Filippo Timi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Filippo Timi (Perugia, 27 febbraio 1974) è uno scrittore, attore, regista e doppiatore italiano di teatro e cinema.

Carriera[modifica | modifica sorgente]

Teatro[modifica | modifica sorgente]

Ha iniziato la sua carriera teatrale con la compagnia perugina "Carthago Teatro" sotto i consigli del regista Mehdi Kraiem.

Ha lavorato al Centro per la Sperimentazione e la Ricerca teatrale di Pontedera, con Dario Marconcini, in Paolo di Tarso; con Cesare Ronconi del teatro Valdoca di Cesena in Fuoco Centrale ed Ero bellissimo, avevo le ali; con Robert Wilson in G.A. Story; ha partecipato allo studio preparatorio condotto da Pippo Delbono per lo spettacolo La Rabbia.

Con il maestro Bruno De Franceschi si dedica agli studi sulla voce: flautofonia e canto armonico; lavora sul corpo e partecipa ai workshop di Teatrodanza con Julie Anne Stanzak, del Tanztheater Wuppertal di Pina Bausch, con la Compagnia di danza contemporanea di Sosta Palmizi e Raffaella Giordano; lavora per il teatro con Danio Manfredini e Davide Enia, studia scrittura teatrale con Renata Molinari e Mariangela Gualtieri.

Nel 1996, con l’attore Silvano Voltolina e lo scenografo Giacomo Strada, fonda Bobby Kent & Margot, collettivo teatrale che sviluppa ricerche sul rapporto tra corpo e spazio ispirate alle riflessioni di Pavel Florenskij[1].

Nello stesso anno inizia la collaborazione con Giorgio Barberio Corsetti, nella sua compagnia teatrale, dove è primo attore in numerose produzioni tra cui Woyzeck nel 2001, nel quale interpreta il soldato Franz Woyzeck, l'«eroe proletario che dà il titolo al capolavoro di Georg Büchner»[2]; nel 2004 è in Paradiso[3] – riscrittura di Paradiso perduto di John Milton – interpretando Satana e in Metafisico cabaret, «nel ruolo di un acrobatico capocomico glitter sui tacchi alti»[4].

In teatro è stato diretto anche da Anton Milenin, Paola Rota e Massimo Giovara, Elio De Capitani, Aleksandr Popowski e Laurent Pelli. Nel 2005 debutta al teatro India di Roma, per la regia di Giorgio Barberio Corsetti, con La vita bestia[5], adattamento teatrale da lui stesso curato del suo primo romanzo Tuttalpiù muoio. La rielaborazione è stata preceduta da un laboratorio-seminario tenuto al teatro Ateneo dell’Università degli Studi "La Sapienza" di Roma[6].

Nel 2009 è autore, con Stefania De Santis, de Il popolo non ha il pane? Diamogli le brioche[7], prosa teatrale che lo vede regista e principale interprete nel ruolo di Amleto[8]. Lo spettacolo, riproposto per oltre due anni nei teatri di tutta Italia, con continue variazioni sceniche e testuali, fa registrare ovunque il “tutto esaurito” e lo consacra tra gli attori e autori di teatro italiani più stimati da critica e pubblico.

Nel marzo 2011 è in scena, al teatro Franco Parenti di Milano, con lo spettacolo da lui scritto, diretto e interpretato: Favola. C'era una volta una bambina, e dico c'era perché ora non c'è più[9]. Le numerose repliche milanesi sono solo l’anteprima di una tournée che, dopo il debutto a Roma (tra novembre e dicembre 2011) e il ritorno nel teatro milanese della regista Andrée Ruth Shammah (tra dicembre 2011 e gennaio 2012), porterà lo spettacolo in molte città d’Italia nel corso del 2012, replicando il successo ottenuto con Il popolo non ha il pane? Diamogli le brioche.

Un mese prima, circa, del debutto, ha condotto una Master class con gli allievi del teatro scuola Paolo Grassi di Milano[10]. Nel luglio 2011 presenta  – nell'ambito del Festival dei due Mondi di Spoleto – la prima teatrale di Giuliett'e Romeo. M'engolfi 'l core, amore[11], riduzione in volgare perugino dell'opera di William Shakespeare e da lui scritta, diretta e interpretata.

Nel 2012 è protagonista della stagione estiva SummerTimi del teatro Franco Parenti di Milano, dove ripropone gli spettacoli Amleto 2 (nuova edizione de Il popolo non ha il pane? Diamogli le brioche, ora prodotto dal Franco Parenti stesso e dal Teatro stabile dell'Umbria), Favola. C'era una volta una bambina, e dico c'era perché ora non c'è più e Giuliett'e Romeo. M'engolfi 'l core, amore.

Al Torino Film Festival del 2012, fuori concorso, è stata presentata la trasposizione cinematografica di Amleto2 con regia televisiva di Felice Cappa [12].

Il 27 febbraio 2013 debutta al teatro Franco Parenti di Milano con la personale versione del Don Giovanni, con il sottotitolo vivere è un abuso, mai un diritto.

A marzo 2014, sempre al teatro Franco Parenti di Milano, debutta il nuovo spettacolo teatrale Skianto, sempre nella veste di scrittore e protagonista, prodotto dal teatro Parenti e dal teatro Stabile dell'Umbria.

In oltre quindici anni di attività teatrale è stato Orfeo, Danton, Perceval, Satana, Odino, Woyzeck, Amleto, Mrs Fairytale (una donna americana degli anni ’50), Cupido e Don Giovanni.

