Sistema internazionale di unità di misura

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Sistema Internazionale)
Jump to navigation Jump to search
In rosso gli Stati in cui il sistema internazionale non è stato adottato come unico o principale sistema di misurazione: gli Stati Uniti d'America, la Liberia e la Birmania.[1]

Il sistema internazionale di unità di misura (in francese: Système international d'unités), abbreviato in SI (pronunciato esse i[2]), è il più diffuso sistema di unità di misura. Nei paesi anglosassoni sono ancora impiegate delle unità tecniche consuetudinarie. La difficoltà culturale nel passaggio della popolazione da un sistema all'altro è essenzialmente legato a radici storiche: il sistema internazionale impiega per la maggior parte unità del sistema metrico decimale nate nel contesto della rivoluzione francese: le unità SI hanno gli stessi nomi e praticamente la stessa grandezza pratica delle unità metriche.

Il sistema è stato inizialmente chiamato Sistema MKS, per distinguerlo dal Sistema CGS, siccome le unità base erano metro, chilogrammo e secondo invece che centimetro, grammo, secondo.


Storia[modifica | modifica wikitesto]

Gli Stati del mondo per periodo di adozione del Sistema internazionale

Il precursore del SI di misura è il sistema metrico decimale elaborato da una commissione presieduta da Lagrange dal 1791. Tale sistema si diffonde lentamente in Europa, tra cui anche in Italia.

Unità, terminologia e raccomandazioni del SI vengono fissate dalla Conférence générale des poids et mesures (CGPM), "Conferenza generale dei pesi e delle misure", organismo collegato con il Bureau international des poids et mesures (BIPM), "Ufficio internazionale dei pesi e delle misure", organismi creati alla convenzione del Metro del 1875.

Il sistema nacque nel 1889 in Francia con la 1ª CGPM: allora si chiamava "Sistema MKS" perché comprendeva solo le unità fondamentali di lunghezza (metro), di massa (chilogrammo) e di tempo (secondo).

Nel 1935, su proposta del fisico Giovanni Giorgi, il sistema fu ampliato per includere delle unità per le grandezze elettriche. Il primo tentativo fu il "Sistema MKS-Ω", adottato dalla Commissione Elettrotecnica Internazionale, in cui era stata inizialmente scelta come grandezza base la resistenza elettrica, con unità di misura costituita dall'ohm. Dopo la guerra, nel 1946, sempre su proposta di Giorgi, la CGPM approvò il passaggio dalla scelta della resistenza elettrica come grandezza base alla corrente elettrica, definendo in secondo luogo come sua unità base l'ampere. Nacque così il "Sistema MKSA", chiamato anche "Sistema Giorgi".

Nel 1954 la 10ª CGPM aggiunse la temperatura assoluta (e l'unità di misura associata: kelvin) e la (intensità luminosa (definendo poi come sua unità di misura la candele) come quinta e sesta grandezze fondamentali.

Nel 1961 la 11ª CGPM sancisce finalmente la nascita del Sistema internazionale (SI).

Nel 1971 la 14ª CGPM aggiunge la quantità di sostanza come grandezza fondamentale, e definisce la mole attraverso il numero di Avogadro.

Nel 2018 la 26ª CGPM ha finalmente ridefinito le unità fondamentali in termini di costanti fisiche,[3] aggiornandosi finalmente con la considerazione dei risultati raggiunti da anni nella disciplina dell'analisi dimensionale.

Quindi oggi il nucleo centrale del SI consiste in ordine logico in:

  • scelta delle grandezze fisiche base in base alle leggi fisiche fondamentali delle teorie fisiche considerate universali.
  • scelta dei valori delle costanti fisiche fondamentali che compaiono in queste leggi
  • definizione dei nomi delle unità di misura delle grandezze base, dette unita base per le sette grandezze fisiche fondamentali, e loro definizione a partire dalle costanti fisiche.

