di più.
  • La Wikipedia in inglese raggiunge, a fine 2004, 500.000 voci, quella in tedesco 156.000 e pure la Wikipedia in italiano viene influenzata dal boom. Wikipedia raggiunge le 100 lingue.

2005[modifica | modifica sorgente]

  • I portali, le discussioni e tutti i progetti Wikimedia sono stabiliti; nel primo trimestre si spendono fino a 100.000 dollari per gli aggiornamenti di sistema per gestire la crescente domanda di utenti e di qualità; Wikipedia diventa il più popolare sito web di riferimento su Internet secondo Hitwise. Ad ottobre la Cina blocca nuovamente Wikipedia. La Wikipedia inglese, infine, passa a 750.000 voci.
  • Avviene il cosiddetto scandalo Seigenthaler: un politico americano rinviene affermazioni calunniose all'interno della sua pagina biografica su Wikipedia, e decide di denunciare pubblicamente il fatto dalle colonne del quotidiano USA Today[22]. L'enciclopedia, dopo questo, si migliora, si introducono le pagine semiprotette, il blocco a breve scadenza, nuovi template e il "cancella subito".

2006[modifica | modifica sorgente]

  • Il 1º marzo 2006 Wikipedia in inglese supera 1.000.000 di voci.
  • Grazie ai miglioramenti, i vandalismi calano notevolmente e la crescita dell'enciclopedia varia dalle 3.000 alle 6.000 voci al giorno. Wikipedia in inglese raggiunge il milione e mezzo di voci e nella Wikimania del 2006 Jimbo Wales afferma sinteticamente che Wikipedia ha raggiunto il volume sufficiente di voci e di spessore e chiede forse un accento sulla qualità e sui mezzi.
  • Wikipedia è valutata come uno dei migliori marchi 2006[23] e viene spesso citata e usata da tutti, inclusi i mass media.
  • Wikipedia e Wikimedia foundation sono ormai dei marchi privati. Jimbo Wales decide anche di vendere una selezione di contenuti di Wikipedia in inglese in un DVD, il cui prezzo sarà devoluto interamente alla Wikimedia Foundation, per migliorarne il contenuto.

2007[modifica | modifica sorgente]

  • Il 2007 inizia all'insegna dell'ottimismo per Wikipedia, che continua sempre più a crescere. Il 1º settembre si è tenuto un raduno a Roma, per l'assemblea nazionale Wikimedia Italia. Il 13 agosto 2007, Wikipedia contava in totale 5.078.036 di utenti registrati,[24] 1,74 miliardi di parole e 7,5 milioni di lemmi in 250 lingue. Il capodanno della Wikipedia in italiano è stato costellato dal raggiungimento (approssimato) delle 390.000 voci. Wikipedia viene posizionata tra i 10 siti più visitati al mondo e tra i 10 siti più attivi del mondo.
  • Wikipedia continua ad essere citata dalla stampa, anche se si sono verificati fatti più o meno eclatanti in questo 2007. Si cerca, comunque, di dare una riforma al sistema di Wikipedia che permetta più sicurezza e infine nascono altre enciclopedie sul web che daranno filo da torcere a Wikipedia.
  • Nella Wikipedia in lingua inglese nasce un caso, subito analizzato dai mass media, circa le dimissioni di un amministratore. L'avvenimento generò un'ampia controversia sull'affidabilità dell'enciclopedia e dei suoi utenti.

2008[modifica | modifica sorgente]

  • A gennaio, il Guinness dei primati inserisce Wikipedia come enciclopedia più grande del mondo.
  • Il 27 marzo Wikipedia con la voce hu:Nicholas Hilliard raggiunge il traguardo dei 10 milioni di voci (considerando tutte le sue oltre 250 edizioni in lingue diverse).
  • Il 3 ottobre Wikipedia in italiano raggiunge 500.000 voci.
Il logo CC BY-SA

2009[modifica | modifica sorgente]

2010[modifica | modifica sorgente]

  • Il 24 marzo i server europei di Wikipedia sono andati offline a causa di un problema di surriscaldamento. Il meccanismo di failover non ha funzionato, causando un malfunzionamento globale dei DNS e rendendo irraggiungibile Wikimedia. Il problema è stato risolto in fretta ma, a causa degli effetti di caching dei DNS, alcune aree sono state più lente a riottenere l'accesso a Wikipedia.[27][28][29]
  • Il 13 maggio è stata rilasciata una nuova interfaccia (skin). Le nuove caratteristiche includono un logo aggiornato, nuovi strumenti di navigazione, e una procedura guidata all'inserimento di collegamenti.[30] L'interfaccia classica è rimasta disponibile per coloro che desiderano utilizzarla.
  • Il 24 settembre Wikipedia in francese supera 1.000.000 di voci.

