Darío Silva

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Darío Silva
Dati biografici
Nome Darío Debray Silva Pereira
Nazionalità Uruguay Uruguay
Altezza 175 cm
Peso 74 kg
Calcio Football pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Attaccante
Carriera
Squadre di club1
1992 Defensor Sporting Defensor Sporting 18 (4)
1993-1995 Penarol Peñarol 56 (35)
1995-1998 Cagliari Cagliari 89 (20)
1998-1999 Espanyol Espanyol 15 (3)
1999-2003 Malaga Málaga 100 (36)
2003-2005 Siviglia Siviglia 42 (9)
2005-2006 Portsmouth Portsmouth 13 (2)
Nazionale
1995-2005 Uruguay Uruguay 46 (14)
Palmarès
Coppa America calcio.svg Copa América
Bronzo Perù 2004
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 30 giugno 2006

Darío Debray Silva Pereira (Treinta y Tres, 2 novembre 1972) è un ex calciatore uruguaiano.

Carriera[modifica | modifica sorgente]

Club[modifica | modifica sorgente]

Dal 1992 al 1995 gioca in Uruguay con Defensor e Penarol realizzando 39 reti.

Nel 1995 approda alla Serie A italiana ingaggiato dal Cagliari. Dopo le prime due stagioni in Serie A, che culminano con una retrocessione in Serie B (1996-1997), il giocatore non riesce a trovare la via del gol segnando solo 7 gol in 62 presenze. Dopo l'estate del 1997 in cui gioca la Confederations Cup, rimane in Sardegna segnando 13 reti in 27 presenze ottenendo la promozione in Serie A. Alla fine della stagione (1997-1998) viene ceduto a titolo definitivo.

Nel 1998 approda nella liga spagnola, all'Espanyol, segnandovi solo 3 gol. La stagione successiva passa al Malaga, con il quale segna 36 gol in 4 anni e dove fa coppia d'attacco per due stagioni con Julio Cesar Dely Valdes. Nel 2003-2004 passa al Siviglia, segnando 9 reti in due stagioni.

Nella stagione 2005-2006 si trasferisce in Inghilterra per giocare in Premier League con il Portsmouth e realizza 2 gol in 13 partite. Detiene il record di più veloce realizzatore nel campionato spagnolo: contro il Real Valladolid segna infatti dopo 7 secondi.[senza fonte]

Nazionale[modifica | modifica sorgente]

Ha militato 10 anni nella nazionale uruguaiana, esordendo il 19 ottobre 1994 contro il Perù allo Stadio Nacional di Lima. Successivamente ha fatto parte delle rose che parteciparono alla Confederations Cup 1997, al Mondiale di Corea-Giappone 2002 e alla Copa América 2004. Dopo aver fallito la qualificazione ai Mondiali di Germania 2006, si ritirò dalla nazionale, fissando il suo tabellino a 49 presenze condite con 14 reti.

Dopo il ritiro[modifica | modifica sorgente]

Il 23 settembre 2006 fu ferito seriamente in un incidente autostradale a Montevideo. Mentre guidava il suo pick-up, perse il controllo, e, sbalzato fuori dal veicolo, andò a sbattere contro un lampione. L'impatto causò al trentatreenne Silva la frattura del cranio e una frattura scomposta della gamba destra. A causa di complicazioni gli fu amputata la gamba destra al di sotto del ginocchio. Silva lasciò l'ospedale il 5 ottobre 2006, e tornò nella sua casa di Montevideo con il piano di ricevere una protesi della gamba in Italia per aiutarlo a camminare e correre senza l'aiuto di stampelle. Durante l'incidente viaggiava con due altri ex-calciatori, Elbio Pappa e Dardo Pereira, che rimasero illesi.

Il 6 ottobre 2006 fu offerto a Dario Silva un ruolo come esperto di calcio in Uruguay, ma visto il successo della protesi impiantata egli espresse il desiderio di ritornare come allenatore-giocatore. A novembre dello stesso anno poi il Daily Mail annunciò che Silva puntava a partecipare alle Paralimpiadi di Londra del 2012 nel canottaggio, cosa poi non avvenuta.

Il 13 gennaio 2009, è ritornato a calcare i campi da calcio per una partita di beneficenza tra due selezioni, Uruguay XI e Argentina XI, in favore dell'associazione Fundación Niños con Alas (Fondazione Bambini con le ali).

Palmarès[modifica | modifica sorgente]

Club[modifica | modifica sorgente]

Competizioni nazionali[modifica | modifica sorgente]

Peñarol: 1993, 1994, 1995

Competizioni internazionali[modifica | modifica sorgente]

Málaga: 2002

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]