A partire dal nucleo del Sistema Internazionale si possono definire tutte le altre grandezze, che vengono dette derivate. Queste sono legate alle grandezze base dalle leggi fisiche considerate, e in modo corrispondente lo sono le loro unità di misura.

Il sistema internazionale individua una sola unità di misura per ogni grandezza derivata (su sui si applicano i prefissi), che è sempre un semplice prodotto di potenze delle unità base. Questo consente di eliminare i coefficienti di conversione e di facilitare il più possibile i calcoli dei rapporti tra i valori delle grandezze fisiche in un problema. Il sistema internazionale di misura viene definito un sistema coerente, in quanto le unità di misura derivate sono esprimibili come semplice prodotto e rapporto tra le grandezze fisiche fondamentali.[4]

Infine, il SI ha definito dei prefissi decimali e binari da aggiungere alle unità di misura per identificare multipli e sottomultipli.

Norme di scrittura[modifica | modifica wikitesto]

Per uniformare la grafia ed evitare errori di interpretazione il SI prevede alcune norme per la scrittura delle unità di misura e dei relativi simboli.

Scrittura delle unità[modifica | modifica wikitesto]

Le unità di misura dovrebbero essere scritte per esteso se inserite in un testo discorsivo; la scrittura deve essere in carattere tondo minuscolo e si devono evitare segni grafici come accenti o segni diacritici. Ad esempio si deve scrivere ampere e non ampère o Ampere.

Scrittura dei simboli[modifica | modifica wikitesto]

I simboli (senza prefisso) devono essere indicati con l'iniziale minuscola, con l'eccezione di quelli in cui l'unità di misura è eponima, ossia deriva dal nome di uno scienziato, e di quelli in cui il simbolo del prefisso moltiplicativo è maiuscolo. Per esempio il simbolo dell'unità di misura della pressione, dedicato a Blaise Pascal, è Pa, invece l'unità di misura viene scritta per esteso in minuscolo pascal. Il secondo è s e non sec, il grammo g e non gr, il metro m e non mt. L'unica eccezione è per il litro il cui simbolo può essere sia l sia L.[5]

I simboli dei prefissi e delle unità di misura SI sono entità matematiche perciò, a differenza delle abbreviazioni, i simboli del SI non devono essere seguiti dal punto (per il metro: m e non m.); essi devono inoltre stare dopo il valore numerico (per esempio si scrive 20 cm e non cm 20) con uno spazio tra il numero e il simbolo: 2,21 kg, 7,3 × 102 . Nelle unità di misura composte (per esempio il newton metro: N m) i simboli delle unità devono essere separati da uno spazio o da un punto a mezza altezza, detto anche punto mediano (·).[6] Non è ammesso l'uso di altri caratteri, come il trattino: per esempio si può scrivere N m o N·m, ma non N-m. In caso di divisione fra unità di misura, si può usare il carattere /, o la barra orizzontale o un esponente negativo: per esempio J/kg o J kg−1 o J·kg−1.

Un prefisso è parte integrante dell'unità e va apposto al simbolo dell'unità senza spazi (per es. k in km, M in MPa, G in GHz, μ in μg). Non sono permesse combinazioni di prefissi (per es. mμm va scritto come nm). Una unità con prefisso costituisce un'espressione simbolica singola (per es. km2 è equivalente a (km)2).

Qualora necessario, gruppi di unità di misura possono essere messi tra parentesi: J/K mol o J/K·mol o J·K−1·mol−1 o J (K·mol)−1.

Per i simboli è opportuno evitare il corsivo e il grassetto allo scopo di differenziarli dalle variabili matematiche e fisiche (per esempio m per la massa e l per la lunghezza).

Occorre anche ricordare che, nonostante il sistema SI ammetta l'uso del plurale per i nomi delle unità di misura (joules, watts, ...), le regole linguistiche italiane stabiliscono, con riferimento ai termini stranieri entrati nel vocabolario italiano, che una volta che ne sono diventati parte, vanno accettati come elementi congelati nella loro essenza irriducibile alle strutture morfologiche di base del sistema flessivo nominale dell'italiano. Quindi non si ammette la scrittura di jouli o watti (come si farebbe invece con litri e metri), ma nemmeno di joules e watts, perché l'italiano non prevede la formazione del plurale dei sostantivi tramite l'aggiunta della desinenza -s o -es.

Scrittura delle cifre[modifica | modifica wikitesto]

Per raggruppare le cifre della parte intera di un valore a tre a tre partendo da destra bisogna utilizzare lo spazio. Ad esempio 1 000 000 o 342 142 (in altri sistemi si scrive 1,000,000 o 1.000.000). Come separatore tra parte intera e parte decimale si usa la virgola, ad esempio 24,51. Nel 2003 il CGPM concesse di usare il punto nei testi in inglese.[7]

Disposizioni di legge[modifica | modifica wikitesto]

Il SI è un riferimento per molti Stati, come l'Italia, dove l'uso è stato adottato per legge nel D.P.R. n. 802/1982[8] ai sensi della direttiva del Consiglio CEE del 18 ottobre 1971 (71/354/CEE), modificata il 27 luglio 1976 (76/770/CEE). Il suo uso è obbligatorio nella stesura di atti e documenti con valore legale, tant'è che in difetto gli atti potrebbero essere invalidati.

Definizione delle grandezze[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: analisi dimensionale.

Il Sistema Internazionale sceglie come base sette particolari grandezze o dimensioni:

Grandezza base Simbolo dimensionale
Lunghezza [L]
Intervallo di tempo [T]
Massa [M]
Temperatura [Θ]
Intensità di corrente [I]
Intensità luminosa [J]
Quantità di sostanza [N]

e per definirle si basa su sette costanti fondamentali, riportate in tabella di seguito.

Costante fondamentale Simbolo
Frequenza di transizione iperfina del Cesio 133 ΔνCs
Velocità della luce nel vuoto c
Costante di Planck h
Carica elementare e
Costante di Boltzmann k
Efficienza luminosa standard[9] Kcd
Numero di Avogadro Na

Tutte le altre grandezze sono considerate riducibili a combinazioni di queste grandezze. Tutte le altre costanti sono considerate riducibili a combinazioni di queste costanti.

Diagramma che illustra i legami tra le costanti fondamentali e le grandezze scelte come base dal SI

La definizione del nucleo logico del Sistema Internazionale è questa semplice tabella dimensionale: esprime la relazione dimensionale fra le costanti e le grandezze base:

Costante Dimensione in grandezze base
ΔνCs [T]-1
c [L] · [T]-1
h [M] ⋅ [L]2 ⋅ [T]−1
e [I] ⋅ [T]
k [M] ⋅ [L]2 ⋅ [T]−2 ⋅ [Θ]−1
Na [N]-1
Kcd [J] ⋅ [T]3 ⋅ [M]−1 ⋅ [L]−2

Invertendo questa tabella si ricavano le definizioni delle grandezze base come semplice prodotto di potenze a esponente interno delle costanti fondamentali, e successivamente si possono cominciare a scegliere le unità di misura base per le grandezze e i valori delle costanti scelti.

Scelta delle unità di misura[modifica | modifica wikitesto]

A questo punto si assegna un nome ad ogni unità di misura che si vuole associare ad una grandezza base:

Grandezza base Nome dell'unità di misura Simbolo
Lunghezza metro m
Intervallo di tempo secondo s
Massa chilogrammo kg
Temperatura assoluta kelvin K
Intensità di corrente ampère A
Intensità luminosa candela cd
Quantità di sostanza mole mol

Semplicemente sostituendo le unità alle grandezze base nella tabella dimensionale, ne risulta l'espressione delle costanti nelle unità appena definite (e in teoria incognite):

Definizione Simbolo Valore Unità base SI
Frequenza di transizione iperfina del Cesio 133 ΔνCs 9 192 631 770 s-1
Velocità della luce nel vuoto c 299 792 458 m · s-1
Costante di Planck h 6,62607015 × 10−34 kg ⋅ m2 ⋅ s−1
Carica elementare e 1,602176634 × 10−19 A ⋅ s
Costante di Boltzmann kB 1,380649 × 10−23 kg ⋅ m2 ⋅ s−2 ⋅ K−1
Costante di Avogadro NA 6,02214076 × 1023 mol-1
Efficienza luminosa standard[10] Kcd 683 cd ⋅ sr ⋅ s3 ⋅ kg−1 ⋅ m−2

Invertendo questa corrispondenza tra le costanti fisiche e le unità di misura si ricavano le definizioni delle unità di misura base.[11]

Il sistema internazionale corrisponde alla combinazione di questi valori (esatti a partire dall'ultima revisione del 2018) per le costanti fondamentali[3][12], scelti a posteriori in modo da fare coincidere le misure effettive delle unità base appena definite con quelle delle unità corrispondenti che sono state definite in precedenza nel corso della Storia del sistema metrico, su base empirica:

Definizione Simbolo Valore
Frequenza di transizione iperfina del Cesio 133 ΔνCs 9 192 631 770
Velocità della luce nel vuoto c 299 792 458
Costante di Planck h 6,62607015 × 10−34
Carica elementare e 1,602176634 × 10−19
Costante di Boltzmann K 1,380649 × 10−23
Numero di Avogadro Na 6,02214076 × 1023
Efficienza luminosa standard[13] Kcd 683

Per le unità naturali invece, i valori delle costanti hanno valori matematici unitari o notevoli.

Grandezze e unità derivate[modifica | modifica wikitesto]

L'insieme delle teorie fisiche su cui si fonda il Sistema Internazionale permette di dedurre tutte le grandezze fisiche a partire dalle sette grandezze fondamentali illustrate. In secondo luogo, le unità di misura che il Sistema Internazionale ha scelto per queste grandezze derivate è stato concepito in modo da rendere il più possibile intuitivo il calcolo dei valori numerici: ciò è stato possibile studiando la matematizzazione sistematica dell'analisi dimensionale. Definendo le unità derivate come semplici prodotti di potenze (solitamente a esponente intero) di unità base, è possibile calcolare i valori delle grandezze derivate eliminando i fattori di conversione tipici dei sistemi tecnici e variabili da un sistema tecnico all'altro.

Le grandezze fisiche derivate si possono così ottenere dalla combinazione per moltiplicazione o divisione delle grandezze fisiche fondamentali senza fattori numerici di conversione.[4] Molte di esse hanno nomi particolari (ad esempio la grandezza derivata "joule/secondo" è chiamata anche "watt"). Verificando la relazione tra le grandezze fisiche derivate e le grandezze fisiche fondamentali non solo si vede la relazione esistente tra due grandezze fisiche ma, attraverso l'analisi dimensionale, si può verificare la correttezza sui calcoli e/o equazioni di una legge fisica.

Grandezza fisica Simbolo della
grandezza
fisica
Nome dell'unità SI Simbolo dell'unità SI Equivalenza in termini di unità fondamentali SI
Nomi e simboli speciali
frequenza f, ν hertz Hz s−1
forza F newton N kg · m · s−2
pressione p pascal Pa N · m−2 kg · m−1 · s−2
energia, lavoro, calore, entalpia E, W/L, Q, H joule J N · m kg · m2 · s−2
potenza P watt W J · s−1 kg · m2 · s−3
viscosità dinamica μ, η poiseuille Pl Pa · s m−1 · kg · s−1
carica elettrica q coulomb C A · s
potenziale elettrico, forza elettromotrice, tensione elettrica V, fem volt V J · C−1 m² · kg · s−3 · A−1
resistenza elettrica R ohm Ω V · A−1 m² · kg · s−3 · A−2
conduttanza elettrica G siemens S A · V−1 s³ · A²· m−2 · kg−1
capacità elettrica C farad F C · V−1 s4 · A2 · m−2 · kg−1
densità flusso magnetico B tesla T V · s · m−2 kg · s−2 · A−1
flusso magnetico Φ(B) weber Wb V · s m² · kg · s−2 · A−1
induttanza L henry H V · s · A−1 m² · kg · s−2 · A−2
temperatura T grado Celsius °C K[14]  
angolo piano[15] α, φ, θ radiante rad 1 m · m−1
angolo solido[15] Ω steradiante sr 1 m² · m−2
flusso luminoso Φ(l) lumen lm cd · sr
illuminamento El lux lx cd · sr · m−2
potere diottrico Do diottria D m−1
attività di un radionuclide[16] AR becquerel Bq s−1
dose assorbita D gray Gy J · kg−1 m² · s−2
dose equivalente, dose efficace H, EH sievert Sv J · kg−1 m² · s−2
attività catalitica katal kat mol · s−1
Altre grandezze fisiche
area A metro quadro
volume V metro cubo
velocità v metro al secondo m/s m · s−1
accelerazione a m/s² m · s−2
velocità angolare ω     rad · s−1 s−1
accelerazione angolare α, ϖ rad· s−2 s−2
densità ρ, d chilogrammo al metro cubo kg/m³ kg · m−3
molarità SI[17] M     mol · dm−3
volume molare Vm     m3 · mol−1

Prefissi[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Prefissi del Sistema internazionale di unità di misura.

Le unità SI possono avere prefissi per rendere i valori né troppo grandi, né troppo piccoli. Ad esempio la radiazione elettromagnetica nel campo del visibile ha lunghezze d'onda pari circa a 0,000 0005 m che, più comodamente, è possibile scrivere 500 nm.

Si noti, ad evitare ambiguità, l'importanza di utilizzare correttamente i simboli maiuscoli e minuscoli. Non è permesso utilizzare più prefissi in cascata: ad esempio non si può scrivere 10 000 m = 10 km = 1 dakm (un deca chilometro).

Prefissi del Sistema Internazionale
10n Prefisso Simbolo Nome Equivalente decimale
1024 yotta Y Quadrilione 1 000 000 000 000 000 000 000 000
1021 zetta Z Triliardo 1 000 000 000 000 000 000 000
1018 exa E Trilione 1 000 000 000 000 000 000
1015 peta P Biliardo 1 000 000 000 000 000
1012 tera T Bilione 1 000 000 000 000
109 giga G Miliardo 1 000 000 000
106 mega M Milione 1 000 000
103 chilo k Mille 1 000
102 hecto h Cento 100
101 deca da Dieci 10
100 Uno 1
10−1 deci d Decimo 0,1
10−2 centi c Centesimo 0,01
10−3 milli m Millesimo 0,001
10−6 micro µ Milionesimo 0,000 001
10−9 nano n Miliardesimo 0,000 000 001
10−12 pico p Bilionesimo 0,000 000 000 001
10−15 femto f Biliardesimo 0,000 000 000 000 001
10−18 atto a Trilionesimo 0,000 000 000 000 000 001
10−21 zepto z Triliardesimo 0,000 000 000 000 000 000 001
10−24 yocto y Quadrilionesimo 0,000 000 000 000 000 000 000 001

Nel 1998 il SI ha introdotto i prefissi per multipli binari per evitare che i prefissi standard, relativi a multipli decimali, vengano usati per i multipli binari, che di regola andrebbero usati ad esempio per indicare i multipli binari dei byte; è comunque ancora usata la convenzione secondo cui, quando l'unità di misura è il byte o quelle da essa derivata, per kilo si intenda 1024 e non 1000, anche se si tratta in realtà di un errore.

I prefissi per i multipli binari hanno lo scopo di operare secondo le potenze di 2 piuttosto che secondo le potenze di 10. Il simbolo è quello standard con l'aggiunta di "i".

