Gran Premio d'Australia 2014

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Australia Gran Premio d'Australia 2014
898º GP del Mondiale di Formula 1
Gara 1 di 19 del Campionato 2014
Albert Lake Park Street Circuit in Melbourne, Australia.svg
Data 16 marzo 2014
Nome ufficiale LXXIX Rolex Australian Grand Prix
Circuito Circuito Albert Park
Percorso 5,303 km / 3,295 US mi
Circuito stradale cittadino
Distanza 57[1] giri, 302,271 km/ 187,822 US mi
Risultati
Pole position Giro più veloce
Regno Unito Lewis Hamilton Germania Nico Rosberg
Mercedes in 1'44"231 Mercedes in 1'32"478
(nel giro 19)
Podio
1. Germania Nico Rosberg
Mercedes
2. Danimarca Kevin Magnussen
McLaren-Mercedes
3. Regno Unito Jenson Button
McLaren-Mercedes

Il Gran Premio d'Australia 2014 è stata la prima prova della stagione 2014 del campionato mondiale di Formula 1. La gara, svoltasi domenica 16 marzo 2014 sul circuito di Albert Park a Melbourne, è stata vinta dal tedesco Nico Rosberg su Mercedes, al quarto successo nel mondiale; Rosberg ha preceduto sul traguardo l'esordiente danese Kevin Magnussen, al primo podio in Formula 1, e il britannico Jenson Button, entrambi su McLaren-Mercedes.

Daniel Ricciardo su Red Bull Racing-Renault, giunto al traguardo in seconda posizione, è stato squalificato dopo la gara per irregolarità tecniche relative al flusso del carburante.[2]

Vigilia[modifica | modifica wikitesto]

Aspetti tecnici[modifica | modifica wikitesto]

La maggiore innovazione tecnica è l'ingresso di una nuova formula per i motori, con il ritorno del turbocompressore, per la prima volta dal 1988. I nuovi motori sono dei 1,6 litri V6 con un cambio semi automatico a otto rapporti. Le norme impongono l'uso di un motore con bancata a novanta gradi, con asse dell'albero a gomiti fisso e punti di montaggio per il telaio, mentre i motori saranno limitati a 15 000 giri al minuto. I motori dovranno durare almeno 4 000 km contro i 2 000 previsti per i motori usati fino al mondiale 2013.[3]

Il Kinetic Energy Recovery System (noto dal 2009 al 2013 come KERS, e dal 2014 rinominato ERS-K)[4] viene incorporato nel motore ed il suo utilizzo verrà incrementato; la sua funzione di fonte di energia supplementare sarà presa dall'introduzione dell'unità di recupero del calore Energy Recovery System (ERS).[5][6] L'unità ERS cattura il calore di scarto dissipato dal turbocompressore nei gas di scarico, utilizzando un apparecchio elettrico noto come Heat Motor Generator Unit. Questo calore viene incamerato come carica elettrica fino a quando non è utilizzato da un sistema complementare chiamato Kinetic Motor Generator Unit. Questo dispositivo è collegato direttamente alla trasmissione per fornire la potenza supplementare nel modo più diretto ed efficace.[6][7] In combinazione con l'ERS-K darà ai piloti una potenza supplementare di 120 kW per 33 secondi a giro, comparati al KERS in uso prima del 2014, che dava una potenza supplementare di 60 kW per sei secondi a giro.[3]

Le squadre dovranno utilizzare dispositivi elettronici per la gestione della frenata delle ruote posteriori, visto che la maggiore potenza delle unità ERS-K, renderà la regolazione della forza frenante molto più difficile di quanto accadeva precedentemente.[4]

I regolamenti 2014 richiedono l'uso di musetti più bassi rispetto agli anni precedenti, ai fini della sicurezza. La punta del muso dovrà essere alta non più di 185 millimetri dal suolo,[8] in confronto ai 550 mm consentiti nella stagione 2012.[9][10]

In merito alla fornitura di motori c'è da segnalare l'uscita dal campionato della Cosworth: l'unico team che nel 2013 si riforniva dalla casa britannica, la Marussia, passa al sostegno della Ferrari.[11]

