Stadio Is Arenas

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Coordinate: 39°13′51.17″N 9°10′55.77″E / 39.230881°N 9.182158°E39.230881; 9.182158

Is Arenas
Stadio Is Arenas.jpg
Informazioni
Stato Italia Italia
Ubicazione Via S'Arrulloni,
Quartu Sant'Elena (CA)
Inizio lavori 2012
Inaugurazione 2012
Demolizione 2013
Struttura Pianta rettangolare

Struttura in acciaio e prefabbricato

Copertura Tribuna principale
Pista d'atletica Rimossa temporaneamente
Costo 5 000 000 [1]
Ristrutturazione 2012
Mat. del terreno Erba naturale
Dim. del terreno 105×68 m
Area totale 145 000
Proprietario Comune di Quartu Sant'Elena
Progetto Jaime Manca Di Villahermosa
Prog. strutturale Marcello Vasapollo
Uso e beneficiari
Calcio Cagliari Cagliari (2012-2013)
Sant'Elena Quartu Sant'Elena Quartu(1980-2012)
Capienza
Posti a sedere 16 500
Settore ospiti
 
« [...] Is Arenas è un piccolo stadio, ricorda l'Amsicora. [...] È uno stadio raccolto, sicuro, con il più bel panorama del mondo: il Poetto, il mare della Sardegna e la sella del Diavolo. [...] Questo è lo stadio della Sardegna e dei sardi. [...] »
(Il progettista Jaime Manca Di Villahermosa[2].)

Lo stadio comunale Is Arenas è un impianto sportivo di Quartu Sant'Elena (CA), utilizzato per una sola stagione (2012-13) dal Cagliari Calcio come campo per gli incontri casalinghi, a dispetto di una convezione triennale stipulata col comune quartese[3]. Lo stadio, indicato inizialmente dal presidente del Cagliari Massimo Cellino come possibile stadio definitivo della squadra isolana[4], ha in realtà ospitato quest'ultima per sole 14 partite, di cui solo 7 disputate in presenza di spettatori, a causa di vari problemi di natura burocratica.

Originariamente costruito come campo sportivo dotato di unica tribuna centrale in cemento armato, era stato trasformato in stadio in acciaio e tecnologia prefabbricata[5] con capienza di 16 500 posti[6], potendo inoltre ospitare manifestazioni UEFA[7][8].

Nel giugno del 2013, in accordo con la Regione, il Cagliari Calcio ha deciso di abbandonare l'impianto per fare ritorno allo stadio Sant'Elia, dando inizio allo smantellamento della struttura[9][10][11].

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Origini[modifica | modifica wikitesto]

Lo stadio nei primi anni novanta.

Lo stadio Is Arenas deve il suo nome all'omonima località in cui è situato, un toponimo comune altrove nel Campidano. Is Arenas in sardo campidanese significa Le sabbie, poiché nella zona in passato erano presenti numerose dune di sabbia litoranee[8]. Nato come campo sportivo polivalente cittadino di Quartu Sant'Elena, venne ulteriormente ampliato negli anni ottanta per permettere alla squadra locale, il Sant'Elena Quartu, di disputare i suoi campionati in Serie C2, massimo livello raggiunto da una squadra quartese. L'impianto infatti fu dotato di un'unica tribuna in cemento armato, di pista d'atletica e furono ampliati gli spogliatoi. Il botteghino fu costruito autonomamente da alcuni tifosi locali autofinanziatisi.

La ribalta della Serie A[modifica | modifica wikitesto]

La tribuna centrale rimasta chiusa in occasione del match Cagliari-Catania del 10 novembre 2012.

È passato alla ribalta nazionale nel 2012 quando il Cagliari Calcio ha deciso di trasferirsi a Quartu Sant'Elena dopo aver abbandonato lo stadio Sant'Elia per la sua parziale inagibilità, che gli avrebbe comunque permesso (seppur con capienza molto ridotta) l'omologazione per il campionato di Serie A[12].

Lo stadio perciò è stato profondamente ampliato, nel numero di posti e nelle strutture, per essere conforme per la massima categoria.