Cinema[modifica | modifica sorgente]

I suoi esordi cinematografici lo vedono protagonista di alcune pellicole surreali (Ottarde di Giacomo Oliva, Lorenzo Feligioni, Pietro Zanchi e Sara Lanzi: cortometraggio del 1995, vincitore nell'anno successivo della rassegna concorso della Fondazione Umbria Spettacolo, che mette in scena, in uno spazio claustrofobico, una sorta di danza amorosa di un uomo-uccello per la conquista di sé, del proprio corpo e della libertà), oniriche (Il tocco degli angeli, corto di Katia Assuntini del 1998, dove la consegna di un pacco affidata a un giovane postino segna l’inizio di un viaggio tra realtà e sogno, tra presente e passato), evocative (Virtus F.C., corto del 1998 di Roberto Costantini e Luca Labarile, che ambienta all'interno di uno spogliatoio, durante l’intervallo di una partita di calcio amatoriale, un piccolo grande dramma, sportivo e umano).[13]

Nel 1999 è nel cast di In principio erano le mutande, dell’esordiente regista Anna Negri, dove è Tasca, l’amico-confidente di Imma, interpretata da Teresa Saponangelo; nel 2001 veste i panni del ballerino Nico nel film 500! di Giovanni Robbiano, Lorenzo Vignolo e Matteo Zingirian; nel 2002 partecipa al film drammatico Aprimi il cuore dell’esordiente Giada Colagrande, e nel 2005, al fianco di Ignazio Oliva, Anita Caprioli, Marina Remi, interpreta uno stravagante tecnico di videomontaggio nel film Onde, opera prima di Francesco Fei. Nel 2006 è nel film drammatico Transe della regista portoghese Teresa Villaverde.[14]

A fine anni Novanta comincia il sodalizio artistico con Tonino De Bernardi[15], regista di cinema indipendente e di sperimentazione. Con il cineasta underground, dal 1999 al 2004, gira molti film, ma è soprattutto con il personaggio di Antonello Rosatigre (in Rosatigre[16] del 2000 e in Fare la vita[17] del 2001), un travestito giocoliere, ballerino, musicista e cantante, maschera malinconica e ribelle in lotta contro l'emarginazione, che Filippo Timi interpreta al meglio la poetica del regista torinese, cantore di passioni e solitudini estreme, un «vitale e atipico teppista dei sentimenti»[18].

Nel 2006 è nel cast del film Saturno contro[19] di Ferzan Özpetek, nel ruolo del poliziotto Roberto, marito di Neval, interpretata dalla caratterista turca Serra Yilmaz; poi è protagonista dell’intenso cortometraggio di Matteo Rovere, Homo homini lupus[20] – vincitore del Nastro d'Argento 2007 per il cortometraggio –, che racconta le ultime ore di vita di un partigiano. Nel 2007 è il seminarista tormentato e ribelle Zanna nel film di Saverio Costanzo In memoria di me[21]; in Signorina Effe di Wilma Labate interpreta Sergio, giovane operaio militante che partecipa allo storico sciopero del 1980 contro i licenziamenti della FIAT[22].

Nel 2008 ne I demoni di San Pietroburgo[23] di Giuliano Montaldo veste i panni del visionario Gusiev, che rivelerà al protagonista, il celebre scrittore Fëdor Michajlovič Dostoevskij, il nome del responsabile dell’attentato a un membro della famiglia dello Zar. Sempre nel 2008 è protagonista, con il giovane Alvaro Caleca e con Elio Germano, del film Come Dio comanda[24] di Gabriele Salvatores (tratto dall'omonimo libro di Niccolò Ammaniti), dove interpreta l’operaio disoccupato e violento Rino Zena, che cerca di crescere il figlio quattordicenne Cristiano insegnandogli «l'odio con tanto amore»[25]. Dall'esperienza del set cinematografico diretto dal regista milanese nasce il suo terzo libro, Peggio che diventare famoso[26].

Nel 2009 interpreta il doppio ruolo di Benito Mussolini e di suo figlio Benito Albino ("Benitino"), avuto da Ida Dalser prima del matrimonio con Rachele, in Vincere[27] di Marco Bellocchio, unico film italiano in concorso al Festival di Cannes del 2009[28]. Il film e l’intensa interpretazione di Filippo Timi e Giovanna Mezzogiorno (nel ruolo dell’infelice, prima "moglie" del Duce, sedotta, poi ripudiata e infine fatta internare in manicomio) ottengono apprezzamenti anche all’estero[29].

Sempre nel 2009 è protagonista – nel ruolo di Guido – in coppia con Ksenia Rappoport, del thriller noir La doppia ora, che vede il regista Giuseppe Capotondi all’esordio cinematografico. Il film è presentato in concorso alla Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica di Venezia[30] e conferma Filippo Timi come uno degli attori emergenti più interessanti del cinema italiano. Nel 2010 partecipa con un piccolo ruolo al cast di The American (il cui protagonista è George Clooney), per la regia di Anton Corbijn[31]; nello stesso anno veste i panni di un inquietante clown nel film La solitudine dei numeri primi[32] di Saverio Costanzo, con il quale ha anche collaborato per la sceneggiatura[33].

A gennaio 2011 è di nuovo al cinema con Vallanzasca - Gli angeli del male[34], di Michele Placido, dove interpreta il controverso Enzo, amico d’infanzia del bandito milanese. L’uscita del film, presentato fuori concorso alla 67ª Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica di Venezia 2010, è stata preceduta da molte polemiche e da un acceso dibattito sulla legittimità artistica e morale di un’opera incentrata su un eroe negativo come il bel René[35].