2011[modifica | modifica sorgente]

  • Il 15 gennaio si svolgono centinaia di celebrazioni in tutto il mondo, per i festeggiamenti del decimo anniversario di Wikipedia.[31]
  • Tra il 4 e il 6 ottobre 2011, la Wikipedia in italiano è stata resa intenzionalmente inaccessibile, in segno di protesta contro il DDL Intercettazioni, una proposta di legge del Parlamento Italiano. L'approvazione di questo disegno di legge avrebbe permesso a chiunque di obbligare un sito web alla rimozione di informazioni, reputandole non veritiere o offensive, senza dover portare prove a sostegno di tali accuse.[32]
  • Il sito si impegna concretamente per la diffusione nel territorio indiano, e nel mese di novembre si tiene la prima conferenza in India, a Mumbai.[33][34]
  • Il 18 novembre, Wikipedia è il sesto sito più popolare in tutto il mondo,[35] per un totale di oltre 20 milioni di articoli tra tutte le edizioni nelle diverse lingue.[36]
  • Secondo le stime, Wikipedia riceve più di 10 miliardi di visualizzazioni al mese,[37] delle quali 2.7 miliardi dagli USA.[38]

2012[modifica | modifica sorgente]

  • Il 20 aprile 2012 l'utente Koavf ha raggiunto quota un milione di modifiche è il primo e finora l'unico a riuscirci in tutta la storia di wikipedia.

2013[modifica | modifica sorgente]

Storia per area[modifica | modifica sorgente]

Hardware e Software[modifica | modifica sorgente]

1leftarrow.pngVoce principale: MediaWiki.

  • Il software MediaWiki è stato scritto originariamente per Wikipedia da Magnus Manske[39]. Wikipedia utilizzava inizialmente UseModWiki (noto anche come "Fase I") ed è passata alla nuova versione ("Fase II") il 25 gennaio 2002. Tale giorno è noto nella comunità di Wikipedia come "Il giorno di Magnus Manske"[40]. Nel maggio 2003 si è passati alla versione 1.3 e nel dicembre 2004 alla 1.4.
  • Una successiva versione riscritta e migliorata del software Fase II fu un tempo nota come "Fase III". Gli venne poi dato il nome di software MediaWiki poiché era in grado di supportare non solo Wikipedia, ma anche ulteriori progetti Wikimedia; d'altra parte, si impose la necessità di un più significativo sistema di numerazione delle versioni, che dovevano essere anche potenziate. Il software fu chiamato MediaWiki come gioco di parole basato sul nome della Wikimedia Foundation, che come ben si sa è la fondazione madre di Wikipedia.
  • L'attuale versione stabile di MediaWiki è la 1.11.0, rilasciata il 10 settembre 2007, capace di gestire molto velocemente tutti i progetti.
  • Nel mese di ottobre 2002 nasce il primo bot, che fu usato per aggiornare automaticamente voci riguardanti gli Stati Uniti.
  • Nel gennaio 2003 viene aggiunto il modulo TeX per facilitare la stesura di testi matematici o scientifici.
  • Il 9 giugno 2003 viene messo in funzione il programma che recupera i contenuti precedentemente modificati (la cosiddetta funzione "cronologia", molto utile)
  • Dopo il 6 dicembre 2003 vengono migliorati gli avvisi di sistema e rilasciato il software che permette agli amministratori la cancellazione di pagine e blocco immediato di utenti, che si iscrivono più sempre rapidamente grazie al nuovo hardware posizionato in Florida.
  • Il 12 febbraio 2004 i server si spostano definitivamente da San Diego, California, a Tampa, in Florida.[41]
Server Wikimedia a Tampa, Florida
  • Il 29 maggio 2004 tutti i vari progetti Wikimedia sono aggiornati ad una nuova versione del software MediaWiki.
  • Il 30 maggio 2004 i primi casi di "categorizzazione" di voci. In seguito tutte (o quasi tutte) le voci vengono categorizzate e si introducono semplici funzioni per la categorizzazione automatica delle voci, opera che un mese dopo sarà possibile pure ai bot, già in corso.
  • Dopo il 3 giugno 2004 gli amministratori sono in grado di modificare lo stile di interfaccia cambiando il CSS[42] nel foglio di stile a monobook.
  • Dopo un po' di stanzialità, il 7 giugno 2005, alle 3:00 del mattino la maggior parte dei server Wikimedia vengono spostati in una nuova server farm.