La Scuderia Toro Rosso passa invece alla fornitura di motori dalla Renault, ponendo fine ad un settennato di collaborazione proprio con la Ferrari.[12] Nel giugno 2013 Frank Williams ha annunciato che, dal 2014, la sua scuderia utilizzerà motori forniti dalla Mercedes. L'accordo prevede anche la fornitura della tecnologia ERS, nuovo sistema per il recupero dell'energia che sostituisce il KERS.[13]

Per questa gara la Pirelli, che rimane l'unica fornitrice di gomme per il campionato, decide di portare gomme a mescola media e morbida.[14] La FIA ha mantenuto le due zone in cui si potrà attivare il DRS: il rettilineo d'arrivo e quello posto fra la curva Jones e la Whiteford. Il punto per la determinazione del distacco fra piloti viene posto alla curva Stewart.[15]

Aspetti sportivi[modifica | modifica wikitesto]

All'indomani del Gran Premio d'Italia 2013 Felipe Massa ha annunciato che, dal 2014, non sarà più un pilota della Scuderia Ferrari. Massa passa a correre per la Williams.[16] Il giorno seguente, l'11 settembre 2013, la Ferrari ufficializza il ritorno di Kimi Räikkönen, quale pilota titolare per il 2014, a fianco di Fernando Alonso. Il finlandese, che nelle ultime due stagioni ha corso per la Lotus, ha già guidato una vettura Ferrari tra il 2007 e il 2009, vincendo il titolo nel 2007.[17] A chiudere il triangolo tra Ferrari, Lotus e Williams, per prendere il posto di Räikkönen, la Lotus ingaggia il pilota venezuelano Pastor Maldonado, in uscita dalla Williams.[18]

Nico Hülkenberg, dopo una stagione alla Sauber, ritorna alla Force India, in cui aveva già militato nel 2011 e 2012.[19]

La Sauber ha ingaggiato Adrian Sutil.[20] mentre la Caterham invece nomina piloti titolari il giapponese Kamui Kobayashi (per lui 60 Gran Premi tra il 2009 e il 2012 con 125 punti e un podio) e lo svedese Marcus Ericsson, all'esordio nella categoria. Ericsson, che ha vinto la Formula 3 giapponese 2009, è giunto sesto nella GP2 Series 2013. L'ultimo pilota svedese a competere in un Gran Premio di F1 fu Stefan Johansson nel Gran Premio del Canada 1991.[21]

Mark Webber lascia la Formula 1 dopo dodici stagioni, le ultime sette alla guida di una Red Bull. Parteciperà al Campionato del Mondo Endurance FIA con la squadra Porsche di nuova costituzione, LMP1.[22] Viene sostituito da un altro australiano, Daniel Ricciardo, che lascia la Scuderia Toro Rosso, team satellite di quello anglo-austriaco.[23]

La STR, dal proprio canto, ha scelto il campione della GP3 Series del 2013, Daniil Kvjat, come sostituto di Ricciardo.[24] Il russo ha vinto diversi campionati europei per auto a ruote scoperte, compresi l'Eurocup Formula Renault 2.0, Formula Renault 2.0 Alps e la F3 europea.

Il pilota messicano Sergio Pérez lascia la McLaren dopo una sola stagione.[25] Al suo posto la scuderia britannica ingaggia il pilota danese Kevin Magnussen, figlio dell'ex pilota Jan, e che nel 2013 ha vinto la F. Renault 3.5.[26] Pérez trova un ingaggio alla Force India.[27]

In merito al regolamento sportivo la principale innovazione è la scelta, affidata a ogni pilota, di scegliere il proprio numero dal 2 al 99, che dovrà essere utilizzato per tutta la carriera in F1. L'1 è riservato al campione in carica, che può optare però per un altro numero.[28] Sebastian Vettel, campione del mondo in carica, ha deciso di mantenere il numero 1.