Il 2011 si chiude con Filippo Timi interprete di numerosi film: Quando la notte, a fianco di Claudia Pandolfi e diretto da Cristina Comencini, in concorso alla 68ª Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica di Venezia 2011; Missione di pace[36], opera prima di Francesco Lagi, presentato, fuori concorso, alla Mostra di Venezia 2011, all’interno della rassegna Settimana internazionale della Critica; Ruggine[37], tratto dal romanzo di Stefano Massaron, per la regia di Daniele Gaglianone (presentato alla Mostra di Venezia 2011, nella sezione Giornate degli Autori); Piazza Garibaldi[38], documentario di Davide Ferrario (presentato alla Mostra di Venezia 2011, nella sezione Controcampo italiano)[39], dedicato al 150º anniversario dell'Unità d'Italia.

Sempre nel 2011 partecipa al set cinematografico di Asterix e Obelix al servizio di sua maestà, lungometraggio tratto dal celebre fumetto di René Goscinny e Albert Uderzo e diretto da Laurent Tirard. Partecipa poi all'opera prima di Matteo Pellegrini Italian Movies presentato al Festival Internazionale del Film di Roma 2012 (distribuito nelle sale soltanto nel luglio 2013), e interpreta la sua prima commedia brillante, con Fabio De Luigi e Claudia Gerini, Com'è bello far l'amore, per la regia di Fausto Brizzi[40].

Nel 2012 lavora anche in Francia, per il film Un château en Italie, presentato in concorso al Festival di Cannes 2013, diretto da Valeria Bruni Tedeschi dove interpreta Ludovic[41]; doppia il film L'era glaciale 4 - Continenti alla deriva nel ruolo del mammut Manny, e nel film Il cavaliere oscuro - Il ritorno presta la propria voce al violento antagonista Bane. Sempre nel 2012 Filippo Timi dà voce al personaggio Giasone nel film Rumors, scritto e diretto dalla videoartista italiana Marcella Vanzo. Ancora nel 2012, nel film Come il vento di Marco Simon Puccioni, è il marito di Armida Miserere, interpretata da Valeria Golino, una delle prime donne direttrici di carcere morta suicida.

Nel 2013 è protagonista del film I corpi estranei di Mirko Locatelli, nel ruolo di Antonio, padre di Pietro, un bambino malato.

Scrittura[modifica | modifica sorgente]

Nel 2006 esce il suo primo libro, Tuttalpiù muoio – scritto a quattro mani con Edoardo Albinati –, un romanzo di formazione parzialmente autobiografico (protagonista è il giovane Filo di Ponte San Giovanni, paese alle porte di Perugia) dal cui soggetto ha tratto e interpretato l’adattamento teatrale La vita bestia. L’inquieto, istrionico, tormentato protagonista del libro, le sue coraggiose sfide agli ostacoli della vita – che affronta con inesauribile e straripante capacità di amare, bruciando la paura della morte – contribuiscono a fare di questo esordio letterario un piccolo fenomeno di culto[42].

Nel 2007 pubblica il secondo libro, E lasciamole cadere queste stelle, una raccolta di profili al femminile, pensati e scritti dal punto di vista della «terra più distante»: sono gli stati d’animo delle donne che compongono l’intenso «femminario» di Timi. Attraverso i volti, i ritratti, le storie di caduta e rinascita delle «stelle» incontrate, conosciute o solo immaginate, l’autore ripensa il rapporto con la sofferenza e con l’amore, sentimento puro e assoluto che «non ci fa né maschi né femmine ma bambini», e «dipinge un inno poetico alla natura femmina»[43].

Al centro dei suoi racconti si erge dunque, in tutta la sua indecifrabile bellezza, il mistero della «donna-angelo, che si frantuma in una miriade di volti, di voci e di corpi che risultano… inconoscibili nella loro pienezza»[44], ma che riescono sempre a «luccicare di cielo», anche quando sembrano restare a terra per sempre, quando «perdono la vita che avevano comunque nel cuore». Del 2008 è il terzo libro, Peggio che diventare famoso, che segue la lavorazione del film Come Dio comanda[45].

L’esperienza del set cinematografico diretto dal regista Gabriele Salvatores, la sfida rappresentata dall'asprezza degli ambienti di posa (l’inverno in Friuli) e dall'immedesimazione in un personaggio complesso e profondo come quello di Rino Zena, sono il pretesto narrativo su cui si innestano riflessioni intorno all'idea di cinema, ma anche ricognizioni, dense di paradossale umorismo, e ritorni (ancora Filo e Perugia) nel mondo dell’adolescenza, sfondo ideale per descrivere, con marcata autoironia, l’impatto difficile e surreale con la celebrità e con il divismo[46].

Da sempre convinto  – come testimoniano i tanti excursus in perugino, comici e poetici, che caratterizzano anche i libri precedenti – della musicalità della lingua volgare, "dialettale", strumento prezioso di recupero dell’essenzialità e della purezza dei sentimenti e della crudezza della realtà[47], nel 2009 partecipa con sette brevi storie inedite a una pubblicazione collettanea di Racconti Perugini, a fianco di altri scrittori, suoi concittadini.

È in fase di lavorazione il nuovo romanzo. Nel corso del 2010 ne sono stati presentati due estratti in occasione di importanti festival letterari: Com’è amara a volte la dolcezza[48], recitato al Festival Internazionale Letterature di Roma, e Neve[49], proposto al pubblico di Officina Italia, appuntamento culturale milanese[13].

Nel 2011 il suo contributo Fra le bestie, l’uomo è la più feroce viene pubblicato nella raccolta Io manifesto per la libertà: 25 poster e 25 storie raccontano 50 anni di Amnesty International.

