L'era glaciale 4 - Continenti alla deriva

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
L'era glaciale 4 - Continenti alla deriva
L'era glaciale 4.JPG
Logo del film
Titolo originale Ice Age: Continental Drift
Lingua originale inglese
Paese di produzione USA
Anno 2012
Durata 94 min
Colore colore
Audio Dolby Digital[1]
Rapporto 2.39:1
Genere animazione, azione, avventura, commedia
Regia Steve Martino, Mike Thurmeier
Sceneggiatura Michael Berg, Jason Fuchs, Mike Reiss
Produttore Lori Forte, John C. Donkin
Casa di produzione Blue Sky Studios
Distribuzione (Italia) 20th Century Fox
Fotografia Renato Falcão
Montaggio James Palumbo, David Ian Salter
Musiche John Powell
Doppiatori originali
Doppiatori italiani

L'era glaciale 4 - Continenti alla deriva (Ice Age: Continental Drift) è un film d'animazione del 2012, diretto da Steve Martino e Mike Thurmeier, si tratta del quarto capitolo della serie iniziata nel 2002 con L'era glaciale.

Trama[modifica | modifica sorgente]

La storia riprende alcuni anni dopo la fine del terzo capitolo. Scrat (tornato single e dedicatosi alla ricerca di altre ghiande, alcune donategli nell'era Natale), cercando ancora una volta di seppellire una ghianda, apre una fenditura e precipita fino al centro della terra causando una catastrofe planetaria da cui si innesca la deriva dei continenti.

Intanto, Manny è un padre iperprotettivo verso la figlia adolescente Pesca, che desidera frequentare i suoi coetanei tra cui Ethan, per cui ha una cotta. Nel frattempo, Sid si riunisce con la sua famiglia, che lo aveva abbandonato nel primo film e che lo abbandona nuovamente, lasciandogli Nonnina, considerata un peso. Ignorando le proibizioni del padre, Pesca insieme all'amico Louis (un riccio che si comporta come una talpa), si dirige verso le cascate, dove si riuniscono i giovani, ma viene sorpresa da Manny che la sgrida davanti a tutti. Pesca, imbarazzata ma furiosa, gli dice che non lo vorrebbe come padre.

In quel momento avviene la separazione dei continenti, che divide Manny, Sid e Diego da Ellie e Pesca. I tre si salvano su un iceberg galleggiante e, mentre vanno alla deriva, Manny dice a Ellie e Pesca di dirigersi insieme al resto del branco verso un ponte poco distante, dove poi si sarebbero ritrovati. Dopo essere riusciti a sopravvivere a una violenta tempesta e dopo aver scoperto di avere con sé anche Nonnina, fino a quel momento addormentata all'interno di un albero, gli amici vengono catturati da un gruppo di pirati, guidati da Capitan Sbudella (un Gigantopiteco) e dal suo primo ufficiale, una tigre dai denti a sciabola albina di nome Shira. I tre si rifiutano di unirsi all'equipaggio e, dopo una lotta, distruggono la nave nemica facendo cadere in acqua tutti i pirati.

Dopo qualche giorno di navigazione il branco e Shira, abbandonata dalla ciurma di Sbudella ma ancora fedele al suo capitano, raggiungono un'isola. Qui scoprono che i pirati hanno assoggettato degli animaletti, gli iraci, per farsi costruire una nuova nave. Manny progetta di rubarla e tornare a casa con il loro aiuto dopo che Sid è riuscito a comunicare con essi. Il gruppo riesce a impossessarsi della nave di Sbudella ma prima che anche Diego possa salire, Shira lo attacca: anche se riesce a convincerla a venire via con lui, lei, come atto di coraggio e fedeltà, decide di bloccare Sbudella che stava per raggiungerli. Lo scimmione, a quel punto, crea una nuova nave e promette di vendicarsi.
Pesca, intanto, per essere accettata da Ethan e dalla sua cerchia dice di non essere amica di Louis, considerato uno "sfigato" ma si fa sentire proprio dalla talpa che, ferito, la evita. La giovane mammuth capisce allora chi sono i suoi veri amici e si pente del proprio atteggiamento.