Gli altri piloti hanno scelto numeri per lo più compresi tra il 3 di Daniel Ricciardo e il 25 di Jean-Éric Vergne, ovvero numeri utilizzati fino al 2012, quando erano presenti 12 scuderie, e i numeri erano fissati per ciascun team. Le eccezioni sono il 13 scelto da Pastor Maldonado (scelto molto raramente in passato, l'ultima occasione nel Gran Premio di Gran Bretagna 1976 da Divina Galica, che non vi si qualificò), il 27 scelto da Nico Hülkenberg (ultimo utilizzo da parte di Jean Alesi nel Gran Premio d'Australia 1995), il 44 da Lewis Hamilton (ultima apparizione nel Gran Premio di Gran Bretagna 1977 con Tony Trimmer), il 77 da Valtteri Bottas (che manca dal Gran Premio di Germania 1976 con Rolf Stommelen), e il 99 di Adrian Sutil (utilizzato solo nel corso delle edizioni della 500 Miglia di Indianapolis valide per il mondiale).

Per questa gara la FIA nomina Emanuele Pirro quale commissario aggiunto. Pirro ha già svolto in passato tale funzione, l'ultima nel Gran Premio del Giappone 2013.[29]

Prove[modifica | modifica wikitesto]

Resoconto[modifica | modifica wikitesto]

Nella prima sessione del venerdì il tempo migliore è fatto segnare da Fernando Alonso della Ferrari. Lo spagnolo, unico pilota sotto il tempo di 1'32", ha preceduto Jenson Button su McLaren e Valtteri Bottas della Williams. La Red Bull, campione del mondo costruttori in carica, in crisi durante i test invernali, piazza Daniel Ricciardo al quinto posto e Sebastian Vettel al settimo. Sulla vettura del campione del mondo però i lavori sono proseguiti a lungo tanto che ha potuto effettuare solo dieci giri.

Non hanno effettuato nemmeno un giro cronometrato Lewis Hamilton (bloccato subito da un problema di pressione), le due Lotus e le due Caterham.[30]

Nella sessione pomeridiana la classifica ha visto prevalere le due Mercedes di Hamilton e Nico Rosberg. Il britannico ha preceduto il compagno di scuderia per 157 millesimi, utilizzando le gomme più morbide. La scuderia tedesca ha comunque dimostrato concorrenzialità anche sul passo di gara. Al terzo posto di è classificato Alonso, seguito da Sebastian Vettel. Non hanno effettuato nuovamente giri cronometrati le due Caterham, così come il pilota della Lotus Pastor Maldonado.[31]

Anche nella sessione del sabato il più rapido è stato un pilota della Mercedes, Nico Rosberg. Il tedesco ha preceduto Jenson Button di sei decimi e Fernando Alonso di sette: Rosberg ha ottenuto il tempo usando gomme medie, al contrario degli alitri due piloti che l'hanno ottenuto con gomme morbide. La sessione è stata influenzata da un forte vento che non ha permesso di far calare i tempi in maniera significativa rispetto al venerdì. In questa sessione non hanno ottenuto tempi Bottas, Grosjean e Gutiérrez. La Lotus ha rotto la regola che impone il coprifuoco al lavoro dei meccanici, tra le notti di venerdì e sabato, per sistemare la sua monoposto.[32]

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Nella prima sessione del venerdì[33] si è avuta questa situazione:

Pos Pilota Costruttore Tempo Gap Giri
1 14 Spagna Fernando Alonso Italia Ferrari 1'31"840 20
2 22 Regno Unito Jenson Button Regno Unito McLaren-Mercedes 1'32"357 +0"517 23
3 77 Finlandia Valtteri Bottas Regno Unito Williams-Mercedes 1'32"403 +0"563 27

Nella seconda sessione del venerdì[34] si è avuta questa situazione:

Pos Pilota Costruttore Tempo Gap Giri
1 44 Regno Unito Lewis Hamilton Germania Mercedes 1'29"625 37
2 6 Germania Nico Rosberg Germania Mercedes 1'29"782 +0"157 31
3 14 Spagna Fernando Alonso Italia Ferrari 1'30"132 +0"507 28

Nella sessione del sabato[35] si è avuta questa situazione:

