Edoardo VI d'Inghilterra

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Edoardo VI
Edoardo dipinto nel 1550 (William Scrots)
Edoardo dipinto nel 1550 (William Scrots)
Re d'Inghilterra e d'Irlanda
Stemma
In carica 28 gennaio 1547 -
6 luglio 1553
Incoronazione 20 febbraio 1547
Predecessore Enrico VIII
Successore Jane (de facto)
Maria I (de iure)
Trattamento Maestà
Nascita Hampton Court, 12 ottobre 1537
Morte Greenwich, 6 luglio 1553
Sepoltura Henry VII Chapel, Abbazia di Westminster, Londra, 8 agosto 1553
Casa reale Tudor
Padre Enrico VIII Tudor
Madre Jane Seymour
Religione Anglicana
Firma EdwardVI Signature.svg

Edoardo VI Tudor (Hampton Court, 12 ottobre 1537Greenwich, 6 luglio 1553) fu il secondo figlio maschio di re Enrico VIII d'Inghilterra, che lo ebbe della sua terza moglie, la regina Jane Seymour. La madre morì 12 giorni dopo la sua nascita, per via della febbre puerperale.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Fu molto atteso dal padre perché, essendo l'unico erede maschio vivente, garantiva la successione maschile al trono inglese e la continuità della dinastia Tudor: infatti l'unico altro figlio maschio sopravvissuto all'infanzia, e peraltro illegittimo (e quindi privo di diritti di successione), Henry FitzRoy, I duca di Richmond e Somerset, era morto pochi mesi prima della nascita di Edoardo.

Era talmente prezioso per il re inglese che questi, per proteggerlo da possibili infezioni e malattie, ordinava che la sua stanza fosse pulita tre volte al giorno con acqua e sapone e che ogni cortigiano che volesse vederlo dovesse lavarsi ripetutamente le mani prima e dopo averlo toccato. Inoltre viveva lontano dalla corte, a Windsor, visto che sarebbe stato pericoloso tenerlo a Londra, dove periodicamente infuriavano epidemie di peste e vaiolo. Questo anche perché il bambino aveva una salute cagionevole e un corpo gracile.

Edoardo nel 1546 come principe di Galles.

Il "brutale corteggiamento"[modifica | modifica wikitesto]

Anche se lo amava a dismisura, Enrico VIII non esitò ad usare il figlio come pedina nel complesso scacchiere politico. Infatti nel luglio del 1543, quando Edoardo non aveva ancora 6 anni, il padre decise di imporlo come fidanzato a Maria Stuarda, neonata regina di Scozia, figlia del defunto re Giacomo V di Scozia e di Maria di Guisa. Per questo il 1º luglio di quell'anno il sovrano inglese firmò due accordi diplomatici, noti come Trattati di Greenwich, con i rappresentanti scozzesi: il primo sotto-trattato sanciva la pace tra il Regno d'Inghilterra e il Regno di Scozia; il secondo invece proponeva un matrimonio tra il principe Edoardo e Maria, regina di Scozia, che aveva appena sei mesi.

In questa parte del documento veniva concordato che la regina Maria sarebbe stata accompagnata da un nobiluomo inglese e da sua moglie fino al suo decimo anno di vita; nel 1552 sarebbe quindi stata consegnata ufficialmente agli inglesi e avrebbe vissuto in Inghilterra nell'attesa di sposarsi. Oltre a ciò, era stabilito che il Regno di Scozia potesse mantenere le sue leggi.[1] Benché il conte di Arran avesse firmato l'accordo il 1º luglio e lo avesse ratificato il 25 agosto 1543, il Trattato di Greewich fu infine rifiutato dal Parlamento scozzese l'11 dicembre dello stesso anno;[2] infatti, Maria di Guisa, madre della regina in fasce, non era d'accordo con le nozze e rimanendo fedele all'Auld Alliance preferì far sposare sua figlia al Delfino di Francia, Francesco, figlio di Enrico II e di Caterina de' Medici.

Re d'Inghilterra[modifica | modifica wikitesto]

Regno d'Inghilterra
Tudor
Tudor Rose.svg

Enrico VII (1485 - 1509)
Enrico VIII (1509 - 1547)
Edoardo VI (1547 - 1553)
Jane Grey (1553)
Maria I (1553 - 1558)
Elisabetta I (1558 - 1603)

Dopo la morte di Enrico VIII fu incoronato re d'Inghilterra e Irlanda il 20 febbraio 1547, all'età di neanche 10 anni. Nel 1544 Enrico VIII, con l'Act of Succession, aveva indicato la linea di successione designando al trono, dopo Edoardo, la cattolica Maria, e dopo di lei la sorellastra Elisabetta I d'Inghilterra. Il giovane re era di bell'aspetto e di intelligenza non comune, ma assai debole e malaticcio: anche per questo non esercitò mai un reale influsso nelle lotte economico - politiche del tempo, che spinsero il Paese sull'orlo della bancarotta. Sotto il suo regno comunque venne riformata in senso protestante la Chiesa d'Inghilterra, anche per influenza dello zio Edward Seymour, reggente per conto del nipote, oltre che dell'arcivescovo di Canterbury Thomas Cranmer, entrambi di tendenze luterane.