Così 1 kB equivale in realtà a 1 000 B, mentre 1 kiB equivale a 1 024 B. Un hard-disk da 2 TB ha capacità pari a 2 000 000 000 000 B o di ~1,819 TiB, un computer con memoria da 4 GiB ha una capacità di 4 294 967 296 B o di ~4,295 GB.

Unità non SI[modifica | modifica wikitesto]

Unità non SI accettate dal Sistema Internazionale[modifica | modifica wikitesto]

[18] Queste unità vengono accettate accanto a quelle ufficiali del SI in quanto il loro uso è tutt'oggi molto diffuso in tutta la popolazione anche non di ambiente scientifico. Il loro uso è tollerato per permettere agli studiosi di far capire le loro ricerche a un pubblico molto ampio, anche di non esperti nel settore. Questa categoria contiene soprattutto unità di tempo e di angoli. Anche i simboli ° ′ ″ andrebbero tenuti distanziati dal valore numerico: per esempio, «2 °C» è la forma corretta, mentre è errata la scrittura «25°C».

Nome Simbolo Equivalenza in termini di unità fondamentali SI
minuto min 1 min = 60 s
ora h 1 h = 60 min = 3 600 s
giorno d 1 d = 24 h = 1440 min = 86 400 s
litro l, L[5] 1 L = 1 dm3 = 10−3 m3
grado d'arco ° 1° = (π/180) rad
minuto primo 1′ = (1/60)° = (π/10 800) rad
minuto secondo 1″ = (1/60)′ = (π/648 000) rad
ettaro ha 1 ha = 1 hm2 = 104 m2
tonnellata t 1 t = 103 kg = 106 g

Unità non SI accettate perché più precise[modifica | modifica wikitesto]

Fino al 2019 queste unità sono accettate perché quelle previste dal SI sono ricavate mediante relazioni fisiche che includono costanti non conosciute con precisione sufficiente. In questo caso si tollera l'uso di unità non ufficiali per la maggiore precisione.[19] Con la definizione delle unità base tramite costanti fisiche, il valore è stato precisato.[20]

Nome Simbolo Equivalenza in termini di unità fondamentali SI (2016) Equivalenza in termini di unità fondamentali SI (2019)
elettronvolt eV 1 eV = 1,60217653(14)×10−19 J 1 eV = 1,602176634×10−19 J
unità di massa atomica u 1 u = 1 Da = 1,66053886(28)×10−27 kg 1 u = 1 Da = 1,66053906660(50)×10−27 kg
unità astronomica ua 1 ua = 1,49597870691(6)×1011 m 1 ua = 149597870700 m[21]

Altre unità non SI attualmente accettate[modifica | modifica wikitesto]

[22] Queste unità sono usate in ambiti commerciali, medici, legali e nella navigazione. Queste unità dovrebbero essere definite in relazione al SI in ogni documento in cui vengono usate. Il loro uso è però scoraggiato.

Nome Simbolo Equivalenza in termini di unità fondamentali SI
angstrom Å 1 Å = 0,1 nm = 10−10 m
miglio nautico nm 1 miglio nautico = 1 852 m
nodo kn 1 nodo = 1 miglio nautico all'ora = (1 852/3 600) m/s
barn b 1 b = 100 fm2 = 10−28 m2
bar bar 1 bar = 0,1 MPa = 100 kPa = 1 000 hPa = 105 Pa
millimetro di mercurio mmHg 1 mmHg ≈ 133,322 Pa
neper[23] Np 1 Np = e qualsiasi unità fondamentale del SI
bel[23] B 1 B = (ln 10)/2 Np = 10 qualsiasi unità fondamentale del SI