L'apertura prevista era per il mese di ottobre-novembre, ma dopo estenuanti lavori si è riusciti a costruire lo stadio ai minimi termini per aprirlo e giocare la partita a porte chiuse il 2 settembre 2012, per il match contro l'Atalanta. L'impianto infatti presentava solo la base della Main Stand, con il cantiere aperto: per forza di cose questo ha voluto significare anche l'assenza di tribuna stampa e spogliatoi, da progetto appunto presenti nella tribuna centrale. I giornalisti pertanto si sono seduti nella tribuna distinti, mentre per i giocatori sono stati messi a disposizione gli spogliatoi dell'adiacente Palazzetto dello Sport di Via Beethoven. Nel campo di gioco del Palazzetto è stata allestita una sala stampa per il post-partita.

Per la partita del 30 settembre Cagliari-Pescara lo stadio è stato aperto ai tifosi fidelizzati che hanno potuto occupare l'unico settore agibile della tribuna distinti[13][14], mentre il 10 novembre, in occasione del match Cagliari-Catania, sono state aperte pure le due curve anche per i possessori di normale tagliando d'ingresso[15]. Inizialmente, un comunicato sul sito ufficiale del Cagliari aveva annunciato l'apertura totale di tutti i settori dello stadio, compresa la cosiddetta Main Stand, dopo aver ricevuto il benestare ufficiale dall'Osservatorio Nazionale sulle Manifestazioni Sportive e dal sindaco di Quartu Mauro Contini[16]. Tuttavia la decisione è stata rettificata dalla Questura di Cagliari, che ha bloccato l'ingresso dei tifosi alla tribuna centrale, ritenuta ancora inagibile per motivi di ordine pubblico[17][18]. Il 26 novembre, in occasione della partita Cagliari-Napoli, lo stadio è stato finalmente aperto in tutti i suoi settori, potendo ospitare 16 082 spettatori su un massimo di 16 500[6].

Problemi[modifica | modifica wikitesto]

Cagliari-Roma e WWF[modifica | modifica wikitesto]

Nel settembre del 2012 lo stadio Is Arenas si è trovato al centro dell'attenzione nazionale per il comunicato del presidente del Cagliari Calcio Massimo Cellino, che invitava i tifosi in possesso di biglietto o abbonamento di recarsi allo stadio per assistere alla partita valida per il campionato di Serie A Cagliari-Roma[19], nonostante la Prefettura di Cagliari avesse imposto di far disputare l'incontro a porte chiuse dopo che lo stadio era stato dichiarato “non conforme” dalla Commissione di Vigilanza[20][21]. L'iniziativa del Presidente della società sarda è stata condannata dai vari organi di stampa e dalla Figc[22][23]; l'incontro è stato in un primo momento rinviato a data da destinarsi[24][25][26], e successivamente cancellato. Il Giudice sportivo ha poi sanzionato il Cagliari con la sconfitta a tavolino per 0-3[27].

Nello stesso mese, vi erano state anche polemiche a livello regionale riguardanti la richiesta fatta al sindaco di Quartu dal presidente del WWF Sardegna di interrompere il rapporto con il Cagliari Calcio con la conseguente chiusura dell'impianto. La richiesta è stata inoltrata per evitare il disturbo che gli incontri di calcio causano all'avifauna presente nel vicino Parco di Molentargius[28][29][30]. Durante la costruzione dell'impianto, alcuni cittadini quartesi avevano invece protestato per il divieto di circolazione imposto nelle ore immediatamente vicine all'orario delle partite nelle strade adiacenti lo stadio, valido anche per gli stessi residenti del rione di Is Arenas[31].