Dopo esser sfuggiti a delle sirene, gli amici raggiungono il ponte, che però è ormai andato distrutto. Ellie e Pesca sono state catturate da Sbudella, che vuole distruggere tutto ciò che è caro a Manny. Quando tutto sembra precipitare compare sulla scena Amorina, una gigantesca balena preistorica addomesticata da Nonnina e grazie al suo aiuto la ciurma dei pirati viene sconfitta (poiché grazie al suo sfiatatoio li getta in mare, ma forse grazie a Pachi riescono a salvarsi). Louis dimostra il suo grande amore verso Pesca e sfida Sbudella con grande coraggio e Pesca stessa lo stordisce usando le sue competenze di opossum ereditate da Ellie, salvando la madre. Sbudella non è sconfitto: si rialza e attacca Manny. La sfida finale avviene su un pezzo di ghiaccio che scorre tutta velocità verso l'oceano. Dopo aver avuto la meglio sul nemico, Manny viene salvato da Amorina, mentre Sbudella viene attirato e divorato da una sirena che ha preso le sembianze di una femmina della sua specie. Manny e la sua famiglia si ricongiungono e Shira diventa la compagna di Diego. Con la vecchia casa distrutta gli altri animali raggiungono una nuova terra per iniziare una nuova vita con un mondo sempre di ghiaccio, dunque una specie di penisola.

Come epilogo Scrat, che all'inizio del film aveva trovato una mappa del tesoro, arriva a "Scratlantide", una terra dove altri scoiattoli come lui hanno abbandonato l'essenza di puri roditori e per elevarsi attraverso lo studio delle scienze. Scrat, sopraffatto dalla propria natura di roditore, si avventa su tutte le ghiande dell'isola fino a prenderne una gigantesca, che funge tuttavia da tappo, facendo inavvertitamente affondare la città. Si ritrova così da solo nel deserto del Nevada puntualmente senza una ghianda e si mette ad urlare.

Trailer e doppiaggio[modifica | modifica sorgente]

Dopo l'uscita del trailer internazionale il 24 novembre 2011, il 5 gennaio 2012 è stato diffuso il trailer italiano del film.[2] Il 25 giugno 2012 sono stati annunciati i doppiatori italiani del film, confermando la partecipazione di Claudio Bisio e Pino Insegno, ed aggiungendo alcune voci nuove tra cui Francesco Pannofino e Filippo Timi (al posto di Leo Gullotta).[3]

Distribuzione e Incassi[modifica | modifica sorgente]

Nelle sale statunitensi, il film è uscito il 13 luglio 2012, mentre in quelle italiane è arrivato il 28 settembre 2012, distribuito dalla 20th Century Fox. Gli incassi hanno sfiorato il record del terzo episodio: negli Usa oltre 160 milioni di dollari e nel resto del mondo superati gli 875 milioni di dollari.

Promozione[modifica | modifica sorgente]

L'era glaciale - Il villaggio[modifica | modifica sorgente]

In aprile 2012, per pubblicizzare il film, è stato posto in vendita su App Store e Android Market un videogioco per dispositivi mobili chiamato L'era glaciale - Il villaggio (Ice Age Village), sviluppato da Gameloft.

In questo videogame, Sid, Manny, Diego, Ellie, Crash e Eddie, Pesca, Louis e la Nonnina si impegnano per costruire un villaggio per gli abitanti "sfollati" a causa della catastrofe creata da Scrat.

