Chiesa di San Babila

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Coordinate: 45°28′01.26″N 9°11′54.15″E / 45.467017°N 9.198376°E45.467017; 9.198376

Basilica di San Babila
Esterno
Esterno
Stato Italia Italia
Regione Lombardia Lombardia
Località CoA Città di Milano.svg Milano
Religione Cristiana cattolica di rito ambrosiano
Diocesi Arcidiocesi di Milano
Consacrazione IX secolo
Stile architettonico romanico, neoromanico
Sito web Sito ufficiale
(LA)

« SANCTIS BABYLAE EPISCOPO TRIBVSQUE PVERIS »

(IT)

« Ai santi Babila vescovo e tre fanciulli »

(iscrizione sopra il portale centrale)

La basilica collegiata prepositurale di San Babila, conosciuta più semplicemente come San Babila, è un luogo di culto cattolico situato nell'omonima piazza a Milano, alla confluenza di corso Vittorio Emanuele II, corso Europa, corso Monforte e corso Venezia.

Cenni storici[modifica | modifica wikitesto]

San Babila fu il tredicesimo vescovo di Antiochia, successo a Zebennos probabilmente nell'anno 238. Morì martire sotto l'imperatore Decio nel 250, punito per il delitto di lesa maestà: aveva osato giustamente impedire all'imperatore Filippo, omicida, l'ingresso nel tempio. Insieme a san Babila morirono tre fanciulli: Urbano, Prilidiano ed Epolonio, figli di Teodula che li aveva affidati a Babila per educarli nella fede cattolica.

Il culto di san Babila, assai diffuso in Oriente, arrivò ben presto anche in Occidente, soprattutto in Francia, in Svizzera e in Spagna. In Italia è venerato, oltre che a Milano, anche a Cremona e Firenze, come protettore di purezza e castità sacerdotale.

Gli storici dell'arte e dell'architettura lombarda hanno accertato che la costruzione della basilica risale agli ultimi decenni del secolo XI, nei pressi delle mura storiche della città. Secondo la tradizione, l'edificio fu eretto sulle vestigia del «Concilium Sanctorum» («Concilio dei santi»), primitiva residenza del clero missionario orientale, sorto nel secolo VII sulle rovine di un tempio pagano dedicato al dio Sole.

Nel corso dei secoli, la basilica di San Babila fu oggetto di svariate modifiche architettoniche. Nel 1826 le pessime condizioni ne suggerirono ad alcuni il progetto di demolirla. Tuttavia, tali progetti non si concretizzarono, anzi, tra il 1881 e il 1890 l'architetto Paolo Cesa Bianchi compì il restauro della basilica, riportandola alle forme originarie con l'aggiunta della facciata neoromanica, completata nel 1905 dall'architetto Cesare Nava (cfr. la chiesa del Santo Sepolcro).

Il campanile, crollato nel 1575, fu riedificato nel 1821 in stile barocco con materiale proveniente dalla demolizione dei portoni della città in Corso di Porta Orientale e rivestito in stile neoromanico nel 1927.

La basilica di San Babila è inserita nella storia profana e religiosa di Milano, ad essa sono legati il movimento civico del libero Comune e quello religioso della Pataria. Presso la basilica hanno avuto origine, con il concorso dei suoi Canonici, le gloriose «Cinque Giornate di Milano»: da qui i cittadini mossero verso il Palazzo del Governo in Corso Monforte (attuale sede della Prefettura) per ottenere la costituzione della guardia civica. La barricata di San Babila fu una delle più attive e la vicina Porta Orientale fu la prima sulla quale fu issata la bandiera tricolore.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Della costruzione originale non rimane praticamente nulla. L'attuale edificio, infatti, è il risultato di notevoli trasformazioni architettoniche operate nel corso del tempo, in particolare tra la seconda metà del secolo XIX e la prima metà del secolo XX.