Cagliari-Juventus[modifica | modifica wikitesto]

Lo stadio è tornato al centro dell'attenzione in occasione della partita del 21 dicembre Cagliari-Juventus, inizialmente prevista con sede allo stadio Is Arenas, ma disputata invece, su decisione della Lega Calcio[32][33], allo stadio Ennio Tardini di Parma[34] dopo che il sindaco di Quartu Sant'Elena, Mauro Contini, aveva dato in un primo momento parere negativo sull'agibilità dello stadio negando così l'autorizzazione a far disputare l'incontro in Sardegna[35][36]. Successivamente era tornato sui suoi passi, decisione arrivata comunque troppo tardi per poter avere il tempo di organizzare l'evento nello stadio di Quartu[37][38]. Ne sono seguite forti polemiche da parte di tutte le parti coinvolte: la Juventus ha protestato per il cambio di sede avvenuto con poco preavviso[39], mentre il sindaco di Quartu difendeva il suo operato attribuendo la responsabilità dell'accaduto alla società sarda[40]. Duro anche lo sfogo del presidente del Cagliari Massimo Cellino, che accusava la società bianconera di non aver accettato il nuovo spostamento di campo dopo l'autorizzazione del sindaco[41][42]; parole a cui aveva risposto, definendole «vergognose», la società juventina[43][44].

Post Cagliari-Milan e lo “scandalo Is Arenas”[modifica | modifica wikitesto]

Il 10 febbraio 2013, al termine della partita tra Cagliari e Milan terminata con il punteggio di 1-1, su Mediaset Premium viene mandato in onda un servizio in cui si definiscono fatiscenti e poco sicure le strutture dello stadio[45]. Il servizio però si avvale di immagini riprese nei pressi di un kartodromo di Arborea (OR), come riportato sul sito ufficiale del Cagliari[46]. Successivamente la redazione di Mediaset Premium, accortasi dell'errore, si è scusata sul proprio sito per l'incidente[47].

Il 14 febbraio 2013 il presidente del Cagliari Massimo Cellino viene arrestato in maniera cautelare insieme al sindaco di Quartu Sant'Elena Mauro Contini e all'assessore allo sport dello stesso comune Stefano Lilliu, nell'ambito dell'inchiesta della procura di Cagliari sui lavori di adeguamento dello stadio[48]. Le accuse a carico del presidente del Cagliari Calcio, del primo cittadino di Quartu e dell'assessore della sua Giunta sono le stesse a carico dei dirigenti del comune Pierpaolo Gessa e Andrea Masala, già arrestati il 29 novembre 2012, ovvero tentato peculato e falso ideologico[49]. Nei giorni seguenti anche il progettista Jaime Manca di Villahermosa viene accusato di abuso edilizio[50]. Di conseguenza, senza più la possibilità di ottenere deroghe per l'utilizzo dell'impianto, il 25 febbraio 2013, lo stadio viene definito inagibile dalla Commissione di Vigilanza, con la possibilità di ottenere un nuovo parere solamente alla completa realizzazione dei lavori previsti[51]. Tra quest'ultimi, il più importante consiste nella realizzazione di un'adeguata zona di prefiltraggio nel Settore ospiti[52]. Per questo motivo le restanti partite contro Torino, Sampdoria e Fiorentina vengono disputate a porte chiuse, mentre quelle contro Inter, Udinese, Parma e Lazio al Rocco di Trieste.

Abbandono dell'Is Arenas e smantellamento[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Stadio Sant'Elia#Nuova convenzione e ritorno al Sant'Elia.

Il presidente Cellino è tornato in libertà il 14 maggio 2013 e, nell'incontro tenutosi il 25 giugno 2013 con le autorità della Regione Sardegna e della Lega Calcio, ha comunicato la decisione di abbandonare definitivamente lo stadio Is Arenas, permanentemente inagibile dal 25 febbraio 2013[51]. Il 29 giugno, il presidente della Regione Ugo Cappellacci ha dichiarato che di comune accordo con la società calcistica, il Cagliari tornerà al Sant'Elia, i cui lavori di adeguamento ne renderanno possibile l'utilizzo entro fine settembre[53]. Nel frattempo l'impianto quartese verrà smantellato, mentre la maggior parte della struttura verrà utilizzata per la ristrutturazione del Sant'Elia[54].

Prima partita ufficiale[modifica | modifica wikitesto]

Quartu Sant'Elena
2 settembre 2012, ore 20:45 CEST
2ª giornata Serie A 2012-2013
Cagliari 600px Rosso Blu coi 4 mori.png 1 – 1
referto
600px Nero e Azzurro (Strisce).png Atalanta Stadio Is Arenas (0[55] spett.)
Arbitro Peruzzo (Schio)

Struttura e caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

Tribuna centrale (10 febbraio 2013).