Il volto di Wikipedia[modifica | modifica sorgente]

  • Il 4 aprile 2002 sono stati attivati la vetrina e i diversi namespace.[senza fonte]
  • Il 15 ottobre 2003 è stato installato l'attuale logo, frutto di una discussione e di una votazione.[43]
  • Nel luglio 2006 è stata creata la penultima versione della pagina principale della Wikipedia in lingua italiana.
  • La pagina principale attuale è online dal 22 gennaio 2011, a seguito del rinnovamento annuale.

Strutture interne[modifica | modifica sorgente]

  • Nell'aprile 2001, un giornale locale del Galles cita esplicitamente il punto di vista neutrale di Wikipedia. Viene soppiantata la politica di Sanger per Nupedia, dando spazio al concetto di enciclopedia libera.
  • Nel febbraio 2002, le preoccupazioni per il rischio futuro, gli attacchi pubblicitari e la commercializzazione della società Bomis ha condotto la maggior parte dei partecipanti alla Wikipedia in spagnolo ad uscire fuori scena e a formare la Enciclopedia Libre. Dopo il chiarimento di status di Wikipedia, non privato ma politico, tra il 2002 e il 2003, è avvenuta una parziale ri-fusione; a partire dal luglio 2007, le due enciclopedie convivono assieme, con le 36.700 voci dell'Enciclopedia Libre e le 248.000 voci della Wikipedia in lingua spagnola.
  • Nel corso del 2002, le domande e i dibattiti sulla politica di operatività e sull'aspetto esterno sono sfociate nella creazione del Manuale di Stile, con un certo numero di altre linee guida per la modifica. Il Manuale di Stile rimane, del resto, come la stragrande maggioranza delle pagine di Wikipedia, aperto alle modifiche di tutti i wikipediani.
  • Nel novembre 2002, sorge il progetto di una mailing list per la Wikipedia in inglese, che viene presto ampliato e diffuso a tutte le altre Wikipedia.
  • Il 28 ottobre 2003 avviene il primo vero raduno dei wikipediani, a Monaco di Baviera. Da quel giorno, molte città seguiranno l'esempio e si organizzeranno sempre più raduni in tutto il mondo.

La Wikimedia e le strutture giuridiche[modifica | modifica sorgente]

  • Nell'agosto del 2002, Jimmy Wales ha annunciato che non avrebbe mai inserito inserzioni di natura commerciale e pubblicitaria su Wikipedia. L'URL di Wikipedia cambia da www.wikipedia.com a www.wikipedia.org.
  • Il 20 giugno 2003 nasce ufficialmente la Wikimedia Foundation. Angela Beesley viene eletta al suo consiglio di fondazione. La Beesley rafforza la privacy all'interno dei progetti e attua provvedimenti contro la violazione del copyright.
  • Il 10 gennaio 2004, Wikipedia diventa un marchio registrato della Wikimedia Foundation, insieme a tutti gli altri progetti collegati.
  • Nel mese di luglio del 2004, la Beesley rassegna le dimissioni.

Progetti[modifica | modifica sorgente]

  • Il 12 dicembre 2002, nasce il primo progetto parallelo a Wikipedia, il Wikizionario, con lo scopo di creare un dizionario multilingue a contenuto libero e gratuito e modificabile da chiunque.
  • Il 20 giugno 2003, lo stesso giorno in cui la Wikimedia Foundation è creata, nasce Wikiquote.
  • Il 20 luglio 2003, nasce Wikibooks.
  • Il 24 novembre 2003, la Wikimedia Foundation lancia Wikisource.
  • Nel 2004, nasce Wikispecies e il 7 settembre, Commons.
  • Nel 2005, nasce Wikinotizie.
  • Il 15 agosto 2006 nasce Wikiversità.

