Epic - Il mondo segreto

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Epic - Il mondo segreto
Epic film.png
Il logo del film tratto dal trailer.
Titolo originale Epic
Paese di produzione Stati Uniti
Anno 2013
Durata 102 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere animazione, avventura, commedia
Regia Chris Wedge
Soggetto William Joyce
Sceneggiatura Dan Shere
Produttore Lori Forte, Jerry Davis
Casa di produzione Blue Sky Studios
Distribuzione (Italia) 20th Century Fox
Musiche Danny Elfman
Doppiatori originali
Doppiatori italiani

Epic - Il mondo segreto (Epic) è un film d'animazione in 3D del 2013 diretto da Chris Wedge, basato sul libro per bambini The Leaf Men and the Brave Good Bugs di William Joyce.

Trama[modifica | modifica sorgente]

In seguito alla morte della madre, Mary Katherine (a.k.a. M.K.), una ragazza diciassettenne si trasferisce nella casa del suo eccentrico padre, il Professor Bomba, che le espone la sua teoria secondo il quale la natura altro non sarebbe che un micro-cosmo abitato da minuscoli esseri (che non possiamo vedere perché vivono in maniera accelerata), M.K. però accoglie con scetticismo questa teoria e desidera che il padre cessi le sue ricerche. Entrambi ignorano che vicino a loro vivono effettivamente minuscoli soldati chiamati Leafman, che proteggono la foresta in cui si trova la casa del Professor Bomba da creature malvagie chiamate Boggan, armate con frecce che possono uccidere ogni cosa vivente e il cui comandante, Mandrake, progetta di distruggere la foresta. Un giovane soldato indipendente, Nod, decide di andarsene, facendo adirare il concreto comandante dei Leafmen, Ronin, che vuole che Nod impari il lavoro di squadra.

La regina della foresta, Tara, consapevole dell'apparente attrazione di Ronin per lei decide di scegliere un'erede al trono e si reca a un campo di boccioli di foglie sorvegliato da Mub e Grub, due lumache, la prima disinvolta e la seconda estremamente conscia di se. La Regina Tara sceglie il baccello più piccolo come erede, ma subito dopo i Boggan attaccano. Tara scappa con il baccello e sebbene le sue guardie del corpo facciano del loro meglio per proteggerla sono sopraffatte dai numerosi Boggan. La Regina Tara usa la sua magia per rallentare gli inseguitori e viene salvata da una bambina fiore che la adora e la aiuta nella fuga. Infine sono raggiunti da Ronin che raccoglie la Regina Tara sul suo colibrì. La coppia viene attaccata da Mandrake e suo figlio Dagda, generale dei Boggan. Ronin uccide Dagda, ma Tara viene colpita da Mandrake e precipita nella foresta dalla cavalcatura di Ronin.

Nel frattempo M.K. stufa dell'eccentricità di suo padre decide di andarsene via lasciando una nota su un monitor di sorveglianza. Prima di poter attuare il suo proposito si vede costretta ad inseguire nel bosco Osie, l'anziano carlino di Bomba con solo tre gambe e un occhio. Mentre sta cercando Osie, M.K. vede Tara cadere. La Regina morente da il bocciolo a M.K. e usa la sua magia per rimpicciolirla e prima di morire le dice di portare il baccello a una lucciola chiamata Nim Galuu. Una confusa e terrorizzata M.K. si unisce a Ronin e i suoi Leafmen, incontrando anche Mub e Grub che hanno il compito di mantenere in vita il baccello. Ronin scopre che Nod gareggia con altre creature e insetti in groppa a degli uccelli. Nod tradisce la parola data al brutale rospo Bufo, ma prima che questi e i suoi scagnozzi bombaci dispari e mosche scorpione possano ucciderlo Ronin interviene e lo salva. Dopo aver saputo della morte della Regina Tara, Nod si unisce con riluttanza al gruppo.

Il gruppo infine trova Nim Galuu, un teatrante e custode di pergamene magiche che raccontano il passato più o meno remoto, conservate all'interno di un grande albero. Dopo aver saputo della morte della Regina Tara, conduce il gruppo alle pergamene, dove M.K. scopre il breve messaggio lasciatole da Tara prima di rimpiccolirla con le istruzioni per essere riportata alle sue dimensioni normali. Durante un'assenza di Ronin, Nod porta M.K. a cavalcare un cerbiatto e tra i due nasce del tenero. Nel frattempo Bufo, che ha sentito una conversazione tra Nod e Ronin, rivela a Mandrake dove si trova il bocciolo e questi arriva e porta via il baccello, rapendo anche Mub e Grub per mantenerlo umido e in vita. Il suo malefico scopo è di farlo schiudere al buio in modo che la foresta sia distrutta per sempre. Per penetrare non visti nel territorio dei Boggan nel tentativo di recuperare il baccello, M.K., Nod e Ronin si recano alla casa di Bomba per procurarsi dei travestimenti. Qui M.K. scopre che suo padre è quello che i Leafman chiamano "calpestatore" e che questi hanno ostacolato le ricerche di Bomba. Dopo che sono riusciti a ottenere i travestimenti, Osie (nel frattempo tornato alla casa di Bomba) vede M.K. e la insegue attirando l'attenzione di Bomba. Questi vede il gruppo e cattura M.K., ma sviene dopo averla vista. Prima di andarsene M.K. segna la posizione del territorio dei Leafmen su una delle mappe di Bomba, con uno spillone rosso.