Lo stadio può ospitare circa 16 500 posti, ma con l'eventualità di espandere la capienza fino a 18 000 posti[8].

L'impianto, interamente in acciaio e moduli prefabbricati, si articola in due blocchi. Il blocco Curve-Distinti, costituito da tribune Dalmine ereditate da quelle già montate negli anni 2000 al Sant'Elia di Cagliari, e il blocco chiamato Main Stand formato dai moduli della tribuna centrale dello stadio modulare Karalis Arena in progetto da diversi anni e mai costruito.

Tribune[modifica | modifica wikitesto]

Main Stand[modifica | modifica wikitesto]

La Main Stand è dotata di una copertura realizzata con lastre isolanti in acciaio a protezione multistrato, e a differenza del progetto originario che prevedeva gradoni sandwich in acciaio, è costituita da 16 gradoni in legno lamellare, con circa 3 400 posti a sedere.

Le 16 file sono dotate di sedili a ribaltina, di colore rosso per il settore “Tribuna Sardegna”, blu per la “Tribuna centrale”. Sopra il tunnel degli spogliatoi, sono presenti i banchi per la radiocronaca e per i giornalisti. La copertura, con pendenza del 3%, ha un'altezza di 14,25 m all'esterno dello stadio ed ha anche la funzione di supportare l'illuminazione (lungo tutto il bordo). Lunga 120 m e profonda 20 ospita al piano terra gli spogliatoi delle due squadre, quelli di arbitri ed allenatori, la zona per le interviste, i locali per il controllo antidoping, le infermerie e il pronto soccorso, servizi igienici per il pubblico e la cucina e al primo piano un punto ristoro. Ha nel punto più basso una distanza dalla linea laterale di appena 7,50 m. L'esterno è dotato di una copertura composta da pannelli isolanti in lamiera e anima isolante in poliuretano espanso e fibra minerale. Infine nella Main Stand, è prevista l'installazione di 11 Sky Box[56], in grado di ospitare aziende e tifosi VIP.

Curve e tribuna distinti[modifica | modifica wikitesto]

Tribuna distinti e maxischermo.

Per curve e Distinti sono state utilizzate le tribune Dalmine di proprietà del Cagliari: esse poggiano sul terreno dove prima vi era la pista di atletica leggera. Le due curve, quella sud e quella nord, hanno 4 596 posti ciascuna, entrambe con trenta file di sedili drop (i classici seggiolini senza schienale). I Distinti hanno una lunghezza (107 m) e profondità (16 m) inferiore al Main Stand con 3 922 posti divisi in 20 file con sedili set (uguali ai drop ma con lo schienale). Successivamente, rispetto al progetto iniziale, sono stati aggiunti due raccordi curvi in acciaio tra Curve e Distinti che unificano tutti i settori e avranno un'altezza pari a quella dei Distinti. Il raccordo a sud è riservato alla tifoseria ospite.

Appena dietro i Distinti, la tribuna in cemento armato del vecchio impianto funge da supporto per un'impalcatura sulla quale poggiano le postazioni radio/TV e un maxischermo a LED di 80 .

Le tribune sono state posizionate ad una distanza dal campo di gioco in modo tale da ricavare un’area carrabile larga 4,20 m, da utilizzare in caso di emergenza e per le manutenzioni. Le tribune sono quindi distanti 9,20 m dalla linea di fondo del campo di gioco e 7,70 m dalla linea laterale[5].

La curva Nord nell'agosto 2012 è stata oggetto di un curioso caso, unico in Italia: la società Cagliari Calcio nella persona di Massimo Cellino aveva intitolato la curva Nord agli Sconvolts, principale gruppo ultras locale, con tanto di logo del gruppo formato con i seggiolini colorati[57]. In Italia era un caso unico, all'estero era già successo con gli olandesi del Twente e il gruppo Vak-P. Tuttavia dopo soltanto 8 giorni la scritta è stata rimossa e modificata in una banda rossa e blu contornata di bianco[58], su esplicita richiesta della Questura[59].

Illuminazione[modifica | modifica wikitesto]

Tribuna distinti (10 novembre 2012).

