Clotrimazolo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.
Clotrimazolo
Clotrimazole.png
Clotrimazole-3D-balls.png
Nome IUPAC
1-[(2-clorofenil)-difenil-metil]-imidazolo
Caratteristiche generali
Formula bruta o molecolare C22H17ClN2
Massa molecolare (u) 344,837 g/mol
Numero CAS [23593-75-1]
Codice ATC A01AB18
PubChem 2812
DrugBank APRD00244
Dati farmacocinetici
Biodisponibilità Scarsamente assorbito per via orale
Metabolismo Epatico
Emivita 2 ore
Indicazioni di sicurezza
Simboli di rischio chimico
irritante

attenzione

Frasi H 302 - 315 - 319
Consigli P 305+351+338 [1]

Il clotrimazolo (nella fase sperimentale conosciuto anche con la sigla Bay B 5097) è un farmaco antimicotico, un composto azolico utilizzato per curare infezioni fungine dell'epidermide ed in particolare le infezioni vaginali ed il piede d'atleta.[2] In Italia il farmaco è venduto dalla società farmaceutica Bayer con il nome commerciale di Canesten, nella forma farmaceutica di crema, soluzione per spray cutaneo, e polvere cutanea. Viene inoltre commercializzato da altre società farmaceutiche come medicinale equivalente.

Cenni storici[modifica | modifica sorgente]

Il clotrimazolo fu sviluppato alla fine degli anni '60 dalla società farmaceutica tedesca Bayer e fu commercializzato per la prima volta in Germania nel 1973 con il nome di Canesten. Allo scadere del brevetto il farmacoè stato commercializzato come medicinale equivalente da molte società in tutta Europa ed è inoltre disponibile come farmaco da banco (OTC).

Farmacodinamica[modifica | modifica sorgente]

Il clotrimazolo agisce contro i funghi inibendo la sintesi di alcuni steroli necessari per membrana cellulare, ed in particolare dell’ergosterolo, una sostanza presente nelle membrane fungine, ma non nelle membrane cellulari dell'uomo. L'inibita sintesi di ergosterolo comporta un danno strutturale e funzionale a carico della membrana della cellula fungina, compromettendone la riproduzione e le attività infettive. Gli studi hanno messo in evidenza che minime concentrazioni di clotrimazolo comportano la perdita di composti fosforici intracellulari verso l'ambiente esterno, oltre alla rottura degli acidi nucleici della cellula ed un accelerato efflusso verso l'esterno del potassio (K+). Questi fenomeni conducono inevitabilmente alla morte cellulare. Il farmaco ha dimostrato un ampio spettro d’azione antimicotica, sia in vitro che in vivo, ed agisce contro dermatofiti, lieviti, muffe ed altri tipi di miceti. Oltre all'attività antimicotica, clotrimazolo agisce anche su Trichomonas vaginalis ed alcuni germi gram-positivi (Streptococchi e Stafilococchi) e germi gram-negativi (in particolare Bacteroides e Gardnerella vaginalis). Lo sviluppo di resistenza secondaria da parte di funghi sensibili è stato osservato solo in casi sporadici.

Farmacocinetica[modifica | modifica sorgente]

A seguito di applicazione cutanea l'assorbimento di clotrimazolo nel circolo ematico nell’uomo attraverso la cute intatta o infiammata avviene in misura insignificante. Le concentrazioni plasmatiche di picco ottenibili dopo applicazione topica sono sempre risultate al di sotto del limite di rilevamento. È perciò improbabile che clotrimazolo applicato localmente sulla pelle possa dar luogo ad effetti indesiderati di tipo sistemico.

Tossicità[modifica | modifica sorgente]

La dose letale DL50, una misura della tossicità acuta, dopo singola assunzione per via orale è per i topi pari a 708 mg/Kg di peso corporeo e per i ratti di 923 mg/Kg. Quando somministrato per via intraperitoneale la DL50 è rispettivamente di 347 mg/kg e 445 mg/Kg peso corporeo.

Usi clinici[modifica | modifica sorgente]

Il farmaco trova indicazione e si è dimostrato efficace nel trattamento della micosi della pelle e delle pieghe cutanee, ed in particolare nella pitiriasi versicolor,[3][4][5] candidosi cutanea e vaginale,[6][7][8][9] tinea pedis o piede d’atleta,[10][11] tinea corporis.[12][13]

Effetti collaterali ed indesiderati[modifica | modifica sorgente]

Clotrimazolo durante 40 anni di largo impegno clinico ha mostrato un'elevata tollerabilità. In quest'arco di tempo solo una bassa percentuale di pazienti trattati (1%-2%) ha riportato effetti collaterali, di limitata gravità. Gli effetti effetti avversi più frequenti sono di tipo locale e pertanto a carico della cute e del tessuto sottocutaneo: rash cutaneo, orticaria, sensazione di fastidio o dolore nella zona di applicazione, vescicole, edema cutaneo, prurito, irritazione, bruciore, desquamazione, eruzione cutanea.

Controindicazioni[modifica | modifica sorgente]

Il farmaco è controindicato nei soggetti con ipersensibilità nota al principio attivo oppure ad uno qualsiasi degli eccipienti.