Nel 2012 scrive - assieme a Pupi Avati, Sergio Castellitto e Claudia Gerini - la presentazione del libro Pronto soccorso cinematografico per cuori infranti. 70 film per scoprire quanto il cinema faccia bene, anche all'amore di Castagna Manlio.

Nel 2013 l'editore Roses in the Air pubblica gli ebook in formato EPUB Il Don Giovanni, Favola e Amleto 2, testi degli omonimi spettacoli teatrali scritti, diretti e interpretati da Filippo Timi.

Da maggio 2007 fino a dicembre 2010 Filippo Timi firma la rubrica mensile La fiera del cinghiale per l’edizione italiana della rivista Rolling Stone; da gennaio 2011 la collaborazione prosegue con la rubrica Cielo! Mi manca, che dal marzo 2012 diventa Cattive Filo/sofie.

Regia[modifica | modifica sorgente]

Nel 1999, con la compagnia teatrale Bobby Kent & Margot, assieme a Federica Santoro, cura la regia di Medea e di F. di O., spettacolo ispirato alla figura di san Francesco, entrambi prodotti dalla compagnia teatrale di Giorgio Barberio Corsetti[50]. Nel 2000 gira il cortometraggio Atomique. Les trois portes, che presenta al Bellaria Film Festival[51].

Nel 2003 dirige e interpreta con Federica Santoro The age of consent[52], versione italiana del doppio monologo del commediografo americano Peter Morris. Nel 2004 è regista della videopoesia in volgare perugino, da lui scritta e interpretata, O mae si tu me vedesse 'l core[53].

Nel 2007 è regista dello sceneggiato radiofonico per RAI Radio 2, Mister Love non crede all'oroscopo[54]. Nel 2009 è alla regia dello spettacolo teatrale Il popolo non ha il pane? Diamogli le brioche, da lui scritto  – assieme a Stefania De Santis – e interpretato.

Nel 2011 scrive, dirige e interpreta Favola. C'era una volta una bambina, e dico c'era perché ora non c’è più e Giuliett'e Romeo. M'engolfi 'l core, amore.

Nel 2013 scrive, dirige - regista assistente Fabio Cherstich - e interpreta Il Don Giovanni: vivere è un abuso, mai un diritto.

Nel 2014 scrive, dirige e interpreta Skianto

Sceneggiature[modifica | modifica sorgente]

Con Tonino De Bernardi scrive la sceneggiatura di alcuni film: nel 2000 Rosatigre e Ofelia lontana; nel 2001 Fare la vita. Nel 2010 collabora con Saverio Costanzo alla sceneggiatura del film La solitudine dei numeri primi.[55]

Televisione[modifica | modifica sorgente]

Intervistato nel corso di varie trasmissioni televisive – MCS. Tutte le mattine, Parla con me, Stracult, Gargantua, Scalo 76, Le invasioni barbariche, L'era glaciale, TRL Italy, Siamo Stati Uniti, Very Victoria, Victor Victoria, Tatami, Cominciamo bene, Quelli che il calcio[13]... – nel 2010 partecipa all'episodio La qualità non basta della 3ª serie televisiva Boris (FX TV).

Nello stesso anno è ospite fisso della trasmissione in onda su La7 Crozza Alive , in cui dà vita ad alcuni personaggi interessanti e divertenti, tra i quali il travestito Mimouche e l'imitazione del Trota (Renzo Bossi, figlio di Umberto) nella parodia della saga della Padania Excalidür.

Nel 2012 interpreta il barista Massimo nella serie I delitti del BarLume, due film tv Sky tratti dai romanzi Il re dei giochi e La carta più alta, dello scrittore italiano Marco Malvaldi, diretto da Eugenio Cappuccio, in onda su Sky Italia nell'autunno del 2013.

A dicembre 2013, sempre per Sky Italia, è testimonial di Restart, una nuova funzione di My Sky[56].

A marzo del 2014 interpreta il monologo della campagna pubblicitaria italiana della Toyota dedicata alla sua produzione automobilistica ibrida[57].

Radio[modifica | modifica sorgente]

Nel 2007 è stato ospite del programma di RAI Radio 3 Fahrenheit[58] per presentare il libro E lasciamole cadere queste stelle, e nel 2009 per presentare Peggio che diventare famoso[59]. Nello stesso anno è stato autore e regista dello sceneggiato radiofonico, andato in onda su Rai Radio 2, Mister Love non crede all'oroscopo[60].

Nel 2009 ha condotto, assieme al giornalista e critico Dario Zonta, alcune puntate della trasmissione radio di RAI Radio 3 Hollywood Party[61]. Nel 2010 ha curato per il programma RAI Il Teatro di Radio 3 la "mise en espace" dello spettacolo Il popolo non ha il pane? Diamogli le brioche[62], preceduta dal commento del critico cinematografico e teatrale italiano Goffredo Fofi. Sempre per lo stesso programma, nel 2011 ha presentato la riduzione radiofonica dei primi due atti dello spettacolo Favola. C'era una volta una bambina, e dico c'era perché ora non c'è più[63].

Musica[modifica | modifica sorgente]

Nel 2000 collabora con il musicista Marco Marcuzzi (Marcus Jr) alla colonna sonora[64] del film Rosatigre di Tonino De Bernardi. Nel 2009 interpreta un medley con Fabrizio Bosso, registrato alla Casa del Jazz di Roma, e nel 2010 collabora al cd Parole Note[65], realizzato da Maurizio Rossato, con la lettura della poesia Por Osmar di Alejandro Jodorowsky.