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ La Gran Bretagna ha assorbito questo standard solo dagli anni '60, secondo le direttive europee, ma rimangono nell'uso comune ancora entrambi i sistemi: sia quello decimale, sia quello imperiale. Molti supermercati, per esempio, indicano sulle etichette i pesi in libbre e in chili, e i pub servono ancora la classica "pinta" di birra (mentre quasi tutti gli altri alimenti liquidi sono venduti in litri).
  2. ^ nota dell'Istituto nazionale di ricerca metrologica [collegamento interrotto]
  3. ^ a b (EN) BIPM - Resolution 1 of the 26th CGPM, su www.bipm.org. URL consultato il 22 marzo 2019.
  4. ^ a b (EN) IUPAC Gold Book, "derived unit of measurement", su goldbook.iupac.org. URL consultato il 23 dicembre 2013.
  5. ^ a b Il simbolo l fu adottato dalla CIPM nel 1979, la possibilità di usare in alternativa provvisoria L fu stabilita nella 16ª CGPM per evitare ambiguità tra il numero 1 e la lettera l.
  6. ^ Al computer il punto a mezza altezza (·) può essere scritto: in ambiente macOS premendo contemporaneamente i tasti Shift + Alt + H, in ambiente Linux premendo contemporaneamente Alt Gr e ., in ambiente Microsoft Windows premendo Alt e digitando la sequenza numerica 250)
  7. ^ (EN) BIPM, The International System of Units (SI) (PDF), su bipm.org, 2006, p. 133. URL consultato l'8 dicembre 2011 (archiviato il 5 novembre 2013).
  8. ^ Decreto del presidente della Repubblica 12 agosto 1982, n. 802, in materia di "Attuazione della direttiva (CEE) numero 80/181 relativa alle unità di misura"
  9. ^ Radiazione monocromatica alla frequenza di 540 × 1012 Hz
  10. ^ Radiazione monocromatica alla frequenza di 540 × 1012 Hz
  11. ^ Resolution 1 of the 26th CGPM (2018), Appendix 3. The base units of the SI
  12. ^ David B. Newell, F. Cabiati, J. Fischer, K. Fujii, S. G. Karshenboim, H. S. Margolis, E. de Mirandés, P. J. Mohr, F. Nez, K. Pachucki, T. J. Quinn, B. N. Taylor, M. Wang, B. M. Wood e Z. Zhang, The CODATA 2017 Values of h, e, k, and NA for the Revision of the SI, in Metrologia, Committee on Data for Science and Technology (CODATA) Task Group on Fundamental Constants (TGFC), vol. 55, nº 1, 20 ottobre 2017, pp. L13, Bibcode:2018Metro..55L..13N, DOI:10.1088/1681-7575/aa950a.
  13. ^ Radiazione monocromatica alla frequenza di 540 × 1012 Hz
  14. ^ Una data temperatura differisce nelle due scale di 273,15 (scala Celsius = scala Kelvin − 273,15), ma la differenza di temperatura di 1 grado Celsius = 1 kelvin
  15. ^ a b Inizialmente queste unità stavano in una categoria a parte chiamata Unità supplementari. La categoria è stata abrogata nel 1995 dalla 20ª Conferenza generale dei pesi e delle misure (CGPM) e il radiante e lo steradiante sono ora considerate unità derivate.
  16. ^ Talvolta erroneamente chiamata radioattività (radioattività è il fenomeno fisico, mentre attività è la grandezza fisica derivata corrispondente).
  17. ^ Nella pratica la molarità si continua a misurare in mol/L
  18. ^ SI brochure - Tabella 6
  19. ^ SI brochure, 8ª Ed. 2006 - Tabella 7
  20. ^ SI brochure, 9ª Ed. 2019 - Tabella 8
  21. ^ Come deciso alla XXVIII assemblea generale dell'Unione Astronomica Internazionale (Risoluzione B2, 2012).
  22. ^ SI brochure – Tabella 8
  23. ^ a b Queste unità sono usate per esprimere il valore logaritmico della misura. Molto usato nella tecnica è il sottomultiplo del bel, il decibel: dB. Sia per il neper che per il bel è particolarmente importante che sia specificata la quantità misurata, ad esempio dBV nella misura di tensione. Per maggiori informazioni consultare lo standard ISO 31.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàGND (DE4077436-3 · NDL (ENJA00566445