Dosi terapeutiche[modifica | modifica sorgente]

La crema deve essere applicata in piccola quantità, 2 o 3 volte al giorno, in corrispondenza della zona cutanea da trattare, avendo cura di frizionare leggermente. L'applicazione deve essere preceduta dal lavaggio ed accurata asciugatura della parte. La crema trova indicazione soprattutto per il trattamento di zone cutanee glabre (cioè prive di peli).

Gravidanza e allattamento[modifica | modifica sorgente]

Non esistono studi clinici controllati su donne in gravidanza. Da studi epidemiologici è stata evidenziata l’assenza di effetti dannosi di clotrimazolo sulla madre e sul bambino. Nel primo trimestre di gravidanza è tuttavia buona norma somministrare il farmaco solo in caso di effettiva necessità.

Chimica[modifica | modifica sorgente]

Il composto (3) è prodotto grazie alla alchilazione dell'imidazolo (1) con o-clorotritil cloruro (2) in acetone, con trietilamina come base.

Clotrimazole synthesis.svg

Avvertenze[modifica | modifica sorgente]

Come è noto nelle micosi le recidive sono molto comuni. Per tale motivo nel corso del trattamento ci si deve attenere ad alcune elementari norme igieniche. La biancheria intima deve essere frequentemente cambiata e similmente gli asciugamani, che è bene siano strettamente personali evitando la promiscuità di ogni tipo di indumento o biancheria.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Sigma Aldrich; rev. del 27.02.2010
  2. ^ PR. Sawyer, RN. Brogden; RM. Pinder; TM. Speight; . Avery, Clotrimazole: a review of its antifungal activity and therapeutic efficacy. in Drugs, vol. 9, nº 6, 1975, pp. 424-47, PMID 1097234.
  3. ^ YM. Clayton, BL. Connor, Comparison of clotrimazole cream, Whitfield's ointment and Nystatin ointment for the topical treatment of ringworm infections, pityriasis versicolor, erythrasma and candidiasis. in Br J Dermatol, vol. 89, nº 3, settembre 1973, pp. 297-303, PMID 4582719.
  4. ^ R. Clayton, A. Du Vivier; M. Savage, Double-blind trial of 1% clotrimazole cream and Whitfield ointment in the treatment of pityriasis versicolor. in Arch Dermatol, vol. 113, nº 6, giugno 1977, pp. 849-50, PMID 326197.
  5. ^ RP. Balwada, VK. Jain; S. Dayal, A double-blind comparison of 2% ketoconazole and 1% clotrimazole in the treatment of pityriasis versicolor. in Indian J Dermatol Venereol Leprol, vol. 62, nº 5, pp. 298-300, PMID 20948094.
  6. ^ K. Haram, A. Digranes, Vulvovaginal candidiasis in pregnancy treated with clotrimazole. in Acta Obstet Gynecol Scand, vol. 57, nº 5, 1978, pp. 453-5, PMID 364918.
  7. ^ W. Frerich, A. Gad, The frequency of Candida infections in pregnancy and their treatment with clotrimazole. in Curr Med Res Opin, vol. 4, nº 9, 1977, pp. 640-4, DOI:10.1185/03007997709115284, PMID 563316.
  8. ^ R. Quiroz Vázquez, LE. Guevara Correa, [Treatment of Candida vulvovaginitis with clotrimazole in a 2% vaginal cream for 3 days]. in Ginecol Obstet Mex, vol. 50, nº 298, febbraio 1982, pp. 25-8, PMID 7129182.
  9. ^ R. Franklin, Seven-day clotrimazole therapy for vulvovaginal candidiasis. in South Med J, vol. 71, nº 2, febbraio 1978, pp. 141-3, PMID 341338.
  10. ^ EB. Smith, JL. Graham; JA. Ulrich, Topical clotrimazole in tinea pedis. in South Med J, vol. 70, nº 1, gennaio 1977, pp. 47-8, PMID 320670.
  11. ^ E. Macotela-Ruíz, R. López-Martínez; S. Molina, [Double blind study with aerosol BAY-b-5097 (clotrimazol) in patients with tinea pedis (author's transl)]. in Prensa Med Mex, vol. 40, 11-12, pp. 367-71, PMID 772667.
  12. ^ ES. Mahgoub, Clinical trial with clotrimazole cream (Bay b 5097) in dermatophytosis and onychomycosis. in Mycopathologia, vol. 56, nº 3, novembre 1975, pp. 149-52, PMID 128698.
  13. ^ PH. Spiekermann, MD. Young, Clinical evaluation of clotrimazole. A broad-spectrum antifungal agent. in Arch Dermatol, vol. 112, nº 3, marzo 1976, pp. 350-2, PMID 769697.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Ruchir A, Vijay S, Diaper Dermatitis, e-medicine on line
  • Goodman & Gillman, The pharmacological basis of therapeutics, Mc Graw Hill, Ninth edition, 1996
  • Scheinfeld N, Diaper Dermatitis: A Review and Brief Survey of Eruptions of the Diaper Area. Therapy In Practice, American Journal of Clinical Dermatology. 6(5):273-281, 2005
  • Bassetti D, Chemioterapici antinfettivi, IntraMed Communications, 2006:581-582
  • Weinstein A, Berman B, Topical Treatment of Common Superficial Tinea Infections, American Family Phisician, 2002; 65(10): 2095-102
medicina Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina