Neutralità

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando la politica di Wikipedia sulla trattazione neutrale nelle voci, vedi Aiuto:Punto di vista neutrale.

La neutralità è la condizione o l'atteggiamento del non prendere posizione in favore di alcuna delle parti coinvolte in una situazione di controversia o contrapposizione.

Questo atteggiamento può riferirsi a qualunque soggetto, sia esso un individuo o un ente: dalle situazioni più informali (ad esempio, l'ambito familiare) a quelle ben più formali (come l'ambito politico: ad esempio, se uno Stato, in circostanze di conflitto esterno, mette in atto una politica estera di neutralità, si parla di Stato neutrale).

Neutralità armata[modifica | modifica wikitesto]

Nel campo delle relazioni internazionali, la neutralità armata è l'atteggiamento di uno stato o un gruppo di stati che non favoreggia nessuna delle due parti in conflitto, ma dichiara che si difenderà da ogni incursione o attacco da parte di qualsivoglia contendente.[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Oppenheim, International Law: War and Neutrality, 1906, p. 325.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]