Nel 2010 è testimonial dell'evento Demetrio Stratos, la voce e il sogno[66] presso l'Aula Magna dell'Università per Stranieri di Perugia, assieme al pianista e compositore Patrizio Fariselli del gruppo musicale italiano Area, al giornalista Luca Frazzi della rivista italiana Rumore e all'ideatore dell'evento Giuseppe Sterparelli dell'Alive Music Festival. Nel 2012 è stato giudice speciale della finale di MTV Spit, il programma sulla musica rap condotto da Marracash. Sempre nel 2012 partecipa anche al II volume del cd Parole Note, nuovo dialogo tra musica e poesia, ideatore ancora Maurizio Rossato (regista radiofonico di Radio Deejay), con la lettura del componimento di Cesare Pavese Verrà la morte e avrà i tuoi occhi.

Doppiaggio[modifica | modifica sorgente]

Nel 2012 esordisce come doppiatore in due film di enorme successo: ne L'era glaciale 4 - Continenti alla deriva dà voce al mammuth Manfred (sostituendo Leo Gullotta, voce del personaggio nei precedenti tre film); invece, ne Il cavaliere oscuro - Il ritorno, doppia il personaggio di Bane (interpretato da Tom Hardy), l'antagonista di Batman.

Letture e autori di riferimento[modifica | modifica sorgente]

Tra i riconoscimenti ricevuti da Filippo Timi fuori del mondo teatrale e cinematografico spicca quello assegnato nel 2010 dalla rivista Lo Straniero, diretta da Goffredo Fofi[51], proprio perché nell'indicarlo come «nome di punta del sistema culturale e spettacolare italiano» testimonia la profondità della proposta artistica dell’attore e autore perugino, oltre che la sua personale predilezione per la ricerca e l’approfondimento di carattere filosofico. Il premio annovera nell’Albo d’oro, tra gli altri, il regista Giorgio Diritti e il pensatore Giorgio Agamben.

E proprio del filosofo italiano, autore di Che cos'è il contemporaneo?[67], Filippo Timi è un lettore attento, essendo convinto assertore, secondo la lezione di Carmelo Bene, del connubio tra teatro e filosofia[68].

I suoi autori di riferimento sono principalmente Gilles Deleuze (specie nell'indagine estetica condotta sulla figura di Francis Bacon e sull'arte in Logica della sensazione[69]), Jean-Luc Nancy, Paul Virilio, Michel Foucault, Georges Bataille, Ludwig Wittgenstein, Jean Cocteau, Emmanuel Lévinas, Jacques Lacan[70] ma anche Pier Paolo Pasolini[71], Vladimir Vladimirovič Majakovskij, Demetrio Stratos (per la sperimentazione vocale).

Per la drammaturgia un punto di riferimento importante è il teatro integrale di Antonin Artaud, soprattutto nella rilettura fatta da Carmelo Bene che resta l'unico, riconosciuto, maestro: un «rivoluzionario dell’arte»[72].

Premi e riconoscimenti[modifica | modifica sorgente]

Nel 2000 ha ricevuto il 2º premio al Bellaria Film Festival[73] con il cortometraggio Atomique. Les trois portes da lui diretto e interpretato assieme a Tonino De Bernardi. Nel 2004 ha vinto il premio Ubu come miglior attore under 30[74] per le interpretazioni di alcuni tra i suoi primi importanti lavori teatrali, fra cui Metafisco cabaret. Nel 2005 ha ricevuto il Premio della Critica teatrale[75], promosso dall’ANCT (Associazione Nazionale Critici di Teatro), che «segnala gli artisti ... capaci di indicare una linea di originale rinnovamento nella vita teatrale del nostro Paese».

Nel 2007 ha ricevuto la menzione speciale come miglior attore protagonista all’Overlook International Short Film Festival – festival internazionale di cortometraggi, documentari e animazione  – e al Genova Film Festival[76] per il cortometraggio Homo homini lupus di Matteo Rovere. Sempre nel 2007 ha ricevuto il premio FICE (Federazione italiana cinema d’Essai)[77] come «miglior interprete d'essai dell'anno».

Nel 2008 ha ricevuto il premio Linea d'Ombra[78], assegnato dal Festival delle Culture giovani a «giovani attori che dimostrano di possedere talento e capacità, di saper orientare le proprie scelte in modo oculato, perseguendo un progetto artistico intelligente e coraggioso». Nel 2009 ha ricevuto il premio Francesco Pasinetti, assegnato dal Sindacato Nazionale Giornalisti Cinematografici Italiani (SNGCI), come miglior attore per la sua interpretazione nel film La doppia ora di Giuseppe Capotondi, e il premio Silver Hugo al 45th Chicago International Film Festival come miglior attore[79] per Vincere di Marco Bellocchio, la nomination come migliore attore protagonista[80] ai Nastri d’Argento per i film Vincere e Come Dio comanda di Gabriele Salvatores, e la nomination all'European Film Awards come miglior attore europeo[81] sempre per Vincere.

Ancora nel 2009 ha ricevuto il premio The Most Beautiful Hollywood face[82], nell'ambito dei Martini Premiere Award, riconoscimento destinato «all'attore italiano in grado di competere con le star di Hollywood», e il premio Kineo Diamanti al Cinema italiano[83] come miglior attore protagonista per il film Vincere. Nel 2010, sempre per Vincere ottiene la candidatura al David di Donatello nella categoria di miglior attore protagonista[84], e riceve il premio Golden Graal[85] come miglior attore drammatico di cinema per i film La doppia ora di Giuseppe Capotondi e Vincere di Marco Bellocchio.