Per quanto riguarda l'illuminazione dello stadio sono state potenziate le 4 torri faro di 30 m d'altezza già esistenti e verrà realizzata una nuova torre di 40 m nella zona Distinti per arrivare ad un'intensità luminosa di 1 400 lux (necessari per ottenere l'omologazione UEFA). Altra illuminazione è presente lungo il bordo della copertura della nuova tribuna[60].

Terreno di gioco[modifica | modifica wikitesto]

Il manto erboso rientra tra le opere di manutenzione straordinaria di competenza del Cagliari Calcio.

L'attuale prato è stato completamente rifatto così come l'impianto di irrigazione e del sistema drenante: per quest'ultimo è stato fatto uno scavo di oltre 40 cm. Il tipo di erba che è stato innestato è fatto di macroterme (quali il Cynodon dactylon e il Paspalum vaginatum), ideali a temperature tra i 20 e i 30 °C.

Strutture televisive[modifica | modifica wikitesto]

Sopra la tribuna centrale del vecchio impianto, appena dietro i Distinti, sono state realizzate le postazioni TV: soluzione obbligata in quanto visto l'orientamento dello stadio, in caso di posizionamento delle telecamere nella Main Stand si otterrebbero delle riprese in "controluce", e quindi disturbate dal sole. Inoltre, alle due estremità dei Distinti, sono state realizzate due torrette dove sono state posizionate le telecamere impiegate per le inquadrature e i replay dei fuorigioco.

Sviluppi a fine convenzione[modifica | modifica wikitesto]

La pista d'atletica originaria non era omologata ed è stata smantellata per far poggiare le tribune amovibili, ma alla fine della convenzione col Comune sarà ricostruita ed omologata IAAF.

Sempre al termine della concessione, secondo gli accordi presi, il Cagliari realizzerà degli spogliatoi nello spazio sotto l'unica tribuna esistente a Is Arenas, in sostituzione di quelli esistenti in precedenza, demoliti per far posto alla Curva Sud[61].

Dati tecnici[modifica | modifica wikitesto]

Sorge nella località di Is Arenas, nel comune di Quartu Sant'Elena (CA), proprietario dell'impianto.
È in concessione per tre anni alla Cagliari Calcio s.p.a. per un affitto annuale corrispondente a 30 000 euro[3]. Il campo di gioco misura 105x68 m ed è in erba naturale.
Di seguito vengono riportate le altre caratteristiche salienti dell'impianto:

Caratteristiche tecniche
  • Capienza: 16 500 posti a sedere[6]
Main stand: 3422
Tribuna Distinti: 3981
Curva Nord: 4399
Curva Sud: 4279
Settore Ospiti: 403
  • Superficie totale: 145 000 m²
  • Sky Box: 11
  • Posti stampa: 25
  • Spogliatoi: 4 (Cagliari Calcio, Ospiti, Arbitri maschile, Arbitri femminile)
Distanza dagli spalti al campo di gioco
  • Main Stand: 7,5 m (dalla prima fila alla linea laterale)
  • Tribuna Distinti: 7,70 m (dalla prima fila alla linea laterale)
  • Curve: 9,20 m (dalla prima fila alla linea di fondo campo)

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Dati relativi alle sole partite ufficiali, aggiornati al 30 marzo 2013.

Primati e record[modifica | modifica wikitesto]

Primati e record del Cagliari Calcio allo Stadio Is Arenas

Assoluti

  • Prima partita in assoluto: Cagliari-Atalanta 1-1 (2 settembre 2012)
  • Prima vittoria in assoluto: Cagliari-Bologna 1-0 (21 ottobre 2012)
  • Primo pareggio in assoluto: Cagliari-Atalanta 1-1 (2 settembre 2012)
  • Prima sconfitta in assoluto: Cagliari-Pescara 1-2 (30 settembre 2012)[62]

Serie A

  • Prima partita in Serie A: Cagliari-Atalanta 1-1 (2 settembre 2012)
  • Prima vittoria in Serie A: Cagliari-Bologna 1-0 (21 ottobre 2012)
  • Primo pareggio in Serie A: Cagliari-Atalanta 1-1 (2 settembre 2012)
  • Prima sconfitta in Serie A: Cagliari-Pescara 1-2 (30 settembre 2012)[62]