Statistiche[modifica | modifica sorgente]

Finanziamenti e donazioni[modifica | modifica sorgente]

  • La prima raccolta di fondi si è svolta dal 18 febbraio 2005 al 1º marzo 2005, raccolta di 94.000 dollari, 21.000 dollari in più rispetto alle aspettative.[44]
  • Il 6 gennaio 2006, un'altra campagna di donazioni da parte di piccole imprese è conclusa con la raccolta di poco più di 390.000 dollari.
  • Nel giugno 2007 è stato annunciato che la Wikipedia in lingua tedesca riceverà finanziamenti statali.[45]

Premi[modifica | modifica sorgente]

Wikipedia ha vinto due premi importanti nel maggio 2004: il primo è stato un Golden Nica per le Comunità Digitali all'interno del Prix Ars Electronica di Linz in Austria, in cui annualmente sono consegnati premi nel campo dell'arte elettronica ed interattiva, dell'animazione al computer, della cultura digitale e della musica. Questo premio fu accompagnato da un finanziamento di 10.000 euro e da un invito a presenziare al PAE Cyberarts Festival di quell'anno. Il secondo è stato un Webby Award (premio annuale per i migliori siti web) proposto dalla giuria per la categoria "Comunità". Wikipedia è anche stata nominata per il premio della categoria "Migliori attività". Nel settembre 2004 l'edizione giapponese di Wikipedia ha ottenuto un Premio per la Creazione Web dalla Associazione Inserzionisti del Giappone. Questo premio, normalmente consegnato a singole persone che si sono distinte per il loro contributo al web in giapponese, è stato ritirato da un collaboratore di lunga data, per conto del progetto.

Wikipedia ha ricevuto plausi da fonti giornalistiche quali BBC News, USA Today, The Economist, Newsweek, BusinessWeek, il Chicago Sun-Times, Time Magazine e Wired Magazine.

Impatto esterno[modifica | modifica sorgente]

  • Nel 2007, Wikipedia e Commons sono ritenuti idonei a essere utilizzati come fonte utile di sapere per il Regno Unito.[senza fonte]
  • Nel corso del tempo Wikipedia guadagna riconoscimenti tra gli altri mezzi di comunicazione tradizionali come "fonte" per diversi nuovi eventi quali: terremoto e maremoto dell'Oceano Indiano del 2004, le biografie complete dei candidati alle elezioni presidenziali degli Stati Uniti 2008 e il massacro dell'università del Virginia (2007). Per quest'ultima voce, in en.wikipedia, si accedette 375.000 volte al giorno, con l'aggiunta di frasi da parte di giornali noti come Wikipedia è diventata il mezzo di comunicazione aggiornato e adatto per ricevere notizie in merito[46]
  • Il 27 febbraio 2007, un articolo in The Harvard Crimson Newspaper riferisce che alcuni dei docenti presso l'Università di Harvard comprenderanno Wikipedia nei loro programmi di ricerca e di studio.

Parodia di Wikipedia[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Uncyclopedia e Nonciclopedia.

Uncyclopedia, un sito wiki che costituisce la parodia di Wikipedia, è stata fondata il 5 gennaio 2005. Il 6 maggio 2005 Angela Beesley, vicepresidente di Wikia, ha annunciato che Wikia avrebbe ospitato Uncyclopedia e che la licenza del sito e il nome del dominio sarebbero rimasti uguali.[47] Nel novembre del 2005 nacque invece la versione italiana di Uncyclopedia, ossia Nonciclopedia.

Il 10 luglio 2006 il creatore di Uncyclopedia Jonathan Huang trasferì la proprietà del dominio uncyclopedia.org a Wikia.[48]

Uncyclopedia, in accordo alle linee guida di Wikia, è rilasciata nei termini della GNU Free Documentation License. Come gli altri siti di Wikia, il database completo è disponibile gratuitamente per il download[49].