Sempre nel 2010 ha ricevuto il premio Premio Hystrio – Teatro Festival Mantova come «personaggio spettacolare a tutto tondo»[86], e il premio Lo Straniero assegnato dall'omonima rivista diretta da Goffredo Fofi, come «nome di punta del sistema culturale e spettacolare italiano»[87]. Nel 2010 si aggiudica anche il premio cinematografico (correlato al concorso letterario) Giacomo Casanova-Cavaliere di Seingalt[88], titolo assegnato a un uomo che, come il celebre letterato seduttore veneziano del ’700, «per poliedricità, eccellente cultura, flessibile arte di vivere, rappresenti l’ideale di uomo elegante del nostro tempo, meritando la stima del mondo femminile».

La città di Perugia, sempre nel 2010, lo iscrive all’Albo d’Oro[89], onorificenza riservata ai cittadini che si sono distinti in vari settori culturali[90]. Ed è ancora la sua terra a rendergli omaggio, consegnandogli nel gennaio 2011 il primo Etrusco d’Oro 2010[91], assegnato dall'associazione perugina Pro Ponte a un «personaggio dell’Etruria che si è distinto in ambito nazionale», e a novembre dello stesso anno il Premio alla cultura[92] dell’Accademia del Dónca[93], poiché «ha saputo egregiamente declinare una sentita appartenenza alla peruginità nelle molteplici forme della comunicazione, della cultura, della letteratura e dello spettacolo».

Nel 2011 riceve, alla sua prima edizione, il Premium Cinema Talent[94], riconoscimento che il canale Cinema di Mediaset Premium ha deciso di assegnare a un attore o a una attrice che abbiano espresso particolare talento nel cinema, in teatro e in televisione, «per le particolari doti di eclettismo e poliedricità ampiamente dimostrate».

Nel 2014 una giuria presieduta dalla regista Catherine Corsini, composta dalle attrici Maria de Medeiros ed Elisa Lasowski, dalla sceneggiatrice Anne-Louise Trividic, dal regista Nadir Moknèche e dall'attore Bruno Todeschini, gli assegna a il Premio Jean Carmet come miglior Interprete per I corpi estranei al Festival Premiers Plans d'Angers[95].

Teatrografia[modifica | modifica sorgente]

[96]

Filmografia[modifica | modifica sorgente]

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Tuttalpiù muoio, Edoardo Albinati e Filippo Timi, Fandango, 2006, ISBN 978-88-6044-009-9 (nel 2008 in collana Fandango Tascabili, ISBN 978-88-6044-038-9)
  • E lasciamole cadere queste stelle, Filippo Timi, Fandango, 2007, ISBN 978-88-6044-024-2 (nel 2010 in collana Fandango Tascabili, ISBN 978-88-6044-103-4)
  • Peggio che diventare famoso, Filippo Timi, 2008, Garzanti, ISBN 978-88-11-67024-7 (nel 2011 in collana Elefanti bestseller, ISBN 978-88-11-69442-7)
  • Racconti Perugini, AA.VV, Midgard, 2009, ISBN 978-88-95708-56-0
  • Io manifesto per la libertà: 25 poster e 25 storie raccontano 50 anni di Amnesty International, AA.VV, Fandango, 2011, ISBN 978-88-6044-198-0
  • Pronto soccorso cinematografico per cuori infranti. 70 film per scoprire quanto il cinema faccia bene, anche all'amore, Castagna Manlio, Il Punto d'Incontro, 2012, ISBN 978-88-8093-877-4
  • Il Don Giovanni. Vivere è un abuso, mai un diritto, Filippo Timi, Roses in the Air, 2013, Ebook EPUB, ISBN 978-88-908501-0-3
  • Favola. C'era una volta una bambina, e dico c'era perché ora non c'è più, Filippo Timi, Roses in the Air, 2013, Ebook EPUB, ISBN 978-88-908501-1-0
  • Amleto 2. Il popolo non ha il pane? Diamogli le brioche, Filippo Timi, Roses in the Air, 2013, Ebook EPUB, ISBN 978-88-908501-2-7
  • Rolling Stone, edizione italiana, Quadratum, ISSN 1724-0166: da maggio 2007 a dicembre 2010 firma la rubrica mensile La fiera del cinghiale; da gennaio 2011 la collaborazione prosegue con la rubrica Cielo! Mi manca, che dal marzo 2012 diventa Cattive Filo/sofie

Progetto Filippo Timi[modifica | modifica sorgente]

Le Biblioteche comunali di Perugia da settembre 2009 hanno avviato il Progetto Filippo Timi, finalizzato alla costituzione – per motivi di studio e ricerca  – dell’archivio cartaceo e multimediale della produzione artistica e del background culturale dell’attore, scrittore e regista perugino[97].

Nel corso della giornata di presentazione[98] del Progetto al pubblico, il 24 luglio 2010, Filippo Timi ha recitato una riduzione in volgare perugino[99] della prima parte della poesia La nuvola in calzoni di Vladimir Vladimirovič Majakovskij.