Esterno[modifica | modifica wikitesto]

La facciata

La facciata della basilica, ricomposta in stile neoromanico, è della tipologia a salienti, con falde decorate da archetti pensili sotto i cornicioni e tre lesene in corrispondenza delle tre navate. I tre portali sono arricchiti da lunette a tutto sesto musive. Nella lunetta centrale è raffigurato, su sfondo dorato, Cristo benedicente con il libro dei Vangeli. Il portale centrale è sormontato da una grande trifora con capitelli scolpiti; sopra di essa, una finestra a forma di croce greca e due monofore a tutto sesto.

In posizione arretrata, si eleva il campanile, costituito da un'alta torre a pianta quadrangolare con tre ordini di finestre: monofore al livello inferiore, bifore al livello mediano e trifore al livello superiore. Il coronamento è in cotto.

Interno[modifica | modifica wikitesto]

Interno

L'interno della basilica, il cui assetto è da ricondurre ai restauri successivi al 1926, è costituito da tre navate separate da pilastri con semicolonne, sormontate da volte a crociera (navata centrale) e volte a botte (navate laterali). Tra la navata centrale e il presbiterio si eleva il tiburio ottagonale.

Di notevole valore artistico sono i capitelli originali del secolo XI, che presentano forti somiglianze con quelli della basilica di Sant'Ambrogio.

Lapidi cinque-seicentesche collocate sulla parete destra all'ingresso della basilica.

L'affresco del catino absidale, raffigurante San Babila ed i tre fanciulli con lui martirizzati, fu realizzato nel 1890 da Luigi Cavenaghi. Le lunette fra gli archi laterali e la cupola, decorate con le figure del Redentore e della Vergine circondati da vari Santi, sono invece mosaici sovrapposti nel 1929 agli affreschi originali del medesimo autore.

Nella cappella laterale destra, edificata nel 1500 per la custodia del Santissimo Sacramento, è attualmente conservata una pala d'altare raffigurante San Francesco d'Assisi, opera della fine dell'Ottocento di Giuseppe Bertini.

La cappella laterale sinistra, simmetrica alla precedente, risale ai primi decenni del Seicento e conserva una pala d'altare raffigurante San Giuseppe, opera di Ludovico Pogliaghi, celebre autore della porta maggiore del Duomo di Milano.

La seconda cappella laterale sinistra, ricostruita nel 1951, custodisce la pala d'altare dell'Addolorata, opera del pittore Augusto Colombo.

L'attuale battistero, edificato nel 1937 su disegno dell'architetto Alfonso Orombelli, è impreziosito da un'alta pala bronzea raffigurante il battesimo di Gesù Cristo, opera di Fausto Melotti. Di notevole valore artistico è anche il coperchio bronzeo della vasca battesimale, decorato con angeli che reggono la veste in argento poggiante su un blocco di quarzo.

Organo a canne[modifica | modifica wikitesto]

All'interno della basilica vi è un organo a canne Zanin, realizzato completamente con sistema di trasmissione meccanico. Lo strumento, ispirato agli organi barocchi tedeschi, ha due tastiere di 58 note ciascuna ed una pedaliera dritta di 30 note. Di seguito la disposizione fonica:

Prima tastiera - Positivo Tergale
Bordone 8'
Principale 4'
Ottava 2'
Cembalo 2 file
Sesquialtera 2 file
Quintadena 8'
Flauto a camino 4'
Larigot 1.1/3'
Dulzian 8'
Seconda tastiera - Grand'Organo
Bordone 16'
Principale 8'
Ottava 4'
Quinta 3'
Ottava 2'
Mistura 5 file
Cembalo 2 file
Tromba 8'
Voce umana 8'
Viola da gamba 8'
Bordone 8'
Flauto traverso 8'
Flauto a cuspide 4'
Cornetto 3 file
Flautino 2'
Pedale
Contrabbasso 16'
Subbasso 16'
Principale 8'
Ottava 4'
Mistura 4 file
Trombone 16'
Tromba 8'
Clarone 4'

Galleria fotografica[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]