Uscita film in Blu-ray, Blu-ray 3D e Digital HDTM e singolo di lancio[modifica | modifica sorgente]

La cantante italiana Annalisa è stata scelta per cantare il brano Pirati, non presente in alcun disco, ma uscito come singolo e come esclusiva della pellicola Pixar[4] e presente nel DVD, Blu-ray, Blu-ray 3D e Digital HDTM del film in uscita l'11 gennaio 2013.[5] Il brano, in rotazione radiofonica dal 5 gennaio 2013, è anche'esso disponibile in download digitale dall'11 gennaio 2013. Il testo è ispirato al personaggio di Shira che compare per la prima volta in questo capitolo.[6] Dallo stesso è stato pubblicato il video musicale ufficiale rilasciato in anteprima il 4 gennaio 2013 ed universalmente il giorno seguente, con presenti scene del film.[7]

Curiosità[modifica | modifica sorgente]

  • Nel film viene mostrato più volte un lunghissimo lembo di terra a forma di ponte, con tanto di archi e campate. Questo "ponte di terra" è ispirato ad un'ipotesi ideata dagli oppositori alla teoria di Alfred Lothar Wegener (il primo uomo a ipotizzare che i continenti fossero stati in precedenza uniti e si siano successivamente separati) secondo la quale, il motivo per cui Wegener trovò fossili di animali, quali dinosauri, e determinati tipi di piante in continenti diversi e distanti (ad esempio Antartide e Africa o Africa e America del Sud) si poteva spiegare con l'esistenza, durante la preistoria, di enormi ponti di terra fra i continenti.[senza fonte]
  • Nella scena in cui tutti i personaggi (tranne Scrat) entrano nella nuova terraferma con la nave di ghiaccio, si vede una grossa statua di pietra che ricorda la Statua della Libertà di New York.
  • Appare, in un breve cameo, anche la versione femminile di Scrat, Scrattina (Scratte nell'originale) già vista nel terzo capitolo. Qui però è il frutto di una visione prodotta dalle sirene. Scrat, vedendola, inizialmente cede alla tentazione di andare da lei ma poi ci ripensa e se ne va.

Citazioni e riferimenti[modifica | modifica sorgente]

  • Il coltello che Gandhalì dà a Louis è identico a quello usato da Buck nel terzo capitolo.
  • Quando Scrat cade verso il nucleo della Terra viene inquadrato Buck in "sella" a Rudy, il dinosauro antagonista del sopracitato terzo capitolo.
  • Una delle sirene ha un tridente simile a quello di Tritone del film La sirenetta della Disney.
  • Il capo degli iraci ha dei segni blu in faccia come l'eroe scozzese William Wallace in Braveheart - Cuore impavido.
  • Dopo essersi paralizzato mangiando una bacca di loto, Sid inizia a riacquistare la mobilità dopo alcune ore muovendo l'alluce del piede destro, allo stesso modo di Uma Thurman nel film Kill Bill di Quentin Tarantino.
  • La bacca di loto che Sid mangia per sbaglio è analoga ai fiori di loto.
  • Scratlantide è un evidente riferimento ad Atlantide e Ariscratle è una parodia di Aristotele.
  • la scena in cui capitan Sbudella divide in due la propria spada per combattere contro Manny rimanda al personaggio di Skeletor, anch'egli dotato di una spada dalla medesima capacita'.
  • Nella scena prima dell'arrivo dei pirati Sid cita "La Ballata del Vecchio Marinaio" di Coleridge: "Tanta acqua, ma neanche un goccio da bere..."

Seguito[modifica | modifica sorgente]

La Blue Sky ha confermato un quinto capitolo, in uscita nelle sale statunitensi il 15 luglio 2016.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ [1]
  2. ^ Scrat protagonista del trailer italiano de L’era glaciale 4, ScreenWeek Blog.
  3. ^ L’Era Glaciale 4 – Anche Timi e Pannofino tra i doppiatori italiani!, ScreenWeek Blog.
  4. ^ info album
  5. ^ info
  6. ^ Pirati shira
  7. ^ anteprima video

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]