Jane Seymour

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando l'attrice inglese, vedi Jane Seymour (attrice).
Jane Seymour
Jane Seymour
Jane Seymour
Regina consorte d'Inghilterra
Stemma
In carica 30 maggio 1536 - 24 ottobre 1537
Investitura 4 giugno 1536
Predecessore Anna Bolena
Successore Anna di Clèves
Altri titoli Lady d'Irlanda
Nascita c. 1508
Morte Hampton Court, Londra, 24 ottobre 1537
Casa reale Tudor
Padre John Seymour
Madre Margery Wentworth
Consorte di Enrico VIII d'Inghilterra
Figli Edoardo VI d'Inghilterra
Firma Jane Seynour Signature.svg

Jane Seymour (Wolf Hall, 1508 circa – Hampton Court, 24 ottobre 1537) è stata regina consorte d'Inghilterra, come terza moglie di Enrico VIII dal 1536 al 1537.

Trattamenti di
Jane Seymour
Stemma
Regina consorte d'Inghilterra
Trattamento di cortesia Sua Maestà
Trattamento colloquiale Vostra Maestà
Trattamento alternativo Ma'am
I trattamenti d'onore

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Jane era figlia di Sir John Seymour e Margery Wentworth, figlia di Sir Henry Wentworth di Nettlestead. La famiglia Seymour poteva vantare antiche e nobili origini; la famiglia aveva radici normanne, tant'è che in origine si chiamava St Maur: si diceva che un certo Wido de Saint Maur fosse giunto in Inghilterra all'epoca della Conquista. In seguito grazie al matrimonio di Sir Roger Seymour con Cecily e altri matrimoni prestigiosi accrebbero il valore della famiglia Seymour.

Il padre di Jane, John Seymour era nato intorno al 1474 ed era stato nominato cavaliere da Enrico VII sul campo di Blackheath, da quel momento iniziò una fortunata carriera che gli guadagnò fama e successo. La madre di Jane era Margery Wentworth che le aveva dato quel poco di sangue reale che rende possibile mettere al mondo figli di re: Margery discendeva da Edoardo III, quindi Jane era assai più aristocratica di Anna Bolena che discendeva dal più lontano Edoardo I.

La figura maschile più vicina a Jane non era suo padre ma suo fratello Edward, descritto come giovane e saggio. Jane non aveva avuto un'eccellente istruzione come Caterina d'Aragona e Anna Bolena, sapeva solo leggere e scrivere - caratteristica, questa, comunque notevole per una donna della sua epoca - ed era molto abile nel cucire e nell'occuparsi nelle faccende domestiche. Grazie al fratello, Edward Seymour, riuscì a diventare dama di compagnia prima di Caterina d'Aragona e poi di Anna Bolena.

La salita al potere[modifica | modifica wikitesto]

Jane probabilmente incontrò il re nel 1536 a Wolf Hall (già proprietà dei Seymour). Lei aveva 28 anni ed il re, ormai quarantacinquenne e sempre più in rotta con Anna Bolena ne rimase colpito. Un ritratto lusinghiero della futura sovrana è offerto da Polidoro Virgilio, che la dice «donna del massimo fascino, sia nell'aspetto che nel carattere». Tuttavia, è probabile che tali elogi fossero rivolti più al suo carattere che non al suo aspetto fisico; infatti, come affermò anche l'ambasciatore imperiale Chapuys, Jane era «di pelle bianchissima e non molto bella». Il fatto che, pur provenendo da una famiglia illustre ed essendo dama di compagnia di due regine, non avesse avuto - per quanto risulta agli storici - alcun pretendente, certamente avvalora l'ipotesi della sua scarsa avvenenza ed insieme del suo contegno casto e riservato.

Il suo più grande pregio era la pelle candida, all'epoca universalmente ritenuta elemento attraente ed insieme segno di buon carattere. Nel ritratto di Holbein spiccano un naso prominente e una bocca volitiva leggermente serrata, in un bel viso ovale sotto la fronte alta (elemento molto apprezzato all'epoca). Tutte le fonti contemporanee alludono alla sua intelligenza e al suo carattere mite e condiscendente. Probabilmente furono queste caratteristiche ad attirare l'attenzione del re.

Anna, dopo l'aborto spontaneo di un figlio maschio il 29 gennaio 1536 non veniva più ritenuta in grado di generare eredi ed ormai Enrico affermava di essere stato costretto a quel matrimonio con sortilegi ed incantesimi. A peggiorare la situazione, contribuiva il fatto che Anna, a differenza della regina che l'aveva preceduta, non era mai riuscita a costruirsi una solida base di consenso, neanche fra i parenti stretti come il duca di Norfolk, che oltre a non stimarla, non ne condivideva nemmeno le idee religiose.

