Dose efficace

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

La dose efficace E rappresenta la somma ponderata delle dosi equivalenti ai vari organi e tessuti; i pesi w_t che si usano in questo contesto tengono conto della diversa radiosensibilità degli organi e dei tessuti irraggiati. È quindi possibile scrivere la relazione matematica che la lega alla dose equivalente:

 E=\sum_T w_T H_T

Come la dose equivalente si misura in sievert, Sv.

I fattori di sensibilità w_t sono in constante revisione da parte di organi internazionali preposti allo scopo, e variano anche in funzione dell'evoluzione delle conoscenze mediche. I valori dei fattori di sensibilità per i vari organi sono riportati nella tabella [1]

w_t
Organo 2003 2008
corpo intero 1 1
gonadi 0.20 0.08
midollo osseo 0.12 0.12
colon 0.12 0.12
polmone 0.12 0.12
stomaco 0.12 0.12
vescica 0.05 0.04
mammella 0.05 0.12
fegato 0.05 0.04
esofago 0.05 0.04
tiroide 0.05 0.04
cervello - 0.01
cute 0.01 0.01
ossa 0.01 0.01
altri tessuti 0.05 0.12

È importante precisare che l'irraggiamento (e quindi il conseguente rilascio di dose ) avviene tramite due canali: irraggiamento esterno, dovuto all'esposizione del corpo ai radionuclidi presenti nell'ambiente o a radiazioni ionizzanti prodotte da un tubo radiogeno (in genere di apparecchiature mediche diagnostiche o terapeutiche), e irraggiamento interno, causato dall'ingestione o dall'inalazione di sostanze contenenti isotopi radioattivi. Tipico caso risulta essere l'inalazione di radon-222. Nel caso dell'inalazione è importante considerare anche tutte le sostanze volatili e i radionuclidi che si legano a particelle in grado di restare in sospensione nell'aria, ed eventualmente anche i figli di ogni sostanza. È altrettanto importante precisare che nel caso dell'irradiazione esterna, così come solitamente viene intesa, la dose è somministrata in un tempo definibile istantaneo, mentre nel caso di sostanze radioattive la dose agli organi o ai tessuti interessati viene somministrata in tempi che si possono definire dipendere dal comportamento fisico-chimico e biologico della sostanza radioattiva comunque incorporata. Nel caso di sostanze radioattive comunque incorporate, si parla di dose efficace impegnata. Quindi dose efficace impegnata (ma anche dose equivalente impegnata): se ricevute da un organo o da un tessuto, in un determinato periodo di tempo, in seguito all'introduzione di uno o più radionuclidi.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) ICRP, Relative Biological Effectiveness, Radiation Weighting and Quality Factor in ICRP Publication 92. Ann. ICRP 33 (4), 2003.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • C. Polvani, Elementi di Radioprotezione, II edizione, Roma, Edizioni ENEA, 1993, ISBN 978-88-8286-234-3.
  • G. Cittadini, Diagnostica per immagini e radioterapia, IV edizione, Genova, Edizioni culturali internazionali, 2002, ISBN 978-88-7544-138-8.
  • R. Pozzi Mucelli, TC e TC spirale nella pratica clinica, Napoli, Idelson Gnocchi editori, 2000, ISBN 978-88-7947-284-5.
  • P. Marano, Diagnostica per immagini, Milano, CEA, 1992, ISBN 978-88-08-08276-3.
  • Caramella - Paolicchi - Faggioni, La dose al paziente in diagnostica per immagini, Springer, 2012, ISBN 978-88-470-2648-3.
  • R. F. Laitano, Fondamenti di dosimetria delle radiazioni ionizzanti, III edizione, ENEA, 2013, ISBN 978-88-8286-295-4.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]