Leslie Phillips

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando la cantautrice conosciuta anche come Sam Phillips, vedi Leslie Ann Phillips.
Leslie Phillips agli Orange British Academy Film Awards, febbraio 2007

Leslie Phillips (Londra, 20 aprile 1924) è un attore e doppiatore britannico, commendatore dell'Ordine dell'Impero Britannico e nominato ai premi BAFTA. Conosciuto inizialmente solo come attore comico, più tardi ha iniziato ad interpretare ruoli caratteristici.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Phillips proveniva da un ambiente molto povero, nato a Tottenham (quartiere nord di Londra) da Cecelia Margaret (nata Newlove) e Frederick Samuel Phillips[1]. Quest'ultimo morì all'età di 44 anni, a causa di danni al cuore ed edema causati dalle esalazioni di zolfo della fabbrica in cui lavorava ad Edmonton. Nel 1931 la famiglia si trasferì nel quartiere di Chingford, a est di Londra, dove il piccolo Leslie frequentò la scuola elementare[2].

Fu sua madre a decidere di mandarlo alla Italia Conti Academy, per fargli fare lezioni di dizione in modo da perdere il suo naturale accento cockney, poiché all'epoca possedere un forte accento regionale era causa di vari impedimenti nella carriera di un attore. La mossa si rivelò fruttuosa, ed alla sola età di 14 anni il giovane Leslie era già colui che guadagnava di più in famiglia, permettendo a sua madre di uscire dalla povertà.

Carriera[modifica | modifica sorgente]

La prima apparizione cinematografica del giovane Leslie risale agli anni trenta, quando era ancora un bambino, e ciò lo rende l'unico attore ancora vivente che ha lavorato ai Pinewood Studios nella prima settimana della sua apertura, nel 1936. Per quanto riguarda la carriera teatrale, agli inizi è stato il sostituto di Binkie Beaumont e H.M. Tennent al West End, per poi apparire nel 1938, a 14 anni, insieme a Graeme Muir nello spettacolo del West End Dear Octopus. Durante la seconda guerra mondiale gli spettacoli erano spesso interrotti dalle sirene dell'allerta civile, e Phillips nella sua autobiografia ricorda gli episodi, descrivendo che "il pubblico si volatilizzava e si dirigeva negli scantinati o nelle stazioni della metropolitana".

Grazie all'acquisito accento delle classi alte, l'attore fu selezionato per affrontare l'addestramento come ufficiale a Catterick e, a tempo debito, nominato Sottotenente dell'artiglieria reale nel 1943. L'anno successivo fu trasferito alla Durham Light Infantry, ma fu poi dichiarato inadatto al servizio poiché gli era stata diagnosticata una particolare condizione neurologica che avrebbe potuto causare una paralisi parziale. Fu mandato per errore in un ospedale psichiatrico, prima di raggiungere una struttura adeguata alla terapia.

Smobilitato come Luogotenente nel dicembre del 1944, Phillips subì un arresto anche nella carriera di attore, che ebbe una svolta solo durante gli anni cinquanta, quando egli ritornò popolare interpretando alcuni divertenti stereotipi inglesi. Il suo segno di riconoscimento era la sua voce carezzevole e seduttiva, che gli avrebbe molto più tardi procurato degli ingaggi anche come doppiatore. Apparve in tre dei primi film della serie Carry On (Carry On Nurse, Carry On Teacher e Carry On Constable), ai quali fece seguito un revival negli anni novanta, Carry On Columbus. A partire dal 1959, inoltre, divenne un popolare personaggio radiofonico come protagonista della serie The Navy Lark.

Dopo il suo matrimonio con Angela Scoular nel 1982, l'attore decise di dare una svolta alla sua carriera, abbandonando i lavori comici o di commedia. Rimanendo comunque attivo sia a teatro che in televisione, ebbe anche ruoli prominenti in alcuni importanti lungometraggi quali Lara Croft: Tomb Raider (2001) e L'impero del sole di Steven Spielberg. Come doppiatore, ha prestato la voce al Cappello Parlante di Hogwarts nei primi due film della serie di Harry Potter, Harry Potter e la pietra filosofale ed Harry Potter e la camera dei segreti. È inoltre apparso in diverse sitcom britanniche, quali Honey for Tea con Felicity Kendal, ed ha effettuato un cammeo nella serie poliziesca The Bill.

Nel 2007 è apparso nel film di Hanif Kureshi Venus insieme a Peter O'Toole, ed è stato nominato per un premio BAFTA come "Miglior Attore di Supporto", nel ruolo dell'attore veterano Ian[3].

Nel 2006 è stata pubblicata la sua autobiografia, Hello (Orion Books, ISBN 0-7528-8178-7), e due anni più tardi fu nominato Commendatore dell'Ordine dell'Impero Britannico, in quanto già prima era Ufficiale.

Vita privata[modifica | modifica sorgente]

Phillips sposò la sua prima moglie, l'attrice Penelope Bartley, il 30 maggio 1948[4]. I due ebbero quattro figli, Caroline, Claudia, Andrew e Roger, ma negli anni sessanta gli impegni lavorativi dell'attore iniziarono a pesare gravemente sul matrimonio. Nella sua autobiografia, Phillips ha commentato a questo proposito: "Penny non fece mai obiezioni al denaro in entrata, ma aveva cominciato a lamentarsi delle mie assenze".