Pubblicazione in altri media[modifica | modifica sorgente]

Il DVD di de.wiki

Il contenuto di Wikipedia viene distribuito in diverse modalità. A parte la distribuzione nella sua forma originale online, attraverso i siti ufficiali o i molti mirror creati su altri server web, anche le versioni stampate o pronte alla stampa di Wikipedia hanno ottenuto popolarità.

I cosiddetti WikiReader sono stati lanciati dalla Wikipedia tedesca nel tardo febbraio 2004 con il primo WikiReader sulla Svezia di Thomas Karcher. Hanno fatto seguito altri WikiReader preparati nel formato PDF o con le versioni stampate in preparazione per la vendita.

L'esempio tedesco è stato ripreso altrove per cui sono nati altri progetti WikiReader ad opera degli utenti cinesi, inglesi, francesi e polacchi.

Wikipress[50] mette in vendita un libro in brossura dell'edizione 2005-2006 comprensivo di un DVD.

Sono disponibili anche CD e DVD[51] di Wikipedia. Il progetto tedesco di Wikipedia è stato il primo a rilasciarne una versione su questi supporti nel 2004; attualmente è giunto alla seconda edizione.

A partire da settembre 2007 anche il progetto in lingua italiana di Wikipedia è stato pubblicato in una versione in DVD, destinata alla grande distribuzione, diventando così il secondo progetto wikipediano ad avere un'edizione su tale supporto.[52]

Un progetto di software libero è stato anche avviato per l'uso su iPod. Il Progetto Encyclopedia è stato iniziato intorno a marzo 2006 e attualmente può essere utilizzato nelle quattro generazioni di iPod. Wikipedia è disponibile nei cellulari aventi internet dal 2006.

Altri eventi di rilievo[modifica | modifica sorgente]

Blocco di Wikipedia[modifica | modifica sorgente]

In Cina

Wikipedia è stata bloccata dalla Repubblica Popolare Cinese più volte. I blocchi più importanti sono stati effettuati:

  • nel giugno 2004: l'accesso agli utenti cinesi di Wikipedia residenti a Pechino è bloccato per il quindicesimo anniversario della manifestazione di piazza Tiananmen. Il blocco è durato un giorno esatto;
  • nel settembre 2004: blocco per qualche giorno nella Cina continentale a causa dell'isolamento geografico della regione.
  • nell'ottobre 2005, fino all'ottobre 2006, alcuni utenti possono effettuare l'accesso a Wikipedia in cinese, mentre en.wikipedia è bloccata. Vi sono periodi di ripresa e poi di nuovo di blocco.
In Iran

L'accesso alla Wikipedia persiana è stato bloccato dal governo per due o tre giorni nel 2005 a causa di voci considerate diffamatorie nei confronti dello stato.

In Tunisia

Wikipedia e tutti i siti della Wikimedia foundation sono stati bloccati in Tunisia il 23 e il 27 novembre 2006, per cause ancora da chiarire.