Pos Pilota Costruttore Tempo Gap Giri
1 6 Germania Nico Rosberg Germania Mercedes 1'29"375 15
2 22 Regno Unito Jenson Button Regno Unito McLaren-Mercedes 1'30"766 +1"391 20
3 14 Spagna Fernando Alonso Italia Ferrari 1'30"876 +1"501 11

Qualifiche[modifica | modifica wikitesto]

Resoconto[modifica | modifica wikitesto]

Nella prima fase delle qualifiche il miglior tempo è di Daniel Ricciardo su Red Bull: il pilota di casa precede Kevin Magnussen e Felipe Massa. Rimangono esclusi i piloti della Marussia (con problemi al cambio evidenziati da Jules Bianchi), quelli della Lotus, assieme a Esteban Gutiérrez e Marcus Ericsson. La pioggia ha fatto capolino negli ultimi minuti della sessione, provocando anche un testacoda a Maldonado.[36]

La seconda fase, ancora con la pioggia presente sul tracciato, vede la eliminazione del campione del mondo in carica Sebastian Vettel che non conquistava la Q3 dal Gran Premio del Belgio 2012. Viene eliminato anche Kimi Räikkönen, che nel giro veloce, al termine della sessione, esce di pista e sbatte contro un muretto. Oltre a loro non passano alla fase decisiva anche Jenson Button, Adrian Sutil, Kamui Kobayashi e Sergio Pérez.[37]

Nella Q3 Nico Rosberg conquista la vetta della classifica ma nell'ultimo tentativo viene superato prima da Daniel Ricciardo e poi da Lewis Hamilton. Il tedesco invece prende la bandiera a scacchi e non può migliorarsi. Per Hamilton è la trentaduesima pole position, la centesima per la Mercedes quale motorista. Ricciardo conquista per la prima volta la prima fila della griglia. La seconda fila è composta, oltre che da Rosberg, anche da Kevin Magnussen.[38] Questa è la prima pole position ottenuta da una vettura che porta il numero 44.[39]

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Nella sessione di qualifica[40] si è avuta questa situazione:

Pos Pilota Costruttore Q1 Q2 Q3 Griglia
1 44 Regno Unito Lewis Hamilton Germania Mercedes 1'31"699 1'42"890 1'44"231 1
2 3 Australia Daniel Ricciardo Austria Red Bull Racing-Renault 1'30"775 1'42"295 1'44"548 2
3 6 Germania Nico Rosberg Germania Mercedes 1'32"564 1'42"264 1'44"595 3
4 20 Danimarca Kevin Magnussen Regno Unito McLaren-Mercedes 1'30"949 1'43"247 1'45"745 4
5 14 Spagna Fernando Alonso Italia Ferrari 1'31"388 1'42"805 1'45"819 5
6 25 Francia Jean-Éric Vergne Italia STR-Renault 1'33"488 1'43"849 1'45"864 6
7 27 Germania Nico Hülkenberg India Force India-Mercedes 1'33"893 1'43"658 1'46"030 7
8 26 Russia Daniil Kvjat Italia STR-Renault 1'33"777 1'44"331 1'47"368 8
9 19 Brasile Felipe Massa Regno Unito Williams-Mercedes 1'31"228 1'44"242 1'48"079 9
10 77 Finlandia Valtteri Bottas Regno Unito Williams-Mercedes 1'31"601 1'43"852 1'48"147 15[41]
11 22 Regno Unito Jenson Button Regno Unito McLaren-Mercedes 1'31"396 1'44"437 N.D. 10
12 7 Finlandia Kimi Räikkönen Italia Ferrari 1'32"439 1'44"494 N.D. 11
13 1 Germania Sebastian Vettel Austria Red Bull Racing-Renault 1'31"931 1'44"668 N.D. 12
14 99 Germania Adrian Sutil Svizzera Sauber-Ferrari 1'33"673 1'45"655 N.D. 13
15 10 Giappone Kamui Kobayashi Malesia Caterham-Renault 1'34"274 1'45"867 N.D. 14
16 11 Messico Sergio Pérez India Force India-Mercedes 1'34"141 1'47"293 N.D. 16
17 4 Regno Unito Max Chilton Russia Marussia-Ferrari 1'34"293 N.D. N.D. 17
18 17 Francia Jules Bianchi Russia Marussia-Ferrari 1'34"794 N.D. N.D. 18
19 21 Messico Esteban Gutiérrez Svizzera Sauber-Ferrari 1'35"117 N.D. N.D. 20[42]
20 9 Svezia Marcus Ericsson Malesia Caterham-Renault 1'35"157 N.D. N.D. 19
21 8 Francia Romain Grosjean Regno Unito Lotus-Renault 1'36"993 N.D. N.D. 22[43]
22 13 Venezuela Pastor Maldonado Regno Unito Lotus-Renault senza tempo N.D. N.D. 21[44]
Tempo limite 107%: 1'37"129