Il temperamento contestatario ed altezzoso di Anna Bolena, le frequenti sfuriate, l'abitudine - in seguito rivelatasi poco saggia - di circondarsi di pretendenti ed i ripetuti aborti spontanei non fecero altro che far precipitare gli eventi. Molto meno affascinante e sofisticata della regina, Jane appariva agli occhi dei contemporanei come una donna di buon senso, intelligente, di sincera fede, sicuramente casta e, provenendo da una famiglia numerosa, certamente fertile: in riferimento alla sua personalità, John Russell la definì come «la più bella tra le mogli del re».

Il matrimonio con Enrico VIII[modifica | modifica wikitesto]

Accusata di alto tradimento stregoneria, incesto ed adulterio - accuse con ogni probabilità infondate - Anna Bolena fu decapitata, insieme ai suoi presunti complici, compreso il suo stesso fratello, il 19 maggio 1536: con un bizzarro rituale, appena due giorni prima, l'arcivescovo Cranmer aveva dichiarato nullo il suo matrimonio con Enrico VIII. Il fidanzamento segreto del sovrano ebbe luogo a Hampton Court la mattina del 20 maggio con sontuosa magnificenza, esattamente dieci giorni dopo si tenne il matrimonio.

Enrico non era ormai «il più bel principe della cristianità» come fu definito un tempo: aveva più di quarant'anni - età, per l'epoca, ormai avanzata - stava diventando calvo, soffriva di piaghe ulcerose alle gambe dovute alla gotta ed al diabete ed iniziava ad ingrassare, ma Jane era remissiva, modesta e soddisfatta del suo nuovo ruolo di regale consorte; il motto che scelse, in perfetta sintonia col suo carattere fu: «Bound to obey and serve» ovvero «Paga di ubbidire e servire». Non bisogna però credere che Jane fosse una creatura stolida e scialba: con grande intelligenza, per evitare inutili tensioni, contribuì a riconciliare il re dandogli un figlio, Edoardo.

I mesi come regina[modifica | modifica wikitesto]

Amata dai sudditi, dal monarca e dalla figliastra, il destino di Jane appariva dunque invidiabile e il 12 ottobre 1537 la regina dette alla luce il tanto sospirato erede maschio a cui venne dato il nome di Edoardo e che ebbe i titoli di principe di Galles, duca di Cornovaglia e conte di Carnarvon. La regina si riprese dal parto abbastanza in fretta da presenziare al battesimo del figlio e scrivere una lettera indirizzata al Consiglio della Corona in cui ringraziava Dio per la nascita di un maschio, ma, nel giro di alcuni giorni, iniziò a manifestare i sintomi di quella a che all'epoca era definita "febbre puerperale", ovvero setticemia, probabilmente in seguito ad una mancata espulsione della placenta o ad una lesione del perineo, conseguenza del travaglio durato oltre ventiquattr'ore. Il giorno 24 ottobre 1537, Jane Seymour si spense nel palazzo di Hampton Court. Aveva circa 29 anni ed era stata regina per non più di diciotto mesi, sinceramente compianta da tutto il popolo, che l'aveva accolta con favore. Dopo la sua morte, Enrico cade in una grave depressione - che tra l'altro minò irreparabilmente la sua salute, rendendolo patologicamente obeso e consolidando la sua fama sinistra di sovrano spietato - e non si risposò per oltre due anni, fino alle successive, poco fortunate, nozze con la principessa tedesca Anna di Clèves. Quando morì nel 1547, il re si fece seppellire accanto a lei, la moglie che probabilmente amava di più, nella Saint George's Chapel del castello di Windsor, in una sobria tomba al centro del coro della cappella, tuttora esistente.

Il figlio della coppia, Edoardo VI d'Inghilterra - giovane di precoce intelletto ma di salute cagionevole - ebbe un regno breve e turbolento e, di fatto, non governò direttamente, ma fu un semplice burattino nelle mani dell'ambizioso Lord Protettore, Edward Seymour, I duca di Somerset, fratello della defunta Jane; morì,appena diciassettenne nel 1553.

Al cinema[modifica | modifica wikitesto]

Il personaggio di Jane Seymour è apparso in numerosi film:

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Regina consorte d'Inghilterra Successore Phoenix and Castle Badge.svg
Anna Bolena 1536 - 1537 Anna di Clèves

Controllo di autorità VIAF: 15631808 LCCN: no90017958