Storia nelle immagini[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Wikipedia:Punto di vista neutrale, Wikipedia. URL consultato il 4 aprile 2008.
  2. ^ Wikipedia:Copyright, Wikipedia. URL consultato il 4 aprile 2008.
  3. ^ a b Richard Stallman, L'Enciclopedia Universale Libera e le risorse per l'apprendimento, 1999
  4. ^ a b The Free Universal Encyclopedia and Learning Resource - GNU Project - Free Software Foundation (FSF)
  5. ^ Lo stato della pagina al 16 gennaio 2001.
  6. ^ Welcome to the Webby Awards
  7. ^ (ES) Enciclopedia Libre
  8. ^ Wikinfo.org.
  9. ^ In seguito fu spostato in un proprio sito, sep11memories.org: The Leading SEP Memory Site on the Net in cui sono disponibili informazioni sulla storia di questo progetto.
  10. ^ Local chapters nel sito della Wikimedia Foundation
  11. ^ Chi siamo, Wikimedia Italia. URL consultato il 6 aprile 2008.
  12. ^ Tratto da stats.wikimedia.org URL consultato il 19-02-2008.
  13. ^ Tratto da stats.wikimedia.org URL consultato il 19-02-2008.
  14. ^ Quella in lingua italiana conta in questo istante 1 140 579 voci.
  15. ^ L'enciclopedia universale rinasce sul Web
  16. ^ I ribelli del copyright
  17. ^ Wiki, il sapere senza pagare
  18. ^ Wikipedia, tornano i Lumi
  19. ^ Il politicamente corretto che divide destra e sinistra
  20. ^ Come copiare da Internet (L'espresso, 18/1/2006)
  21. ^ 26 agosto 2001, La conoscenza a portata di mano, che recitava più o meno così: Come Encarta è un'enciclopedia con ottima reputazione, esistono anche enciclopedie sul web come Wikipedia, che utilizza un software intelligente e utenti registrati per costruire un'enciclopedia da zero. Su Wikipedia puoi scrivere su qualsiasi argomento che conosci. Lo svantaggio è che attualmente è un progetto in corso e ha 8.000 voci. Gli esperti ne vorrebbero almeno 100.000 per la fine del 2001 o metà 2002.
  22. ^ John Seigenthal, A false Wikipedia 'biography'
  23. ^ Risultati da Google Wins il 29 gennaio 2007.
  24. ^ Vd. Speciale:Statistiche.
  25. ^ Creative Commons Attribution-ShareAlike
  26. ^ Fonte: La7 news
  27. ^ Il surriscaldamento manda in down Wikipedia, 26 marzo 2010. URL consultato il 12 maggio 2011.
  28. ^ (EN) Mark Bergsma, Global Outage (cooling failure and DNS), Wikimedia Technical Blog, 24 marzo 2010. URL consultato il 12 maggio 2011.
  29. ^ (EN) Juan Carlos Perez, Wikipedia Suffers Global Collapse, PC World, 25 marzo 2010. URL consultato il 12 maggio 2011.
  30. ^ (EN) New features, Wikipedia. URL consultato il 12 maggio 2011.
  31. ^ Wikipedia celebrates a decade of edit wars, controversy and Internet dominance networkworld.com
  32. ^ Italian Wikipedia Hidden To Protest WireTap Law | News & Opinion | PCMag.com PC Magazine. Retrieved 2011-10-06.
  33. ^ "Wikipedia hosts India conference amid expansion push". BBC News, 19 November 2011.
  34. ^ Wikipedia, 10 years old, targets India, Reuters, 12/1/11. URL consultato il 13 gennaio 2011.
  35. ^ Site Info. Alexa.com. Retrieved 2011-12-05.
  36. ^ Wikimedia List of Wikipedias - Grand Total. Retrieved 21 November 2011.
  37. ^ Wikimedia Traffic Analysis Report - Wikipedia Page Views Per Country - Overview Wikimedia Statistics, 2011-04-20. Retrieved 2011-10-14.
  38. ^ Please Read: A Personal Appeal TO Wikipedia Founder Jimmy Wales | TechCrunch TechCrunch.com, 2011-02-05. Retrieved 2011-09-24.
  39. ^ Magnus Manske
  40. ^ Il giorno di Magnus Manske, Wikipedia in italiano. URL consultato il 23 marzo 2009.
  41. ^ Tale operazione ha reso più lente le modifiche degli utenti per due giorni.
  42. ^ MediaWiki:Monobook.css.
  43. ^ Meta:Historical/Logo_history, Wikimedia Meta-Wiki.
  44. ^ Fund drives 2005 Q1, Wikimedia foundation
  45. ^ German Wikipedia receives state funding, heise online, 26 giugno 2007. URL consultato il 4 aprile 2008.
  46. ^ Fonte della citazione: (EN) Wikipedia mezzo di informazione per le sparatorie da cyberjournalist.net
  47. ^ (EN) Uncyclopedia joins Wikia. URL consultato il 3 febbraio 2008.
  48. ^ (EN) Forum:Announcement: Wikia & Uncyclopedia. URL consultato il 3 febbraio 2008.
  49. ^ (EN) Database download. URL consultato il 3 febbraio 2008.
  50. ^ WikiPress
  51. ^ Nel rispetto dei diritti a Wikimedia Foundation.
  52. ^ DVD di Wikipedia in lingua italiana

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Web Portale Web: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Web