Coulomb

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando l'articolo relativo allo scienziato, vedi Charles Augustin de Coulomb.
Coulomb
Informazioni generali
SistemaSI (unità derivata)
Grandezzacarica elettrica
SimboloC
EponimoCharles Augustin de Coulomb
In unità base SIA × s
Conversioni
1 C in... ...equivale a...
Unità CGS2,998×109 statC
0,1 abC
Unità di Planck5,332×1017 qP
Unità atomiche6,242×1018 e

Il coulomb (simbolo C) è l'unità di misura derivata SI della carica elettrica[1] ed è definita operativamente a partire da una misura di corrente: 1 coulomb è la quantità di carica elettrica trasportata in 1 secondo dall'intensità di corrente pari a 1 ampere[2]:

Dalla ridefinizione SI del 2019 il coulomb può essere finalmente ridefinito a partire dalla carica elementare, poiché la sua misura ha ormai un valore stabile (e = 1,602176634 ⋅ 10-19 C esatti):

In alternativa, si potrebbe definire il coulomb sulla base della carica di Planck, ricordando che il rapporto è l'inverso della radice della costante di struttura fine: un valore pari a circa 11.70... secondo le attuali misurazioni. L'unità tecnica di misura "coulomb" prende il nome da Charles Augustin de Coulomb (17361806), che fu il primo scienziato a studiare sperimentalmente le cariche elettriche e le forze che ne regolano il moto, sulla base dell'esempio costituito dall'esperimento di Cavendish.

Elettrostatica e gravità[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Forza di Coulomb.

Se si utilizza questa grandezza per calcolare la forza elettrostatica esercitata tra una carica positiva e una negativa poste a una distanza di 5,291×10−11 m (il raggio di Bohr) si ottiene che tale forza ha una intensità pari a Fe=9×10−9 N.

Sembra una forza debole, ma se viene confrontata con la forza gravitazionale si scopre che:

ovvero la forza gravitazionale, alle scale atomiche, è trascurabile.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) IUPAC Gold Book, "coulomb"
  2. ^ G.Mazzoldi, M. Nigro, C. Voci, Fisica (Volume II), EdiSES, ISBN 88-7959-152-5. p. 6

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Paolo Mazzoldi, Massimo Nigro, Cesare Voci, Fisica (Volume II), EdiSES Editore, 2001, ISBN 88-7959-152-5.
  • Gianpaolo Parodi, Marco Ostili, Guglielmo Mochi Onori, L'evoluzione della Fisica (Volume 3), Paravia, 2006, ISBN 88-395-1611-5.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]