Teatro d'opera

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Teatri d'opera)
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando l'espressione intesa come sinonimo dell'arte teatrale applicata alla musica lirica, vedi Opera.
Il Teatro di San Carlo in Napoli, il più antico teatro del mondo ancora operativo.

1leftarrow blue.svgVoce principale: Teatro (architettura).

Un teatro d'opera, teatro dell'Opera o teatro lirico è un edificio teatrale utilizzato per spettacoli d'opera che consiste in un palcoscenico, una fossa dell'orchestra, posti a sedere per il pubblico, con servizi dietro le quinte per i costumi e la creazione delle scene. Mentre alcune costruzioni sono realizzate specificamente per le opere, altri teatri d'opera fanno parte di centri più grandi per la rappresentazione di spettacoli teatrali in generale.

Per un elenco dei maggiori teatri d'opera del mondo, vedi Lista di teatri d'opera.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Opéra-Théâtre de Metz Métropole di Metz, fatto costruire dal mecenate Duke de Belle-Isle nel XVIII secolo. Si tratta del più antico teatro d'opera di Francia ancora in funzione.

Il primo teatro d'opera pubblico è venuto alla luce nel 1637 come Teatro San Cassiano a Venezia, un Paese dove l'opera è stata popolare attraverso i secoli, tra la gente comune così come fra i ricchi mecenati; ha ancora un gran numero di teatri d'opera operativi.[1] Al contrario non vi era alcun teatro d'opera a Londra quando Henry Purcell componeva e il primo teatro d'opera in Germania è stato costruito ad Amburgo nel 1678. All'inizio negli Stati Uniti i teatri d'opera servivano ad una varietà di funzioni nelle città, ospitando i balli della comunità, fiere, giochi, e spettacoli di vaudeville, nonché opere e altri eventi musicali.

Nei secoli XVII e XVIII i teatri erano spesso finanziati dai governanti, nobili e ricchi che utilizzavano il mecenatismo per sostenere le loro ambizioni politiche e posizioni sociali o di prestigio. Con l'ascesa dei borghesi e delle forme sociali capitaliste nel XIX secolo, la cultura europea si allontanò dal suo sistema clientelare per un sistema di sostegno pubblico. Negli anni 2000, la maggior parte delle compagnie d'opera e di teatro raccolgono fondi da una combinazione di governo e borse di studio istituzionali, la vendita dei biglietti e donazioni private.

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

Il Gran Teatro di Varsavia, ca. 1890
Il Wiener Staatsoper, ca. 1898
Palco reale della Margravial Opera House di Bayreuth

Il Teatro di San Carlo di Napoli introdusse la pianta a ferro di cavallo, la più antica del mondo, un modello per il teatro italiano. Su questo modello furono costruiti i teatri che seguirono, in Italia e in Europa, tra gli altri il teatro di corte della Reggia di Caserta, che diventerà il modello per altri teatri. Data la popolarità dell'opera lirica in XVIII e XIX secolo in Europa, i teatri d'opera sono di solito di grandi dimensioni, con in genere più di 1.000 posti a sedere e spesso diverse migliaia. Tradizionalmente, i principali teatri d'opera d'Europa costruiti nel XIX secolo contenevano circa tra i 1.500 ed i 3.000 posti a sedere, prendendo ad esempio di La Monnaie di Bruxelles, (dopo i lavori di ristrutturazione, con 1.700 posti a sedere), il Teatro lirico di Odessa, (con 1.636), il Grand Theatre di Varsavia (l'auditorio principale 1.841), l'Opéra Garnier di Parigi, (con 2.200), il Royal Opera House di Londra (con 2.268) e il Wiener Staatsoper di Vienna, (il nuovo auditorium con ridotta capacità di 2.280). I moderni teatri d'opera del XX secolo come il Metropolitan Opera House di New York (con 3.800) e il San Francisco Opera (con 3.146) sono più grandi. Molte opere sono più adatte ad essere rappresentate nelle sale più piccole, come la La Fenice di Venezia, con circa 1.000 posti a sedere.

In un teatro d'opera tradizionale l'auditorio è a forma di U, con la lunghezza dei lati che determinano la capacità della platea. Tutto intorno vi sono gli ordini dei balconi e spesso, più vicino al palco, vi sono dei box (piccole sezioni suddivise di un balcone).

Dalla seconda metà del XIX secolo, i teatri d'opera in genere hanno una fossa per l'orchestra, in cui un gran numero di professori d'orchestra può stare seduto a un livello al di sotto del pubblico, in modo che possano suonare senza sovraccaricare le voci dei cantanti. Ciò è particolarmente vero nel Festspielhaus di Bayreuth di Wagner, dove la fossa è quasi completamente coperta.

Le dimensioni di una orchestra d'opera variano, ma per alcune opere, oratori e altri lavori, può essere molto grande; per alcune opere del periodo romantico (o per molte delle opere di Richard Strauss), essa può superare di molto i 100 suonatori. Allo stesso modo, un'opera può avere un grande cast di personaggi, coro, ballerini e comparse. Pertanto, un importante teatro avrà ampie strutture di spogliatoio. I teatri d'opera hanno spesso inseriti localmente negozi per la fabbricazione di scene e costumi e strutture per lo stoccaggio dei costumi, make-up, maschere e il materiale di scena e possono anche avere sale prove.