Nel 1962 Phillips recitò in uno spettacolo teatrale intitolato The Big Killing, dove conobbe l'attrice sostituta Caroline Mortimer, figlia della scrittrice Penelope Mortimer e figliastra di Sir John Mortimer. I due provarono attrazione reciproca, sebbene Caroline avesse 19 anni e fosse di 18 anni più giovane dell'attore. Nella sua autobiografia scrisse del suo dilemma: nonostante l'immagine pubblica, era stato un marito leale e fedele fino a quel punto, ed ora si trovava a combattere con la propria coscienza. Tuttavia, mentre lo spettacolo continuava ad essere messo in scena, egli divenne sempre più coinvolto nella relazione con Caroline, arrivando persino ad incontrare sua madre.

"Inizialmente ero certo che non mi considerasse molto adatto... Penelope Mortimer espose il suo giudizio sul genere di commedia leggera con la quale avevo avuto tanto successo. Forse, come molta gente, non apprezzava che da un punto di vista tecnico fosse molto più complicata da portare avanti di una tragedia convenzionale".

Infine, Phillips fu costretto ad andarsene di casa quando sua moglie chiese il divorzio, dopo che le fu riferita la notizia della sua relazione da un amico. Mentre la causa del divorzio si protraeva, l'attore passava più tempo con la famiglia Mortimer e, nonostante avesse dei problemi a mantenere i contatti con i propri figli, la conoscenza della nuova famiglia e soprattutto di John Mortimer lo portarono a dei nuovi ruoli televisivi, in particolare ad interpretare il giudice in due serie dello stesso Mortimer. Durante la relazione con Caroline, i due comprarono una casa colonica nell'allora quasi incontaminata Ibiza, e vi ospitarono personaggi del calibro di Diana Rigg, Nigel Davenport, Laurence Olivier e Denholm Elliott tra gli altri. Tuttavia, verso la metà dei vent'anni di Caroline, la ragazza iniziò ad esprimere il desiderio di sposarsi ed avere dei figli, idea che portò alla rottura del rapporto tra lei e l'allora quasi quarantenne Phillips.

Dopo la rottura, i due ex partner si trovarono a recitare insieme in un film girato in Australia, tuttavia Phillips iniziò presto una relazione con la co-star Vicki Luke, attratto da lei soprattutto dal punto di vista fisico. La loro relazione fu caratterizzata da diversi rischi in particolar modo da parte di Vicki, e nei quali poi anche Phillips si trovava coinvolto. Per esempio, tornando una volta da Bangkok, Thailandia, l'attrice rivelò di aver messo di nascosto della droga nella valigia del partner.

Quando accettò un ruolo da protagonista nello spettacolo Sextet a Londra, fu immediatamente attratto dalla propria co-protagonista Angela Scoular, che aveva in passato interpretato due volte una Bond girl. I due andarono a vivere insieme nella casa dell'attore a Maida Vale, tuttavia più o meno nello stesso periodo la prima moglie di Phillips, Penelope Bartley, ebbe un attacco che la lasciò debilitata. La nuova coppia iniziò a prendersi cura di lei durante gli anni, ma nel 1981, mentre Angela era in tour per uno spettacolo di Ray Cooney in Australia, i figli della donna chiamarono per informare che lei era morta in un incendio. Phillips decise di rimanere in Australia per la produzione e torno in Gran Bretagna solo l'anno successivo, facendo sì che la famiglia della sua prima moglie non lo perdonasse mai per non essere stato presente al suo funerale. Nonostante questo, la prima cosa che fece una volta tornato in patria fu visitare la sua tomba ad Horley, nel Surrey.

Leslie Phillips ed Angela Scoular si sposarono nel 1982, e la loro relazione perdura da allora, fino alla morte di lei, avvenuta nel 2011 per suicidio.

Per quanto riguarda interessi personali e sportivi, l'attore è da sempre fan della squadra di calcio del Tottenham Hotspur F.C., fatto di cui abbiamo menzione nell'autobiografia:

"Nacqui a Tottenham appena prima che la squadra segnasse un goal, e si dice che il mio grido fosse più forte di quelli in campo. Ho tifato il Tottenham Hotspur e lo faccio tuttora".

Filmografia[modifica | modifica sorgente]

Radio[modifica | modifica sorgente]

Televisione[modifica | modifica sorgente]

  • Comedy Playhouse - The Time and Motion Man (BBC, 29 luglio 1965)
  • The Comic Strip
  • Casanova '73 (BBC, 1973)
  • Chancer (Central Television, 1990–1991)
  • Honey for Tea, (1994)
  • Love on a Branch Line, (1994)
  • Midsomer Murders, (2004)
  • The Catherine Tate Show, (2006)
  • Miss Marple (Agatha Christie's Marple) – serie TV, episodio 2x03 (2006)
  • Loose Women, (2008)
  • Alan Carr's Celebrity Ding Dong, (2008)

Film[modifica | modifica sorgente]

Videogiochi[modifica | modifica sorgente]

Nel 1998 Phillips ha prestato la voce al personaggio di Gex, nell'edizione britannica ed europea del videogioco Gex.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Biografia di Leslie Phillips (1924-)
  2. ^ Johnathon Moyes, L'ex-alunno Phillips apre la vecchia scuola, Waltham Forest Guardian, 27 giugno 2007. URL consultato il 10 maggio 2009.
  3. ^ Novità, nominati e vincitori delle cinque cerimonie annuali dell'Accademia
  4. ^ Lesley Phillips, "Hello", l'autobiografia, Orion Books Ltd, 2006, ISBN 978-0-7528-8178-2.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 73119037 LCCN: no95046294