In grassetto sono indicate le migliori prestazioni in Q1, Q2 e Q3.

Gara[modifica | modifica wikitesto]

Resoconto[modifica | modifica wikitesto]

La Marussia di Max Chilton resta ferma sulla griglia al via del giro di formazione e viene portata in pit lane. L'altra Marussia, quella di Jules Bianchi, resta invece ferma al semaforo: la procedura di partenza viene interrotta. Le vetture compiono un ulteriore giro di formazione, mentre la durata della gara viene accorciata di un giro.

Al via scatta in testa Nico Rosberg, che precede Daniel Ricciardo, Lewis Hamilton, Kevin Magnussen, Fernando Alonso e Nico Hülkenberg; il tedesco passa lo spagnolo nel primo giro. Alla prima curva Kamui Kobayashi arriva lungo a causa di un problema all'impianto frenante e tampona Felipe Massa: si ritirano entrambi.

Nei primi giri si ritirano per problemi al propulsore sia Lewis Hamilton sia Sebastian Vettel. Al settimo giro Valtteri Bottas passa Kimi Räikkönen per il sesto posto, poi va all'attacco di Alonso ma al decimo giro tocca il muretto ed è costretto ai box per sostituire uno pneumatico. La Williams del finlandese perde alcuni detriti in traiettoria e la direzione di gara invia in pista la safety car. Molti piloti ne approfittano per effettuare il cambio gomme.

Al momento della ripartenza Nico Rosberg è ancora al comando, seguito da Ricciardo, Magnussen, Hülkenberg, Alonso e Jenson Button, che avendo cambiato le gomme per primo, scala dal nono al sesto posto. La classifica, almeno nelle prime posizioni, resta immutata fino a metà gara, quando iniziano i secondi cambi gomme. Nelle retrovie si fa largo ancora Bottas, che dal sedicesimo posto si porta al nono già al venticinquesimo passaggio.

Tra il giro 32 e il giro 36 vengono effettuati i cambi gomme. Rosberg resta sempre al comando, davanti a Ricciardo e Magnussen. Button scala ora quarto, precedendo Alonso e Hülkenberg. Valtteri Bottas prosegue nella sua rimonta passando prima Jean-Éric Vergne al giro 46 e poi Nico Hülkenberg per il sesto posto al giro 52. Un giro dopo anche Räikkönen passa Vergne.

Nico Rosberg vince per la quarta volta. A podio finiscono per la prima volta Daniel Ricciardo e Kevin Magnussen, primo pilota danese a ottenere questa impresa. A punti termina anche Daniil Kvjat, pilota più giovane a punti nella storia del mondiale, a 19 anni, 10 mesi e 18 giorni, che batte così il record che apparteneva a Sebastian Vettel.[45][46] Ricciardo viene poi squalificato per un'irregolarità tecnica sulla sua vettura. Sale così sul podio Jenson Button, giunto quarto.