Coppa Italia

  • Prima partita in Coppa Italia: Cagliari-Pescara 4-2 (5 dicembre 2012)
  • Prima vittoria in Coppa Italia: Cagliari-Pescara 4-2 (5 dicembre 2012)
  • Primo pareggio in Coppa Italia: -
  • Prima sconfitta in Coppa Italia: -

Record

  • Maggior numero di partite consecutive senza sconfitte in Serie A: 6 (dal 13 gennaio 2013 al 30 marzo 2013)
  • Maggior numero di partite consecutive senza sconfitte in Coppa Italia: -
  • Maggior numero di partite consecutive senza sconfitte in tutte le competizioni: 6 (dal 13 gennaio 2013 al 30 marzo 2013)

Statistiche stagionali[modifica | modifica wikitesto]

Stagione Campionato Coppe nazionali Coppe continentali Altre coppe Totale Vittorie %
Comp G V N P Comp G V N P Comp G V N P Comp G V N P G V N P %
2012-2013 A 13[63] 6 4 3 CI 1 1 0 0 - - - - - - - - - - 14 7 4 3 50
Totale A 13 6 4 3 CI 1 1 0 0 - - - - - - - - - - 14 7 4 3 50

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Inchiesta Gds: bilancio Cagliari di poco attivo, cagliarinews24.com, 29 marzo. URL consultato il 28 giugno 2013.
  2. ^ Intervento di Jaime Manca Di Villahermosa, andreamblog.worpress.com. URL consultato il 24 settembre 2012.
  3. ^ a b Is Arenas, uno stadio da 16 mila posti per il Cagliari. Martedì il via libera del Consiglio di Quartu, radiopress.it. URL consultato il 20 settembre 2012.
  4. ^ Cellino: «Is Arenas sarà la casa definitiva del Cagliari», tuttocagliari.net. URL consultato il 26 ottobre 2012.
  5. ^ a b Relazione generale Dott. Ing. Pierpaolo Gessa - Comune di Quartu Sant'Elena. Lo stadio temporaneo di Is Arenas (PDF), Comune di Quartu Sant'Elena, 11 maggio 2012. URL consultato il 20 settembre 2012.
  6. ^ a b c Apertura totale per Is Arenas. Con il Napoli 16.500 tifosi in L'Unione Sarda, 21 novembre 2012. URL consultato il 22 novembre 2012.
  7. ^ Mercato, Sau e licenze Uefa; Cellino lancia la nuova sfida (PDF) in L'Unione Sarda, regione.sardegna.it, 24 agosto 2012. URL consultato il 20 settembre 2012.
  8. ^ a b c  Alessio Conti. Cagliari, orgoglio Is Arenas. Sport Mediaset, 11 febbraio 2013. URL consultato in data 11 febbraio 2013.
  9. ^ Addio Is Arenas, il Cagliari torna a Sant'Elia, tuttocagliari.net, 26 giugno 2013. URL consultato il 28 giugno 2013.
  10. ^ Comunicato della società, cagliaricalcio.net, 26 giugno 2013. URL consultato il 28 giugno 2013.
  11. ^ Is Arenas, lo smantellamento continua Nelle tribune in azione anche una gru in L'Unione Sarda, 24 giugno 2013. URL consultato il 28 giugno 2013.
  12. ^ Cagliari: commissione, S.Elia agibile in Corriere dello Sport. URL consultato il 27 ottobre 2012.
  13. ^ Cagliari-Pescara alla "Is Arenas", legaseriea.it, 28 settembre 2012. URL consultato l'11 novembre 2012.
  14. ^ Vincenzo Aresu, Cagliari, stadio Is Arenas pronto per il Pescara in La Repubblica, 27 settembre 2012. URL consultato l'11 novembre 2012.
  15. ^ Fabio Frongia, Is Arenas, aperte le curve e i distinti. Standby per la main stand, tuttocagliari.net, 8 novembre 2012. URL consultato l'11 novembre 2012.
  16. ^ Ufficiale: Is Arenas aperto in tutti i settori, cagliaricalcio.net, 9 novembre 2012. URL consultato l'11 novembre 2012.