Numerose informazioni e notizie contenute in questa voce sono state desunte e confermate dai documenti di questo archivio.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Un gioco tra essere e non essere: La vita bestia di Filippo Timi, tesi di laurea di Tiziana Cusmà, Università degli Studi di Roma "La Sapienza", Facoltà di Scienze Umanistiche, laurea triennale in Arti e Scienze dello Spettacolo, A.A. 2005/2006, pagg. 18, 177
  2. ^ L'Unità, 21 luglio 2001, pag. 23
  3. ^ L'Unità (ed. Roma), 28 agosto 2004, pag. V; Il Patalogo: annuario dello spettacolo: cinema, teatro, musica, televisione, Ubulibri, Il Formichiere, n. 28 (Teatro. Stagione 2004/2005), pag. 51
  4. ^ Enciclopedia del cinema, a cura di Gianni Canova, Garzanti, 2009, pagg. 1370-1371; L’Unità, 10 febbraio 2004, pag. V; Il Patalogo: annuario dello spettacolo: cinema, teatro, musica, televisione, Ubulibri, Il Formichiere, n. 29 (Teatro. Stagione 2005/2006), pag. 53
  5. ^ Il Patalogo: annuario dello spettacolo: cinema, teatro, musica, televisione, Ubulibri, Il Formichiere, n. 29 (Teatro. Stagione 2005/2006), pag. 45; L’Unità (ed. Roma), 15 novembre 2005, pag. V
  6. ^ Cfr. nota 1, pagg. 6-11
  7. ^ La Nazione (ed. Perugia), 31 marzo 2009, pag. 24; La Repubblica, 12 aprile 2009, pag. 17
  8. ^ Il Giornale, 28 novembre 2008, pagg. 65-67
  9. ^ Corriere della sera , 15 marzo 2011, pag. 59; La Repubblica, 19 marzo 2011, pag. XV; I Duellanti, aprile 2011
  10. ^ [1]
  11. ^ La Nazione (ed. Perugia), 18 giugno 2011, pagg. 30-31; Il Giornale dell’Umbria, 18 giugno 2011, pag. 28
  12. ^ [2] Scheda del film presente nel sito del TFF
  13. ^ a b c Archivio video Progetto Filippo Timi, Biblioteche comunali di Perugia
  14. ^ Enciclopedia del cinema nota 3 ; cfr
  15. ^ Dizionario dei registi del cinema mondiale, a cura di Gian Piero Brunetta, Einaudi, 2007, pagg. 451-452
  16. ^ http://www.cinemavvenire.it/nelle-sale/travestimento-spogliato/rosatigre
  17. ^ http://www.cinemavvenire.it/nelle-sale/e-rosatigre-batte-ancora-i-marciapiedi/farelavita
  18. ^ Enciclopedia del cinema, a cura di Gianni Canova, Garzanti, 2004, pag. 278; cfr. [3]
  19. ^ Il Giornale, 21 febbraio 2007, pag. 34
  20. ^ http://www.cinemavvenire.it/spaziocorto/corri/homo-homini-lupus
  21. ^ Il Giornale, 14 marzo 2007, pag. 36; Il Tempo, 25 marzo 2007, pag. 15
  22. ^ La Stampa, 22 giugno 2004, pag. 39; L’Unità, 1 dicembre 2007, pag. 21
  23. ^ Il Giornale, 22 aprile 2008, pag. 30; Famiglia cristiana, 27 aprile 2008, pagg. 79-81
  24. ^ Il venerdì di Repubblica, 28 novembre 2008, pagg. 65-67; Libero, 3 dicembre 2008, pag. 35
  25. ^ Conferenza stampa di presentazione del film, Roma, 11 dicembre 2008. Cfr. [4]
  26. ^ Vedi Scrittura
  27. ^ Cineforum. Speciale Vincere, Federazione Italiana Cineforum, n. 485, giugno 2009, pagg. 4-23
  28. ^ Le Monde, 21 maggio 2009, pag. 20; La Repubblica, 20 maggio 2009, pag. 46; Libero, 22 maggio 2009, pag. 36
  29. ^ Il Manifesto, 30 dicembre 2009, pag. 13; Il Giornale, 11 gennaio 2011, pag. 22
  30. ^ Il Tempo, 11 settembre 2009, pag. 30; La Stampa, 11 settembre 2009, pag. 41; Libero, 11 settembre 2009, pag. 36
  31. ^ La Nazione (ed. Perugia), 7 ottobre 2009, pag. 27
  32. ^ Il Giornale, 10 ottobre 2010, pag. 30; La Stampa, 10 ottobre 2010, pag. 36
  33. ^ Filippo Timi - IMDb
  34. ^ XL La Repubblica, dicembre 2010, pagg. 98-101
  35. ^ Vallanzasca, la polemica non ferma il set ma il Ministero nega i finanziamenti in Il Giorno, 12 gennaio 2010, pag. 15; Attenti al fiore del bel Renè. Senza pudore? in Il Riformista, 18 febbraio 2010; Il lato oscuro del bel Renè in Il Tempo, 3 marzo 2010, pag. 26; Vallanzasca? Un bandito. Ma non si fanno film solo su padre Pio in La Repubblica, 2 marzo 2010, pag. 59; Placido su Vallanzasca: non assolvo un criminale in Corriere della sera, 2 marzo 2010, pag. 45
  36. ^ Missione di pace - MYmovies
  37. ^ Film TV, n. 36, settembre 2011, pag. 28; La Stampa, 1 settembre 2011, pag. 37; cfr. [5]
  38. ^ Piazza Garibaldi - MYmovies
  39. ^ La Nazione (ed. Perugia), 29 luglio 2011, pagg. 30-31
  40. ^ Filippo Timi - IMDb
  41. ^ Un castello in Italia - MYmovies
  42. ^ La Stampa. Tuttolibri, 11 marzo 2006, pag. 4; La Repubblica, 11 marzo 2006, pag. 47
  43. ^ Quel temporale che sporca di natura i sentimenti. Riflessioni intorno a "E lasciamole cadere queste stelle", di Paolo Castellani, cfr. [6]
