Tesla (unità di misura)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – "Tesla" rimanda qui. Se stai cercando altri significati, vedi Tesla (disambigua).
Tesla
Inductor for experiments PNr°0016.jpg
Un solenoide attraversato da una corrente elettrica di intensità costante genera un vettore campo magnetico misurabile in T.
Informazioni generali
SistemaSI (unità derivata)
Grandezzacampo magnetico
SimboloT
EponimoNikola Tesla
In unità base SIkg × s−2 × A−1

Il tesla (simbolo T) è un'unità di misura derivata del sistema internazionale (SI). Viene utilizzata per misurare l'induzione magnetica, ossia la densità del flusso magnetico.[1] Alla Conférence Générale des Poids et Mesures (CGPM) tenutasi a Parigi nel 1960, il nome "tesla" fu scelto in onore dell'inventore e ingegnere elettrico croato Nikola Tesla, che diede molti importanti contributi nel campo dell'elettromagnetismo.

Valgono le seguenti relazioni tra il tesla e altre unità di misura:

dove:

Un suo sottomultiplo è il gauss, unità di misura del sistema fondato da Gauss nel 1853, che equivale a 10−4 T.

Esempi[modifica | modifica wikitesto]

Il Tesla, come il Coulomb, è una unità molto pratica, perché quadrano con le altre unità del S.I., ma grande rispetto ai campi magnetici comuni.[2]

Infatti, valori esemplari della densità del flusso magnetico sono:

  • 1013 T : ipotizzati in una magnetar, corpo celeste con gigantesche emissioni magnetiche,
  • 106 - 1011 T : in una stella di neutroni (pulsar), i campi magnetici più forti misurati (indirettamente) nell'universo[2];
  • 45 T : quelli del più forte campo magnetico continuo prodotto artificialmente (laboratorio "National High Magnetic Field Laboratory" dell'Università della Florida a Tallahassee, settembre 2003), per mezzo di un magnete ibrido costituito da un solenoide di Bitter circondato da un magnete superconduttore[3][4];
  • 32 T : nei magneti resistivi del Grenoble High Field Magnetic Laboratory (CNRS France), a regime; valori superiori per pochi millisecondi;
  • 1,5 - 3 T : in una macchina per imaging con risonanza magnetica nucleare (MRI);
  • 0,1 T : in una macchia solare;
  • 10−2 T : in un comune magnete a forma di ferro di cavallo;
  • 10−5 T, ovvero 0.1G : nel campo magnetico della Terra: alla latitudine di 50°, 5 · 10−5 T; all'equatore, 3,1 · 10−5 T;
  • 10−10 - 10−8 T : nello spazio intergalattico;
  • 10−9 T, ovvero 1 nT : nelle fluttuazioni del campo magnetico terrestre. Infatti, il nanoTesla (nT) è l'unità tipicamente utilizzata in ambito geofisico.
  • 10−13 - 10−12 T, ovvero 0,1-1 pt : nel cervello umano.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) IUPAC Gold Book, "tesla"
  2. ^ a b Domenico Logoteta, Dispense di Fisica 3, distribuzione esclusiva per gli studenti UniPi.
  3. ^ MagLab - Meet the 45 Tesla Hybrid Magnet, su nationalmaglab.org. URL consultato il 19 aprile 2015.
  4. ^ Kristin Coyne, Magnets: from Mini to Mighty, su Magnet Lab U, National High Magnetic Field Laboratory, 2015. URL consultato il 19 aprile 2014.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]