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

I risultati del Gran Premio[47] sono i seguenti:

Pos Pilota Costruttore Giri Tempo/Ritiro Griglia Punti
1 6 Germania Nico Rosberg Germania Mercedes 57 1h32'58"710 3 25
2 20 Danimarca Kevin Magnussen Regno Unito McLaren-Mercedes 57 +26"777 4 18
3 22 Regno Unito Jenson Button Regno Unito McLaren-Mercedes 57 +30"027 10 15
4 14 Spagna Fernando Alonso Italia Ferrari 57 +35"284 5 12
5 77 Finlandia Valtteri Bottas Regno Unito Williams-Mercedes 57 +47"639 15 10
6 27 Germania Nico Hülkenberg India Force India-Mercedes 57 +50"718 7 8
7 7 Finlandia Kimi Räikkönen Italia Ferrari 57 +57"675 11 6
8 25 Francia Jean-Éric Vergne Italia STR-Renault 57 +1'00"441 6 4
9 26 Russia Daniil Kvjat Italia STR-Renault 57 +1'03"585 8 2
10 11 Messico Sergio Pérez India Force India-Mercedes 57 +1'25"916 16 1
11 99 Germania Adrian Sutil Svizzera Sauber-Ferrari 56 +1 giro 13
12 21 Messico Esteban Gutiérrez Svizzera Sauber-Ferrari 56 +1 giro 20
13 4 Regno Unito Max Chilton Russia Marussia-Ferrari 55 +2 giri 17[48]
NC 17 Francia Jules Bianchi Russia Marussia-Ferrari 49 +8 giri[49] 18[48]
SQ[2] 3 Australia Daniel Ricciardo Austria Red Bull Racing-Renault 57 +24"525 2
Rit 8 Francia Romain Grosjean Regno Unito Lotus-Renault 43 ERS 22[48]
Rit 13 Venezuela Pastor Maldonado Regno Unito Lotus-Renault 29 ERS 21
Rit 9 Svezia Marcus Ericsson Malesia Caterham-Renault 27 Pressione olio 19
Rit 1 Germania Sebastian Vettel Austria Red Bull Racing-Renault 3 Power unit 12
Rit 44 Regno Unito Lewis Hamilton Germania Mercedes 2 Motore 1
Rit 19 Brasile Felipe Massa Regno Unito Williams-Mercedes 0 Incidente 9
Rit 10 Giappone Kamui Kobayashi Malesia Caterham-Renault 0 Incidente 14

Classifiche mondiali[modifica | modifica wikitesto]

Costruttori[modifica | modifica wikitesto]

Pos Costruttore Punti
1 Regno Unito McLaren-Mercedes 33
2 Germania Mercedes 25
3 Italia Ferrari 18
4 Regno Unito Williams-Mercedes 10
5 India Force India-Mercedes 9
6 Italia STR-Renault 6

Trofeo Pole FIA[modifica | modifica wikitesto]

Pos Pilota Pole
1 Regno Unito Lewis Hamilton 1

Decisioni della FIA[modifica | modifica wikitesto]

Al termine della gara la FIA squalifica Daniel Ricciardo della Red Bull, giunto secondo, per il consumo irregolare di carburante, che ha ecceduto il limite fissato in 100 kg/h, quando i motori superano il regime di 10 500 giri, come stabilito dall'articolo 3.2 del regolamento sportivo di F1 e dall'articolo 5.1.4 del regolamento tecnico.[2]