Una volta raggiunto il territorio dei Boggan, una devastazione di alberi morti e putrefazione, Ronin distrae i Boggan, mentre M.K. e Nod salvano Mub, Grub e il baccello. Vengono però scoperti da Mandrake che richiama i Boggan per fermarli. Ronin si sacrifica per permettere la fuga di M.K., Nod, Mub e Grub che riescono a fuggire. Portano il baccello alla casa madre della Regina Tara, ma i pipistrelli di Mandrake bloccano con la loro presenza la luce della luna piena così che non possa sbocciare nella luce e salvare la Foresta dalla decomposizione. Mentre i Leafmen si radunano per attaccare i Boggan, M.K. parte alla ricerca di suo padre per ottenerne l'aiuto, ma questi dopo aver ripreso conoscenza ha rinunciato alle sue ricerche per cercare la figlia e ha spento tutte le sue telecamere, credendo di non aver visto realmente M.K. e che tutti i suoi anni di ricerche l'abbiano fatto impazzire. Cambia però idea quando vede lo spillo sulla mappa.

Dopo aver trovato M.K., Bomba è sopraffatto dalla gioia allo scoprire di aver avuto ragione e dopo esser stato persuaso a seguirla fino a Moonhaven usa il suo iPod per imitare il suono dei pipistrelli e farsi seguire da loro. A questo punto ricompare Ronin segnato dal combattimento nel territorio dei Boggan, ma vivo. Mandrake riesce a sopraffarlo, ma Ronin viene difeso da Nod, che finalmente capisce l'importanza del lavoro di squadra. Prima che Mandrake possa ottenere la sua vittoria la luce della luna illumina il baccello durante il suo sbocciare e Mandrake viene risucchiato in un albero. Anche la foresta viene guarita della maggior parte del danno sofferto a causa dei Boggan. L'erede prescelto è la bambina fiore che aveva aiutato la Regina Tara nella fuga da Mandrake e che sognava di divenire una regina. Grub diventa un Leafman, Nod e Ronin si riconciliano.

Nod e M.K. si baciano prima che questi venga riportata alle sue dimensioni consuete dalla nuova regina. Dopo essersi riunita col padre e esserne diventata l'assistente, la nuova famiglia mantiene contatti regolari con i suoi piccoli amici, mentre continuano le ricerche sul mondo nascosto vicino alla loro casa.

Personaggi[modifica | modifica sorgente]