I maggiori teatri d'opera di tutto il mondo hanno spesso palchi altamente meccanizzati, con grandi ascensori che permettono di cambiare rapidamente anche scene molto pesanti da muovere. Al Metropolitan Opera House, per esempio, le scene sono spesso cambiate durante l'azione, mentre il pubblico guarda, con i cantanti in salita o in discesa mentre cantano. Ciò si verifica nelle produzioni del Met di opere come Aida e I racconti di Hoffmann. La Royal Opera House di Londra, che è stata ristrutturata alla fine del 1990, ha mantenuto l'originale auditorium del 1858 al suo interno, ma ha aggiunto completamente nuovi spazi del backstage e delle ali, oltre a uno spazio per prestazioni aggiuntive e le aree pubbliche. Più o meno lo stesso è accaduto nel rimodellamento del teatro La Scala di Milano tra il 2002 e il 2004.

Sebbene per i palcoscenici, l'illuminazione e la produzione della facciata i teatri d'opera spesso facciano uso delle più recenti tecnologie, i teatri d'opera tradizionali non hanno usato sistemi di amplificazione con microfoni e altoparlanti per amplificare i cantanti, dal momento che i cantanti d'opera qualificati sono normalmente in grado di proiettare le loro voci non amplificate in sala. Dal 1990, tuttavia, molti i teatri d'opera hanno iniziato a utilizzare una forma sottile di rinforzo del suono chiamato rinforzo acustico (vedi sotto).

Spesso, le opere sono presentate in lingua originale, che può essere diversa dalla lingua madre del pubblico. Ad esempio, un'opera wagneriana presentata a Londra può essere in tedesco. Pertanto, dal 1980 i moderni i teatri d'opera hanno assistito il pubblico fornendo sopratitoli tradotti, proiezioni delle parole sopra o vicino al palcoscenico. Più di recente, i sistemi di videolibretti hanno cominciato ad essere impiegati in alcuni teatri d'opera, tra cui il Metropolitan Opera House di New York, La Scala di Milano, e il Teatro Crosby dell'Opera di Santa Fe, che forniscono due righe di testo su schermi individuali allegati alle spalle dei sedili in modo da non interferire con gli aspetti visivi dello spettacolo.

Rinforzo acustico con altoparlanti[modifica | modifica wikitesto]

Un tipo sottile di rinforzo del suono chiamato rinforzo acustico è usato in alcuni teatri d'opera. sistemi di rinforzo acustico contribuiscono a rendere più uniforme il suono in sala ed evitare "punti morti" nella zona dov'è seduto il pubblico "... aumentando le caratteristiche acustiche intrinseche della sala." I sistemi utilizzano "... una schiera di microfoni collegati ad un computer [che viene] collegato ad un insieme di altoparlanti." Tuttavia, poiché gli appassionati di concerti sono venuti a conoscenza dell'uso di questi sistemi, i dibattiti sono sorti, perché "... i puristi sostengono che il suono acustico naturale delle [classica] voci o strumenti in una determinata sala non deve essere modificato".[2]

Kai Harada[3] stabilisce che teatri d'opera hanno iniziato a utilizzare sistemi di miglioramento acustico elettronici "... per compensare difetti di architettura acustica di un luogo." Nonostante il clamore che si è creata tra gli appassionati, Harada sottolinea che nessuno dei teatri d'opera che utilizzano sistemi di miglioramento acustico "... usano il tradizionale, Broadway-stile sistema di amplificazione sonora, in cui la maggior parte, se non tutti i cantanti sono dotati di radiomicrofoni misti ad un serie di altoparlanti antiestetici sparsi in tutto il teatro. " Invece, la maggior parte dei teatri d'opera utilizzano il sistema di amplificazione per il miglioramento acustico, e per incrementare sottili voci fuori scena, il dialogo sul palco, ed effetti sonori (ad esempio, le campane della chiesa di Tosca o un tuono nelle opere di Wagner).

Un esempio dell'uso di questo tipo di miglioramento è il New York State Theater quando fu utilizzato dalla Compagnia dell'Opera di New York City.

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ BBC website
  2. ^ Kai Harada, "Why do you need a Sound System?", 2005
  3. ^ Kai Harada, "Opera's Dirty Little Secret", Entertainment Design website, Mar 1, 2001

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • John Allison (a cura di), Great Opera Houses of the World, in Supplemento a Opera Magazine, Londra, 2003.
  • Thierry Beauvert, Opera Houses of the World, New York, The Vendome Press, 1995, ISBN 0-86565-978-8.
  • Leo Beranek, Concert Halls and Opera Houses: Music, Acoustics, and Architecture, New York: Springer, 2004, ISBN 0-387-95524-0.
  • Spike Hughes, Great Opera Houses; A Traveller's Guide to Their History and Traditions, Londra, Weidenfeld & Nicholson, 1956.
  • Andras Caldo, Great Opera Houses (Masterpieces of Architecture), in Antique Collectors Club, 2002, ISBN 1-85149-363-8.
  • Karyl Charna Lynn, Opera: the Guide to Western Europe's Great Houses, Santa Fe, New Mexico, John Muir Publications, 1991, ISBN 0-945465-81-5.
  • Karyl Charna Lynn, Italian Opera Houses and Festivals, Lanham, Maryland, The Scarecrow Press, Inc., 2005, ISBN 0-8108-5359-0.
  • Carol Plantamura, The Opera Lover's Guide to Europe, Citadel Press, 1996, ISBN 0-8065-1842-1.
  • Luigi Maria Sicca, "The management of opera houses: The Italian experience of the Enti Autonomi", in International Journal of Cultural Policy, Taylor & Francis, 1997, ISSN 1028-6632.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]