La sua scuderia ha inviato ricorso, in quanto sarebbero state registrate delle anomalie nel funzionamento del flussometro di rilevamento del carburante.[50] La Corte d'Appello della FIA respinge il ricorso ad aprile.[51]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ La distanza di gara inizialmente prevista era di 58 giri, per un totale di 307,574 km.
  2. ^ a b c Daniel Ricciardo, giunto secondo, viene squalificato per un'irregolarità tecnica della sua Red Bull-Renault. (EN) Ricciardo excluded from Australia race results in formula1.com, 16 marzo 2014. URL consultato il 16 marzo 2014.
  3. ^ a b (EN) James Allen, A glimpse into how F1 will change in 2014 in James Allen on F1, James Allen, 11 gennaio 2013. URL consultato il 12 gennaio 2013.
  4. ^ a b (EN) Craig Scarborough, Formula 1's updated 2014 technical regulations: analysis in Autosport.com, Haymarket Publications, 9 luglio 2013. URL consultato il 9 luglio 2013.
  5. ^ (EN) Craig Scarborough, P.U.R.E: 2014 F1 Engine in ScarbsF1 — Everything Technical in Formula One, WordPress, 8 giugno 2012. URL consultato il 9 giugno 2012.
  6. ^ a b (EN) F1 2014 Tech Regs 5.1.4, FIA. URL consultato il 29 aprile 2013.
  7. ^ (EN) Johannes Dawidziak, Improvement in efficiency of a race engine by using a heat energy recovery system, Springer Vieweg, 28 febbraio 2013. URL consultato il 12 maggio 2013.
  8. ^ (EN) Craig Scarborough, 2013\14 Technical Regulation Changes in Scarbs F1 — Everything Technical in F1, WordPress, 1º ottobre 2012. URL consultato il 2 ottobre 2012.
  9. ^ (EN) Craig Scarborough, 2012: Nose height Regulations in ScarbsF1, WordPress, 27 ottobre 2011. URL consultato il 6 novembre 2011.
  10. ^ (EN) Jonathan Noble, FIA bans stepped nose designs on Formula 1 cars from 2014 in Autosport.com, Haymarket Publications, 28 giugno 2013. URL consultato l'8 luglio 2013.
  11. ^ Matteo Nugnes, La Marussia annuncia l'accordo per i motori Ferrari, omnicorse.it, 16 luglio 2013. URL consultato il 16 luglio 2013.
  12. ^ Toro Rosso-Anche la seconda squadra Red Bull passa ai motori Renault, quattroruote.it, 27 maggio 2013. URL consultato il 21 novembre 2013.
  13. ^ Matteo Nugnes, Ufficiale: Williams con i motori Mercedes dal 2014, omnicorse.it, 30 maggio 2013. URL consultato il 30 maggio 2013.
  14. ^ La Pirelli ha scelto le mescole per i primi quattro Gp, omnicorse.it, 2 marzo 2014. URL consultato il 10 marzo 2013.
  15. ^ Melbourne: 2 "DRS Zone", ma un solo "detection point", omnicorse.it, 2 marzo 2014. URL consultato il 10 marzo 2013.
  16. ^ F1, Williams per 2014 ingaggia Felipe Massa, corrieredellosport.it, 11 novembre 2013. URL consultato il 3 dicembre 2013.
  17. ^ Raikkonen torna alla Ferrari, gpupdate.net, 11 settembre 2013. URL consultato il 16 settembre 2013.
  18. ^ Formula 1/Pastor Maldonado nuovo pilota Lotus: è ufficiale, ilsussidiario.net, 29 novembre 2013. URL consultato il 3 dicembre 2013.
  19. ^ Matteo Nugnes, Ufficiale: Nico Hulkenberg torna alla Force India, omnicorse.it, 3 dicembre 2013. URL consultato il 3 dicembre 2013.
  20. ^ Matteo Nugnes, Ufficiale: Adrian Sutil approda alla Sauber nel 2014, omnicorse.it, 13 dicembre 2013. URL consultato il 13 dicembre 2013.
  21. ^ (EN) Caterham F1 Team and Caterham Racing Announce 2014 F1 and GP2 Driver Line-Ups, Caterham F1 Team, 21 gennaio 2014. URL consultato il 21 gennaio 2014.
  22. ^ F1: Mark Webber annuncia il ritiro a fine stagione, sportmediaset.mediaset.it, 27 giugno 2013. URL consultato il 20 novembre 2013.
  23. ^ (EN) Emily Benammar, Is Daniel Ricciardo the right choice to replace Mark Webber at Red Bull?, abc.net.au, 3 settembre 2013. URL consultato il 3 settembre 2013.
  24. ^ Matteo Nugnes, Colpo di scena: la Toro Rosso ingaggia Daniil Kvyat!, omnicorse.it, 22 ottobre 2013. URL consultato il 24 ottobre 2013.