  17. ^ Cagliari, caos Is Arenas: chiusa la tribuna centrale in La Repubblica, 10 novembre 2012. URL consultato l'11 novembre 2012.
  18. ^ Is Arenas, la tribuna centrale chiusa al pubblico in La Nuova Sardegna, 10 novembre 2012. URL consultato l'11 novembre 2012.
  19. ^ Comunicato della Società: Cagliari-Roma, cagliaricalcio.net. URL consultato il 23 settembre 2012.
  20. ^ La Commissione: «Is Arenas non è agibile». Niente pubblico per il match Cagliari-Roma in L'Unione Sarda. URL consultato il 23 settembre 2012.
  21. ^ Prefetto: Cagliari-Roma si gioca a porte chiuse in Corriere dello Sport. URL consultato il 23 settembre 2012.
  22. ^ La Roma vuole lo 0-3 a tavolino. Abete contro Cellino: «Inaccettabile» in Gazzetta dello Sport. URL consultato il 24 settembre 2012.
  23. ^ Cagliari-Roma, Procura Figc apre un'inchiesta. Cellino: «Ho invitato i tifosi per evitare il caos» in L'Unione Sarda. URL consultato il 24 settembre 2012.
  24. ^ UFFICIALE: Cagliari-Roma rinviata a data da destinarsi, tuttocagliari.net. URL consultato il 23 settembre 2012.
  25. ^ Cellino, assurda sfida alle istituzioni. E il Prefetto rinvia Cagliari-Roma in Gazzetta dello Sport. URL consultato il 23 settembre 2012.
  26. ^ Cagliari-Roma rinviata. Motivi d'ordine pubblico in Corriere dello Sport. URL consultato il 23 settembre 2012.
  27. ^ Lega Nazionale Professionisti Serie A: Comunicato ufficiale n.51 del 24 settembre 2012 (PDF), legaseriea.it. URL consultato il 2 novembre 2012.
  28. ^ Ambiente: fenicotteri in pericolo per fari Is Arenas in Ansa. URL consultato il 2 novembre 2012.
  29. ^ Il WWF contro lo stadio Is Arenas: «Le luci spaventano i fenicotteri» in L'Unione Sarda. URL consultato il 2 novembre 2012.
  30. ^ Stadio a Is Arenas, Contini al Wwf: «Molentargius penalizzato non dal Cagliari ma dagli ambientalisti», castedduonline.it. URL consultato il 2 novembre 2012.
  31. ^ Quartu, polemiche sullo stadio Is Arenas. «Bloccati in casa per colpa del Cagliari» in L'Unione Sarda. URL consultato il 19 settembre 2012.
  32. ^ CAGLIARI-JUVENTUS AL TARDINI DI PARMA, legaseriea.it. URL consultato il 21 dicembre 2012.
  33. ^ Caos stadio Cagliari-Juve. Lega: «Si gioca a Parma» in Gazzetta dello Sport. URL consultato il 22 dicembre 2012.
  34. ^ Ufficiale: Cagliari-Juventus a Parma, cagliaricalcio.net. URL consultato il 21 dicembre 2012.
  35. ^ CAGLIARI-JUVE A PARMA: ANCORA NON AGIBILE LO STADIO 'IS ARENAS', leggo.it, 19 dicembre 2012. URL consultato il 21 dicembre 2012.
  36. ^ Cagliari-Juventus si gioca a Parma. Lo stadio Is Arenas è ancora inagibile in Il Messaggero, 19 dicembre 2012. URL consultato il 21 dicembre 2012.
  37. ^ L’agibilità dell’Is Arenas arriva tardi. Cagliari-Juve si giocherà a Parma in La Stampa. URL consultato il 22 dicembre 2012.
  38. ^ Is Arenas, retromarcia inutile del sindaco. La Lega conferma: Cagliari-Juventus a Parma in L'Unione Sarda. URL consultato il 22 dicembre 2012.
  39. ^ Conte verso il Cagliari con una Juve penalizzata dal caso Is Arenas: «Non sapevamo come organizzare la trasferta, noi parte colpita», goal.com. URL consultato il 22 dicembre 2012.