  44. ^ L' enigma delle donne: volti, voci e corpi di mondi sconosciuti
  45. ^ Cinema
  46. ^ Il venerdì di Repubblica, 28 novembre 2008, pag. 65
  47. ^ «Il perugino scivola via bene, è lingua diretta, che coglie l’essenza, senza retorica. A teatro, affrontando Shakespeare, mi sono reso conto che le traduzioni in italiano sono alte, togate, mettono quasi in difficoltà. Invece in perugino, come in napoletano, in friulano, acquistano forza, carne, vivezza. [...] Il dialetto è un valore aggiunto» in Filippo Timi, show a ruota libera. Travolgente successo alla presentazione di "Racconti perugini" in La Nazione (ed. Perugia), 9 dicembre 2009, pag. 23
  48. ^ Pubblicato in anteprima da Il Giornale, 20 maggio 2010, pag. 28
  49. ^ Pubblicato in anteprima da L’Unità, 6 maggio 2010, pagg. 36-37
  50. ^ Cfr. nota 1, pag. 179
  51. ^ a b Premi e riconoscimenti
  52. ^ Gli impazienti inglesi
  53. ^ Video: RAI3, Sede regionale Umbria, TGR Il Settimanale, Suoni e voci dall’Umbria, 11 novembre 2006; Video: Letture e azioni da Tuttalpiù muoio, reading di Edoardo Albinati e Filippo Timi del libro Tuttalpiù muoio, Roma, Villa Poniatowski, 4 maggio 2006
  54. ^ Radio
  55. ^ [7]; cfr. [8]
  56. ^ [9] spot di Restart di My Sky
  57. ^ http://www.pubblicitaitalia.it/video/2014032023881/creativity/testimonial/toyota-on-air-con-filippo-timi-e-saatchisaatchi
  58. ^ Radio tre - Fahrenheit
  59. ^ Radio tre - Fahrenheit
  60. ^ Radio Due
  61. ^ Archivio mp3 Progetto Filippo Timi, Biblioteche comunali di Perugia
  62. ^ http://www.radio3.rai.it/dl/radio3/programmi/puntata/ContentItem-8bdc673a-affe-4f62-b5e1-e497befd72a4.html
  63. ^ [10]
  64. ^ Filippo Timi - IMDb
  65. ^ Poesia. Mensile internazionale di cultura poetica, Fondazione Poesia, Crocetti, maggio 2010
  66. ^ La Nazione (ed. Perugia), 19 aprile 2010, pagg. 24-25; Il Giornale dell'Umbria, 20 aprile 2010, pag. 33
  67. ^ Che cos'è il contemporaneo, Giorgio Agamben, Nottetempo, 2008
  68. ^ Ridere e ammettere tutta la meravigliosa miseria che siamo, in Liberazione, 10 marzo 2010, pag. 9
  69. ^ Logica della sensazione, Gilles Deleuze, Quodlibet, 2008
  70. ^ Hystrio: trimestrale di teatro e spettacolo, Histryo-Associazione per la diffusione della Cultura Teatrale, 3/2011, pagg. 12-14
  71. ^ Il 2 novembre 2010, nell'ambito della Piccola Rassegna Pasolini, organizzata dal teatro Franco Parenti di Milano in occasione del 35º anniversario della morte del poeta, Filippo Timi ha dato vita a una lettura recitata delle Lettere a Silvana
  72. ^ Come rivivere cento e un Amleto, in Alias. Il Manifesto, 12 giugno 2010
  73. ^ [11]; cfr. Tuttalpiù muoio, Edoardo Albinati e Filippo Timi, Fandango, 2006, pagg. 342-343
  74. ^ Ubulibri - index
  75. ^ http://www.ubulibri.it/pagine/premio_teatr10_premiati.pdf
  76. ^ Festival e premi: Homo Homini Lupus (2006) - CinemaItaliano.info
  77. ^ [12]
  78. ^ Linea d'Ombra. Festival Culture Giovani
  79. ^ Chicago International Film Festival - 2009 — 45th Chicago International Film Festival
  80. ^ Nastro d'argento al migliore attore protagonista#Anni 2000-2009
  81. ^ European Film Awards per il miglior attore
  82. ^ La Repubblica, 6 ottobre 2009, pag. 64
  83. ^ [13]
  84. ^ David di Donatello per il miglior attore protagonista
  85. ^ Premi: Golden Graal 2010 - CinemaItaliano.info
  86. ^ Edizione del 2010, premiohystrio.org. URL consultato il 12 settembre 2014.
  87. ^ Premio 2010 - Santarcangelo di Romagna (RN)
  88. ^ Premio Casanova - Cavaliere di Seingalt
  89. ^ Albo d'oro del comune di Perugia, comune.perugia.it. URL consultato il 12 settembre 2014.
  90. ^ La Nazione (ed. Perugia), 19 giugno 2010, pagg. 8-9; Corriere dell’Umbria, 8 giugno 2010, pag. 16
  91. ^ La Nazione (ed. Perugia), 2 gennaio 2011, pag. 1
  92. ^ La Nazione (ed. Perugia), 8 novembre 2011, pag. 37
  93. ^ [14]
  94. ^ La Nazione (ed. Perugia), 9 settembre 2011, pag. 20; cfr. video
  95. ^ http://www.premiersplans.org/festival/documents/2014-palmares.pdf
  96. ^ Il Patalogo: annuario dello spettacolo: cinema, teatro, musica, televisione, Ubulibri, Il Formichiere, aa 1996-2009
  97. ^ La Nazione (ed. Perugia), 24 giugno 2010, pag. 29; Corriere dell'Umbria, 24 giugno 2010, pag. 13
  98. ^ Foto [15]; video [16]
  99. ^ Cfr. nota 46

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 21900245 LCCN: no2006079278