  25. ^ Matteo Nugnes, Perez conferma che lascerà la McLaren a fine 2013, omnicorse.it, 13 novembre 2013. URL consultato il 14 novembre 2013.
  26. ^ Mercato piloti F1 2014: Kevin Magnussen firma per la McLaren, è ufficiale, derapate.it, 14 novembre 2013. URL consultato il 14 novembre 2013.
  27. ^ Matteo Nugnes, La Force India annuncia l'ingaggio di Sergio Perez, omnicorse.it, 12 dicembre 2013. URL consultato il 12 dicembre 2013.
  28. ^ Le novità F1 2014, dai numeri ai costi in autosprint.corrieredellosport.it, 9 dicembre 2013. URL consultato il 12 dicembre 2013.
  29. ^ Emanuele Pirro commissario FIA a Melbourne in omnicorse.it, 11 marzo 2014. URL consultato l'11 marzo 2014.
  30. ^ Franco Nugnes, Melbourne, Libere 1: Alonso in testa con la F14T! in omnicorse.it, 14 marzo 2014. URL consultato il 14 marzo 2014.
  31. ^ Franco Nugnes, Melbourne, Libere 2: due Mercedes, poi Alonso in omnicorse.it, 14 marzo 2014. URL consultato il 14 marzo 2014.
  32. ^ Franco Nugnes, Melbourne, Libere 3: Rosberg svetta con la Mercedes in omnicorse.it, 15 marzo 2014. URL consultato il 17 marzo 2014.
  33. ^ Prima sessione di prove libere del venerdì
  34. ^ Seconda sessione di prove libere del venerdì
  35. ^ Sessione di prove libere del sabato
  36. ^ Franco Nugnes, Melbourne, Q1: Ricciardo in vetta a sorpresa, omnicorse.it, 15 marzo 2014. URL consultato il 17 marzo 2014.
  37. ^ Franco Nugnes, Melbourne, Q2: escluso Vettel, sbatte Kimi, omnicorse.it, 15 marzo 2014. URL consultato il 17 marzo 2014.
  38. ^ Franco Nugnes, Melbourne, Qualifiche: per Hamilton pole bagnata, omnicorse.it, 15 marzo 2014. URL consultato il 17 marzo 2014.
  39. ^ (FR) Statistiques Numéro-Pole positions-Chronologie, statsf1.com. URL consultato il 21 aprile 2014.
  40. ^ Sessione di qualifica
  41. ^ Valtteri Bottas penalizzato di cinque posizioni sulla griglia di partenza per aver sostituito il cambio.
  42. ^ Esteban Gutiérrez penalizzato di cinque posizioni sulla griglia di partenza per aver sostituito il cambio.
  43. ^ A seguito delle modifiche effettuate sulla sua vettura in regime di parco chiuso, a Romain Grosjean è stato imposto di partire dalla pit lane.
  44. ^ Pastor Maldonado pur non avendo fatto segnare tempi validi durante le qualifiche è ammesso alla partenza su decisione degli steward.
  45. ^ Melbourne - La cronaca-Dominio della Mercedes di Rosberg, italiaracing.net, 16 marzo 2014. URL consultato il 17 marzo 2014.
  46. ^ (FR) Statistiques Pilotes-Points par âge, statsf1.com, 16 marzo 2014. URL consultato il 17 marzo 2014.
  47. ^ Risultati del Gran Premio
  48. ^ a b c Romain Grosjean, Max Chilton e Jules Bianchi partono dalla pit lane.
  49. ^ Jules Bianchi non risulta classificato non avendo coperto, come previsto dal regolamento, almeno il 90% della distanza di gara.
  50. ^ Franco Nugnes, Ora è ufficiale: Ricciardo escluso dal Gp d'Australia, omnicorse.it, 16 marzo 2014. URL consultato il 17 marzo 2014.
  51. ^ La Corte d'Appello conferma la squalifica di Ricciardo, omnicorse.it, 15 aprile 2014. URL consultato il 15 aprile 2014.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Campionato mondiale di Formula 1 - Stagione 2014
Flag of Australia.svg Flag of Malaysia.svg Flag of Bahrain.svg Flag of the People's Republic of China.svg Flag of Spain.svg Flag of Monaco.svg Flag of Canada.svg Flag of Austria.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of Singapore.svg Flag of Japan.svg Flag of Russia.svg Flag of the United States.svg Flag of Brazil.svg Flag of the United Arab Emirates.svg
Fairytale up blue.png

Edizione precedente:
2013
Gran Premio d'Australia
Edizione successiva:
2015
Formula 1 Portale Formula 1: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Formula 1