Fu infatti sotto loro pressione che nel 1549 Edoardo VI promulgò il Book of Common Prayer, divenuto la base della comunione anglicana. Esso conteneva, "spogliato da ogni superstizione" (come dalla stessa prefazione suggerito) "la liturgia della Chiesa d'Inghilterra riguardo alla preghiera del mattino e della sera, della santa comunione, e dei sacramenti". In questa prima edizione esso portava il nome di "libro della Preghiera Pubblica". In quel momento il duca di Somerset era al culmine del suo potere, anche per le numerose vittorie ottenute in Scozia, ma aveva commesso l'errore di abusare del suo potere, accumulando enormi ricchezze. Per tale motivo fu prima privato della carica di reggente e poi processato e condannato per tradimento, e giustiziato il 22 gennaio 1552.

Il suo posto fu preso da John Dudley, I duca di Northumberland, il quale divenne, nell'ultimo periodo di regno di Edoardo VI, il vero governante d'Inghilterra. Fu lui infatti a convincere il giovane re a designare come successore, per non ridare l'Inghilterra in mano ai papisti, la sua coetanea e compagna d'infanzia lady Jane Grey, pronipote di Enrico VIII che era stata educata alla corte dell'ultima moglie di suo padre, Caterina Parr, come Elisabetta. Il testamento fatto sottoscrivere ad Edoardo presentava un duplice aspetto di debolezza: su un piano formale esso era illegittimo perché violava una legge votata dal Parlamento, qual era l'Atto di Successione; su un piano sostanziale esso ignorava i diritti della regina di Scozia, Maria Stuarda, e di Margaret Douglas, le quali discendevano direttamente dalla sorella maggiore di Enrico VIII, Margherita Tudor, e si collocavano quindi in una posizione di evidente priorità rispetto alla Grey, che era invece nipote dell'altra sorella minore di Enrico VIII, Maria[3].

Improvvisamente, però, nell'inverno del 1552 il giovane sovrano si ammalò, forse di tubercolosi, e morì il 6 luglio 1553 a Greenwich, a 16 anni. Si disse anche che era stato avvelenato, forse proprio da John Dudley, che aspirava a mantenere la carica di reggente e a eliminare poi le sorellastre Maria ed Elisabetta. Dudley pensava di poter dare in moglie al proprio figlio Robert Elisabetta ma poi ritenendo questi poco malleabile si propose egli stesse ad Elisabetta. Infine diede in moglie al figlio Guilford Jane Grey. Alla notizia della sua morte Maria venne a Londra a prendere possesso del trono che era stato, secondo lei, usurpato da Jane Grey e da suo marito Dudley. Jane e i componenti del Consiglio reale che ne avevano supportato la successione furono accusati di tradimento e giustiziati nel febbraio del 1554.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Trattamenti di
Edoardo VI
Stemma
Re d'Inghilterra e Re d'Irlanda
Trattamento di cortesia Sua Maestà
Trattamento colloquiale Vostra Maestà
Trattamento alternativo Sir
I trattamenti d'onore
Gran Maestro e Cavaliere dell'Ordine della Giarrettiera - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro e Cavaliere dell'Ordine della Giarrettiera

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Fisher, p. 459
  2. ^ Loades, pp. 59-60
  3. ^ In effetti, alla morte di Elisabetta I, sarà il figlio di Maria Stuarda, Giacomo VI di Scozia (e I d'Inghilterra) a succederle sul trono inglese

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Herbert Albert Laurens Fisher, The History of England, from the Accession of Henry VII, to the Death of Henry VIII, 1485-1547 (Volume V), Londra, Longmans, Green, and Co., 1906.
  • David Michael Loades, John Dudley, Duke of Northumberland, 1504-53, Oxford, Oxford University Press, 1996.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Re d'Inghilterra Successore Royal Standard of England (1406-1603).svg
Enrico VIII 28 gennaio 1547 - 6 luglio 1553 Jane Grey (contestata)
Maria I
Predecessore Re d'Irlanda Successore Royal Standard of Ireland (1542–1801).svg
Enrico VIII 28 gennaio 1547 - 6 luglio 1553 Jane Grey (contestata)
Maria I

Controllo di autorità VIAF: 67259838 LCCN: n50024444