  40. ^ Contini scarica la colpa sul club ma l’autogol sembra tutto suo in La Nuova Sardegna, regione.sardegna.it. URL consultato il 22 dicembre 2012.
  41. ^ Cellino, furia sulla Juve: «Loro hanno detto no» in Corriere dello Sport, 20 dicembre 2012. URL consultato il 22 dicembre 2012.
  42. ^ Il Cagliari va a Parma, Cellino le suona alla Juventus in Sky Sport, 21 dicembre 2012. URL consultato il 22 dicembre 2012.
  43. ^ Marotta: «Cellino ha detto delle cose vergognose» in Tuttosport, 21 dicembre 2012. URL consultato il 22 dicembre 2012.
  44. ^ Marotta replica a Cellino: «Dice cose vergognose» in Corriere dello Sport, 21 dicembre 2012. URL consultato il 22 dicembre 2012.
  45. ^ In tv: che schifo Is Arenas Ma era un kartodromo in disarmo in L'Unione Sarda, 11 febbraio 2013. URL consultato l'11 febbraio 2013.
  46. ^ Is Arenas, incredibile esempio di disinformazione, cagliaricalcio.net, 10 febbraio 2013. URL consultato l'11 febbraio 2013.
  47. ^ IS ARENAS, ABBIAMO COMMESSO UN ERRORE in Sport Mediaset, 10 febbraio 2013. URL consultato l'11 febbraio 2013.
  48. ^ Stadio Cagliari, arrestati Cellino, sindaco e assessore di Quartu in Corriere della Sera, 14 febbraio 2013. URL consultato il 14 febbraio 2013.
  49. ^ Is Arenas, arrestati Cellino e sindaco di Quartu. In manette anche l'assessore ai Lavori pubblici in L'Unione Sarda, 14 febbraio 2013. URL consultato il 14 febbraio 2013.
  50. ^ Stadio, il progettista non risponde al Pm che l'accusa di abuso edilizio in L'Unione Sarda, 25 febbraio 2013. URL consultato il 10 maggio 2013.
  51. ^ a b Quartu, Commissione boccia lo stadio "Non è agibile, i lavori vanno conclusi" in L'Unione Sarda, 26 febbraio 2013. URL consultato il 26 febbraio 2013.
  52. ^ Prefettura, la Commissione di vigilanza Ecco il comunicato ufficiale di Is Arenas in L'Unione Sarda, 25 febbraio 2013. URL consultato il 26 febbraio 2013.
  53. ^ Roberto Muretto, Il Cagliari fa ritorno a casa in La Nuova Sardegna, 30 giugno 2013. URL consultato il 26 agosto 2013.
  54. ^ Roberto Muretto, Cellino riporta Is Arenas al Sant’Elia in La Nuova Sardegna, 22 giugno 2013. URL consultato il 26 agosto 2013.
  55. ^ Disputata a porte chiuse
  56. ^ Sky Box Stadio Is Arenas, cagliaricalcio.net. URL consultato il 2 novembre 2012.
  57. ^ Curva Sconvolts: precisazione della Cagliari Calcio, cagliaricalcio.net.
  58. ^ Is Arenas, il Cagliari ci ripensa. Già sparita la scritta Sconvolts in L'Unione Sarda. URL consultato il 2 novembre 2012.
  59. ^ Stadio Is Arenas, domani vertice decisivo; La Questura ha eliminato logo Sconvolts in L'Unione Sarda. URL consultato il 2 settembre 2012.
  60. ^ Un «gioiellino» da 16.800 posti con tutti i comfort in La Nuova Sardegna. URL consultato il 2 novembre 2012.
  61. ^ Pronto in 5 mesi, ecco il progetto (PDF) in Sardegna Quotidiano, regione.sardegna.it. URL consultato il 21 settembre 2012.
  62. ^ a b Se si esclude la partita persa a tavolino 0-3 contro la A.S. Roma del 23 settembre 2012.
  63. ^ Le partita contro la Roma non è stata disputata. La partita contro la Juventus è stata disputata a Parma. Le partite contro Inter, Parma, Udinese e Lazio sono state disputate a Trieste.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]