  • Mary Katherine (ma lei preferisce "M.K."): è una diciassettenne brillante, arguta e testarda che si trova catapultata nel viaggio di tutta una vita. Una volta tornata alla casa della sua infanzia per riallacciare i contatti con il padre che conosce appena, MK diventa insofferente per le infinite storie sul "popolo minuscolo" che vive nei boschi, di cui le racconta il padre. Ma quando viene magicamente trasportata nel mondo dei Leafmen, MK acquista una nuova prospettiva. Per poter ritrovare la strada di casa, la ragazza dovrà fare molto di più che credere nell'esistenza di questo mondo: dovrà contribuire a salvarlo. Durante questa esperienza, MK dimostrerà di essere in fondo una persona dolce e altruista. Con Amanda Seyfried nel ruolo di MK, l'eroina di EPIC si dimostra brillante e coraggiosa mentre impara a conoscere il suo mondo e il posto che lei vi occupa.
  • la Regina Tara: non è solo la sovrana dei Leafmen: è la forza vitale della foresta, che lei presidia con rispetto, compassione e umorismo. Quando la Regina Tara si trova in pericolo, il legame unico che ha con la natura le assicura alcuni alleati potenti. E, quando tutto sembra ormai perso, Tara trova aiuto nel luogo più sorprendente in assoluto. Beyoncé Knowles interpreta in modo regale il personaggio della sovrana che lotta per proteggere il suo regno e il suo popolo.
  • Ronin: con il volto risoluto e indurito dalle battaglie, è il leader dei Leafmen, il corpo speciale di guerrieri votati alla tutela di tutte le forme di vita nella foresta. Il suo motto è: "molte foglie, un solo albero" e non ci penserebbe due volte a mettere in gioco la vita per qualcuno a cui tiene, nonostante si dimostri severo con le reclute. Quando la foresta e la Regina (di cui è segretamente innamorato) si trovano assediati, Ronin incita all'azione i Leafmen con coraggio e umorismo caustico. Colin Farrell dà vita al guerriero che è il Generale Ronin.
  • Nod: infrange le regole ed è un solitario. Ma il suo sfrontato individualismo non si sposa con gli ideali di unità e lavoro di squadra dei Leafmen. Quando un'adolescente entra nel suo mondo – e la posta in gioco si fa alta – Nod scopre cosa vuol dire essere un vero eroe. Con Josh Hutcherson nel ruolo di Nod, questo ribelle trova la motivazione e la forza che non sapeva di voler trovare.
  • Mub e Grub: Mub si trova nella parte bassa della catena evolutiva alimentare ma ha una forte autostima ed è convinto di piacere al gentil sesso, mentre Grub è un aspirante Uomo foglia. I due sono i custodi del bozzolo che diventerà il prossimo Re o Regina della foresta. Sebbene questo duo lumaca-chiocciola sia brillante e letteralmente senza spina dorsale, entrambi dimostrano di avere coraggio quando si uniscono alla battaglia per salvare il loro mondo. Aziz Ansari caratterizza Mub con uno stile spavaldo. Chris O'Dowd nel ruolo di Grub è fonte di risate e artefice di eroismi inutili.
  • Bomba: è un professore poco convenzionale e con la testa fra le nuvole che, nel tempo, si è allontanato dalla figlia MK, ora adolescente. Bomba vive nella foresta, in una casa decrepita, circondato da oggetti bizzarri che si è fatto da sé. Ha dedicato la vita – qualcuno la chiamerebbe una vera e propria ossessione – a studiare una civiltà di persone minuscole che non ha mai visto. Quando MK scompare, il professore esamina al microscopio i suoi sogni e scopre ciò di cui è sempre andato in cerca. Jason Sudeikis, che è una presenza fissa del Saturday Night Live, caratterizza il personaggio di Bomba con un umorismo maldestro bilanciato dall'entusiasmo e dall'intelligenza
  • Nim Galuu: è un consumato festaiolo. Ma non fatevi ingannare da questo bruco dai modi esagerati: la sua saggezza e il senso pratico lo rendono un personaggio chiave dietro le quinte della battaglia epica per salvare la foresta. Steven Tyler nel ruolo di Nim dà prova del suo acuto umorismo in tutte le situazioni.
  • Bufo: è un duro. È un rospo che ha in pugno il business delle scommesse e altre losche attività nella foresta. Tende a stare con il piede in due staffe ma, nel pieno della battaglia, non c'è nessun altro che i Leafmen vorrebbero avere al loro fianco. Con Pitbull nel ruolo di Bufo, il duro si schiera e combatte per ciò che è giusto.

Antagonisti

  • Mandrake: ha il dono o la disgrazia di distruggere qualunque cosa tocchi. Lui e i suoi scagnozzi Boggan sono gli arci-nemici dei Leafmen. Mandrake è stufo di nascondersi nell'ombra e, insieme al figlio, programma la vendetta finale – impossessarsi della foresta che, secondo lui, avrebbe dovuto da sempre essere sua. È un re (solo del suo popolo) sadico, arrogante, crudele e cinico. L'unico a cui sembra tenere davvero è suo figlio Dagda. Il vincitore di due Oscar Christoph Waltz conferisce al personaggio di Mandrake un piglio drammatico e sinistro e uno spirito sferzante, dando profondità al ruolo del malvagio Boggan.
  • Dagda: è il maligno e patetico figlio di Mandrake. L'unico scopo e divertimento nella sua vita è rendere felice il padre, che stima molto e a cui è molto legato. Contrariamente al padre, però, Dagda è molto imbranato e stupido. Viene ucciso da Ronin durante l'invasione dei Boggani durante la cerimonia per la scelta del baccello.

Distribuzione[modifica | modifica sorgente]

Il primo trailer originale del film è stato distribuito il 25 giugno 2012,[1] per essere poi seguito da quello italiano il 28 gennaio 2013.[2]

Il film verrà distribuito nelle sale cinematografiche statunitensi il 24 maggio 2013, mentre il quelle italiane il 23 maggio.

Curiosità[modifica | modifica sorgente]

La trama del film ha uno spunto iniziale molto simile a Arthur e il popolo dei Minimei e Ant Bully, ovvero "l'umano" che viene catapultato in un mondo popolato di personaggi minuscoli. Tuttavia la storia è nettamente diversa da queste due opere e la "riduzione di scala" ha anche un effetto sul tempo, spunto decisamente originale e che ha un ruolo importante nello svolgersi degli eventi.

Critica e Incassi[modifica | modifica sorgente]

Sebbene il film avesse ottenuto un voto abbastanza positivo, con un voto di 5,9/10, esso ha però incassato soltanto 268,426,634 di dollari, diventando il secondo minore incasso della Blue Sky Animation. Questo primato appartiene a Robots, inferiore di pochi milioni di dollari.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Il mondo segreto di Moonhaven - Epic: primo trailer dal nuovo cartoon Fox, cineblog.it, 26 giugno 2012. URL consultato il 3 giugno 2014.
  2. ^ Epic – Il nuovo trailer italiano del nuovo cartoon dei Blue Sky Studios, blog.screenweek.it, 28 gennaio 2013. URL consultato il 3 giugno 2014.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]